Home > Recensioni > LA NINFA INCOSTANTE di Guillermo Cabrera Infante

LA NINFA INCOSTANTE di Guillermo Cabrera Infante

novembre 14, 2012

LA NINFA INCOSTANTE di Guillermo Cabrera Infante

minimum fax, 2012 – Traduzione di Gordiano Lupi – Postfazione di Mario Vargas Llosa
pagg. 267 – euro 15

Il cubano Guillermo Cabrera Infante (1929-2005) è autore di classici della letteratura latinoamericana come Tre tristi tigri eL’Avana per un infante defunto, entrambi di prossima pubblicazione per SUR, che riproporrà anche il suo altro romanzo postumo Corpi divini. Come sceneggiatore ha adattato il capolavoro di Malcolm Lowry, Sotto il vulcano.

Per i tipi di minimum fax è appena stato pubblicato il romanzo postumo di Cabrera Infante intitolato “La ninfa incostante” (traduz. di Gordiano Lupi):

Estela Morris, la conturbante ninfa del titolo di questa storia nostalgica e spassosa, solare e rocambolesca, ha appena sedici anni quando il protagonista – alter ego dell’autore – la incontra sulla calle 23 dell’Avana, e si lascia trascinare in una relazione che dura solo un’estate ma gli resterà nel ricordo per sempre. Il romanzo è lo scanzonato ritratto di questa ragazzina capricciosa e irresistibile e una divertita rivisitazione delle più classiche storie d’amore letterarie; ma anche un omaggio alla Cuba del passato, «isola incantata» che non ha mai smesso di ispirare la vena più profonda di Cabrera Infante. Fra slanci lirici, calembour e gag comiche, il romanzo postumo di un grande narratore da riscoprire.
Con un saggio di Mario Vargas Llosa.

Un brano del libro è disponibile sul sito di minimum fax

© Letteratitudine

Segui Letteratitudine Radio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: