Home > Eventi > TRAMONTO DELL’OCCIDENTE? – Premio di Filosofia “Viaggio a Siracusa”

TRAMONTO DELL’OCCIDENTE? – Premio di Filosofia “Viaggio a Siracusa”

gennaio 5, 2013

PREMIO FILOSOFIATRAMONTO DELL’OCCIDENTE? – Premio di Filosofia “Viaggio a Siracusa”

di Roberto Fai

“Tramonto dell’Occidente?”. Attorno a questo interrogativo, ruoterà il Convegno del 13° Premio di Filosofia “Viaggio a Siracusa”, che inizierà venerdì 11 gennaio, alle 17,00, nel salone Borsellino del Comune di Siracusa, per concludersi sabato 12 alle ore 13,00, con la cerimonia dei premi. La Giuria, presieduta da Remo Bodei e Umberto Curi, ha assegnato così i premi: per il “saggio filosofico”, a Barbara Carnevali, per il suo “Le apparenze sociali. Una filosofia del prestigio”, edito da il Mulino; per la “Tesi di laurea” a Giustino De Michele, per la ricerca dal titolo “Spettri della filosofia. Derrida e l’audiovisivo”; per la “Tesi di dottorato”, a Serena Feloj, per la ricerca “Il disegno dell’esperienza. Il sublime nel pensiero kantiano”. Il Premio per la Rivista è andato a “Filosofia politica”, una delle più prestigiose riviste europee di filosofia.
Tra le “menzioni speciali”, un riconoscimento anche a Giuseppe Testa per il suo “La donna di fiori. Eros, botanica, alchimia”, edito da Sellerio. Al Convegno, oltre a Bodei, Curi e i premiati, interverranno Salvatore Amato e Giuseppe Raciti, docenti a Catania, la prof. Maria Laura Lanzillo dell’Univ. di Bologna. A coordinare i lavori, Roberto Fai e Elio cappuccio del Collegio siciliano di filosofia.
Il tema del Convegno è molto attinente alla nostra attualità. L’Occidente è stretto negli ultimi anni in una crisi economico-finanziaria che ha ripercussioni nel profilo dell’identità, nelle prospettive del “Welfare” su cui si è consolidato nel ‘900 il rapporto tra la società civile e la grande costruzione dello “Stato moderno”. Sul “destino dell’Occidente” la filosofia si è da sempre interrogata: da Splengler a Husserl, da Jaspers ad Heidegger. Oggi, se la globalizzazione stringe inevitabilmente il mondo nella sua trasparenza reticolare, nuove civiltà, nuovi mondi, nuove economie, nuove aree geopolitiche – Cina, India, Le Americhe del Sud: e stiamo parlando di oltre 4/5 miliardi di persone – sembrano contendere all’Occidente quel primato politico, finanziario e tecnologico e forse anche culturale, con cui questa parte del mondo, nel corso della Modernità, ha deciso, nel bene e nel male, le intere sorti del globo. Ecco perché l’esigenza di riproporre la domanda sul “Tramonto dell’Occidente?” torna d’attualità: per offrire un’inedita immagine sul nostro futuro in un mondo globale stretto in un comune destino.

* * *

Collegio siciliano di Filosofia

Fondazione Edoardo Garrone

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Officine Culturali del Mediterraneo

  

13° Edizione del

PREMIO DI FILOSOFIA

Viaggio a Siracusa

 Convegno sul tema

 TRAMONTO DELL’OCCIDENTE?

 

Palazzo del Senato

SIRACUSA

 Venerdì 11 gennaio, ore 17:

 

Presiede: Elio CAPPUCCIO, Collegio siciliano di Filosofia

 Maria Laura LANZILLO (Univ. di Bologna)

Fine della storia come fine dell’Occidente?

Alexandre Kojève e le forme politiche della post-storia

 

Salvatore AMATO (Univ. di Catania)

L’Occidente e il peso dell’ideale di un ordine imperfetto

 

Umberto CURI (Univ. di Padova)

Appunti sul concetto di destino

Sabato 12 gennaio ore 9,30

 

Presiede: Roberto FAI, Collegio siciliano di Filosofia

 

Barbara CARNEVALI (Inst. d’Études Avancées IEA Paris)

Società dello spettacolo e dell’estetizzazione: una patologia occidentale?

 

Giuseppe RACITI (Univ. di Catania)

Tramonto della politica, notte della tecnica

 

Remo BODEI (Univ. di Los Angeles)

Il declino delle democrazie occidentali

 

Esonero dall’insegnamento per i docenti dei Licei:

concessione MIUR

Informazioni: robefai@tin.it

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog
LetteratitudineNews
LetteratitudineRadio
LetteratitudineVideo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: