Archive

Archive for settembre 2012

NON LASCIAR MAI CHE TI VEDANO PIANGERE, di Amir Valle

NON LASCIAR MAI CHE TI VEDANO PIANGERE, di Amir Valle
Anordest, 2012 – pagg. 288 – euro 15 – traduz. di Giovanni Agnoloni

Sabato 29 settembre, a Ravenna, in Piazza del Popolo, lo scrittore cubano Amir Valle, presenta il suo romanzo ‘Non lasciar mai che ti vedano piangere’ (Ed. Anordest)

Amir Valle è un esule cubano e vive a Berlino. Scrittore, critico letterario e noto giornalista, è considerato una delle voci fondamentali della narrativa contemporanea latino-americana. La sua opera è stata elogiata da scrittori come Manuel Vázquez Montalbán e i premi Nobel per la Letteratura Gunter Grass e Mario Vargas Llosa. Vincitore di importanti premi letterari internazionali come il Premio Internazionale Mario Vargas Llosa, il Premio Internazionale Rodolfo Walsh per il miglior libro al mondo in lingua spagnola e il Premio Internazionale di romanzi noir di Carmona, Premio Novelpol per il miglior romanzo noir pubblicato in Spagna. La casa editrice più importante in Spagna, Planeta, publicó Jineteras (2006), considerato dalla critica il miglior bestseller underground della letteratura cubana degli ultimi cinquant’anni.

Per le edizioni Anordest (collana Célebres Inéditos, diretta da Gordiano Lupi), Amir Valle (nella foto accanto) ha pubblicato “Non lasciar mai che ti vedano piangere” (traduzione di Giovanni Agnoloni), un romanzo d’impatto, che intreccia tra loro i destini di personaggi che hanno segnato il Novecento. Su tutti, Charles Chaplin, al centro di intrighi politici e sconcertanti coincidenze storiche: un rapimento ordinato da Hitler nel 1941, dopo aver visto “Il grande dittatore”; un tentato sequestro dell’attore insieme a Marylin Monroe e Joe Dimaggio, ordito da Ernesto Guevara nel 1952; il trafugamento del cadavere di Chaplin da parte di un gruppo di estrema destra, nel 1978. Leggi tutto…

PREMIO BRANCATI 2012: vincono La Capria, Raffaeli e De Signoribus

Eugenio De Signoribus con “Trinita’ dell’esodo” (Garzanti) per la poesia, Massimo Raffaeli con “Band a’ part” (Gaffi) per la saggistica e Raffaele La Capria (nella foto) con “Esercizi superficiali” (Mondadori) per la narrativa: sono questi i vincitori del Premio Brancati 2012. La cerimonia di premiazione ha avuto luogo  a Zafferana Etnea (Catania) domenica 23 settembre, alle ore 20, nella Sala Consiliare di via Garibaldi 317.
Un premio speciale è stato’ assegnato ad Angela Bonanno per “Antologia della malata felice” (Forme libere), segnalata dalla giuria presieduta dal sindaco Alfio Russo e composta da Luisa Adorno, Rosaria Barbagallo, Maurizio Cucchi, Antonio Di Mauro, Giorgio Ficara, Simonetta Fiori, Stefano Giovanardi, Piero Isgro’ e Salvatore Scalia.
Leggi tutto…

VETRINE LETTERARIE 2012

Si è concluso sabato 22 settembre a Giardini Naxos il primo concorso Vetrine Letterarie.

All’interno della manifestazione Naxoslegge (festival delle narrazioni, della lettura e del libro, ideato ed organizzato dall’Associazione Culturale “Le officine di Hermes”) è stata organizzata la prima edizione di Vetrine Letterarie, un progetto che ha coinvolto ventuno attività commerciali e altrettanti gruppi di artisti, scenografi e architetti che hanno realizzato ventuno vetrine ispirate a testi dei ”grandi” della letteratura siciliana (Pirandello, Brancati, Bufalino, Sciascia e Camilleri), ventuno installazioni originate dalla contaminazione tra arti visive e letteratura.
Il progetto, nato da un’idea-input della prof.ssa Fulvia Toscano (direttore artistico di Naxoslegge), ha preso vita grazie all’impegno delle architette Elena Arcidiacono, Odette Rigano, Concita Tiziana Androne e Maria Cirrincione (foto in basso).

Vetrine Letterarie nasce come volontà di creare un insolito “museo diffuso” in cui luoghi non avvezzi all’arte (le vetrine) ne diventano contenitori che, collegati da un filo invisibile, generano un percorso attraverso il quale “ il camminare” viene inteso come pratica estetica. 

Il percorso indica allo stesso tempo atto dell’attraversamento ma soprattutto racconto dello spazio

attraversato, il camminare si rivela quindi, proprio per la sua intrinseca caratteristica di simultanea lettura e scrittura dello spazio, lo strumento che si presta ad ascoltare ed interagire con la mutevolezza di questi spazi.

La risposta dei creativi è stata calorosa e professionale determinando un alto livello qualitativo per cui è stata travagliata la scelta dei vincitori.

Il Primo premio è andato a Mario D’Angelo con un’installazione ispirata al testo “L’amica delle mogli” di Luigi Pirandello realizzata nel negozio Greco Show Room. L’artista, con un gesto di forte solidarietà, ha deciso di devolvere il premio per la ricerca sulla talassemia. Il secondo premio è andato a Rosanna Barbagallo ispiratasi a “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello che ha esposto nel negozio Lotos Intimo. Il terzo premio ex aequo è andato a Ezio Scandurra con l’installazione basata sulla novella “La Trappola” di L. Pirandello (negozio Terra e Fuoco) e al gruppo Erika Allegra e Federica D’Angelo con “Una storia semplice” di L. Sciascia (negozio Tiffany Store).

Il premio della giuria popolare è stato attribuito al gruppo Erika Allegra e Federica D’Angelo.

L’organizzazione del concorso Vetrine Letterarie è stata possibile grazie agli sponsor, al contributo dei commercianti, al patrocinio morale dell’Ordine e della Fondazione degli Architetti P.P.C. di Catania e al patrocinio oneroso dell’Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori di Messina che ha supportato l’evento partecipando attivamente.

Seguono le foto delle vetrine vincitrici del concorso…

Leggi tutto…

XS, gli extra d’autore della Mondadori

Ha debuttato il 20 settembre la nuova collana digitale XS della Mondadori: testi brevi di grandi autori, esclusivamente in ebook.

Di seguito, in esclusiva per Letteratitudine, le prime pagine dei testi XS di Dacia Maraini e Alessandro Piperno

Un nuovo modo di leggere, veloce, diretto. Contenuti inediti o di anticipazione, fiction e non fiction, firmati dagli autori più noti e più apprezzati dal pubblico a garanzia di una qualità eccellente. Una piccola grande sfida per il mercato degli ebook: se le proposte di libri brevi non mancano, gli XS di Mondadori si caratterizzano per la scelta degli autori, delle storie o dei temi trattati, e vogliono proporsi come un think tank che suggerisca nuovi modi di vedere, leggere e affrontare la realtà.

Buona parte dei testi saranno inediti, ma non mancheranno le proposte che riprendono testi d’autore poco conosciuti o anticipano brani di libri di prossima uscita.

Già i 6 titoli di lancio della collana sono un mix dei diversi approcci: due inediti (Con Picasso incasso di Francesco Bonami e 2012 Ultime notizie dalla fine del mondo di Roberto Giacobbo), due apparsi su Nuovi Argomenti (Pastiche proustiano in salsa biancoceleste di Alessandro Piperno e Una suora siciliana di Dacia Maraini) e due teasing di libri di prossima uscita (E adesso facciamo il cinematografo! diFrancesco Rosi con Giuseppe Tornatore e Nashira, Nascita di una ribelle di Licia Troisi).

Leggi tutto…

Cu t’alliscia vol’u pilu? – di Mario Grasso

È appena uscito il nuovo  volume di Mario Grasso, il più recente di una serie di suoi libri dedicati ai proverbi e ai modi di dire siciliani. Il volume sarà presentato presso la ex Pescheria di via Calderai a Giarre (Ct), venerdì 28 settembre alle 18,00.
Il titolo del libro prende spunto da due modi di dire assai diffusi nella Sicilia jonico-etnea: “Cu t’alliscia voli ‘u pilu? Ah, sì! Acedd’i Puddu!” (Prova d’Autore, 2012).
L’incontro è curato dall’ass.ne Liberi e cittadini (arch. Salvo Patanè). Interverranno Dario Consoli, Renata GovernaliDaniela Saitta che ha curato anche la prefazione del libro (di seguito ne riportiamo un paio di stralci).
Tanti in bocca al lupo e complimenti a Mario Grasso per questa sua nuova avventura letteraria.
Massimo Maugeri

* * *

Cu alliscia, cu cutturia e cu si mangia a castagna

(*due estratti dalla prefazione)

Il titolo di questo libro farà arricciare il naso a molti, soprattutto agli esperti di marketing che lo giudicherebbero poco accattivante, ma d’altronde basterà leggere la biobibliografia di Mario Grasso per capire che le sue tante pubblicazioni, le quali spaziano dalla poesia alla narrativa, dalla saggistica al teatro, recano sempre in copertina provocazioni, ironie, malizie e sogni. Fu nel 1994 che l’Autore mise per la prima volta in volume i suoi studi e le sue conoscenze sulla paremiologia siciliana, con Lingua delle madri (ed. Prova d’Autore),seguito a distanza di undici anni da Cu t’inghitau? (Ibidem, 2005): quasi in un dialogo con se stesso, dopo la prima pubblicazione che non a caso ha un titolo in forma affermativa, Grasso si pone la prima domanda/dubbio sarcastica e pungente “Ma chi te l’ha fatto fare?”. Leggi tutto…

Bevilacqua e Camon vincono il premio Graziosi/Terra degli aironi

A Bevilacqua e Camon il premio Graziosi-Terra degli aironi

unico in Italia per la narrativa di pianura

In passato è stato vinto da Claudio Magris e Sebastiano Vassalli

Cerimonia sabato 29 settembre a Novara a 20 anni dalla morte dell’autore

di Una Topolino amaranto e Terra degli aironi ristampati da Interlinea

* * *

Su LetteratitudineBlog, il dibattito su La mia stirpe di Ferdinando Camon

* * *

Sono Alberto Bevilacqua, per la carriera, e Ferdinando Camon, per La mia stirpe edito da Garzanti, i vincitori del premio Dante Graziosi/Terra degli aironi di Novara, l’unico dedicato alla narrativa di pianura: la cerimonia, con i premiati presentati da Giovanni Tesio, è in programma sabato 29 settembre alle ore 17,30 al villaggio Novarello (Granozzo-Novara), sede dell’antico Mulino dove visse e ambientò molte sue opere il veterinario scrittore novarese Dante Graziosi, autori di libri di memoria della civiltà contadina come Una topolino amaranto e Terra degli aironi ora ristampati da Interlinea. Leggi tutto…

UNA GIORNATA CON TABUCCHI

Una giornata con Tabucchi
con un’intervista di Carlos Gumpert

Di Paolo, Maraini, Petri, Riccarelli

Cavallo di Ferro, 2012 – pagg.128 – € 12,90

In collegamento con il post/dibattito su Letteratitudine intitolato “Omaggio a Antonio Tabucchi

In omaggio allo scrittore che consideravano un maestro, Dacia Maraini, Paolo Di Paolo, Romana Petri e Ugo Riccarelli raccontano Antonio Tabucchi e il legame che con lui avevano attraverso racconti inediti, lettere, testi­monianze, conversazioni che confluiscono in questo volume pubblicato dalla casa editrice “Cavallo di Ferro”.
Qui di seguito, un’intervista curata da Simona Lo Iacono.

Massimo Maugeri

* * *

24 settembre 2012: Buon compleanno, Antonio Tabucchi.

di Simona Lo Iacono

L’aveva detto, che i fantasmi appaiono a mezzanotte, che rispondono ai richiami e agli appuntamenti.
Lui stesso, più di una volta, s’era messo ad aspettare l’ora di tutte le ore, quella che chiude e quella che apre, un’ora sulla soglia, proprio come la fine.
Che parola, poi, fine. Avrebbe di certo preferito “finale” e avrebbe aggiunto che non ne esiste mai uno definitivo, semmai una somma o una molteplicità, tutti aperti e possibili, e avrebbe riso, mentre lo sguardo gli andava inquieto sul sole di Lisbona, sulle sue malinconie.
E chissà. Per una volta sarebbe stato lui a convocare, a chiedere quello che chiedono tutte le ombre, un ricordo, un saluto, un bacio malfermo e trasognato in questa vita che lascia e ci lascia, un modo – in fondo – per sentirsi vivere ancora. Leggi tutto…