Archivio

Archive for luglio 2012

MARCOS Y MARCOS TRASLOCA TRA… I FRIGORIFERI

di Massimo Maugeri

La casa editrice Marcos y Marcos, di recente, ha cavalcato le zone altissime delle classifiche dei libri più venduti grazie al grande successo del romanzo di Fulvio Ervas: “Se ti abbraccio non aver paura” (quindici settimane nella classifica generale dei dieci titoli più venduti in Italia, al terzo posto della narrativa italiana): la storia vera di Franco e del figlio Andrea (malato di autismo) e del loro viaggio in sella a una moto tra le strade americane fino alle foreste del Guatemala…

Adesso, la Marcos y Marcos dà l’annuncio del trasferimento della sua sede all’interno del complesso dei Frigoriferi Milanesi (sito a Milano, in via Piranesi 10).
“È un passo importante per noi”, dicono gli editori, “perché non solo avremo molto più spazio a disposizione, ma entriamo anche a far parte di un luogo insolitamente favorevole allo scambio, per una città severa come Milano: una sorta di “condominio della cultura” dove si restaurano telescopi, un’orchestra si trova a provare ogni martedì, si ospitano artisti e mostre d’arte, si insegna psicoterapia, si degustano gli olii e i vini di Slow Food… Leggi tutto…

Categorie:Articoli e varie

FESTIVAL Nazionale Teatro di GIOIA: 6 agosto – 22 settembre

Mercoledì 25 luglio 2012, presso la sede della Regione Abruzzo, sita in Via Piave 8, Roma, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della XII EDIZIONE del FESTIVAL Nazionale Teatro di GIOIA, che si svolgerà dal 6 agosto al 22 settembre con spettacoli itineranti in vari paesi della Marsica – AQ.
Sono intervenuti Dacia Maraini (direttrice artistica del festival) Paolo Di Paolo, Pamela Villoresi, Piera Degli Esposti, Duccio Camerini.
Tanti complimenti e i classici “in bocca al lupo” all’amica Dacia Maraini e a tutto lo staff di questa splendida manifestazione teatrale.
Massimo Maugeri

* * *

Il teatro nel parco, dove la natura è spettacolo…

di Dacia Maraini

“Anche quest’anno, nonostante le enormi difficoltà economiche, siamo qui, col nostro ottimismo, la nostra passione per il teatro, il nostro volontariato, a proporre la dodicesima edizione del Festival Teatro di Gioia.
La novità del 2012 sarà che il festival girerà per la Marsica, sarà itinerante, coinvolgerà i paesi di Villetta Barrea, Opi, Cocullo, Borgo di Gioia Vecchio, Gioia dei Marsi, Ortona, Celano, Civitella Alfedena, Scanno, Ortucchio e Pescina. Leggi tutto…

Giulio Mozzi chiede… un ricordo d’infanzia

Nei giorni scorsi Giulio Mozzi ha lanciato un’idea letteraria/editoriale sul suo sito Vibrisse: costruire un libro basato sui ricordi d’infanzia. La proposta ha già riscosso parecchio successo, dal momento che sono pervenuti (al momento) ben 250 contributi.
Ecco, per chi volesse partecipare,  il testo del post intitolato Il ricordo d’infanzia: un libro da fare” pubblicato su Vibrisse il 12 luglio 2012.
Avete ricordi d’infanzia che vi piacerebbe condividere?
Partecipate!
Massimo Maugeri

* * *

una proposta di Giulio Mozzi

Ho voglia di fare un libro. La voglia di fare questo libro mi è venuta leggendo altri libri.

Il titolo del libro da fare è: Il ricordo d’infanzia.

[Aggiornamenti successivi]

Vorrei raccogliere cento, mille, duemila ricordi d’infanzia. Non necessariamente primi ricordi d’infanzia. Ricordi di quando avevamo non più di otto anni. Ricordi, se possibile, autentici: cioè proprio ricordi personali, non ricordi attivati da racconti e rievocazioni di genitori e parenti. Non necessariamente, peraltro, ricordi “veri” nel senso comune della parola: la memoria dell’infanzia è piena di fantasie, sogni, immaginazioni – che non sapevamo allora, né sapremmo adesso, distinguere da ciò che ora, da adulti, consideriamo “vero”.

