Home > Articoli e varie > La creatività e la cultura del progetto: I Pirandello

La creatività e la cultura del progetto: I Pirandello

Maggio 26, 2013

I Pirandello al Salone“Dove osano le idee” il titolo del XXVI Salone Internazionale del Libro di Torino. Nell’ambito del laboratorio ad esso connesso, “La creatività e la cultura del progetto”, che conduce dall’idea nascente alla sua realizzazione, capace di mutare modalità del pensiero e insieme abitudini e prospettive di vita, ha avuto luogo un interessante incontro a cui ha preso parte, con l’Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana, prof. Maria Rita Sgarlata, che ha introdotto i lavori, anche il Ministro della Cultura della Guinea, il poeta Ahmed Tidiane Cissé, in rappresentanza del Paese Ospite d’onore al Lingotto nella prossima edizione (quest’anno è stato il Cile) che ha annunciato la partecipazione di Tierno Monénembo, il maggiore scrittore contemporaneo della Repubblica ex colonia francese.
A presentare il volume “I Pirandello. La famiglia e l’epoca per immagini”, a cura di Sarah Zappulla Muscarà e Enzo Zappulla, Corrado Bonfanti, Sindaco della città di Noto, ben a ragione Patrimonio dell’Umanità, che ne ha patrocinato la pubblicazione, nella convinzione che la cultura, in special modo in un periodo di forte crisi quale quello che stiamo attraversando, “rafforza l’identità e la creatività di un popolo e costituisce ineludibile volano non soltanto di crescita sociale ed etica ma pure di promozione turistica e sviluppo economico”. Quindi Giovanni Tesio, ordinario di Letteratura Italiana, ha con sapienza messo a fuoco l’importanza del volume, doviziosamente illustrato (ben 630 foto in molta parte inedite o rare, dalla forte valenza storico-documentaria), che ripercorre puntualmente tutte le tappe dell’itinerario della difficile e tormentata famiglia dei Pirandello, dal protagonista principe Luigi, all’agrigentina famiglia d’origine, ai figli Stefano, scrittore di notevole statura, la cui scoperta si deve proprio ai due studiosi, a Fausto, destinato a divenire uno dei maggiori pittori della Scuola Romana, a Lietta, all’interprete e musa ispiratrice Marta Abba, ai personaggi più autorevoli del Novecento, le cui vicende s’intrecciano con quelle di un’epoca grandemente perturbante. Un contributo scientifico per tanti aspetti fondamentale.

[Didascalia foto]:
Giovanni Tesio, Sarah Zappulla Muscarà, Corrado Bonfanti, Maria Rita Sgarlata.

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: