Quotidiano culturale online – libri, fatti ed eventi segnalati speciali (in collegamento con il blog LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri) – da 15 anni al servizio dei libri e della lettura

Categorie:Uncategorized

ERALDO AFFINATI racconta IL VANGELO DEGLI ANGELI

Il vangelo degli angeli - Eraldo Affinati - copertinaCome nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: ERALDO AFFINATI racconta il suo romanzo “Il Vangelo degli angeli” (HarperCollins Italia)

* * *

di Eraldo Affinati

Questo mio ultimo libro, Il Vangelo degli angeli, scaturisce dall’emozione che provo a scuola. Mi spiego. Ho sempre insegnato italiano ai ragazzi difficili, prima negli istituti professionali romani, poi agli immigrati delle scuole Penny Wirton: quando vedo i loro occhi brillare mi chiedo: ma è tutto qui? Non abbiamo altro? Penso che ogni essere umano giunga, in modi diversi, a questo bivio. Se ti fai una domanda così, sei già dentro una dimensione spirituale.

Accostandomi alla straordinaria vicenda del Nazareno, ho voluto attribuire valore fondativo all’incontro con i miei studenti. Non sono un teologo, ma credo che il cristanesimo scaturisca dal sentimento dell’amicizia disinteressata.

Piccolo sunto bibliografico.
Esordii quasi trent’anni fa con Veglia d’armi, una riflessione su Lev Tolstoj, uno dei più grandi scrittori cristiani di tutti i tempi. Campo del sangue, il mio diario di viaggio ad Auschwtiz del 1997, annunciava sin dal titolo un’allusione al tradimento di Giuda. Nei testi su Dietrich Bonhoeffer e don Lorenzo Milani ho attraversato il Vangelo contromano. Altre opere dedicate alla scuola (La città dei ragazzi, Vita di vita, Elogio del ripetente, Tutti i nomi del mondo, Via dalla pazza classe, I meccanismi dell’odio, scritto con Marco Gatto) confermano l’intreccio fra letteratura e pedagogia. Leggi tutto…

ULISSE NON È LUI di Giovanni Kezich (un estratto)

ULISSE NON È LUI di Giovanni Kezich (Baldini+Castoldi): un brano estratto dal romanzo

* * *

“Ulisse non è lui. La grande sciarada di Omero alle origini della coscienza” di Giovanni Kezich (Baldini+Castoldi)

Fatta passare per millenni come una storia meravigliosa e travagliata, a tratti cruenta ma destinata a buon fine, l’Odissea spiazza da subito il lettore con il suo incedere altalenante e il suo scarso equilibrio, visto che le peripezie di Ulisse tra maghe e ciclopi, sirene e mostri marini, che tanto hanno affascinato i lettori di ogni epoca, impegnano a malapena un sesto di un poema che è dedicato piuttosto, nella sua parte preponderante, ai preparativi di un massacro tremendo e immotivato, quello dei cosiddetti «proci», i pretendenti di Penelope: una strage che, a dispetto di tante fantasmagorie di facciata, costituisce il vero obiettivo della narrazione. Eppure, alcune vistose incongruenze dovrebbero mettere subito in allarme: qual è lo scopo dell’inspiegabile viaggio di Telemaco, rischioso e apparentemente inutile, che apre il poema? E perché Ulisse, atteso da dieci anni, si ripresenta a Itaca in sincronia perfetta con il viaggio del figlio, e per giunta da solo, pur essendo partito con un gran seguito di navi e di compagni? E come è possibile che egli non venga riconosciuto subito da un servo fedele, da sua moglie e da suo padre? Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 6 al 12 settembre – questa settimana segnaliamo “La ladra di parole” di Abi Daré (Nord)

Abi Daré La ladra di parole 9788842932932I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 6 al 12 settembre 2021

Questa settimana segnaliamo: “La ladra di parole” di Abi Daré (Nord)

* * *

In prima posizione: “Bolle di sapone” di Marco Malvaldi (Sellerio)

In seconda posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In terza posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

* * *

La scheda del libro: “La ladra di parole” di Abi Daré (Nord)

Per le ragazze come me, il futuro è già deciso, ma io non mi arrendo nel silenzio. Un giorno troverò la mia voce. 

A Ikati, un villaggio nel cuore della Nigeria, il destino delle donne è segnato: passano l’infanzia a occuparsi della casa e dei fratelli più piccoli, vanno a scuola solo per imparare a leggere e scrivere e poi vengono date in moglie al miglior offerente. Ma la quattordicenne Adunni è diversa: ama studiare, scoprire parole nuove per dar voce ai propri pensieri, per capire il mondo, per immaginare un altro futuro. E sogna di diventare maestra, di spiegare alle bambine come, grazie all’istruzione, possano liberarsi della miseria, guardare lontano, cercare la loro strada. Un sogno che però sembra infrangersi la mattina in cui il padre le annuncia di averla promessa a Morufu, un uomo molto più vecchio di lei e con già altre due mogli. Adunni sa che la sua famiglia ha un disperato bisogno dei soldi di Morufu, eppure non si arrende, nemmeno dopo aver compiuto il suo dovere di figlia, nemmeno dopo che una tragedia la obbligherà a scappare a Lagos, dove diventerà la serva di una donna prepotente e crudele. Anche nell’ora più buia, Adunni saprà trovare parole di coraggio e di speranza, parole che le daranno la forza di trasformare il suo sogno in realtà…

Un romanzo che esalta tutte quelle donne che ogni giorno lottano per un mondo più giusto. Una storia drammatica ed emozionante, che svela una realtà umana e sociale sconosciuta a molti. Una voce – sincera, spiazzante, indimenticabile – che arriva dritta al cuore e non lo lascia più. Un libro che, proprio come dice Adunni, è un amico che aiuta a trovare la libertà.

 

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Bolle di sapone Marco Malvaldi Sellerio Editore Palermo 15,00
2 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
3 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
4 L’acqua del lago non è mai dolce Giulia Caminito Bompiani 18,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
7 Unita libera lieta. La grazia e la responsabilità di essere Chiesa. Proposta Pastorale per l’anno 2021-2022 Mario Delpini Centro Ambrosiano 4,00 *
8 Demon slayer. Kimetsu no yaiba. Vol. 15 Koyoharu Gotouge Star Comics 4,50
9 Circe Madeline Miller Marsilio 12,00 T
10 Un fuoco che brucia lento Paula Hawkins Piemme 19,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PREMIO STREGA EUROPEO 2021: i cinque libri candidati

Premio Strega EuropeoPremio Strega Europeo 2021. Ottava edizione. I cinque libri candidati

* * *

Il Premio Strega Europeo, giunto all’ottava edizione, consolida la collaborazione con il Salone internazionale del libro di Torino. Le autrici e gli autori candidati presenteranno anche quest’anno al Salone i rispettivi libri in gara, ciascuno in un incontro individuale, tra venerdì 15 ottobre e domenica 17 ottobre. La cerimonia di premiazione avrà luogo domenica 17 ottobre alle ore 18.30 presso il Circolo dei Lettori.

Gli appuntamenti con le autrici e gli autori finalisti all’ottava edizione iniziano a Roma il 14 ottobre, alle ore 18, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio. L’incontro è organizzato in collaborazione con Istituzione Biblioteche di Roma e Casa delle letterature.

I cinque libri candidati al Premio Strega Europeo 2021:

  • Ana BlandianaApplausi nel cassetto (Elliot), traduzione di Luisa Valmarin
    – Premio dell’Unione degli scrittori di Romania
  • Aixa de la CruzTransito (Perrone), traduzione di Matteo Lefèvre
    – Premio Euskadi de Literatura en castellano
  • Georgi GospodinovCronorifugio (Voland), traduzione di Giuseppe Dell’Agata
    – Premio letterario nazionale bulgaro
  • Hervé Le TellierL’anomalia (La nave di Teseo), traduzione di Anna D’Elia
    – Prix Goncourt
  • Anne WeberAnnette, un poema eroico (Mondadori), traduzione di Agnese Grieco
    – Deutsch Buchpreis

Leggi tutto…

ETNA BOOK 2021: a Catania dal 21 al 25 settembre

 * * *

Etna Book 2021: Frammenti Illuminanti – Festival Internazionale del Libro e della Cultura – Catania, dal 21 al 25 settembre

Tra gli ospiti di questa edizione: Bianca Bellova, Francesco Costa, Giusy Sciacca, Sal Costa, Luciano Modica, Rosa Maria Di Natale, Domenico Seminerio, Cristina Cassar Scalia, Nicola Conversa, Luigi Romolo Carrino, Ornella Sgroi, Lucia Scuderi, Annamaria Piccione, Paolo Sidoti, Valerio Musumeci, Massimo Maugeri

 * * *

Se è vero che il settore culturale sta attraversando uno dei periodi più difficili della storia, è anche vero che troverà comunque il modo per diffondere, alimentare e condividere ancora tutto il meglio che l’umanità ha da offrire e da offrirsi. Per questo motivo, la scelta della tematica per la terza edizione di Etnabook, Festival internazionale del libro e della cultura di Catania ha modo di esprimersi attraverso due semplici parole: FramMenti Illuminanti.

C’è sempre un libro da qualche parte che si apre e diffonde luce a chi lo legge con attenzione, a chi raccoglie e poi accoglie tutte le storie e i significati che si celano tra le righe di ogni pagina. E così, l’inchiostro diventa polvere di stelle e le menti dei lettori si illuminano con nuovi saperi che custodiranno con cura e diffonderanno a loro volta. Questa è la magia per la quale lo staff di Etnabook si ritrova anche quest’anno a lavorare con lo stesso entusiasmo di sempre per la terza edizione del Festival.

 * * *

Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

Salone Internazionale del Libro di Torino 2021: VITA SUPERNOVA –

VITA SUPERNOVA

 

Salone Internazionale del Libro di Torino

14-18 ottobre 2021 | Lingotto Fiere | 33esima edizione 

 * * *

 

Il Salone Internazionale del Libro di Torino torna in presenza dal 14 al 18 ottobre 2021 nei Padiglioni 1, 2, 3 e Oval di Lingotto Fiere, oltre che negli spazi del Centro Congressi Lingotto.

Il programma della XXXIII edizione del Salone del Libro è stato presentato a OGR Torino – Officine Grandi Riparazioni – mercoledì 15 settembre 2021 da Silvio Viale, Presidente dell’Associazione Torino, la Città del Libro; Giulio Biino, Presidente della Fondazione Circolo dei lettori; Nicola Lagioia, Direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino, e Loredana Lipperini, scrittrice, giornalista e consulente editoriale del Salone del Libro. La conferenza stampa di presentazione è stata tradotta in LIS, Lingua dei Segni Italiana.

Vita Supernova è il tema della XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. L’anno in cui si celebra Dante Alighieri coincide con il ritorno in presenza della principale fiera dell’editoria italiana, uno degli appuntamenti culturali più ricchi e amati. Dopo la fase critica della pandemia, la grande comunità del libro si ritroverà come sempre al Lingotto. Tornano gli stand degli editori, gli incontri pubblici, i seminari, le lezioni, le letture, i concerti, gli spettacoli teatrali, le tavole rotonde. Tornano scrittrici e scrittori provenienti da ogni parte del mondo, e così gli scienziati, i filosofi, gli storici, gli economisti, i registi, gli attori, i musicisti, gli autori di fumetti, i più autorevoli ricercatori e i più brillanti divulgatori per incontrare i lettori, a cui è finalmente possibile restituire la loro casa. Leggi tutto…

LA RAGAZZA CON LA STELLA BLU di Pam Jenoff (un estratto)

undefined“La ragazza con la stella blu” di Pam Jenoff (Newton Compton – traduzione di Carlotta Mele): un brano estratto dal romanzo
Dall’autrice del bestseller “La ragazza della neve”

* * *

1942. Sadie Gault ha diciotto anni e vive insieme ai genitori nel ghetto di Cracovia. Quando i nazisti rastrellano la città, Sadie e la madre, incinta, sono costrette a cercare rifugio nelle fogne. Ha così inizio per loro un lungo periodo di terrore, trascorso al buio nel sottosuolo. Un giorno Sadie alza lo sguardo e, attraverso una grata, vede una ragazza della sua età che compra dei fiori. Ella Stepanek è un’agiata giovane polacca che ha conservato molti privilegi perché la sua matrigna ha ottenuto la benevolenza degli occupanti tedeschi, pur guadagnando per sé e per la famiglia il disprezzo degli amici di sempre. Sola e in pena per il fidanzato partito per la guerra, Ella vaga per Cracovia senza sosta. Un giorno, al mercato, intravede qualcosa che si muove sotto una grata del marciapiede. Quando si accorge che lì si nasconde una ragazza, la sua vita cambia per sempre. Ella decide di aiutare Sadie e la loro diventa presto un’amicizia profonda e intensa, ma la guerra porterà i loro destini in rotta di collisione. Eventi terribili metteranno alla prova tutto ciò in cui credono, ponendole di fronte a delle sfide impossibili.

* * *

Un brano estratto da “La ragazza con la stella blu” di Pam Jenoff (Newton Compton – traduzione di Carlotta Mele) Leggi tutto…

LA PIETRA SCARTATA di Luigi Maria Epicoco

“La pietra scartata. Quando i dimenticati si salvano” di Luigi Maria Epicoco (San Paolo Edizioni). Intervista all’autore

* * *

«Il Vangelo è pieno di non protagonisti che sono però essenziali. Questo è un segno inconfondibile di Dio, il quale preferisce sempre il “non protagonismo- per realizzare la storia della salvezza. Dio non sceglie mai le cose più in vista, tant’è che Gesù non viene al mondo nel palazzo di Erode, sotto i riflettori, ma nasce in una stalla. Cristo non è figlio di persone conosciute, ma di povera gente, e tutta la sua vita è un prendere dalla periferia, partendo dai margini e ponendoli al centro. Questo metodo, con cui Gesù procede nella vita e nell’annuncio del Vangelo, è vero anche nella vita spirituale. Per cui è indispensabile avere la capacità di mettere al centro della nostra esistenza ciò che normalmente lasciamo ai margini». Così Luigi Maria Epicoco ci introduce in questa sua nuova fatica, il cui tema di fondo è semplice quanto decisivo: per trovare Dio, occorre guardare nelle pieghe della storia, nei dettagli del nostro quotidiano, dove a fare la differenza sono le piccole cose che non abbiamo preventivato, ma che ci sorprendono e ci obbligano a fare i conti con noi stessi. Attraverso personaggi marginali della storia biblica – da Giezi, il servo di Eliseo, alla vedova di Nain senza nome, dal profeta “minore- Abacuc al ragazzo che porta cinque pani e due pesci, dai servi delle nozze di Cana alla donna che ha continue perdite di sangue – siamo così condotti al centro dell’annuncio di Gesù: come costoro anche noi dobbiamo fare i conti e decidere della nostra vita nel quotidiano, l’unico luogo fragile e fecondo in cui l’Amore di Dio viene a cercarci.

Di seguito: Helena Molinari intervista Luigi Maria Epicoco Leggi tutto…

VENTITRÉ MODI PER SOPRAVVIVERE di Ksenja Laginja (poesia)

“Ventitré modi per sopravvivere” di Ksenja Laginja (Kipple Officina Libraria)

* * *

di Carlo Di Francescantonio

Contiamo insieme tutte / le lettere, ventitré volte siamo / stati qui come il tuo amore /
in congedo dalla vita, / ci toccherà per ultimo / nominare i successori / al principio del cosmo
. Sono i versi della prima poesia – il ritorno alla meraviglia della poesia – che altro non sono che una nuova porta attraverso la quale Ksenja Laginja invita ancora una volta nella “stanza privata del poeta”. Anche in questo caso, in punta di piedi l’ingresso è consigliato, perché il simbolo fa da scudo al significato e la pazienza sarà aiuto prezioso alla comprensione. Sono passati già sei anni da quel così breve ma altrettanto profondo libro che è Praticare la notte, ultima dichiarazione nuda di un’esistenza destinata alla poesia e che, proprio attraverso la poesia, ha come destino l’incontro con la sublimazione. Ed è attraverso una voce gentile, che accade il gesto. Ksenja non ha mai avuto bisogno di alzare la voce, parafrasando una dedica che Stephen King scrisse per Shirley Jackson. Più di un lustro, dunque, dove Laginja ha continuato a coltivare in silenzio, affinando ulteriormente, la dote invisibile dell’ascolto e del riportare. E oggi il lettore si troverà di fronte a un testo misterioso, Ventitré modi per sopravvivere, il cui significato arriva da molto distante, prima ancora di quel territorio ancestrale dove è stato “composto” l’essere umano. Leggi tutto…

Damon Galgut finalista al Booker Prize

Il romanzo di Damon Galgut, La promessa, è stato selezionato nella shortlist del Booker Prize 2021

 * * *

Il romanzo sarà pubblicato in Italia ai primi di novembre per le Edizioni E/O, ed e già disponibile negli USA per Europa Editions. La cerimonia di premiazione si terrà il 3 novembre a Londra. 

 * * *

I finalisti del Booker Prize 2021 

  • Anuk Arudpragasam, “A Passage North”
  • Damon Galgut, “The Promise”
  • Patricia Lockwood, “No One Is Talking About This”
  • Nadifa Mohamed, “The Fortune Men”
  • Richard Powers, “Bewilderment”
  • Maggie Shipstead, “Great Circle”

 

Il libro Leggi tutto…

UNA MARINA DI LIBRI 2021

DAL 16 AL 19 SETTEMBRE 2021 LA DODICESIMA EDIZIONE DI UNA MARINA DI LIBRI

Visualizza immagine di origine

Il programma è disponibile qui

* * *

La dodicesima edizione del festival dell’editoria indipendente Una marina di libri è alle porte e avrà luogo al Parco Villa Filippina nel cuore della città di Palermo (piazza San Francesco di Paola, 18) da giovedì 16 a domenica 19 settembre 2021, per quattro intensi di giorni di incontri.
Il tema della dodicesima edizione di Una marina di libri 2021 sarà Per l’alto mare aperto. Tante le novità in programma per la dodicesima edizione della rassegna, a partire dalla Direzione artistica, affidata al giornalista e scrittore Gaetano Savatteri, che raccoglie il prezioso testimone lasciato da Piero Melati, accompagnato da un comitato scientifico costituito da Masha Sergio, Matteo Di Gesù e Salvatore Ferlita. Leggi tutto…

PORDENONELEGGE 2021

PORDENONELEGGE 2021: dal 15 al 19 settembre 2021

 

Pordenonelegge 2021 riparte “dal mare, dal tempo”: dagli antichi che, parlandoci attraverso i libri, generano la sensazione di sentire davvero la loro voce e percepire la loro umanità. La 22^ edizione apre mercoledì 15 settembre focalizzando su cinque figure dell’antichità classica e mitologica: Omero, Virgilio, Circe, Penelope, Arianna. L’intero Programma è disponibile qui. Leggi tutto…

Categorie:Eventi

Continua Naxoslegge: tra Dante in arabo dal Cairo e la lezione di Zaha Hadid a Castelmola

NaxosLegge 2021: Dante in arabo dal Cairo, la lezione di Zaha Hadid a Castelmola, il teatro secondo Aurelio Pes e Carla Tatò, il giudice Di Bella e il progetto per i figli dei boss. Appuntamenti 13-19 settembre 2021

Testata.jpg

 * * *

Terza settimana di eventi del cartellone di “NaxosLegge, festival delle narrazioni, della lettura e del libro” [31 agosto-1 ottobre 2021] con la direzione artistica di Fulvia Toscano, organizzata in collaborazione con il Parco Archeologico Naxos Taormina diretto da Gabriella Tigano, che al Teatro alla Nike ospita le drammaturgie sul mito con il ciclo “Interpretare l’antico”: ultimo spettacolo “Nostòs” con le coreografie di Silvia Giuffrè e le musiche dal vivo di Giuseppe Rizzo (15/09, ore 21).

Fra gli appuntamenti segnaliamo il primo omaggio al sommo poeta, Dante, e l’intervento di diretta streaming dal Cairo con Hussein Mamhoud, traduttore in arabo de la Vita Nuova (ed. Dar Al Maaref, 2021) e già vincitore del Premio Speciale Flaiano di Italianistica (2012). Intervengono Orazio Micali, Davide Scalmani, Dario Tomasello e Paolo Pizzimento (14/09, Messina, Museo Mume, h.17). Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

L’ACQUA DEL LAGO NON È MAI DOLCE di Giulia Caminito (recensione)

“L’acqua del lago non è mai dolce” di Giulia Caminito (Bompiani): romanzo vincitore dell’edizione 2021 del Premio Campiello

Di seguito, l’approfondimento critico del saggista e semiologo Salvo Sequenzia

 * * *

[Leggi: Come nasce un libro? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: GIULIA CAMINITO racconta L’ACQUA DEL LAGO NON È MAI DOLCE]

[Ascolta: la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “L’acqua del lago non è mai dolce” (Bompiani): Giulia Caminito in conversazione con Massimo Maugeri]

* * *

STORIA DI UNA DONNA DIVENTATA CATTIVA

di Salvo Sequenzia

I laghi, al di là della vulgata iconografica che li vuole ameni e idilliaci,  sono luoghi dai quali promana un’aura malvagia, una specie di energia negativa che risucchia luce, vita, calore negli oscuri recessi dell’altrove.
Luogo ‘liminale’ in cui si manifesta il sacer, soglia di ingresso al mondo infero come Pergusa, teatro di guerre cruente come il Trasimeno, dimora di epifanie telluriche come nei racconti del ciclo bretone di  Lancelot du lac o come nelle storie gotiche della scrittrice Chiara Palazzolo, il lago è un mondo che non conosce redenzione, come certe periferie americane devastate dalla povertà e dalla solitudine raccontate da Don  Delillo, da Philiph Roth, da Harmony Corine.
Giulia Caminito ha vissuto la sua giovinezza ai margini di questo mondo irredento, insieme alla sua famiglia della borghesia non benestante e alla sua generazione di sconfitti,  entrambe tagliate fuori  dalle «magnifiche sorti e progressive» della società e della storia.
Nel romanzo L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani, 2021, pp. 304), con il quale si è aggiudicata la 59a  edizione del Premio Campiello, la trentatreenne scrittrice romana ha raccontato questo «mondo offeso» consegnando ai lettori la storia amara e impietosa di una donna che la vita ha reso cattiva. Leggi tutto…

VENT’ANNI DALL’11 SETTEMBRE 2001: le parole del Presidente Mattarella

Dichiarazione del Presidente della Repubblica in occasione del ventesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001

Il Presidente Sergio Mattarella depone un mazzo di fiori al Memoriale dell'11 settembre

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del ventesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«In occasione del ventesimo anniversario dell’attacco terroristico dell’11 settembre 2001, desidero anzitutto esprimere la vicinanza del popolo italiano alle famiglie delle vittime di quel feroce attentato e a tutto il popolo degli Stati Uniti, nel segno della profonda e storica amicizia che lega i nostri due Paesi. Leggi tutto…

PREMIO NERI POZZA 2021: vince Pierpaolo Vettori

PIERPAOLO VETTORI VINCE LA V EDIZIONE DEL PREMIO DI LETTERATURA NERI POZZA

STEFANO AMATO vince la Sezione Giovani con il romanzo L’ULTIMA CANDELA DI KRUJË

 * * *

Va allo scrittore torinese Pierpaolo Vettori il Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza. Laureato in lingue e letterature straniere all’Università di Torino con una tesi sul cinema della Swinging London, già due volte finalista al Premio Calvino, Vettori ha pubblicato nel 2012 il romanzo Le sorelle Soffici, e nel 2018 Lanterna per illusionisti. Vettori è stato proclamato vincitore durante la cerimonia conclusasi ieri (10 settembre) presso il Teatro Olimpico di Vicenza, con il romanzo Un uomo sottile. È un libro dedicato alla figura dello scrittore appena scomparso Daniele Del Giudice: il narratore dialoga con i personaggi dei libri di Del Giudice, come fossero persone reali, per raccontare una storia privata di sofferenza, simile a quella che ha colpito l’autore de Lo stadio di Wimbledon e gli ha impedito di continuare a scrivere. Leggi tutto…

A KARINE TUIL il Premio Kinéo per il romanzo “Le cose umane” (La nave di Teseo)

Ieri 9 settembre Karine Tuil è stata al Lido di Venezia per ritirare il premio Kinéo Arte e Letteratura per “Le cose umane”, pubblicato in Italia da La nave di Teseo.

Contestualmente l’omonimo film di Yvan Attal con Charlotte Gainsbourg, Pierre Arditi e Mathieu Kassovitz, è stato presentato nella selezione ufficiale della 78° Mostra del Cinema. Seguono dettagli sul libro e foto degli eventi indicati

* * *

Karine Tuil è nata nel 1972 a Parigi. Con L’invenzione della vita (2015), finalista al premio Goncourt, e candidato al premio delle Lettrici di “Elle”, al Prix des Libraires e al Prix Interallié, ha avuto uno straordinario successo, affermandosi come una delle voci più interessanti della narrativa di oggi. Nel 2016 ha pubblicato L’incoscienza (La Tartaruga, 2019), selezionato per numerosi premi tra cui il Prix Goncourt, il Prix Interallié e il Grand Prix du Roman de l’Académie française. Si occupa anche di teatro e cinema e collabora con diverse riviste, tra cui “Le Monde 2” e “Livres Hebdo”. Le cose umane è il suo undicesimo romanzo; vincitore del Prix Interallié e del Prix Goncourt des Lycéens 2019 è in corso di traduzione in 12 lingue e ha venduto oltre 300.000 copie in Francia. Da questo romanzo il regista Yvan Attal ha tratto l’omonimo film con Charlotte Gainsbourg, Matthieu Kassovitz e Pierre Arditi, selezionato per la settantottesima Mostra del Cinema di Venezia. Leggi tutto…

Festival “Sicilia Dunque Penso” 2021

“Sicilia Dunque Penso” 2021: festival del pensiero, della arti e della cultura. Caltanissetta, 15-16-17 settembre

Autori ospiti: Nunzio Primavera, Romana Petri, Massimo Maugeri, Claudio Gulli, Luciano Ricifari, Stefania Aphel Barzini

 * * *

Sicilia Dunque Penso, festival del pensiero, della arti e della cultura, ritorna a Caltanissetta il 15-16-17 settembre. La manifestazione, giunta ormai alla sua ottava edizione,  si propone di riflettere sulla funzione sociale della letteratura e sulla possibilità di offrire un’immagine nuova e moderna della Sicilia. L’intento del Festival è quello di fare cultura per la città stimolandone gli interessi e le energie e, attraverso incontri con scrittori e artisti, far circolare le nuove idee del panorama culturale italiano. Il Festival ha scelto come leitmotiv di questa edizione il tema  “Percorsi”, parola che allude al movimento, ad una distanza da coprire per giungere ad una meta nuova, sconosciuta. In ogni percorso ciò che conta non è soltanto il punto di arrivo ma il cammino che ciascuno di noi compie e il desiderio di avventura e scoperta che lo guida. Leggi tutto…

“Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O): un estratto

Pubblichiamo un brano estratto dal romanzo “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O – traduzione di Alberto Bracci Testasecca), il nuovo romanzo dell’autrice di “Cambiare l’acqua ai fiori“, da settimane in cima alle classifiche dei più venduti

 * * *

2

5 luglio 1987

Tutto inizia con un mal di pancia dopo il panino e le patate fritte intinte nel ketchup. Nina è seduta sotto un ombrellone di fronte al chiosco delle patatine, pochi tavolini di ferro colorati che sovrastano le tre vasche delle piscine comunali. Sta ascoltando La Isla Bonita di Madonna, si lecca il sale rimasto sui polpastrelli e osserva con aria sognante un biondo abbronzato che si tuffa dalla piattaforma dei cinque metri. Immerge le dita nella vaschetta vuota per raccattare le briciole salate nelle scanalature della plastica. Étienne si dondola sulla sedia sorseggiando un diabolo alla fragola, Adrien dà un morso a una pesca troppo matura che gli sgocciola su mani, bocca, gambe, dappertutto.
Nina guarda spesso Étienne e Adrien. Non lo fa mai di sfuggita, i suoi occhi si posano su una parte del loro corpo e non la mollano più. È una cosa che mette a disagio Étienne, il quale non fa che dirle: «Piantala di guardarmi in questo modo». Adrien se ne frega, Nina è così, senza freni.
Di nuovo fitte alla pancia, poi un liquido tiepido che le cola tra le cosce. Nina capisce. Non le va per niente, non di già, è troppo piccola, compie undici anni tra un mese… Credeva che le mestruazioni venissero alle medie, tra la seconda e la terza. O magari anche finite le medie, mentre lei entra in prima fra due mesi… “Che vergogna” pensa, “se le altre sanno che le ho già penseranno che sono una ripetente”.
Si alza, si avvolge intorno alla vita un piccolo asciugamano ruvido, che tuttavia basta a coprirle i fianchi. È magrissima. Leggi tutto…

Elena Ferrante vince il premio Belle van Zuylen

A Elena Ferrante il premio Belle van Zuylen dell’International Literature Festival  di Utrecht per l’insieme della sua opera

Giovedì 23 settembre Elena Ferrante sarà protagonista della tredicesima conferenza Belle van Zuylen dell’ILFU, l’International Literature Festival di Utrecht.

 * * *

Durante l’evento Elena Ferrante verrà insignita dell’anello Belle Van Zuylen, uno dei più prestigiosi riconoscimenti letterari dei Paesi Bassi, che verrà consegnato ad Ester Hueting in rappresentanza delle Edizioni e/o. Negli anni passati il premio è stato assegnato a importanti autrici del panorama letterario mondiale come Margaret Atwood, Chimamanda Ngozi Adichi e Jeanette Winterson.

Le parole con cui la giuria del premio Belle van Zuylen ha motivato la sua scelta: Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 30 agosto al 5 settembre – questa settimana segnaliamo “Bolle di sapone” di Marco Malvaldi (Sellerio)

Bolle di sapone - Marco Malvaldi - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 30 agosto al 5 settembre 2021

Questa settimana segnaliamo: “Bolle di sapone” di Marco Malvaldi (Sellerio)

* * *

In prima posizione: “Bolle di sapone” di Marco Malvaldi (Sellerio)

In seconda posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In terza posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

* * *

La scheda del libro: “Bolle di sapone” di Marco Malvaldi (Sellerio)

In questa nuova commedia gialla di Marco Malvaldi, ambientata in pieno lockdown, i Vecchietti del BarLume sono ancor più protagonisti e sottili risolutori. Il loro sguardo è più che mai penetrante nelle ingiustizie sociali e nelle diseguaglianze messe in risalto dal momento tremendo. Ma sarà Massimo, come al solito, a mettere la parola fine a tutta l’intricata indagine, con tanta capacità di entrare in sintonia col prossimo, e un’arguzia in più che sorprende tutti.

Sono i giorni del Covid. Per la prima volta nei loro ottant’anni suonati, i Vecchietti del BarLume si sentono tali. Sono isolati e dubitano di avere ancora un futuro. Il tempo gli svanisce spulciando «ogni tipo di statistica sul virus esistente al mondo». Il bancone di Massimo il Barrista, fino a ieri cabina della macchina del pettegolezzo investigativo, è vuoto di chiacchiere. Persino la mamma di Massimo, la Gigina, è ritornata a casa, un piccolo tormento in più nelle giornate di Massimo, e una voce spiritosa che si aggiunge al gruppo toscaneggiante; ingegnere geniale in giro per il mondo, con un intuito più acuto perfino del brillante figlio. Ma provvidenzialmente l’occasione «per non farsi i fatti loro» arriva. Alice, la vicequestora fidanzata del Barrista, bloccata in Calabria per un corso di aggiornamento per poliziotti, commette l’imprudenza di chiedere un’informazione innocua a uno dei vecchietti: quanto basta per insospettire la maldicenza e così scatenare i segugi venerandi. In Calabria c’è stata una strana doppia morte di due anziani coniugi. Lui, proprietario di una catena di pizzerie, è stato fulminato da una fucilata mentre era in coda al supermercato; forse criminalità organizzata. La moglie è morta per una ingestione di botulino. Anche se condannati a comunicare via computer e telefonini, per i vecchietti le coincidenze continuano a non esistere. Ritrovando il metodo confusionario che li ispira, il turpiloquio creativo, il dialogo immaginosamente sferzante, risolvono in smart working un intrigo a più piani. Ma usando anche tutta la pietà e la solidarietà sociale, che fu a lungo l’idea-forza di quella generazione.
In questa nuova commedia gialla di Marco Malvaldi, ambientata in pieno lockdown, i Vecchietti del BarLume sono ancor più protagonisti e sottili risolutori, con tutte le balordaggini che si trascinano a ogni passo. E il loro sguardo, pur appannato, è più che mai penetrante nelle ingiustizie sociali e nelle diseguaglianze messe in risalto dal momento tremendo. Ma sarà Massimo, come al solito, a mettere la parola fine a tutta l’intricata indagine, con tanta capacità di entrare in sintonia col prossimo, e un’arguzia in più che sorprende tutti. Così, l’autore, avventurosamente, rappresenta in trasparenza la condizione di tutti gli anziani e ricorda la necessità dei valori che li animano.

 

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Bolle di sapone Marco Malvaldi Sellerio Editore Palermo 15,00
2 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
3 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
6 Circe Madeline Miller Marsilio 12,00 T
7 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
8 Sulla tua parola. Messalino. Santa Messa quotidiana e letture commentate per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2021 Editrice Shalom 5,00
9 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
10 Un fuoco che brucia lento Paula Hawkins Piemme 19,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PAVESE FESTIVAL 2021

Pavese Festival 2021
Quello che cerco l’ho nel cuore, come te.
PAVESE FESTIVAL 2021
XXI edizione, da giovedì 9 a domenica 12 settembre
a Santo Stefano Belbo
con contributi inediti di: Marcello Fois, Alessandro Preziosi, Neri Marcorè, Omar Pedrini, Colapesce e Dimartino

Leggi tutto…

ILARIA TUTI racconta FIGLIA DELLA CENERE

Figlia della cenere - Ilaria Tuti - copertinaCome nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: ILARIA TUTI racconta il suo romanzo “Figlia della cenere” (Longanesi)

* * *

di Ilaria Tuti

La pandemia ci ha tolto molto, ma in alcuni casi è anche riuscita a restituire qualcosa di prezioso: il tempo.
L’anno scorso mi sono ripresa il mio tempo. Ho riassaporato la calma della casa, il mutare dei colori in giardino, l’assenza di impegni che nei due anni precedenti mi avevano portata sempre più spesso lontano dalla famiglia. Mi sono riappropriata dei miei spazi, fatti anche di silenzi, di piante da curare, da animali da accudire, di una bambina felice da crescere, di un marito desideroso, come me, di rallentare la corsa.
Sembra un paradosso, ma quando scrivere diventa una professione, allora è proprio scrivere che si fa arduo, dovendo dividersi continuamente tra impegni che ruotano attorno ai libri, ma che non aiutano a crearli.
E mentre attorno a me, a noi, lo spazio sembrava rimpicciolire, delimitato da restrizioni fisiche e paure, quello interiore cominciava a dilatarsi. Leggi tutto…

FESTIVALETTERATURA 2021

imageLa venticinquesima edizione dello storico Festival Internazionale della Letteratura: si svolgerà a Mantova dall’8 al 12 settembre

L’intero programma è disponibile qui

* * *

Festivaletteratura compie venticinque anni e insieme a scrittrici e scrittori di tutto il mondo cerca di raccontare il nostro tempo

Voci da continenti lontani, memorie e premonizioni, eco-narrazioni, teorie sul potere, idee di gioventù, scambi epistolari, scienze inesatte, contratti sociali da riscrivere, affinità letterarie, versi in movimento, musiche naturali si intrecciano in un programma che prevede incontri con autori e autrici, laboratori per bambini e ragazzi, percorsi, lezioni, un furgone poetico, un jukebox dantesco… e una radio sempre accesa! Leggi tutto…

GIULIA CAMINITO VINCE IL PREMIO CAMPIELLO 2021

GIULIA CAMINITO VINCE LA 59^ EDIZIONE DEL PREMIO CAMPIELLO

image

La scrittrice si è aggiudicata il premio con il romanzo “L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani), che ha ottenuto 99 voti sui 270 inviati dalla Giuria dei Trecento Lettori Anonimi. La serata è stata dedicata a Daniele del Giudice

 * * *

* * *

Venezia, 4 settembre 2021Giulia Caminito, con il romanzo L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani), vince la 59^ edizione del Premio Campiello, concorso di narrativa italiana contemporanea organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto. Il libro vincitore, annunciato questa sera dal palco dell’Arsenale di Venezia, ha ottenuto 99 voti sui 270 inviati dalla Giuria dei Trecento Lettori Anonimi.

Al secondo posto si è classificato Paolo Malaguti Se l’acqua ride (Einaudi) con 80 voti, al terzo Paolo Nori Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij (Mondadori) con 37 voti, al quarto Carmen Pellegrino La felicità degli altri (La nave di Teseo) con 36 voti e al quinto posto Andrea Bajani Il libro delle case (Feltrinelli), con 18 voti.

Giulia Caminito ha dichiarato: Leggi tutto…

ANTONELLA LATTANZI VINCE IL PREMIO VITTORINI 2021

PREMIO VITTORINI 2021: VINCE ANTONELLA LATTANZI

"Questo giorno che incombe" di Antonella Lattanzi è l'opera vincitrice del Premio Vittorini

Ieri 4 settembre al Teatro Comunale di Siracusa si è svolta la proclamazione del vincitore del Premio Vittorini 2021. Ha vinto Antonella Lattanzi, con Questo giorno che incombe (HarperCollins)

[Come nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: ANTONELLA LATTANZI racconta il suo romanzo QUESTO GIORNO CHE INCOMBE (HarperCollins)] Leggi tutto…

ALICE SCALAS BIANCO VINCE LA 26^ EDIZIONE DEL CAMPIELLO GIOVANI

ALICE SCALAS BIANCO VINCE LA 26^ EDIZIONE DEL CAMPIELLO GIOVANI

18 anni, di Vigevano (PV) si è aggiudicata il concorso con il racconto “Ritratto di Parigi”.

 Assegnata anche la menzione speciale del Gruppo Giovani di Confindustria a Lorenzo Molinetti, 21 anni di Chiavenna (SO), per il racconto “Fandango cinema”

 * * *

Venezia, 4 settembre 2021 Alice Scalas Bianco è la vincitrice della 26^ edizione del Campiello Giovani, il concorso riservato ai giovani tra i 15 e i 22 anni organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto.

Alice Scalas Bianco, 18 anni di Vigevano (PV) si è aggiudicata il premio con il racconto “Ritratto di Parigi” scelto dalla Giuria dei Letterati, presieduta da Walter Veltroni, tra i cinque racconti arrivati in finale. Il premio è stato consegnato da Marco Dalla Bernardina, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Veneto.

Di seguito la motivazione della Giuria: Leggi tutto…

PREMIO CAMPIELLO 2021, 59^ EDIZIONE: sabato 4 settembre la finale all’Arsenale di Venezia

PREMIO CAMPIELLO 59^ EDIZIONE SABATO 4 SETTEMBRE LA FINALE ALL’ARSENALE DI VENEZIA

 

Condotto da Andrea Delogu, lo spettacolo verrà trasmesso in diretta su Rai 5

Gli approfondimenti di Letteratitudine sui cinque finalisti: Andrea Bajani con “Il libro delle case” (Feltrinelli), Giulia Caminito con “L’acqua del lago non è mai dolce” (Bompiani), Paolo Malaguti con “Se l’acqua ride” (Einaudi), Paolo Nori con “Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij” (Mondadori), Carmen Pellegrino “La felicità degli altri” (La nave di Teseo).

 * * *

Venezia, 3 settembre 2021 – Appuntamento per domani, sabato 4 settembre 2021, nella splendida sede dell’Arsenale di Venezia, con la finale della 59esima edizione del Premio Campiello. Un debutto in un luogo iconico, “palcoscenico” dell’ingegno dei veneziani e del loro saper fare, cuore pulsante della città in cui il Campiello è nato.

A condurre la cerimonia conclusiva del premio organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto sarà Andrea Delogu, tra le più apprezzate conduttrici del panorama televisivo e radiofonico italiano, che saprà offrire il giusto mix di intelligenza e coinvolgimento, contenuti alti e divertimento. Nel corso della serata, anche un ospite d’eccezione: il musicista (Lo Stato Sociale) e attore (Premio Biraghi 2021) Lodo Guenzi, che contribuirà allo spettacolo con interventi e letture. Leggi tutto…

PAOLO NORI racconta SANGUINA ANCORA

Sanguina ancora. L'incredibile vita di Fëdor M. Dostojevskij - Paolo Nori - copertinaCome nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: PAOLO NORI racconta il suo romanzo “Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostojevskij” (Mondadori), finalista al Premio Campiello 2021

[Foto dell’autore, in basso, di Claudio Sforza]

* * *

di Paolo Nori

Uno dei responsabili del fatto che ho scritto Sanguina ancora (L’incredibile vita di Fëdor Michajlovič Dostoevskij) è Antonio Pennacchi, che è anche uno dei personaggi del libro.
Un pomeriggio di una decina di anni fa, sono nella mia cucina, mi suona il telefono, rispondo, una voce mi dice: «Buongiorno, sono Antonio Pennacchi». «Oh, buongiorno», gli dico io, e lui mi dice che, insomma, ha letto dei romanzi che ho scritto e son proprio bravo, secondo lui. Che è una cosa che a me è successa solo con Antonio Pennacchi; non si fa così, di solito, e Pennacchi, una delle cose belle che aveva, se ne fregava, di come si fa.
Dopo ci vediamo, lo vado a trovare a Latina, lo invito in Emilia a far delle cose e, tutte le volte che mi vede, lui mi dice che dovrei scrivere una cosa un po’ più grossa. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 23 al 29 agosto – questa settimana segnaliamo “Tre piani” di Eshkol Nevo (Neri Pozza)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana 23 al 29 agosto 2021

Questa settimana segnaliamo: “Tre piani” di Eshkol Nevo (Neri Pozza)

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Tre piani” di Eshkol Nevo (Neri Pozza) 

In Israele, nei pressi di Tel Aviv, si erge una tranquilla palazzina borghese di tre piani. Il parcheggio è ordinatissimo, le piante perfettamente potate all’ingresso e il citofono appena rinnovato. Dagli appartamenti non provengono musiche ad alto volume, né voci di alterchi. La quiete regna sovrana. Eppure, dietro quelle porte blindate, la vita non è affatto dello stesso tenore.
Al primo piano vive una coppia di giovani genitori, Arnon e Ayelet. Hanno una bambina, Ofri, che occasionalmente affidano alle cure degli anziani vicini in pensione. Ruth e Hermann sono persone educate, giunte in Israele dalla Germania, lui va in giro agghindato in giacca e cravatta, lei insegna pianoforte al conservatorio e usa espressioni come «di grazia». Un giorno Hermann, che da tempo mostra i primi sintomi dell’Alzheimer, «rapisce» Ofri per un pomeriggio, scatenando una furia incontenibile in Arnon, inconsciamente e, dunque, irrimediabilmente convinto che dietro quel gesto, in apparenza dettato dalla malattia, si celi ben altro.
Al secondo piano Hani, madre di due bambini e moglie di Assaf, costantemente all’estero per lavoro, combatte una silenziosa battaglia contro la solitudine e lo spettro della follia che, da quando sua madre è stata ricoverata in un ospedale psichiatrico, non smette mai di tormentarla. Un giorno Eviatar, il cognato che non vede da dieci anni, bussa alla sua porta e le chiede di sottrarlo alla caccia di creditori e malintenzionati con cui è finito nei guai. Hani non esita a ospitarlo e a trovare cosí un riparo alla sua solitudine. Salvo poi chiedersi se l’intera vicenda non sia un semplice frutto dell’immaginazione e dei desideri del suo Io.
Dovra, giudice in pensione che vive al terzo piano, avverte l’impellente bisogno di dialogare con il marito defunto e per farlo si serve di una vecchia segreteria telefonica appartenutagli. Ritorna in tal modo sul passato suo e di suo marito, sul loro ruolo di genitori-guardiani della vita del figlio Arad, ruolo che ha spinto quest’ultimo dapprima a un tragico errore, poi a compiere un gesto estremo che lo ha escluso per sempre dalla loro vita.
Sorto da una brillante idea narrativa: descrivere la vita di tre famiglie sulla base delle tre diverse istanze freudiane – Es, Io, Super-io – della personalità, Tre piani si inoltra nel cuore delle relazioni umane: dal bisogno di amore al tradimento; dal sospetto alla paura di lasciarsi andare. E, come nella Simmetria dei desideri, l’opera che ha consacrato sulla scena letteraria internazionale il talento di Eshkol Nevo, dona al lettore personaggi umani e profondi, sempre pronti, nonostante i colpi inferti dalla vita, a rialzarsi per riprendere a lottare.

 

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
6 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
7 Sulla tua parola. Messalino. Santa Messa quotidiana e letture commentate per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2021 Editrice Shalom 5,00
8 Circe Madeline Miller Marsilio 12,00 T
9 Tokyo revengers. Vol. 6 Ken Wakui Edizioni BD 6,50
10 Il quaderno dell’amore perduto Valérie Perrin Nord 14,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

ADDIO A DANIELE DEL GIUDICE

È morto all’età di 72 anni lo scrittore Daniele Del Giudice (Roma, 11 luglio 1949 – 2 settembre 2021). Malato da tempo, sabato 4 settembre avrebbe dovuto ricevere il Premio Campiello alla carriera. Pubblichiamo un approfondimento biografico e la nota diramata dalla Fondazione Il Campiello

Cultura, è morto lo scrittore Daniele Del Giudice: aveva scritto Lo stadio di Wimbledon - La Stampa

* * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, RaiNews, Il Fatto Quotidiano, Il Messaggero, La Stampa, Libero, Il Sole24Ore
Leggi tutto…

LA FELICITÀ DEGLI ALTRI di Carmen Pellegrino (recensione)

“La felicità degli altri” di Carmen Pellegrino (La nave di Teseo): finalista al Premio Campiello 2021, vincitore del Premio Letterario Internazionale Latisana per il Nord Est – Territorio Coop Alleanza 3.0.

 * * *

[ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “La felicità degli altri” (La nave di Teseo): Carmen Pellegrino in conversazione con Massimo Maugeri]

* * *

di Emma Di Rao

Irriguardosa, sprezzante e finanche crudele appare talora la felicità degli altri nei confronti dell’endemica tristezza di alcuni, ingenerosamente esclusi dal consorzio umano. La loro colpa? Una perplessità che fin dalla stagione dell’infanzia rende sospeso il loro sguardo sul mondo. E’quanto adombrano, in una sorta di critica collaterale, il titolo e la copertina de “La felicità degli altri”, il recente romanzo di Carmen Pellegrino, edito da La nave di Teseo. Se poi si volesse individuare la nota dominante che informa di sé l’opera la si potrebbe cogliere nella malinconia. Una malinconia da opporre all’altrui felicità e da intendere come segno di un inquieto baricentro esistenziale. Una malinconia che non ha comunque il sapore negativo e consunto della nostalgia, ma interviene come motore emotivo dell’intelligenza.
La struttura autodiegetica, in cui la voce narrante coincide con l’io personaggio di Cloe, rappresenta la premessa perché quest’ultima costruisca una rappresentazione del proprio mondo come un luogo abitato prevalentemente dal disamore e dall’oscurità. Oscurità che si addensa fittamente intorno alle figure di “un fuggevole padre”, di una madre assente in modo “ingombrante” e di un fratello morto in tenera età. Desiderosa di risemantizzare il proprio vissuto, la protagonista sceglie di ricorrere a una tecnica appresa dall’archeologia, ovvero quella dell’anastilosi, “eseguita per gradi e con soprassalti improvvisi”, il cui esito potrebbe consentire di “rimettere in posto gli elementi originari ritrovati” o di seppellire nuovamente le rovine. Leggi tutto…

MICHELE PLACIDO interpreta ARNOLDO MONDADORI nella docu-fiction ‘Arnoldo Mondadori’

MICHELE PLACIDO È ARNOLDO MONDADORI NELLA DOCU-FICTION “ARNOLDO MONDADORI”

Michele Placido sarà Arnoldo Mondadori nella docu-fiction “Arnoldo Mondadori”, prodotta da Gloria Giorgianni per Anele in collaborazione con Rai Fiction, in onda prossimamente su Rai1, le cui riprese sono iniziate a Roma per proseguire sul Lago Maggiore e a Torino. 

 * * *

Una docu-fiction da 90’ diretta da Francesco Miccichè che ripercorre la storia esemplare del pioniere dell’industria editoriale italiana, un “self made man”, figlio di un ciabattino di Ostiglia, che con la sua straordinaria visione imprenditoriale ha creato una delle più importanti industrie culturali d’Europa, partendo da un grande sogno: portare i libri e la lettura nelle case di tutti gli italiani. Leggi tutto…

PICCOLO BOSCO FESTIVAL 2001

PICCOLO BOSCO FESTIVAL: al via la seconda edizione incentrata su diritti, legalità e storie umane –  dal 1° al 6 settembre, all’arena Tano Cimarosa, presso lo storico Don Minico sui Colli San Rizzo (ME)

Tra gli autori ospiti: Costanza Di Quattro, Simona Lo Iacono, Massimo Maugeri

 * * *

MESSINA – Prenderà il via mercoledì 1 settembre la nuova edizione del “Piccolo Bosco Festival” nell’atmosfera suggestiva dell’arena Tano Cimarosa, presso lo storico Don Minico sui Colli San Rizzo. Tanti e diversi gli appuntamenti che si svolgeranno ogni pomeriggio alle 17:30 fino a lunedi 6 settembre, e che verranno trasmessi in streaming sulla pagina FB del festival. Leggi tutto…

GIORGIO FONTANA VINCE IL PREMIO ALVARO-BIGIARETTI 2021

PREMIO LETTERARIO CORRADO ALVARO e LIBERO BIGIARETTI VII EDIZIONE: VINCE GIORGIO FONTANA

[Leggi: “Come nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: GIORGIO FONTANA racconta il suo romanzo PRIMA DI NOI (Sellerio)“]

 * * *
È Giorgio Fontana con il romanzo Prima di Noi (Sellerio) il vincitore della VII edizione del Premio Alvaro-Bigiaretti 2021. Il romanzo ha ottenuto la maggioranza dei voti sia della giuria scientifica sia della giuria popolare. Il Comitato Direttivo del Premio presieduto da Giorgio Nisini, riunito nella casa di campagna dei due scrittori, ha decretato vincitore il romanzo di Fontana, finalista della Cinquina di questa edizione insieme a Desideri deviati di Edoardo Albinati (Rizzoli), Il ritratto di Ilaria Bernardini (Mondadori), Kolja. Una storia familiare di Giulia Corsalini (Nottetempo) e Cuore di Furia di Romana Petri (Marsilio).
La giornata di premiazione si svolgerà in presenza (nel rispetto delle norme anti-covid) sabato 23 ottobre a Vallerano (VT) – Piazza dell’Oratorio, ore 10.30.

Leggi tutto…

Doppio riconoscimento per Elisabetta Sgarbi: Premio San Valentino e Premio Franco Enriquez

Due Premi in due giorni per Elisabetta Sgarbi: Premio San Valentino ‘Un gesto d’amore’ e Premio Nazionale Franco Enriquez 2021

* * *

Doppio riconoscimento per Elisabetta Sgarbi: regista, editrice de La Nave di Teseo e direttrice de La Milanesiana.

Il primo è stato conferito ieri, 29 agosto. Si tratta del Premio San Valentino ‘Un gesto d’amore’, tributato dal Comune di Terni a Elisabetta Sgarbi in quanto “presenza tra le più significative nel panorama della cultura italiana contemporanea, regista di rara sensibilità, autrice di importanti sceneggiature cinematografiche” che “con La nave di Teseo è riuscita a coniugare la modernità con la dignità d’un linguaggio letterario che non volta mai le spalle ai valori della tradizione“. Nell’albo d’oro del Premio San Valentino figurano personaggi del mondo della politica, della cultura e dell’economia quali Ibrahim Rugova, Michail Gorbaciov, Paul Batty e John Fitzgerald Kennedy Jr. La consegna del Premio avrà luogo oggi a Carsulae (Terni). Leggi tutto…

PREMIO VIAREGGIO–RÈPACI 2021: vincono Edith Bruck, Walter Siti e Flavio Santi

Edith Bruck, Walter Siti e Flavio Santi sono i vincitori dell’edizione 2021 del Premio Viareggio-Rèpaci

 * * *

Ecco i vincitori  della 92esima edizione  del Premio Viareggio-Rèpaci, la cui cerimonia finale si è svolta sabato 28 agosto a Viareggio:

Sezione Narrativa: Edith Bruck con “Il pane perduto” (La nave di Teseo)

Sezione Saggistica: Walter Siti con “Contro l’impegno. Riflessioni sul bene in letteratura” (Rizzoli)

Sezione Poesia: Flavio Santi con “Quanti (truciolature, scie, onde) 1999-2019” (Edizioni Industria & letteratura). Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 16 al 22 agosto – questa settimana segnaliamo “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana 16 al 22 agosto 2021

Questa settimana segnaliamo: “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord)

[leggi la recensione di Letteratitudine]

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord – traduzione di Francesca Toticchi)

Dal loro rifugio sulle montagne, la piccola Huong e sua nonna Dieu Lan sentono il rombo dei bombardieri americani e scorgono il bagliore degli incendi che stanno devastando Hanoi. Fino a quel momento, per Huong la guerra è stata l’ombra che ha risucchiato i suoi genitori, e adesso quell’ombra sta avvolgendo anche lei e la nonna. Tornate in città, scoprono che la loro casa è completamente distrutta, eppure non si scoraggiano e decidono di ricostruirla, mattone dopo mattone. E, per infondere fiducia nella nipote, Dieu Lan inizia a raccontarle la storia della sua vita: degli anni nella tenuta di famiglia sotto l’occupazione francese e durante le invasioni giapponesi; di come tutto fosse cambiato con l’avvento dei comunisti; della sua fuga disperata verso Hanoi senza cibo né denaro e della scelta di abbandonare i suoi cinque figli lungo il cammino, nella speranza che, prima o poi, si sarebbero ritrovati. E così era accaduto, perché lei non si era mai persa d’animo. Quando la nuova casa è pronta, la guerra è ormai conclusa. I reduci tornano dal fronte e anche Huong finalmente può riabbracciare la madre, Ngoc. Ma è una donna molto diversa da quella che lei ricordava. La guerra le ha rubato le parole e toccherà a Huong darle una voce, per aiutarla a liberarsi del fardello di troppi segreti… La saga di una famiglia che si dipana lungo tutto il Novecento, in un Paese diviso e segnato da carestie, guerre e rivoluzioni. Tre generazioni di donne forti, che affrontano la vita con coraggio e determinazione. Una storia potente e lirica insieme, che ci ricorda il valore dei legami familiari e gli ostacoli che siamo disposti a superare per rimanere accanto alle persone che amiamo.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
6 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
7 Circe Madeline Miller Marsilio 12,00 T
8 Il quaderno dell’amore perduto Valérie Perrin Nord 14,90
9 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
10 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

Comincia NAXOSLEGGE 2021

CULTURA: tra narrazione del contemporaneo, ricerca del passato e tre capitali della Cultura riunite in Sicilia, al via Naxoslegge 2021 con incontri, dibattiti e spettacoli al Parco di Naxos

Risultati immagini per naxoslegge letteratitudine

Novità: teatro del mito e cinema archeologico al Teatro della Nike

Un mese di eventi con tappe a Messina, Catania, Siracusa, Augusta, a Montalbano Elicona, Roccalumera, Castelmola e Letojanni. Il tema dell’anno, Limiti, e le sue declinazioni Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

#FUORILUOGO 2021

image#fuoriluogo 2021 – il Festival letterario della Città di Biella
da venerdì 3 a domenica 5 settembre – VII edizione
Tra gli ospiti:
Marco Balzano, Marta Barone, Francesco Costa, Carlo Cottarelli, Paolo di Paolo,
Oscar Farinetti, Ilaria Gaspari, Margherita Oggero, Omar Pedrini, Giulia Pompili,
Luca Scarlini, Simonetta Sciandivasci

 * * *

Dal 3 al 5 settembre torna #fuoriluogo, il festival letterario della Città di Biella. Dopo l’edizione online dello scorso novembre e gli appuntamenti di #fuoriluogo OFF di giugno 2021, che hanno visto la presenza di Alessandro Barbero, Luca Scarlini e i cinque finalisti del Premio Strega 2021, il festival torna finalmente in presenza per la sua settima edizione con un ricco programma di eventi. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

TERMINI BOOK FESTIVAL 2021

TERMINI BOOK FESTIVAL 2021: DAL 2 AL 4 SETTEMBRE TORNA LA SECONDA EDIZIONE

Giardino dell’Annunziata, Termini Imerese (PA) Leggi tutto…

PAOLO MALAGUTI racconta SE L’ACQUA RIDE

Se l'acqua ride - Paolo Malaguti - copertinaCome nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: PAOLO MALAGUTI racconta il suo romanzo “Se l’acqua ride” (Einaudi), finalista al Premio Campiello 2021

* * *

di Paolo Malaguti

Sulla copertina di un libro, assieme al titolo, si trova normalmente il nome dell’autore, ma questa convenzione, si sa, non rispecchia la realtà dei fatti. E non solo perché dietro a una pubblicazione c’è il lavoro di un’intera squadra (editor, grafici, addetti stampa e così via), ma perché, per quanto individuale e solitaria possa essere l’azione della scrittura, sono convinto che ogni autore arrivi a costruire un testo (narrativa, saggistica, poesia) sulla scorta di più incontri. Nel mio percorso questo principio si è sempre rivelato valido, mai però come in quest’ultimo romanzo, “Se l’acqua ride”.
Provo a procedere in ordine cronologico, e parto dal luogo in cui ho ambientato il romanzo, ossia la fetta di pianura padana compresa tra Padova, Venezia, Ferrara e il delta del Po. In questo quadrilatero sghembo di acqua e terra ho le mie radici. I miei nonni paterni erano di Ferrara, quelli materni della bassa padovana. Mi piace la pianura, in particolare la campagna piatta e apparentemente uguale che prelude all’Adriatico. Mi piace la nebbia nelle mattine d’inverno lungo i canali e gli argini, mi piace il sole a picco nelle canicole estive sui campi secchi dopo la mietitura. In età adulta è arrivato l’amore per la montagna, ma quello è un punto approdo, non di partenza, e la faccenda cambia.

Leggi tutto…

LIBRI NEL BORGO ANTICO 2021

FESTIVAL LETTERARIO LIBRI NEL BORGO ANTICO DAL 26 AL 30 AGOSTO A BISCEGLIE

Il Festival Letterario Libri nel Borgo Antico torna a Bisceglie (BT, Puglia) dal 26 al 30 agosto. Un’esperienza unica per gli appassionati di lettura: nelle splendide piazze del centro storico e sul porto Bandiera Blu il pubblico potrà incontrare 130 autori, conoscere 40 case editrici, farsi coinvolgere dall’entusiasmo di 400 giovani volontari. Nelle calde serate di fine estate, uno degli scrigni più preziosi della Puglia ospiterà il meglio della cultura, del giornalismo e della narrativa italiana, ma anche personaggi di primo piano del mondo dello spettacolo, della musica e della televisione. Tutte le informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione agli eventi sono disponibili sul sito www.librinelborgoantico.com. Leggi tutto…

LA STRANTULIATA di Fabrizio Escheri (intervista)

La strantuliata - Fabrizio Escheri - copertina“La strantuliata” di Fabrizio Escheri (Ianieri Edizioni): intervista all’autore

* * *

di Eliana Camaioni

In una torrida mattina, uguale a mille altre, il solitario autista di una corriera semivuota in servizio fra Licu e Spirlinga, di nome Blasco Blando Antonio Maria scopre una sagoma coperta da un telo, sul ciglio della strada. E’ il cadavere di un uomo, orribilmente sgozzato; un delitto di mafia, all’apparenza, ma che rivelerà insospettabili segreti e intrighi, con continui colpi di scena, allorquando Blasco Blando Antonio Maria, unico testimone della vicenda, si troverà a volerci vedere chiaro. E lì rivelerà il suo carattere “babbasunazzu”, con continui svarioni e ingenuità, comportamenti azzardati e imprudenti che lo trascineranno in un turbine grottesco di eventi impossibili da arrestare.
Con una voce tutta sua, inserita in modo inedito in quello che sembrerebbe un giallo classico ma finisce per non esserlo, Escheri ci regala uno spaccato autentico del cuore della Sicilia, rivisitato con la leggerezza di chi ha seriamente a cuore le sorti di questa terra. Leggi tutto…

LA MANO di Georges Simenon (recensione)

La mano - Georges Simenon - copertina“La mano” di Georges Simenon (Adelphi – traduzione di Simona Mambrini)

È uscito di recente in Italia, pubblicato  da Adelphi, La mano, uno dei racconti più inquietanti del grande scrittore belga

 * * *

LA VERTIGINE E IL LABIRINTO. UNA NOTA SUL SIMENON AMERICANO

di Salvo Sequenzia

Leonardo Sciascia aveva una predilezione per Simenon, scrittore assai diverso da lui per quel vitalismo e quella frenesia che attraversano la sua vita e la sua opera, eppure, molto simile, se non contiguo, per alcune assonanze e per certe sfumature che caratterizzano i mondi letterari che entrambi hanno creato, come è stato dimostrato da alcuni studi recenti  (Di Grado 2014; Traina 2015; Squillacioti 2019).
L’attenzione dell’autore de Il  giorno della civetta  – divoratore dei gialli Mondadori negli anni giovanili –  era rivolta, soprattutto, al Simenon de Le finestre di fronte (1933), de Il borgomastro di Furnes (1939)  e de Il Presidente (1958): i  «brevi capolavori» nei quali la scrittura indaga, come acutamente notava Goffredo Parise (1985), il «clima metafisico del potere» e si fa referto balzachiano di un ambiente e di una società in cui il delitto è l’espressione, il sintomo, di un malessere esistenziale speculare al «disagio della civiltà» del quale il giallo costituisce una «forma» lucida e disincantata di rappresentazione, in linea con la tensione etico-civile che informa l’idea che Sciascia ha dello scrivere e della letteratura. Leggi tutto…

Premio John Fante Opera Prima 2021: vince Marcello Dòmini

Di guerra e di noi - Marcello Domini - copertinaMarcello Dòmini è il vincitore del Premio John Fante Opera Prima 2021

 * * *

Annunciato e premiato a Torricella Peligna il vincitore del Premio John Fante Opera Prima 2021 Marcello Dòmini che ha vinto con il romanzo Di guerra e di noi, Marsilio.

Le altre due finaliste del Premio, Alice Urciuolo, con il romanzo Adorazione, 66thand2nd e Barbara Frandino, con il romanzo È quello che ti meriti, Einaudi.

Sono stati presenti la direttrice artistica del John Fante Festival “Il dio di mio padre” Giovanna Di Lello, il sindaco di Torricella Peligna Carmine Ficca, la delegata alla cultura Loredana Piccirelli, la presidente della Giuria Maria Ida Gaeta, e, in collegamento streaming, i giurati Masolino D’Amico, Claudia Durastanti e Nadia Terranova. Leggi tutto…

OMAGGIO A GAIA SERVADIO

È morta all’età di 83 anni la giornalista e scrittrice Gaia Servadio (Padova, 1938 – Roma, 20 agosto 2021).

La ricordiamo in questa pagina riproponendo il nostro servizio dedicato al volume “MOZIA. Fenici in Sicilia” di Gaia Servadio (Feltrinelli) con recensione e intervista all’autrice a cura di Daniela Sessa

 * * *

Approfondimenti: la Repubblica, Il Corriere della Sera, SkyTg24, Il Sole24Ore, Il Foglio

 * * *

MOZIA. Fenici in Sicilia” di Gaia Servadio (Feltrinelli)

L’intervista. “I Fenici erano un popolo fantasioso”: Gaia Servadio, Mozia e altre storie.

a cura di Daniela Sessa

* * *

Quello che colpisce di Gaia Servadio sono gli occhi da gatta. Non è solo il colore di un verde trasparente e striato di viola. È quel guizzo ironico e nient’affatto dolce di una donna che ne ha viste tante, ne ha raccontate tante. “Io ho incontrato tutti”: mi dice con un pizzico d’orgoglio e con uno sguardo schietto, citando le persone che ha incontrato nella sua gaia vita e, credeteci, citarle sarebbe un elenco troppo lungo. Leggi tutto…

PREMIO VITTORINI 2021: il programma

Il programma del Premio Vittorini 2021 si svolgerà a Siracusa dall’1 al 4 settembre

 

Come abbiamo evidenziato in precedenza (approfondimenti qui) i tre finalisti della XX edizione del Premio Letterario Nazionale Elio Vittorini sono (in ordine rigorosamente alfabetico) Michele Ainis, Disordini (La nave di Teseo); Giosuè Calaciura, Io sono Gesù (Sellerio); Antonella Lattanzi, Questo giorno che incombe (HarperCollins).

La proclamazione del vincitore del Premio Vittorini 2021 avverrà direttamente  sabato 4 settembre durante la cerimonia finale che si svolgerà a partire dalle 20 al Teatro Comunale di Siracusa.

Ma le attività del Premio Vittorini si svolgeranno nell’arco di quattro giornate, a partire dal 1° settembre fino alla serata del 4 (quando verrà proclamato il vincitore): Leggi tutto…

EMERGENZA AFGHANISTAN: cosa possiamo fare?

In anteprima a Venezia, il nuovo ‘piccolo’ film di Elisabetta Sgarbi (sulle note di “La nave sul monte” degli Extraliscio)

L’8 SETTEMBRE IN ANTEPRIMA A VENEZIA IL NUOVO PICCOLO FILM DI ELISABETTA SGARBI SULLE NOTE DEL BRANO “LA NAVE SUL MONTE” DEGLI EXTRALISCIO

Evento speciale promosso da Isola Edipo in accordo con le Giornate degli Autori nell’ambito della 78sima MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA – 8 settembre, h. 19

 * * *

[Leggi l’intervista di Massimo Maugeri a Elisabetta Sgarbi: “Gli Extraliscio, tra Sanremo e il nuovo album”]

* * *

Arriva In anteprima l’8 settembre a Venezia il nuovo ‘piccolo’ film in due capitoli di ELISABETTA SGARBI sulle note del brano “La nave sul monte” degli Extraliscio (Mirco Mariani, Moreno il Biondo e Mauro Ferrara), canzone estratta dal loro album “È bello perdersi” (Betty Wrong Edizioni Musicali / Sony Music).

Il filmino “La nave sul monte” verrà proiettato durante l’evento speciale promosso da Isola Edipo in accordo con le Giornate degli Autori, nell’ambito della 78a MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA Di VENEZIA (ore 19.00). Leggi tutto…

Premio Nazionale “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” 2021

Dal 20 al 22 agosto 2021 torna a Portopalo di Capo Passero (Siracusa) il Premio Nazionale più a Sud di Tunisi (XVI edizione)

Confermata anche quest’anno la formula collaudata delle tre serate

 * * *

Tutti i vincitori della XVI edizione: Leggi tutto…

IL MIRACOLO DELLA MADONNA DELLE LACRIME DI SIRACUSA IN UN FUMETTO

La Lacrimazione della Madonna a Siracusa è stata rappresentata in un fumetto che sarà presentato nell’ambito delle attività scelte per la celebrazione del 68mo anniversario dell’evento.

La presentazione del fumetto avverrà il prossimo 27 agosto, al termine della Celebrazione Eucaristica delle ore 19, sul sagrato della Cripta, nella piena osservanza di tutte le regole anticontagio. Sarà presente l’Arcivescovo di Siracusa, Mons. Francesco Lomanto, che ha seguito i lavori della composizione del fumetto e ha curato la prefazione allo stesso (qui, la lettera dell’Arcivescovo e il Programma del 68° Anniversario della Lacrimazione).
La scrittrice Simona Lo Iacono ne parla con il Rettore del Santuario, Don Aurelio Russo

* * *

di Simona Lo Iacono

Una storia di fede che balza dalle figure di un fumetto e traduce le atmosfere, le paure, l’incanto e lo stupore provati dai Siracusani 68 anni fa.
Era un agosto rovente come quello che viviamo in questi giorni, e una mamma in attesa si sventagliava senza tregua sul proprio letto, ai piedi di un quadretto semplice, di gesso, un regalo di nozze che riproduceva una Madonna con una manina sul cuore. Stava male, Antonina Lucia Giusto, maritata Iannuso. La creatura che custodiva nel grembo non le dava tregua e una tossicosi gravidica l’aveva quasi privata della vista.
Quando, improvvisamente, verso le prime ore del mattino, la vista sembrò tornarle e consentirle di vedere – con sbigottimento – che dallo sguardo della Madoninna sgorgavano lacrime. Leggi tutto…

L’UOMO CHE VENDETTE IL MONDO di Alessandro Galano: incontro con l’autore

L' uomo che vendette il mondo - Alessandro Galano - copertina“L’uomo che vendette il mondo” di Alessandro Galano (Scatole Parlanti): incontro con l’autore

* * *

Alessandro Galano è nato a Foggia nel 1982. È giornalista, docente e responsabile eventi per la libreria Ubik di Foggia. Cura la comunicazione di “Leggo QuINDI Sono – Le giovani parole”, premio letterario dedicato all’editoria indipendente. È tra i fondatori della testata “Foggia Città Aperta” e si occupa
della rubrica La versione di… su “Jazzit”. Ha pubblicato racconti su varie riviste. “L’uomo che vendette il mondo” (Scatole Parlanti) è il suo primo romanzo.
Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene.

* * *

«L’uomo che vendette il mondo è la traduzione di un brano di David Bowie, The Man Who Sold The World», ha detto Alessandro Galano a Letteratitudine. «Una canzone piuttosto oscura, misteriosa, che riprende i versi di un’antica poesia dalle atmosfere altrettanto inquietanti, Antigonish, dell’autore Hughes Mearns e che tanta fortuna ha avuto nel folklore anglo-americano (dove è nota anche con il titolo The Little Man Who Wasn’t There, Il piccolo uomo che non era lì). Leggi tutto…

LORO di Roberto Cotroneo (recensione)

Loro - Roberto Cotroneo - copertina“Loro” di Roberto Cotroneo (Neri Pozza)

* * *

di Simona Lo Iacono

All’inizio è come un sogno. Una giovane donna che si presenta ad un colloquio di lavoro e si ritrova in una villa con mura di vetro, dove l’idea di spazio quasi non esiste. Vi arriva nell’estate del 2018, in una Roma che si fa dolcissima e offre lo spettacolo della cupola di san Pietro sullo sfondo. Ha appena abbandonato il corso di studi in medicina e ha alle spalle una esperienza (troppo presto conclusa) da pianista. Dunque conosce bene la bellezza, Margherita B, è abituata a sentirla fluire dalle dita, a farla emergere tra i tasti del pianoforte. Eppure, nulla può prepararla al parco che contorna l’abitazione, alle vetrate che lasciano intravedere la biblioteca, lo studio, un ordine rigoroso e maniacale, la servitù rispettosa, attenta.
È lì per fare da precettrice a due gemelle; la padrona di casa, Alessandra Brandi, la accoglie senza quasi leggere il curriculum preparato con cura, spuntando dal giardino a piedi nudi, come se facesse parte del medesimo miraggio che avvolge la casa. Ed è un sussurro, il nome delle bambine, Lucrezia e Lavinia, nomi che rimandano alla capitale dei cives e che adombrano significati di gloriose matrone. La prima condivide con lei l’amore per il pianoforte, la seconda invece ama l’equitazione. Leggi tutto…

SALÌBER FEST 2021: la prima edizione del festival del libro nella città di Salemi

SALÌBER FEST 2021: a Salemi (TP) dal 18 al 21 agosto

Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)

 * * *

“Liber…i” alle prese con una nuova scommessa culturale. Salemi, tre giorni ricchi di libri, musica e non solo. Tutto pronto per la prima edizione del Salìber Fest!

15 appuntamenti in programma. Apertura il 18 Agosto con il pre-festival. Sensibilità ambientale protagonista

 * * *

SALEMI (TRAPANI). Una conoscenza di sé e del mondo che parte dai libri, dagli scrittori, dalle storie da essi narrate che diventano uno strumento per elaborare pensieri nuovi, per conoscersi attraverso lo sguardo dell’altro, per partecipare, contro ogni pregiudizio, presunzione, reticenza, alla costruzione del nostro futuro.

Parte ufficialmente il Salìber Fest, il primo festival del libro nella città di Salemi che pone l’accento sulla cultura in un viaggio verso l’introspezione. Tra le torri del Castello normanno svevo, per tre giorni ( 19, 20 e 21 agosto), attraverso vari talk, sarà possibile interagire con diversi autori italiani e i loro personaggi. Il Festival, curato dall’associazione culturale “Liber…i”, è reso possibile grazie al patrocinio oneroso del Comune di Salemi ed ha ottenuto il patrocinio gratuito dell’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo come manifestazione meritevole e idonea a promuovere l’immagine della Sicilia. Leggi tutto…

MARIA CHE DANZA SULLE ANTENNE DI UN CALABRONE di Alberto Coco: incontro con l’autore

Maria che Danza. Sulle antenne di un calabrone - Alberto Coco - copertina“Maria che danza sulle antenne di un calabrone” di Alberto Coco (Porto Seguro): incontro con l’autore e un brano estratto dal romanzo

* * *

Alberto Coco, 1964, vive a Cusago (Milano). Ha lavorato a contatto con il mondo occupandosi di marketing e di comunicazione, di licensing e publishing. Per conto della società nella quale lavora, Ubisoft, racconta ai ragazzi italiani le saghe che hanno fatto la storia dell’industria dei videogiochi. Maria che danza sulle antenne di un calabrone è il suo primo romanzo.

È un viaggio lungo una vita quello narrato da Pina a Berto, i protagonisti del romanzo d’esordio di Alberto Coco, “Maria che danza sulle antenne di un calabrone” edito da Porto Seguro (425 pp., 19,90 euro), una nonna e un nipote legati tra loro da un amore quasi figliale, da una solida devozione e da una stima sincera che li unirà in un percorso a ritroso nel tempo capace di saldare per sempre il loro legame.
In un reticolato di vite vissute, di intimità, segreti e ricordi, il romanzo esplora la tragedia della morte e della malattia, lo splendore della vita e il suo mistero più grande: la rinascita.

Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene… Leggi tutto…

ADDIO A PIERA DEGLI ESPOSTI

È morta, all’età di 83 anni, la grande attrice italiana Piera Degli Esposti (Bologna, 12 marzo 1938 – Roma, 14 agosto 2021). Le dedichiamo questa pagina

 

* * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano, Rai News, SkyTg24 

* * *

Piera Degli Esposti (Bologna, 12 marzo 1938 – Roma, 14 agosto 2021) è stata un’attrice italiana.

Formatasi in gruppi sperimentali, Piera Degli Esposti si è imposta tra il 1969 e il 1976 al Teatro Stabile dell’Aquila, lavorando con registi come Antonio Calenda (Operetta di Witold Gombrowicz, 1969), Aldo Trionfo (Arden di Feversham di anonimo elisabettiano, 1971) e Giancarlo Cobelli (La pazza di Chaillot di Jean Giraudoux, 1972; La figlia di Iorio di Gabriele D’Annunzio, 1973; Antonio e Cleopatra di William Shakespeare, 1974).
La sua carriera inizia nel Teatro dei 101 diretto da Antonio Calenda, dove muove i primi passi insieme ad altri ragazzi che diverranno pilastri del teatro italiano come Nando Gazzolo e Gigi Proietti. Nel 1966 avviene il suo esordio in TV con uno sceneggiato di grande successo, Il conte di Montecristo. La sua carriera cinematografica inizia invece l’anno successivo con il film Trio per la regia di Gianfranco Mingozzi, a cui seguirà Questi fantasmi di Renato Castellani. Leggi tutto…

BUON FERRAGOSTO 2021 (e buona prosecuzione di vacanze da Letteratitudine)

ADDIO A GINO STRADA

È morto Gino Strada, Maestro della Cultura dell’Altruismo: fondatore di Emergency

Gino Strada, all’anagrafe Luigi (Sesto San Giovanni, 21 aprile 1948 – Rouen, 13 agosto 2021), è stato un medico, attivista e filantropo italiano, fondatore, assieme alla moglie Teresa Sarti (1946-2009), dell’ONG italiana Emergency. Leggi tutto…

Sarà Claudia Durastanti la nuova curatrice de La Tartaruga

Sarà Claudia Durastanti a curare La Tartaruga, storica casa editrice fondata da Laura Lepetit nel 1975

[La Tartaruga fa parte del Gruppo Editoriale de La nave di Teseo]

Di seguito le dichiarazioni di Elisabetta Sgarbi e Claudia Durastanti
 

 * * *

“Da diversi mesi ragionavano con Mario Andreose e Eugenio Lio sulla necessità di restituire una identità autonoma alla Tartaruga, di vera e propria casa editrice, che facesse tesoro della sua storia ma che fosse in grado di parlare a nuovi lettori e, nello stesso tempo fosse distinta, nella sua proposta editoriale, da La nave di Teseo, pur dialogando con essa. Leggi tutto…

LA MILANESIANA, la Mostra “Mario Cavaglieri” a Venezia e “Ecce Caravaggio” di Vittorio Sgarbi

L’arte di Mario Cavaglieri giunge a Venezia grazie alla Milanesiana. In libreria, “Ecce Caravaggio” di Vittorio Sgarbi

Fino al 2 settembre, a Venezia, una mostra dedicata a Mario Cavaglieri con opere provenienti dalla Collezione Cavallini-Sgarbi

Segnaliamo l’articolo di Vittorio Sgarbi pubblicato su “Il Giornale”, con il titolo “Cavaglieri, l’arte difficile di essere un vero dandy”

 * * *

Lunedì 9 agosto, nell’ambito dell’evento conclusivo della parte estiva della Milanesiana 2021, il festival diretto da Elisabetta Sgarbi, presso il Ca’ Sagredo Hotel in Campo S. Sofia, a Venezia, si è svolta l’inaugurazione della mostra “Mario Cavaglieri. Alla ricerca del tempo perduto” con la partecipazione della stessa Elisabetta Sgarbi, di Vittorio Sgarbi, di Nuccio Ordine e di Lorenza Lain. La mostra sarà disponibile fino al 2 settembre a Ca’ Sagredo, Venezia, di Lorenza Lain. Leggi tutto…

Premio Caccuri 2021: Dacia Maraini, Gaetano Savatteri, Adriana Pannitteri

Logo

I vincitori del Premio Letterario Caccuri 2021: Dacia Maraini (per la Saggistica), Gaetano Savatteri (per la Narrativa), Adriana Pannitteri (Premio Giornalismo e Letteratura).

* * *

Vince il Premio Caccuri per la saggistica: “La scuola ci salverà” di Dacia Maraini. Ex aequo per Paolo Crepet. Cristina Parodi e Antonella Viola

Ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “La scuola ci salverà”: Dacia Maraini in conversazione con Massimo Maugeri

 * * *

La serata finale dell’edizione 2021 del Premio Letterario Caccuri si è svolta il 10 agosto con la conduzione di Luca Barbarossa e Francesca Lagoteta. La scuola è stato il tema principale della X edizione del Premio

Dacia Maraini con “La scuola ci salverà” (Solferino) ha vinto la decima edizione del Premio Letterario Caccuri per la sezione saggistica. Al secondo posto, ex aequo, gli altri tre finalisti: “Oltre la tempesta” (Mondadori) di Paolo Crepet, “E vissero tutti felici e contenti?” (Cairo) di Cristina Parodi e “Danzare nella tempesta” (Feltrinelli) di Antonella Viola. Leggi tutto…

EUROPA ROMANZA. SETTE STORIE LINGUISTICHE di Lorenzo Tomasin (intervista)

“Europa romanza. Sette storie linguistiche” di Lorenzo Tomasin (Einaudi): intervista all’autore

* * *

di Massimo Maugeri

Lorenzo Tomasin (Venezia, 1975) è ordinario di Filologia romanza e di Storia della lingua italiana all’Università di Losanna. Si è formato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e ha ottenuto una Venia legendi in Romanische Philologie a Saarbrücken. Codirige il cantiere del Vocabolario storico-etimologico del veneziano (VEV) e ha codiretto la Storia dell’italiano scritto (Carocci 2014-21). Per Einaudi ha pubblicato Il caos e l’ordine. Le lingue romanze nella storia della cultura europea (2019).

Ho chiesto a Lorenzo Tomasin di raccontarci qualcosa, nell’ambito della chiacchierata che propongo qui di seguito, sul suo nuovo libro intitolato Europa romanza. Sette storie linguistiche (Einaudi, 2021). Un’opera intrisa di grande fascino e che ci conduce alla ricerca delle radici linguistiche europee offrendoci sette interessantissime storie di donne e di uomini ricavate da documenti legati a vicende private e privi di qualunque “preoccupazione letteraria”…

– Lorenzo, partiamo dall’inizio. Anzi, da ancora prima… con una domanda apparentemente ingenua, banale e generica: perché è importante indagare sulle origini delle lingue?
Per le stesse ragioni per le quali è importante ricostruire la storia di ogni fatto della cultura umana per comprenderne ragioni, svolgimenti e strutture. Poiché le lingue sono il motore stesso della storia (senza linguaggio e senza lingue non c’è storia, ma solo evoluzione naturale, come ho argomentato altrove), lo studio delle lingue non può che essere, in via preliminare e privilegiata, uno studio storico.

– Che tipo di relazione lega lingue e identità? Leggi tutto…

JOHN FANTE FESTIVAL 2021: dal 19 al 22 agosto

Torna il JOHN FANTE FESTIVAL “Il dio di mio padre” – Torricella Peligna (CH)19-20-21-22 agosto 2021 – XVI edizione

 * * *

Dal 19 al 22 agosto a Torricella Peligna in Abruzzo torna il JOHN FANTE FESTIVAL “Il dio di mio padre”, diretto da Giovanna Di Lello, giunto alla sua XVI edizione. La manifestazione, fin dalla prima edizione, è organizzata dal Comune di Torricella Peligna per ricordare e omaggiare lo scrittore americano John Fante (1909-1983), il cui padre Nicola era un muratore originario proprio di questo piccolo paese abruzzese.
Quest’anno il Festival sarà di nuovo in presenza, per tutti gli eventi, con posti contingentati e regolati in base alla normativa anti-covid. Leggi tutto…

PREMIO NOTOCULTURA 2021: a Mario Andreose, Roberto Andò e Donatella Finocchiaro

Nella prima edizione del Premio Letterario Internazionale NotoCultura per l’editoria sono stati premiati Mario Andreose (per l’editoria), Roberto Andò (per la narrativa e la regia) e Donatella Finocchiaro (per lo spettacolo)

* * *

Si è svolta a Noto, il 4 agosto, presso il Convitto delle Arti di Corso Vittorio Emanuele, la prima edizione del Premio Letterario Internazionale NotoCultura.

Alla presenza del sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, e dell’Assessore alla Cultura, Giusi Solerte, sono stati premiati: Leggi tutto…

UNA SPIA TRA LE RIGHE di Salvatore Silvano Nigro (recensione)

Una spia tra le righe - Salvatore Silvano Nigro - copertina“Una spia tra le righe” di Salvatore Silvano Nigro (Sellerio)  

In Una spia tra le righe Salvatore Silvano Nigro ripercorre una indagine critica di quasi un ventennio sugli  autori più amati

 * * *

I NAUFRAGI DI UN PASSEGGERE DISAVVEDUTO

Una recensione in forma di  viaggio  (e viceversa)

di Salvo Sequenzia

Il viaggio ha un lontano cominciamento. Ed ha attributo «sentimentale».
Viene fatto in «désobligeante», in calesse, secondo un modo antico, intimo, di viaggiare. A compierlo, «lungo la Francia e l’Italia», è un reverendo irlandese, Laurence Sterne, uomo «d’animo libero, e di spirito bizzarro, e d’argutissimo ingegno».
Parte per il «Viaggio riposatissimo» con «mezza dozzina di camicie, e un pajo di brache di seta nera»; né dimentica l’inseparabile «miniatura ch’io porto meco da tanto tempo» quale scrigno d’affetti perduti e amuleto portafortuna. Porta con sé, anche, che non basterebbero valigie e bauli  a contenere, «tutto ciò che egli aveva già inviscerato nell’anima».
Correva – trattandosi di viaggio  pare opportuno usare questo verbo –  l’anno di grazia 1768, e Laurence Sterne dava alle stampe A Sentimental Journey Through France and Italy, il journal di un viaggio oltre quei  «termini ed argini certi» che con «irrepugnabile autorità» la Natura  «piantò  onde circoscrivere l’umana incontentabilità». Un viaggio di  «calamajo e penna», dunque, letteratissimo, che il «povero viaggiatore navigante e posteggiante» compie  oltre il reale; anzi, fuori di esso,  «lungo i reami più colti del globo a caccia di cognizioni e incrementi […] curioso di ammirare spettacoli e d’investigare scoperte». Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 26 luglio all’1 agosto – questa settimana segnaliamo “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 26 luglio all’1 agosto 2021

Questa settimana segnaliamo: “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Due vite” di Emanuele Trevi (Neri Pozza)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

Di Roberto Bazlen, universalmente noto come Bobi, non poco è stato scritto, ma il più rimane da dire e capire. Bazlen attraversò la prima parte del Novecento come un profilo di luce imprendibile. Nell’ultima fase della sua vita, fu l’ideatore di Adelphi, su cui riversò la sua sapienza, che non era solo quella – stupefacente – sui libri, ma investiva il tutto. L’idea e la fisionomia della casa editrice risalgono a lui. Quando Bazlen mi parlò per la prima volta di qualcosa che sarebbe stata Adelphi e non aveva ancora un nome mi disse: «Faremo solo i libri che ci piacciono molto».

(Roberto Calasso)

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
7 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
8 Una Sirena a Settembre Maurizio De Giovanni Einaudi 18,50
9 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90
10 Il mostruoso femminile. Il patriarcato e la paura delle donne Jude Ellison Sady Doyle Tlön 18,00 *

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

LA CITTÀ NERA e UNA RAGGIANTE CATANIA di Domenico Trischitta (intervista)

“La città nera” e “Una raggiante Catania” di Domenico Trischitta (Algra): intervista all’autore

I due libri saranno presentati martedì 10 agosto alle 18.30, presso Catania libri, viale Regina Margherita 2, Catania. Con l’autore saranno presenti Orazio Caruso (uno dei curatori della collana assieme a Maria Rita Pennisi) e l’editore Alfio Grasso

 * * *

di Massimo Maugeri

Lo scrittore Domenico Trischitta torna in libreria con ben due volumi pubblicati da Algra: una nuova edizione di “Una raggiante Catania” (con prefazione inedita di Manlio Sgalambro) e “La città nera” (con nota di Giuseppe Pontiggia).
Ho avuto il piacere di discuterne con lui nell’ambito di questa intervista…

– Caro Mimmo, cosa significa per te tornare in libreria con ben due libri dedicati alla tua/nostra Catania?
Non ti nascondo che è una grande emozione dopo cinque anni di silenzio, avevo messo in discussione me stesso, le ragioni della scrittura. Poi il lockdown paradossalmente mi ha restituito nuova linfa, nuove motivazioni. La nostra città è una provincia anomala, caratterizzata da molte contraddizioni, che io ho vissuto nel pieno della mia formazione, nella strada ma anche nelle aule universitarie, tra sconvolgimenti politici e musicali. Tutte ragioni che mi hanno spinto a raccontarla da un avamposto periferico, privilegio creativo per il parto liberatorio di “Una raggiante Catania” e ora, finalmente de “La città nera”, fulgore giovanile e impetuoso che rientra a pieno titolo nella mia personale trilogia catanese.

– Ripartiamo dall’inizio. Parlaci del tuo intero progetto letterario dedicato a Catania. Come è nato? E come si è sviluppato? Leggi tutto…

ADDIO AD ANTONIO PENNACCHI

È morto all’età di 71 anni, nella sua casa di Latina, lo scrittore Antonio Pennacchi (Latina, 26 gennaio 1950 – Latina, 3 agosto 2021)

E' morto lo scrittore “Premio Strega” Antonio Pennacchi - La Stampa

Con il romanzo “Canale Mussolini” (Mondadori) aveva vinto l’edizione 2010 del Premio Strega. Dal suo romanzo “Il fasciocomunista” (Mondadori) è stato tratto il film di Daniele Luchetti “Mio fratello è figlio unico” (con Riccardo Scamarcio, Elio Germano e Luca Zingaretti). Il decesso è avvenuto per un malore improvviso, probabilmente un infarto

 * * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, Il Messaggero, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, RaiNews, La Stampa

* * *

Il “pensiero” di Carlo Carabba dediato a Antonio Pennacchi Leggi tutto…

NAXOSLEGGE 2021: CULTURA/Editoria/Archeologia: tra gli scavi della prima polis greca d’occidente

CULTURA/Editoria/Archeologia: tra gli scavi della prima polis greca d’occidente torna NaxosLegge

Risultati immagini per naxoslegge letteratitudine

Le novità 2021: teatro del mito e cinema archeologico nel Parco archeologico di Naxos, appuntamenti da Messina fino a Catania e Siracusa

Gli ospiti: il filosofo-economista Serge Latouche, l’attrice Carla Tatò, i poeti Pontiggia, Conte, Margherita Guccione e le capitali della cultura Gorizia, Nuova Gorica ed Eleusi. La nuova rivista letteraria e il comitato scientifico

Leggi tutto…

PIETRE D’INCANTO di Antonio Calbi (recensione)

“Pietre d’Incanto” di Antonio Calbi (Verbavolant)

 * * *

Messere Teatro, lei è un incanto!

di Daniela Sessa

“Messere Teatro, lei è un incanto!” potrebbe esclamare uno dei personaggi di “Le smanie per la villeggiatura”, la commedia di Goldoni che Antonio Calbi, Sovrintendente della Fondazione Inda di Siracusa, racconta di aver messo in scena nei suoi giochi di bambino. “Messere Teatro, lei è un incanto!” ha pensato lo stesso Antonio Calbi, approdato nel 2018 a Siracusa dopo l’esperienza di “cinque stagioni nel ventre di un teatro a palchetti qual è il teatro Argentina”. Lo racconta, questo suo incanto in maiuscolo, in un libro “Pietre d’Incanto” (Verbavolant) che è un diario, un progetto, un catalogo, un coro, un resoconto della sua esperienza a Siracusa. Di più, “Pietre d’Incanto” è una narrazione proustiana condotta sul filo di una cronaca che a ogni riga, a ogni parola si fa passato e memoria per poi proiettarsi nella visione. Nel dipanare il tempo, Calbi si offre nudo ai suoi lettori e al suo pubblico, nudo della sua capacità visionaria, vorticosa e impellente. Lo si vede legare con la stessa corda le tre dimensioni del tempo. Il passato di tredicenne, giunto a Milano dalla Lucania, alla scoperta del complesso residenziale Monte Amiata, traduzione architettonica del collettivismo degli anni ’60-’70: qui, incontra il teatro antico replicato nelle assi della costruzione, si immagina architetto di teatri perché “Cos’è la città se non un grande palcoscenico?” e vi innesta il ricordo di Giovanni Testori, lo scrittore e critico ossessionato dal tradimento della spiritualità. Leggi tutto…

CONVERSARI di Alfonso Guida (poesia)

Conversari – Alfonso Guida“Conversari” di Alfonso Guida (‘round midnight)

 * * *

di Carlo di Francescantonio

Alfonso Guida, anche se non ama essere definito poeta, è tra i viventi uno dei Poeti più puri e alti d’Italia. È un Poeta antico, Guida, rappresentante del calore della sua terra nativa (la Basilicata) fatto lirismo interiore. E Conversari, uscito per ‘round midnight edizioni, è un’ulteriore conferma della ricerca ancestrale che Guida sta portando avanti dal suo lontano esordio. Il libro, riprende a quattro anni di distanza il canto interrotto con Luogo del sigillo, ultimo capitolo della cosiddetta “trilogia psichiatrica”, spostando l’attenzione su un altro livello, quello della conversazione, della confidenza, appunto. Ne nasce uno struggente e infinito monologo interiore, nel cui spazio sempre in divenire trovano posto l’infanzia del Poeta, la sua travagliata formazione e il ricordo delle più grandi Voci letterarie del Novecento. Ed è commovente, Guida, nei dialoghi spirituali che lo connettono in un sincrono perfetto con chi, a lui, ha dato linfa vitale. Sono pagine quelle di Coversari, dentro le quali il lettore attento respirerà figure delle Letteratura del Novecento come Amelia Rosselli, Dario Bellezza, Beppe Salvia e Anna Maria Ortese. Giuda li pensa, li sente, è in loro compagnia. Leggi tutto…

VOGLIA DI LIBRI di Mario Andreose (La nave di Teseo) – Andreose vince il premio NotoCultura per l’editoria

Mario Andreose si aggiudica il Premio Letterario Internazionale NotoCultura per l’editoria. Sarà premiato il 4 agosto a Noto, presso il Convitto delle Arti di Corso Vittorio Emanuele 91, h. 18:30

Gli altri premiati: Roberto Andò (per la narrativa e la regia) e Donatella Finocchiaro (per lo spettacolo)

Pubblichiamo, di seguito, un estratto del nuovo libro di Mario Andreose, “Voglia di libri” (La nave di Teseo), di cui anticipiamo la scheda

 * * *

Dopo Uomini e libri (2015), vincitore del premio Estense, del premio Biella della Giuria e del premio Rhegium Julii per la Saggistica, Mario Andreose ritorna, con il suo piglio narrativo, ai vagabondaggi tra editoria e letteratura di una lunga, inimitabile carriera. Il declino di imperi editoriali, visto dietro le quinte, in contrasto con il nascere di nuove coraggiose realtà, le storie di capolavori riproposti, assieme a protagonisti quali Joyce, T.S. Eliot, Warburg, Moravia, Sciascia, Eco, Lévi-Strauss, Tondelli e Woody Allen, sono tra gli ingredienti di un libro che si può aprire con gusto a ogni pagina.

“Tutti si chiedono, non solo noi editori, se il nostro modo di lavorare si sia ormai avviato a un punto di non ritorno, aggrappati a computer e telefonini, protagonisti involontari, a distanza, di una mutazione genetica in atto. Il libro per fortuna rimane, come diceva Umberto Eco, uno strumento indispensabile, al pari della ruota e del cucchiaio.” Leggi tutto…

ADDIO A ROBERTO CALASSO

imageÈ morto oggi, all’età di 80 anni, Roberto Calasso: scrittore e direttore editoriale della casa editrice Adelphi.

Proprio oggi escono in libreria i suoi ultimi volumi, pubblicati da Adelphi: “Bobi” e “Memè Scianca”

Sui sui canali social, la casa editrice Adelphi scrive: “Grazie, da parte di tutta la casa editrice, per gli innumerevoli messaggi di vicinanza e affetto. Ci sarebbe molto altro da dire ma in momenti come questi manca la lucidità per farlo, ed è preferibile il silenzio”.

* * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, RaiNews, Il Giornale, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Il Sole 24Ore

* * *

* * *

Roberto Calasso (Firenze, 30 maggio 1941 – Milano, 29 luglio 2021) è stato uno scrittore e editore italiano. Saggista e narratore, è stato proprietario e direttore editoriale della casa editrice Adelphi. I suoi libri sono tradotti in 25 lingue e pubblicati in 28 paesi.

Figlio del giurista Francesco Calasso e di Melisenda Codignola, a sua volta figlia del pedagogista Ernesto Codignola, e fratello minore del regista Gian Pietro Calasso, frequenta il liceo classico T. Tasso di Roma e, successivamente, si laurea in letteratura inglese con Mario Praz discutendo una tesi dal titolo I geroglifici di Sir Thomas Browne. Nel 1962, a soli 21 anni, entra a far parte di un piccolo gruppo di persone che, insieme a Roberto Bazlen e Luciano Foà, sta elaborando il programma di una nuova casa editrice.

L’anno dopo nasce Adelphi, dove Calasso opererà senza interruzione, diventandone nel 1971 direttore editoriale e nel 1990 consigliere delegato. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 19 al 25 luglio – questa settimana segnaliamo “Le vite nascoste dei colori” di Laura Imai Messina (Einaudi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 19 al 25 luglio 2021

Questa settimana segnaliamo: “Le vite nascoste dei colori” di Laura Imai Messina (Einaudi)

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Due vite” di Emanuele Trevi (Neri Pozza)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Le vite nascoste dei colori” di Laura Imai Messina (Einaudi)

Laura Imai Messina torna al romanzo con una storia luminosa e potente come un talismano, che ha il dono di guarire tutte le ferite. Comprese quelle dell’anima.

Nero mezzanotte con una punta di luna, indaco che sa di mirtillo, giallo della pesca matura un attimo prima che si stacchi dal ramo: Mio sa cogliere e nominare tutti i colori del mondo. Ha appreso l’arte dei dettagli invisibili guardando danzare ago e filo sui kimono da sposa, e ora i colori sono il suo alfabeto, la sua bacchetta magica, il suo sguardo segreto. Aoi, invece, accompagna le persone nel giorno piú buio: lui prepara chi se ne va e, allo stesso modo, anche chi resta. Conosce i gesti e i silenzi della cura. All’inizio sembra l’amore perfetto, l’incanto di chi scopre una lingua comune per guardare al di là delle cose. Ma il loro incontro non è avvenuto per caso.

Non sempre nascere con un dono è un vantaggio, di certo è una responsabilità. Mio è una giovane donna dallo sguardo speciale: i suoi occhi sono capaci di cogliere ogni minima sfumatura e dare un nome a tutte le tonalità, soprattutto quelle invisibili. Nell’atelier dove la sua famiglia cuce e ricama kimono nuziali con gesti preziosi tramandati da generazioni, ha imparato fin da piccola la potenza dei dettagli, scoprendo in segreto le vite nascoste dei colori. Ma a custodire un segreto, in questa storia, non è la sola. Aoi possiede la sensibilità rara di capire a prima vista chi ha di fronte: la sua agenzia organizza cerimonie funebri, e lui – allo stesso modo di un mago – sa sempre come accompagnare i vivi e i morti nel giorno piú buio. Quando i loro destini s’incrociano in una mattina qualsiasi, Mio e Aoi si specchiano l’una nell’altro come due colori complementari. Sarebbe tutto perfetto, se non fosse che il loro incontro non è stato casuale: ancora non lo sanno, ma le loro esistenze stanno per entrare in collisione. Laura Imai Messina sa raccontare il potere magico delle cose di tutti i giorni, fa scintillare le coincidenze, anima le storie come in una danza da cui si sprigiona, semplicemente, il prodigio dello stare al mondo. E il Giappone, luogo di tutte le contraddizioni, è l’alambicco ideale di questo incantesimo. Cosí per le strade di Tōkyō, città da sempre scagliata verso il futuro, si celebrano ogni giorno le antiche pratiche di una cultura millenaria, i rituali dei matrimoni e dei funerali, le cerimonie del passaggio. Le vite nascoste dei colori – una fiaba metropolitana capace di ammaliare il lettore – ci fa conoscere la forza dell’amore tra due figure indimenticabili e opposte. Due personaggi unici, legati a doppio filo da un nodo di meraviglia che aspetta soltanto di manifestarsi.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
6 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
7 Una Sirena a Settembre Maurizio De Giovanni Einaudi 18,50
8 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90
9 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
10 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00 *

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

DAREIDE di Ippolita Luzzo (pezzi su Domenico Dara dal regno della litweb)

Pubblichiamo la prefazione, firmata da Domenico Dara, del volume “DAREIDE: pezzi su Domenico Dara dal regno della litweb” di Ippolita Luzzo (Citta del Sole Edizioni), preceduta da uno stralcio dell’introduzione

 * * *

La Dareide di Dara, la raccolta dei pezzi già pubblicati sul blog Il Regno della Litweb“, scrive Ippolita Luzzo nella sua introduzione al volume, “nasce subitanea nel 2018, nello sfogliare il libro Pezzi e non trovare nemmeno un pezzo di Domenico. Il “di” è voluto ed è sorridente.
Annuncio più volte nel corso di questi due anni la raccolta, aspettando la stagione delle messi e, durante il dicembre 2020, sembra che tutti i pezzi mi spingano a vincere la pigrizia e a farli uscire. Prepotentemente. Chiedo il conforto di Domenico, di Rosy, di Antonella che lo pubblicherà, e pronti via, sul nastro di partenza siamo. Usciamo, anzi escono loro, i pezzi, perché noi non possiamo per il momento.
E uscendo ci diranno cosa vuol dire leggere, cosa vuol dire scrivere, cosa vuol dire incontrarsi, quale esigenza abbiamo tutti di sorriderci e toccarci, di avere la stima degli altri, di stimare a nostra volta, di entrare in relazione uno con gli altri con un libro in mano. Leggi tutto…

GLI AMANTI SOMMERSI di Mattia Conti: incontro con l’autore

“Gli amanti sommersi” di Mattia Conti (Solferino): incontro con l’autore e un brano estratto dal romanzo

* * *

Mattia Conti è nato a Molteno, in provincia di Lecco, nel 1989. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie Il moto delle onde (OTMA Edizioni) e nel 2011 ha vinto il Premio Campiello Giovani con Pelle di legno. Nel 2013 ha ottenuto il Premio Prada Journal con il racconto Gli occhi di Malarico (pubblicato nella collana digitale Zoom Feltrinelli) e, con il cortometraggio Zona01, il premio Senzaparole indetto da Moviemax. Dopo aver lavorato per tre anni a MagnoliaTv, coniuga la sua passione per scrittura e audiovisivo presso la casa di produzione televisiva Dry Media. Con Solferino ha pubblicato Di sangue e di ghiaccio (2018).

Il nuovo romanzo di Mattia Conti, edito da Solferino, si intitola Gli amanti sommersi. Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene

* * *

«C’è una ragazza che cammina per ore, battendo le rive del lago di Como. È Gianna, la giovane staffetta. Cerca Neri, il comandante partigiano di cui è innamorata, scomparso nel nulla. Sa che anche a lei toccherà una fine simile ma insiste, imperterrita, nella sua ricerca.
«Da quando l’ho incrociata», ha detto Mattia Conti a Letteratitudine, «Gianna mi è entrata dentro. L’ho inseguita leggendo le sue lettere, interrogando chi ha studiato i giorni convulsi dell’arresto di Mussolini, di cui è stata protagonista. Infine, incontrando chi l’ha conosciuta.
Leggi tutto…

AUTORI SOTTO LE STELLE 2021

Autori sotto le Stelle: 3 agosto 2021, a Taormina (Me), dalle h. 19, Terrazza dell’Hotel Excelsior Palace

 * * *

Ritorna a Taormina l’evento “Autori sotto le Stelle” organizzato da Demea Eventi Culturali (riproniamo l’intervista rilasciataci l’anno scorso da Antonio Oliveri).

Protagoniste di quest’anno, le scrittrici Catena Fiorello Galeano e Nadia Terranova presentate da Felice Cavallaro.

Con Catena Fiorello Galeano si discuterà di “Amuri” (Giunti), con Nadia Terranova di “Il segreto” (Mondadori).

Di seguito, le schede dei due libri. Leggi tutto…

LA GUERRA. PRIMA FAMIGLIA di Pietro Valsecchi (recensione e intervista)

“La guerra. Prima famiglia” di Pietro Valsecchi (Mondadori): recensione e intervista all’autore

Esce oggi per Mondadori, in formato e-book, il terzo romanzo della trilogia di Pietro Valsecchi della “Prima famiglia”. Si intitola: “La guerra“. Ce ne parla di seguito Tea Ranno

* * *

di Tea Ranno

Con il romanzo La guerra – oggi in uscita per Mondadori – Pietro Valsecchi chiude la trilogia di Prima famiglia, la lunga storia della famiglia Palermo che, partita dalla Sicilia all’inizio del Novecento, giunge a New York in cerca di quel futuro pieno di benessere di cui tanto nell’Isola si favoleggia. Come altri emigranti, infatti, Luigi e sua moglie Carmela credono in una Merica leggendaria in cui basta essere onesti e lavoratori, camminare dritto per dritto – senza cedere alle lusinghe del malaffare – per assicurarsi ricchezza e rispetto. Non sarà precisamente così: anche l’America ha denti aguzzi che mordono a sangue chi non ha altro che le sue mani e il suo ingegno per costruirsi il futuro, e saranno anni durissimi quelli che traghetteranno i ragazzi Palermo dall’infanzia all’età adulta, ciascuno col suo sogno in divenire, ciascuno con la sua scommessa di felicità da vincere. Leggi tutto…

A DANIELE DEL GIUDICE IL PREMIO FONDAZIONE IL CAMPIELLO

Il Premio Fondazione Il Campiello 2021 sarà conferito a Daniele Del Giudice

Assegnato allo scrittore e giornalista il riconoscimento alla carriera che verrà ritirato in occasione della finale il prossimo 4 settembre all’Arsenale di Venezia

 * * *

Venezia, 27 luglio 2021La Fondazione Il Campiello ha deciso di assegnare il Premio speciale alla Carriera per il 2021 a Daniele Del Giudice, mossa dalla convinzione che egli sia uno dei più importanti scrittori contemporanei. Il riconoscimento alla carriera dello scrittore e giornalista italiano sarà ritirato in occasione della finale della 59^ edizione del Premio Campiello, in programma sabato 4 settembre nella cornice dell’Arsenale di Venezia. Leggi tutto…

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma: grande successo per la XX edizione

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma 2021: grande successo per la ventesima edizione conclusa domenica scorsa allo Stadio Palatino

* * *

Roma, 27 luglio 2021 – Conclusa domenica 25 luglio nella splendida ambientazione dello Stadio Palatino la Ventesima edizione del LETTERATURE – Festival Internazionale di Roma, storica manifestazione della Capitale a cura dell’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale, promossa da Roma Culture. L’evento fa parte del programma dell’Estate Romana 2021, organizzata da Zètema Progetto Cultura in collaborazione con Institut français, American Academy e British Council, con il patrocinio di SIAE- Società Italiana degli Autori ed Editori, radio partner Dimensione Suono Soft. La manifestazione ha festeggiato i suoi 20 anni con uno straordinario successo di pubblico, in presenza e in collegamento streaming, che ha dimostrato il suo grande interesse e affetto per la storica manifestazione che si conferma uno degli eventi culturali più importanti della Capitale e dell’intero Paese. Leggi tutto…

XV Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco”: Premio Speciale all’attore Gino Astorina, Premio Cultura allo scrittore Massimo Maugeri

XV Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco”: Premio Speciale all’attore Gino Astorina, Premio Cultura allo scrittore Massimo Maugeri (autore di “Cetti Curfino”, La nave di Teseo)

Mimì Scalia: “Grande attesa per la serata conclusiva ‘Milo Premia il Teatro’ nel segno di spettacolo e cultura con un immancabile omaggio a Franco Battiato”.

 * * *

Milo – Nella splendida Milo, da martedì 27 luglio, in un clima effervescente di fiduciosa ripresa, prenderà il via il XV Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla Presidenza dell’ARS e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

Le compagnie in gara si contenderanno il favore del pubblico: sarà il pubblico, anche quest’anno, eccezionalmente, a scegliere i vincitori.

Leggi tutto…

CAPALBIO LIBRI 2021

CAPALBIO LIBRI 2021: 15 anni con “Il piacere di leggere” – 27 luglio – 3 agosto 2021. L’intero programma è disponibile qui

* * *

Si svolgerà da domani 27 luglio al 3 agosto la nuova edizione del Festival Capalbio Libri: otto giorni ricchi di incontri, autori, lettori, libri, spazi di dibattito e condivisione. Anche per questa stagione Capalbio Libri si terrà a Borgo Carige, in Piazza della Repubblica, tutte le sere a partire dalle 19.30. Tranne il giorno di apertura in cui si inizierà alle ore 18.00 con una presentazione dedicata ai più piccoli.

Numerosi gli ospiti attesi e tanti i libri protagonisti di questo festival. Gli autori presenti sul palco di Capalbio Libri 2021: Andrea Albertini, Edith Bruck, Teresa Ciabatti, Giacomo D’Onofrio, Mimma Gaspari Golino, Francesca Levi, Daniela Morelli, Roberto Napoletano, Giovanna Pancheri, Lorenza Pieri, Paola Pilati, Alessandro Sallusti, Luca Ricci, Gabriele Romagnoli e Michele Santoro. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

BUONA ESTATE

LetteratitudineNews va in pausa per qualche giorno. Vi auguriamo buona prosecuzione di vacanze (per chi è già in vacanza) e buone letture

Buona estate da Letteratitudine

Leggi tutto…

PAOLO BORSELLINO, anno 2021 (per non dimenticare)

PAOLO BORSELLINO (Palermo, 19 gennaio 1940 – Palermo, 19 luglio 1992)

Leggi tutto…

VIRITÀ di Giusy Sciacca (recensione)

“Virità, femminile singolare-plurale”di Giusy Sciacca (Kalòs)

 * * *

di Emma Di Rao

Se l’isola di Sicilia è “la meravigliosa terra della fecondità e della floridità”, come si legge nell’Introduzione di “Virità” di Giusy Sciacca, edito da Kalòs, anche le parole cui l’autrice ricorre per veicolare tale immagine risultano altrettanto feconde di promesse e floride di traboccante bellezza. E l’isola diviene così la splendida cornice in cui vengono incastonati gli struggenti monologhi ai quali venti personaggi femminili affidano le loro verità. Pronunciate con estremo coraggio e sottratte a una trama più ampia ed oscura, quelle piccolissime schegge di verità, quelle particelle minimali di vita, divengono simili a meteore che attraversano l’orizzonte informe dell’insignificanza, accendendolo di luce.
Ognuna delle figure che affollano le pagine di “Virità” nutre infatti un unico, irrinunciabile desiderio: condensare l’arco temporale della propria esistenza in un momento rivelatore, in un palpito segreto, che la emancipi dai ferrei vincoli imposti dall’apparenza o da un’anonima collettività. Mormorare con un filo di voce o gridare a perdifiato la propria verità è anche riconquista di un modo d’essere autentico e ancora intatto, troppo a lungo sepolto sotto la coltre dell’ignoranza e del pregiudizio. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 5 all’11 luglio – questa settimana segnaliamo “Una Sirena a Settembre” di Maurizio de Giovanni (Einaudi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 5 all’11 luglio 2021

Questa settimana segnaliamo: “Una Sirena a Settembre” di Maurizio de Giovanni (Einaudi)

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Una Sirena a Settembre” di Maurizio de Giovanni (Einaudi)

In terza posizione: “Vecchie conoscenze” di Antonio Manzini (Sellerio)

* * *

La scheda del libro: “Una Sirena a Settembre” di Maurizio de Giovanni (Einaudi)

Nella città della Sirena le cose non sono mai come sembrano. Una doppia sfida per Mina Settembre, l’irresistibile assistente sociale del Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest.

Accadono due fatti. Due fatti che appaiono chiari, eppure a Mina i conti non tornano. Un’anziana viene scippata, cade e finisce in coma. Sin qui nulla di strano, purtroppo; è la soluzione del caso, il modo in cui arriva, a non convincere. E convince poco pure il secondo episodio, una scena di povertà estrema mandata in onda da una televisione locale: un bambino che si contende del cibo con un cane fra montagne di spazzatura. No, a Mina i conti non tornano proprio. Cosí, con l’aiuto dell’innamoratissimo Mimmo Gammardella, il ginecologo piú bello dell’universo, e a dispetto del suo caustico ex marito, il magistrato Claudio De Carolis, decide di indagare. Solo che deve stare attenta, perché di mezzo, in questa vicenda, ci sono parecchie sirene, e le sirene, si sa, incantano. Per fortuna, a far da guida tra inganni e malintesi, c’è la Signora, straordinario personaggio che attraversa tutto il romanzo, una delle invenzioni piú poetiche nate dalla fantasia di Maurizio de Giovanni.

«Una delle croci che la dottoressa Settembre Gelsomina doveva trasportare in cima al monte era senz’altro il tragitto per arrivare al Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest, dove impavida e sprezzante del pericolo prestava il proprio servizio in qualità di assistente sociale. Il motivo principale era che non aveva le physique du rôle. La realtà era che Mina aveva un’anima e una mente rinchiuse, per un qualche errore di fabbrica o per la divertita perfidia del Celeste Architetto, nell’involucro sbagliato. Passione civile, istanze sociali, un senso della giustizia che rasentava l’ossessione, una determinazione feroce a osteggiare qualsiasi sopruso; e un corpo e un viso di fronte ai quali si scatenavano i piú bassi istinti, e che non accennavano, nonostante il passare degli anni, a sottostare alla legge di gravità.»

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Una Sirena a Settembre Maurizio De Giovanni Einaudi 18,50
3 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
4 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
7 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
8 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90
9 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
10 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00 *

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

RIME DI RABBIA di Bruno Tognolini

RIME DI RABBIA“Rime di rabbia” di Bruno Tognolini (Salani Editore)

* * *

di Helena Molinari

Ci sono libri indispensabili.
Ogni lettore ha i suoi “classici” non ascrivibili necessariamente a generi letterari cosiddetti o ai “classici medesimi”.
Ci sono anche libri apparentemente riconducibili solo a una fascia d’età, in verità palesemente condivisibili da tutti.
È il caso del libro “tra cielo e terra” del mese di luglio; con il quale voglio augurarvi un proseguimento sereno d’estate, rinnovando il nostro consueto appuntamento mensile qui su Letteratitudine a settembre. Leggi tutto…

ADDIO A LUISA ADORNO

Luisa Adorno È morta la scrittrice Luisa Adorno, pseudonimo di Mila Curradi (Pisa, 2 agosto 1921 – Roma, 12 luglio 2021). Avrebbe compiuto cent’anni il 2 agosto.

Quasi tutte le opere di Luisa Adorno sono pubblicate dall’editore Sellerio

* * *

Luisa Adorno ha esercitato per tutta la vita la professione di insegnante in scuole medie e superiori. Ha collaborato con le riviste Il Mondo di Mario Pannunzio, Paragone, L’indice dei libri del mese, Abitare, Italianieuropei.

Si è distinta nel tempo per la partecipazione a numerose attività culturali: come testimone al convegno 100 anni di scrittrici, 100 libri di donne (assieme a Dacia Maraini, Fernanda Pivano, Inge Feltrinelli, Elvira Sellerio, Salone del libro di Torino 16-21 maggio 1996), come giudice nella commissione del Premio letterario Brancati-Zafferana su Letteratura e Resistenza (21-24 settembre 2005), come vicepresidente dell’Associazione amici di Leonardo Sciascia, come traduttrice – assieme a Jyrina Štastnà – del romanzo di Helena Šmahelova La fermata del treno dei boschi e come scrittrice nell’incontro alla Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia intitolato Le Storie salvano la vita? (3 luglio 2007). Leggi tutto…

SILVIA AVALLONE vince il Premio Benedetto Croce per la narrativa con il romanzo “Un’amicizia” (Rizzoli)

Premio Benedetto Croce per la narrativa 2021: vincono Silvia Avallone con “Un’amicizia” (Rizzoli) per la narrativa; Paolo D’Angelo con “La tirannia delle emozioni” (il Mulino) per la saggistica; Antonio Polito con “Le regole del cammino” (Marsilio) per la letteratura giornalistica

 

[Ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “Un’amicizia” (Rizzoli): Silvia Avallone in conversazione con Massimo Maugeri]

Leggi tutto…

MORTE SUL VULCANO di Vincent Spasaro: incontro con l’autore

“Morte sul vulcano” di Vincent Spasaro (Newton Compton): incontro con l’autore e un brano estratto dal romanzo

* * *

Vincent Spasaro è nato a Roma nel 1972. Si considera calabrese, ha vissuto in varie parti d’Italia e attualmente abita a Reggio Emilia. Ha pubblicato il thriller gotico “Assedio” (Mondadori) e il dark fantasy “Il demone sterminatore” (Anordest). “Morte sul Vulcano” è la sua prima opera per Newton Compton Editori ed è un romanzo di formazione che mescola giallo e thriller.
Gli abbiamo chiesto di parlarci della sua nuova fatica.

«Ho scritto il romanzo avendo in mente questa domanda: come si troverebbe un ragazzino di città, un luogo in cui si rimanda più possibile l’adolescenza, la crudezza e il dolore della vita, se venisse a contatto con la morte in una realtà remota come un’isola senz’acqua corrente, senza strade e senza elettricità quale era Stromboli fino a pochi anni fa? “Morte sul Vulcano” è la risposta. Leggi tutto…

Premio letterario Città di Erice 2021: vince Tea Ranno

È Tea Ranno la vincitrice del Premio letterario Città di Erice 2021, con il suo romanzo “Terramarina” (Mondadori). La premiazione, il 29 agosto a Erice

 * * *

I nostri approfondimenti:

La recensione del romanzo, firmata da Emma Di Rao

Tea Ranno, con “Terramarina”, ospite del programma radiofonico curato e condotto da Massimo Maugeri

* * *

Tea Ranno con il suo romanzo “Terramarina“, edito da Mondadori, si aggiudica il premio letterario Città di Erice 2021.
A decretare la vittoria è stata la giuria di qualità del premio composta da Santo Piazzese (Presidente), da Daria Galateria, da Renato Lo Schiavo e dai vincitori delle due precedenti edizioni del premio: Mario D’Angelo vincitore nel 2019; Simona Lo Iacono, vincitrice del Premio nel 2020. Leggi tutto…

DATI EDITORIA – cresce il mercato del libro nel primo semestre dell’anno: + 44%

Cresce il mercato del libro nei primi sei mesi dell’anno: + 44% a copie e + 42% a valore. La crescita è confermata anche rispetto al 2019

 

 * * *

Cresce il mercato del libro nei primi sei mesi dell’anno. E cresce in tutti i canali di vendita, con qualche difficoltà ancora per la grande distribuzione organizzata, e in tutti i generi.

Secondo l’analisi dell’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su dati NielsenIQ, nel periodo di riferimento (4 gennaio-20 giugno) sono stati venduti nei canali trade (ovvero nelle librerie, online e fisiche, e nella grande distribuzione, esclusa la scolastica) ben 15 milioni di copie di libri a stampa in più (+44%) rispetto al 2020. Ancor più significativa è la crescita rispetto al 2019 (al netto quindi degli effetti della pandemia): si sono venduti 11milioni di copie di libri in più (+31%). Tali vendite hanno generato per la filiera oltre 207 milioni di euro in più rispetto al 2020 (+42%) e 156 milioni in più rispetto al 2019 (+28%), portando il mercato del libro di questi primi sei mesi a un valore complessivo di 698milioni di euro. Leggi tutto…

CASTROREALE MYSTERY FESTIVAL 2021: incontro con Cristina Marra

Intervista a Cristina Marra, direttrice e conduttrice del Castroreale Mystery Festival

 * * *

di Eliana Camaioni

Si è da poco chiusa, con grande successo di pubblico, la seconda edizione del Castroreale Mystery Festival, condotta e diretta da Cristina Marra (nella foto accanto). Tre serate dedicate al mistero, ai romanzi gialli e non solo, patrocinata dal Comune e dalla pro loco di Castroreale.
Abbiamo intervistato Cristina Marra, a Festival concluso.

– Tre serate dedicate al mistero. Ce le racconti?
Sì sono state tre giornate dedicate al mistero, a partire da quello dei luoghi, dei libri, dell’animo umano, misteri che ci coinvolgono e di cui siamo anche protagonisti. Sono stati tre pomeriggi in cui i libri hanno incontrato la musica, i profumi, i fumetti in una mescolanza di talenti ed eccellenze. Abbiamo inaugurato venerdi 2 luglio la prima giornata di questa seconda edizione (la prima in presenza) del festival con un incontro dedicato ai bambini col racconto teatralizzato dedicato ai misteri di Castroreale dell’attrice Nunzia Lo Presti e poi un’accoppiata inedita, il direttore creativo di Eoliparfums Olga Iossa insieme allo scrittore Diego Lama autore del giallo “Tutti si muore da soli” e poi ancora l’intervista in diretta streaming col maestro del thriller psicologico Wulf Dorn. Piazza Pertini, la sede della manifestazione è stata gremita dal pubblico e non ti nascondo che rifare incontri col pubblico partecipe e con cui puoi condividere emozioni e sorrisi è stato bellissimo. Leggi tutto…

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma 2021

Dal 21 al 25 luglio torna “LETTERATURE Festival Internazionale di Roma” – XX edizione – “Leggere il mondo” – Stadio Palatino. Tra gli ospiti: Jonathan Coe, Cristina Morales, Aixa de la Cruz, Carmen Maria Machado, Patrick McGrath, Gianrico Carofiglio, Jhumpa Lahiri, Roberto Saviano, Muriel Barbery, Erri De Luca, Stefano Massini ed Emanuele Trevi vincitore del Premio Strega 2021

* * *

LETTERATURE – Festival Internazionale di Roma, storica manifestazione della Capitale a cura dell’Istituzione Biblioteche di Roma, promossa da Roma Culture, evento che fa parte del programma dell’Estate Romana 2021, organizzata da Zètema Progetto Cultura in collaborazione con Institut français, American Academy e British Council, con il patrocinio della SIAE, radio partner Dimensione Suono Soft, torna per la sua Ventesima edizione nella splendida cornice dello Stadio Palatino.

Cinque serate, a cura di Andrea Cusumano e Lea Iandiorio, con la regia di Fabrizio Arcuri in cui verrà declinato il tema “Leggere il mondo” grazie a poeti e scrittori e tante altre voci, non solo della letteratura e della poesia, che si esprimeranno su questo argomento, portando la loro esperienza e la loro interpretazione sul tema. Leggi tutto…

Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” di Milo 2021

Dal 27 luglio a Milo, atteso protagonista il XV Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco”, conducono Mimì Scalia e Mario Incudine.

Premiati l’attore Gino Astorina, al quale andrà il ‘Premio alla carriera’ e, per il ‘Momento Letterario’, lo scrittore Massimo Maugeri

Mimì Scalia: “Le compagnie in gara si contenderanno il favore del pubblico, sarà il pubblico, anche quest’anno, eccezionalmente, a scegliere i vincitori”.

  * * *

Milo – Da martedì 27 luglio, nella splendida Milo, in un clima effervescente di fiduciosa ripresa, prenderà il via il XV Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla Presidenza dell’ARS e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo. Leggi tutto…

EFFETTI COLLATERALI di Rosario Russo: intervista all’autore

“Effetti collaterali. Sei racconti di genere in Sicilia” di Rosario Russo (Algra)

* * *

di Eliana Camaioni

Ha un attacco dissacrante, che ammicca all’autoironia, “Effetti collaterali” di Rosario Russo (Algra), raccolta di racconti interamente ambientata in quella Sicilia in cui l’autore è nato.
Il genere spazia dal giallo al noir, anche se è improprio ridurre i sei racconti a due sole categorie: Rosario Russo ci accompagna in un viaggio che ha il sapore del mito e della letteratura, con un omaggio a Verga e ai contemporanei e alla città di Acireale vissuta nei vicoli e negli scorci meno usuali; un percorso che ha il fuoco della gelosia e l’odore acre della mafia e delle sue logiche spietate, le strade assolate di Catania e le spiagge segrete di notte sulle quali si consumano amori clandestini.

-Così come “Quattordici spine”, anche “Effetti collaterali” non è soltanto ambientato in Sicilia, ma la celebra in ogni suo aspetto, sposando le luci alle ombre. E’ una scelta precisa, la tua, a quanto pare.
Sì, esatto. Bufalino, grande conoscitore della Sicilia, parlava di un’“Isola plurale”, una terra che soffre di un eccesso di identità dove tutto “è una mischia di lutto e di luce”. L’Isola da cartolina, dunque, si scontra ogni giorno con l’isola del malaffare, delle azioni scellerate, dello splendore offuscato. È proprio vero: ci appelliamo all’opera di Dio – la bellezza della Sicilia, il clima della Sicilia, l’unicità della Sicilia – per dimenticare l’opera dell’uomo. Leggi tutto…

PREMIO STREGA 2021: vince Emanuele Trevi con “Due vite” (Neri Pozza)

È Emanuele Trevi il vincitore dell’edizione 2021 del Premio Strega con il suo libro “Due vite” (Neri Pozza). Su LetteratitudineBlog l’intervista radiofonica a Emanuele Trevi (in conversazione con Massimo Maugeri)

* * *

* * *

 * * *

Concluso lo spoglio della seconda e ultima votazione del Premio Strega, è stato proclamato Emanuele Trevi, con il romanzo Due vite (Neri Pozza), vincitore della LXXV edizione. Il premio è stato consegnato da Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento.

Rispettando le attuali prescrizioni governative in materia di distanziamento fisico, la serata finale non si è potuta svolgere alla presenza del pubblico consueto, composto dall’ampia giuria del premio e dagli altrettanto numerosi appassionati che ogni anno intervengono a Villa Giulia. La serata è stata trasmessa in diretta televisiva da Rai Tre, per la conduzione di Geppi Cucciari.

Sandro Veronesi, vincitore del Premio Strega 2020, ha presieduto il seggio di voto. Leggi tutto…

Alessandria, Lectio di Vittorio Sgarbi per la restaurazione della Chiesa di San Francesco, 13 luglio

Lectio su San Francesco di Vittorio Sgarbi in occasione del restauro della Chiesa omonima e degli affreschi risalenti al 1200 rinvenuti nell’ex Complesso di San Francesco, oggi destinato a Museo, che ospiterà le collezioni storico-artistiche e archeologiche della Città

Nella tappa alessandrina de La Milanesiana di martedì 13 luglio, nei luoghi dove passò il Santo Leggi tutto…

Categorie:Annunci