Vorrei che questi cento, mille, duemila ricordi d’infanzia fossero scritti tutti nello stesso modo:
– brevemente, da una sola riga a non più di una decina,
– al tempo presente (presente storico),
– con all’inizio brevi indicazioni di luogo («Sottomarina», «Casa della nonna» ecc.) e di tempo (sia oggettive, come «Settembre 1963», sia soggettive, come «Primo anno di scuola materna», ecc.),
– con una scrittura semplice semplice, il più possibile priva di effetti («Sottomarina. Faccio la prima elementare. Un compagno di classe mi sfida ad arrampicarmi su un muretto. Ci provo. Cado sulla schiena. Mi manca il fiato. Quando riesco a rialzarmi, il compagno di classe è scappato»),
– come se, insomma, questi ricordi d’infanzia fossero (fossero leggibili come) i ricordi di una sola persona dall’infanzia enorme, smisurata, infinita.

Perché ho voglia di fare questo libro? Leggi tutto…

Riorganizzazione editoriale in casa Garzanti

Pubblico questo comunicato inviatomi dall’editore Garzanti.
Massimo Maugeri

* * *

Riorganizzazione editoriale in casa Garzanti libri

Oliviero Ponte di Pino ha dato le dimissioni da Garzanti Libri s.p.a.
La casa editrice lo ringrazia per più di venti anni di intelligenza, competenza e lavoro di qualità. Gli succederà in tempi da definirsi tenendo conto delle esigenze degli autori, sempre prioritarie per le case editrici e per la programmazione culturale, Paolo Zaninoni, 51 anni, studi in Filologia classica a Pisa, Parigi e Berkeley. Prime esperienze in Guanda, passato poi alla Sonzogno, in RCS dal 1991 e dal 2003 Direttore editoriale di Rizzoli e Bur. E’ anche direttore dell’edizione italiana di Granta.
Contestualmente Elisabetta Migliavada, già direttore della narrativa straniera Garzanti assumerà anche la direzione della narrativa Italiana.
La casa editrice consapevole del valore e delle qualità delle persone sopra menzionate augura a tutti un futuro di soddisfazioni professionali e intellettuali.
Negli ultimi 10 anni la casa editrice ha avuto in libreria una crescita del 150% e confidiamo che continuerà a trovare nuove opere capaci di rinnovare il panorama culturale del Paese e conquistare nuovi lettori ancora nei prossimi anni mantenendo un ruolo di riferimento per la cultura e per i librai. Amplierà anche le esplorazioni verso il digitale dove ha sperimentato con successo alcune app, tra le quali si sottolinea il successo di Timeline, e proseguendo nella conversione in ebook del suo catalogo e delle sue novità già presenti in più di 30 negozi on line nazionali e multinazionali e il recente lancio dei gbook delle Garzantine, testi autorevoli e concisi per soddisfare rapidamente esigenze informative
specifiche.

Segue lo schema riassuntivo della struttura editoriale del Gruppo Editoriale Mauri Spagnol, di cui Garzanti Libri fa parte… Leggi tutto…

Categorie:Articoli e varie Tag:

Esperienze di scrittura: Incipit

Esperienze di scrittura: Incipit. Inkwell editore

di Simona Lo Iacono

Si scrive per dimenticare la morte, per superare il dolore, per dirsi addio, per sfiorare la bellezza del mondo.
O anche per vivere, perché la parola è l’atto vitale per eccellenza, un suono o un segno che – se pronunziato – ha il potere di creare.
La scrittura ci immette insomma nel mistero di noi stessi, e svela il bisogno di trascendenza che celiamo dietro altre scelte, la nostra radice spirituale.
Ecco perché un laboratorio di scrittura non è mai solo l’apprendimento di un’arte, ma uno strumento collettivo per cercarsi, in sé, nell’altro, o anche nell’oltre che noi tutti siamo.
Ne è un felice esempio quello di Francesco Russo, tenutosi presso la libreria Mondadori di Catania. Un lavorare non solo sulle parole, ma sul loro vibrante segreto- essere una chiave d’accesso all’inesplorato.
Francesco Russo (http://francescorusso.org/ ) è scrittore, giornalista, sceneggiatore. Riunisce un drappello di sognatori fedeli, un’armata di narratori, penne in mano, carta in pugno, che lezione dopo lezione scopre la necessità di parlare della vita, della felicità, del dolore, dell’amore.
Se gli si domanda in che cosa consista l’esperienza del laboratorio non ha dubbi: “Far sognare, dando la possibilità a ognuno di conoscere se stesso e di farsi conoscere agli altri. La scrittura è una forma di condivisione”.
In effetti la scrittura non approda sempre a risposte. Ma propone domande, interroga ed educa lo sguardo a tagliare l’apparenza, a cogliere le soglie tra bene e male, a sfaldare la precarietà dell’esistenza con le parole.
Gli allievi sondano quindi non solo una tecnica ma un modo di vedere le cose, e – quando scrivono il proprio racconto – hanno infine sancito la necessità di questo nuovo richiamo, di questo anelito di pienezza.
L’esperienza è adesso confluita in un libro che ne raccoglie il lavoro (“Incipit”, Inkwell editore), e che lascia traccia di un viaggio non solo tra le righe ma anche tra le pieghe dell’anima.
Tra i vari partecipanti chiedo dunque ad Alessandra Leone (laureanda in lettere ed aspirante giornalista):

– Qual è il percorso che avete seguito? Leggi tutto…

A Simona Lo Iacono, Carmen Failla e Donatella Finocchiaro il Premio Ninfa Galatea 2012

Lo Iacono, Finocchiaro e Failla, vincitrici della VI edizione del Premio “Ninfa Galatea Lido dei Ciclopi” di Acitrezza

Presso il Piccolo Refettorio della Biblioteca “Ursino Recupero” diretta da Rita Carbonaro, ha avuto luogo la conferenza stampa di presentazione della VI edizione del Premio “Ninfa Galatea Lido dei Ciclopi”, nel corso della quale sono stati resi noti i nomi dei premiati e il programma della manifestazione che sì terra venerdì 27 luglio, alle 19.30, al Lido dei Ciclopi di Acitrezza, bene ambientale confiscato alla mafia e gestito dallo Stato tramite un amministratore finanziario, il dott. Giuseppe Giuffrida, avrà luogo la cerimonia di premiazione della VI edizione del “Ninfa Galatea Lido dei Ciclopi”, premio ideato e promosso da Enzo Zappulla, presidente dell’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano.
La giuria, composta da Gabriella Alfieri, Fulvia Caffo, Rita Cinquegrana Gari, Elena Ciravolo, Sarah Zappulla Muscarà, ha assegnato quest’anno il Premio per la letteratura alla scrittrice-magistrato Simona Lo Iacono, per il romanzo “Stasera Anna dorme presto” (ed. Cavallo di ferro); per la musica a Carmen Failla, per il cinema a Donatella Finocchiaro. Valentina Ferrante leggerà brani del romanzo premiato che sarà sorteggiato fra i presenti. La manifestazione, condotta da Anna Pavone, sarà aperta dall’intervento di Giovanni Salvi (Procuratore capo della Repubblica presso il Tribunale di Catania) sul tema “Ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nel ventennale delle stragi”. Inoltre la serata sarà arricchita di interventi musicali, proiezioni e spazio anche all’“IsolaPoesia” con Tiziano Broggiato, Yolanda Castaño, Fabrizio Dall’Aglio, Lina Maria Ugolini. Fra gli obiettivi del Premio, diffondere la cultura della legalità, mediante la promozione del libro e della lettura, e valorizzare uno degli scorci più suggestivi della Riviera Ionica, lo storico Lido dei Ciclopi, nella seconda metà del secolo scorso luogo di ritrovo dei maggiori artisti. Leggi tutto…

GRAZIE, PAOLO…