Home > Recensioni > GREMBO DI VERSI, di Cetta Lentinello

GREMBO DI VERSI, di Cetta Lentinello

aprile 1, 2012

La giovane poetessa Cetta Lentinello, ha vinto l’edizione 2011-2012 del concorso “Libri di-versi in diversi libri“, organizzata dalla Libreria Editrice Urso in memoria di Carmela Monteleone. Da qui, la pubblicazione del volume Grembo di versi

di Cetta Lentinello

Copertina LentinelloSono nata a Modica il 26 marzo 1986 e vivo da sempre a Portopalo di Capo Passero. Ho frequentato il liceo classico statale “Gaetano Curcio” presso la città di Ispica.
Dopo il conseguimento del diploma ho intrapreso, esclusivamente per passione e senza contare troppo sugli sbocchi lavorativi, gli studi umanistici.
Oggi studio presso la facoltà di Lettere Moderne dell’Università di Catania. Tra i miei interessi ho sempre coltivato la lettura e tra i miei sogni “adulti” la scrittura. Negata e inadatta a qualunque tipo di relazione con carta e penna, sin dalla più tenera età, ne scopro la devozione solo grazie alla mia professoressa di lettere Maria Micalef, durante gli anni della scuola media.
A lei mi lega, ancora oggi, un rapporto di grande affetto e stima reciproca. Eternamente grata ai suoi insegnamenti e ai suoi “trucchi del mestiere” inizio ad appassionarmi prima alla scrittura prettamente scolastica per poi sancire il mio più intimo legame col mistico mondo della scrittura poetica.
In verità l’iniziazione ad essa nasce dalla contaminazione dell’animo dovuta ai versi di Umberto Saba, Guido Gozzano e di Alda Merini. Scopro di amare la scrittura dei poeti che con veraci e frettolosi versi intrappolano tragedie folli di vite umane.
Così la mia penna comincia a muoversi nell’universo della scrittura per imparare ad ascoltare il ritmo della poesia. Ho iniziato partecipando, circa quattro anni fa, ad un concorso letterario indetto dalla mia facoltà: “Raccontare il monastero”.
In quell’occasione ho avuto modo di confrontarmi con il mondo del racconto fatto degli intrecci mentali più stravaganti. Ho potuto, quindi, sperimentare un tipo di scrittura narrativa intrisa, lievemente, di brezza poetica.
Ho, poi, continuato a scrivere in forma esclusivamente privata fino a che non mi è stato chiesto di elaborare la presentazione del libro-saggio “Essere Donna” dal suo stesso autore alias il dottor Davide Cammisuli.
In questo mio primo lavoro”scientifico” ho cercato, comunque, di cogliere gli aspetti più “letterari” della psicologia femminile. Infine ho da poco concluso un’interessante esperienza di scrittura a più mani per un esame universitario e il piccolo racconto vincitore che ne è venuto fuori è stato proprio il mio: “ Il profumo di lavanda”.
In attesa di nuove ispirazioni ecco, intanto, la mia prima vera raccolta poetica. Buone emozioni!

© Letteratitudine

Categorie:Recensioni
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: