Home > Articoli e varie, Eventi > TIMOR SACRO al Salone del libro di Torino

TIMOR SACRO al Salone del libro di Torino

maggio 4, 2012

Timor sacro” di Stefano Pirandello, edito da Bompiani, sarà presentato al Salone del Libro di Torino, nello stand della Regione Siciliana, sabato 12 maggio, alle ore 19.  Intervengono Giovanni Tesio (ordinario di Letteratura Italiana e collaboratore de  “La Stampa”) e la curatrice Sarah Zappulla Muscarà. Saranno proiettate anche foto di Stefano e della famiglia Pirandello.

* * *

di Massimo Maugeri

Nei mesi scorsi mi sono occupato con particolare cura di questo romanzo di Stefano Pirandello (figlio primogenito di Luigi) … e sono molto lieto del suo “approdo” al Salone del libro di Torino.  Come ho già avuto modo di scrivere altrove, “Timor sacro” può essere considerato come il lavoro di tutta una vita di Stefano Pirandello, cominciato negli anni Venti e riveduto più volte fino alla scomparsa dell’autore (avvenuta a Roma il 5 febbraio 1972). Un romanzo che vede la luce grazie all’impegno editoriale della Bompiani e alla cura dell’ordinario di Letteratura Italiana nell’Università di Catania Sarah Zappulla Muscarà (che ha già avuto il merito di dare nuovo lustro alle opere di Giuseppe Bonaviri, Ercole Patti e Sebastiano Addamo). Un romanzo che potrebbe definirsi “metanarrativo” giacché il protagonista è uno scrittore (Simone Gei, che può esser visto come alter ego dell’autore) alle prese con la stesura di un’opera di esaltazione del fascismo. Nella narrazione, la storia di Gei si alterna a quella dell’albanese Selikdàr Vrioni, sfuggito alle arcaiche leggi di vendetta privata della sua stirpe.

Sono molteplici gli elementi di interesse di quest’opera. Tra questi, come già accennato, l’aspetto metaletterario (“Timor sacro” è un romanzo sulla genesi del romanzo, dunque un metaromanzo), ma anche la natura autobiografica e i riferimenti – sebbene mascherati e trasfigurati – ai componenti della tormentata famiglia Pirandello (il padre Luigi, la madre Maria Antonietta Potulano, i fratelli Fausto e Lietta), agli amici più intimi di Luigi e di Stefano e a varie personalità di quegli anni. Non è difficile riconoscere tra le righe del libro letterati del calibro di Corrado Alvaro, Corrado Pavolini, Massimo Bontempelli, o politici come Ciano e Bottai, o scrittori come D’Annunzio, Malaparte, Alberto Savinio, Silvio D’Amico. Ma da “Timor sacro” emergono anche i risvolti inevitabili di un’epoca: la proclamazione dell’impero, la pena di morte, la figura del Boia, le leggi razziali. Su tutto, si erge il forte legame con il padre. Un legame che è totale, ma al tempo stesso tormentato. Amoroso, eppure tirannico. Non vanno peraltro dimenticati i numerosi richiami alla contemporaneità. A titolo di esempio, e con riferimento alle celebrazioni del 150° anniversario dell’unità d’Italia e all’esaltazione della bellezza artistica e culturale del nostro paese, va senz’altro ricordato l’episodio in cui l’albanese Selikdàr contempla nella Galleria Borghese le suggestioni coloristiche del quadro di Tiziano, “Amor sacro e amor profano”.
“Romanzo pericoloso e di tutta una vita, l’inedito Timor sacro”, – scrive nella prefazione Sarah Zappulla Muscarà – “erudito, alchemico, cui compete la dimensione dell’immaginario, come vuole Milan Kundera, ma pure della realtà, talora tragica, inesorabilmente violentata e compassionevolmente stravolta”. Romanzo che, prosegue poco dopo la Muscarà, “dell’itinerario esistenziale di Stefano ripercorre le tappe fondamentali. L’entusiasmo irredentista, la partenza per il fronte, la dura cattività, la beffa risorgimentale, il non facile reinserimento del reduce, la vicenda amorosa, l’emancipazione dal padre, la scelta definitiva dell’arte”.
Diversi, dunque, i motivi per leggere “Timor sacro”. E il fatto che questo romanzo raggiunga la pubblicazione dopo quasi quarant’anni dalla morte del suo autore, conferma la veridicità del titolo dell’ultimo intenso capitolo dell’opera: “Il libro traversa la vita e va oltre”.

Approfondimenti:

– il dibattito su Letteratitudine

– la puntata radiofonica di Letteratitudine in Fm su “Timor sacro”, con la partecipazione di Sarah Zappulla Muscarà

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: