Home > Articoli e varie, Interviste > I FANTASMI OLTRE LA SIEPE – INTERVISTA A TONY SANDOVAL (speciale Lucca Comics and Games 2013)

I FANTASMI OLTRE LA SIEPE – INTERVISTA A TONY SANDOVAL (speciale Lucca Comics and Games 2013)

novembre 6, 2013

Tony SandovalSPECIALE LUCCA COMICS & GAMES 2013 (Parte II)

Il “fantasy domestico” di Tony Sandoval e un (quasi) patto col Diavolo

dal nostro inviato a Lucca, Furio Detti

Tony Sandoval, messicano e attualmente attivo in Francia, viene dalla grafica pubblicitaria e d’agenzia, ha in seguito sviluppato il suo talento narrativo. È edito in Italia da Tunué dal 2011, le sue opere presso questo editore sono: Il Cadavere e il Sofà, Nocturno, Oltre il Muro (con la sceneggiatura di Pierre Paquet) e ora Doomboy (2013), una piccola leggenda doom di morte e amore, tra musica e fantasmi.

Innanzi tutto grazie a Tony per l’intervista qui a Lucca Comics&Games 2013.

Nelle tue opere parli quasi sempre di infanzia e adolescenza, o prima gioventù. Potremmo quasi descrivere i tuoi personaggi come “bambini in un mondo terribile”, anche se non si capisce se la vera angoscia siano loro o la realtà onirica che li circonda connotata dal magico, dal misterioso. Vuoi parlarcene un po’?
Dunque, in realtà ogni volta che penso a una storia, tendo a descrivere in qualche misura le mie esperienze personali, i miei amici, la mia famiglia, il mio ambiente. Vengo dal Messico terra di credenze surrealistiche, di persone che a volte celebrano i fantasmi, altre volte la realtà; proprio l’altra sera spiegavo a degli amici che il mio lavoro consiste in un fantasy domestico [ride].

– Pensi che siano più i maschi o più le femmine delle tue opere a catalizzare la paura o l’imprevisto?
Penso sempre le mie storie come indirizzate a un pubblico ambosesso. Non so se per esempio riscuoto più successo presso le lettrici, in realtà ritengo di lavorare sulle sensazioni proprie di ogni essere umano e per ogni cultura, senza distinzioni di genere o backgroud. In questo senso anche i miei personaggi sono un riflesso di questa logica. Nelle mie opere esistono anche luoghi specifici che hanno una certa forza, ma è un fatto universale. Penso che tutti noi, e quindi anche i miei personaggi, abbiano un po’ di oscurità dentro di sé.

– Nei tuoi lavori il posto d’onore spetta all’esperienza sonora, musicale. Se volessimo azzardare un parallelo con la letteratura, il tuo modo di valorizzare questo mondo ci ricorda i lavori di Haruki Murakami; che peso ha esattamente la musica nel tuo immaginario?
Beh intanto ascolto musica per la maggior parte delle mie sessioni di lavoro, e scelgo brani a seconda dell’umore del momento, non sono legato a un genere specifico. Però trovo che i musicisti siano dei buoni personaggi, io stesso suonavo in una band, e tutto questo – al contrario del fumettista che è tendenzialmente un mestiere solitario: stai da solo e disegni – ti obbliga a entrare in relazione con le persone, a interagire. Questo aggiunge sostanza alla vita, “dramma” all’esistenza, in senso non necessariamente negativo.

– Il tuo stile è molto specifico. Lo hai sviluppato gradualmente mano a mano o la tua carriera ha visto svolte più drastiche, scelte più intense, cambiamenti forti?
Avevo all’inizio uno stile abbastanza generico, poi però ho venduto la mia anima al Diavolo per cambiarlo radicalmente… [risate]

Tony Sandoval 2

– Beh, il diavolo con te ha fatto un ottimo lavoro!
Non posso immaginare quando mi toccherà saldare il debito…

– Niente è gratis.
Sicuro, nessuno ti da niente per niente! [ride ancora] In realtà non credo di aver mai cambiato il mio stile personale, ma adoro le tecniche, amo sperimentare: testo nuovi tipi di carta, studio la texture dei supporti, sperimento nuove modalità grafiche, cose diverse, sono un …fissato del disegno e del colore, e cerco sempre di ispirarmi osservando migliaia di lavori altrui, cose molto differenti tra loro.

– Usi il computer per realizzare le tue opere?
Sicuro.

– Per disegno, colorazione o entrambi?
Abitualmente, solo per la colorazione. Quando disegno mi piace troppo metter mano alle penne, sporcarmi le mani col colore, e uso anche molto gli acquerelli. Al computer spetta più la fase del lettering, di alcuni effetti, delle finiture, dell’editing, ma poche cose.

– L’ultima domanda: che consiglio hai per un fumettista che abbia già scoperto il suo proprio stile, per migliorarlo?
Non c’è niente da dire in più se non di: continuare a disegnare. Tu non trovi mai lo stile, è lui a trovare te.

(Lucca – Sabato, 2 novembre 2013)

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo