Home > Articoli e varie > VETRINE LETTERARIE 2013: I VINCITORI

VETRINE LETTERARIE 2013: I VINCITORI

ottobre 6, 2013

vetrine letterarie 2013VETRINE LETTERARIE 2013: I VINCITORI

Si è conclusa sabato 28 settembre a Giardini Naxos (ME) la seconda edizione del concorso Vetrine Letterarie.

Il progetto e la realizzazione dell’evento sono stati curati dalle architette Elena Arcidiacono, Odette Rigano, Concita Tiziana Androne e Maria Cirrincione insieme all’associazione culturale Giovani per l’Europa.
Anche quest’anno il concorso è inserito all’interno della manifestazione culturale Naxoslegge (festival delle narrazioni, della lettura e del libro) evento organizzato dall’associazione culturale Le officine di Hermes guidata dalla Prof.ssa Fulvia Toscano, svoltasi a Giardini Naxos dal 20 al 28 settembre.
Da Omero a Kerouac passando per Calvino, Baricco, Pessoa, Hesse, Carroll…, creativi provenienti da tutta Italia hanno interpretato il viaggio attraverso 24 installazioni artistiche
in altrettanti negozi della città di Giardini Naxos.
Giardini Naxos in questi giorni si è trasformata da meta di viaggio a ponte d’imbarco per un cammino conoscitivo attraverso la narrativa, la letteratura e le arti visive.
Vetrine Letterarie nasce come volontà di creare un insolito “museo diffuso” in cui luoghi non avvezzi all’arte (le vetrine) ne diventano contenitori. Gli spazi espositivi generano una “rete creativa” che permette ai visitatori di godere di una passeggiata artistico-letteraria nella città e al tempo stesso di beneficiare e fruire dell’inusuale esposizione artistica realizzata dall’insieme delle vetrine.
Questo evento culturale è dedicato al dialogo tra le arti, indagato lungo molteplici vie: la contaminazione tra letteratura e arti visive, tra letteratura e architettura, tra letteratura e fotografia. Una “collaborazione” tra diversi linguaggi in un contesto di forme artistiche “polifoniche”.
La risposta dei creativi provenienti da tutta Italia è stata calorosa e professionale determinando un alto livello qualitativo.
La manifestazione che si è svolta dal 23 al 28 settembre 2013, è stata inaugurata dal “work in progress” di tre giorni (23, 24 e 25) durante i quali i creativi hanno realizzato le loro installazioni.
Dal 26 è stato possibile visitare il “museo diffuso” con le sue vetrine artistiche.
Una delle novità di quest’anno è stata l’introduzione di un tour guidato per i giorni 26, 27 e 28 settembre. L’idea è stata quella di offrire un servizio minibus che accogliesse e accompagnasse i visitatori del “museo” Vetrine Letterarie con due guide, una in italiano e l’altra in inglese, che illustravano le opere esposte.
La premiazione, avvenuta nel corso della “Notte della Lettura”, è stata ospitata anche quest’anno in una location di grande pregio architettonico e culturale, il Castello di Schisò, struttura privata della famiglia Paladino, che apre le sue porte solo in occasione di grandi eventi.

La giuria tecnica che ha decretato i vincitori, presieduta dal regista Pasquale Scimeca, era composta da: Alessia De Francesco (architetto e vicepresidente dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Messina), Giuseppe Parito (architetto e rappresentante dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Catania), Nelida Mendoza (artista e docente di scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo), Mònica López Soler (autrice di guide artistiche e curatrice di mostre d’arte), Nello Calabrò (drammaturgo, regista e autore di testi teatrali), Turi Azzolina (Maestro d’Arte), Marinella Fiume (scrittrice), Massimo Maugeri (scrittore e blogger di Letteratitudine).
Il primo premio è andato all’installazione dal titolo “Andiamo” realizzata dal gruppo Massimo Calcagno, Luca Di Guardo, Alessandra Ximenes e Elia Salerno, ispirata al testo “Il viaggio” di Charles Baudelaire e realizzata nel negozio Antiques di C. Di Pietro.
Il secondo premio è andato a Maria Chiara Calvani proveniente da Roma che nella sua installazione si è ispirata a “Terra matta” di Vincenzo Rabito esposta nel negozio Terra e Fuoco.
 

Il terzo premio ex aequo è andato al gruppo Alessandro Cavallaro e Tina Pennisi con l’installazione basata sul testo “Il libro dell’inquetudine” di Fernando Pessoa (negozio City Poste) e al gruppo [ìn-tra]ARCHITETTURA composto da Tommaso Arena, Giuliana Bertino, Rosaria Lanfranchi e Laura Santagati con “Le città invisibili” di Italo Calvino (negozio Bifera colori & colori).

Il premio della giuria popolare è stato attribuito al gruppo Erika Allegra, Federica D’Angelo ed Emanuela Filone con l’installazione ispirata a “On the road” di Jack Kerouac.

L’organizzazione del concorso Vetrine Letterarie è stata possibile grazie agli sponsor, al contributo dei commercianti, al patrocinio oneroso dell’Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori della provincia di Messina che, anche in questa seconda edizione, ha supportato l’evento partecipando attivamente e al patrocinio dell’Ordine e della Fondazione degli Architetti P.P.C. della provincia di Catania.

Di seguito, le immagini delle “vetrine vincitrici”

Vetrine letterrarie 2

……

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: