Archivio

Archive for agosto 2015

ADDIO A OLIVER SACKS

ADDIO A OLIVER SACKS: è morto il 30 agosto 2015 a New York

Lo scrittore e neurologo britannico, autore di numerosi bestseller, fu celebre soprattutto per il suo libro del 1973 Risvegli  (adattato in un film omonimo nel 1990). Il suo libro Musicofilia fu l’oggetto di un episodio della serie Nova della PBS.

Di seguito pubblichiamo, un video dedicato a Musicofilia (dove Oliver Sacks spiega il rapporto tra i malati di Alzheimer e la musica) e segnaliamo due estratti tratti, appunto, da “Musicofilia” e “Risvegli

 

Le schede e gli estratti di “Musicofilia” e “Risvegli
Leggi tutto…

NAXOSLEGGE 2015: “LA LUCE È COME L’ACQUA” – dal 3 al 30 settembre

Naxoslegge-2015---la-luce-è-come-l'acquaNAXOSLEGGE 2015.”LA LUCE È COME L’ACQUA”//3-30 SETTEMBRE
LA V EDIZIONE DEL FESTIVAL DEDICATA A KHALED AL-ASAAD

Domenica 30 Agosto 2015, alle ore 19.30, grazie alla generosa collaborazione del Parco botanico e geologico Gole Alcantara, Naxoslegge si è presentato al pubblico, nello splendido scenario delle Gole, dove è stato possibile, dopo la presentazione, godere della passeggiata attraverso i sentieri illuminati, realizzati dal Parco, come progetto speciale, nelle domeniche di Agosto. Hanno partecipato all’incontro, oltre ai giornalisti, tutti i partners, gli sponsors e i sostenitori, i collaboratori, grazie a cui è stato possibile realizzare , in modo del tutto autogestito e autonomo, questa V edizione del festival che, nell’anno mondiale della luce, non a caso, ha scelto come tema portante “La luce è come l’acqua“.

Come ha precisato Fulvia Toscano, direttore artistico di Naxoslegge, “da questa V edizione il festival diviene un evento diffuso che, oltre ad essere una festa degli autori e dei lettori, sarà al contempo, una festa dei luoghi. Dal 3 al 30 settembre, infatti, con eventi organizzati soprattutto nei diversi fine settimana, Naxoslegge toccherà diverse città da Catania a Messina, e diversi siti delle due province: Casa Cuseni di Taormina; Palazzo Platamone di Catania; Sicily By Marabu di Giardini Naxos, Liceo Caminiti, Museo archeologico, Oratorio San Pancrazio e Atelier museo del maestro Turi Azzolina di Giardini Naxos; Accademia del sacro-Monastero Madonna rocca di Taormina ; Castello Rufo Ruffo di Scaletta; Villa Piccolo di Calanovella di Capo d’Orlando; Castello San Marco a Calatabiano; Palazzo della cultura ad Ali’ Terme; Monte di Pietà, Feltinelli point e Auditorium del Dipartimento di Scienze cognitive dell’ Università di Messina; Littorina Riposto-Randazzo, per un viaggio letterario verso la Montagna“.
Portare la bellezza, nei luoghi della Bellezza, raccontando la complessità del reale, in modo plurale e partecipato“, questo, afferma ancora la Toscano , “e’ uno degli obiettivi del festival, che vedrà la partecipazione di più di cento ospiti, tra scrittori, giornalisti, esperti, artisti, editori, bloggers, etc ed oltre cinquanta collaborazioni tra Enti, Fondazioni, Festivals, Case editrici, Associazioni, Aziende, con un grande e decisivo contributo dei cittadini“.
Naxoslegge - festival delle narrazioni, della lettura e del libro. Giardini NaxosProprio in nome della Bellezza, la V edizione di Naxoslegge, sarà dedicata a Khaled al-Asaad, l’archeologo siriano, trucidato dall’Isis.
Si conferma la partecipazione attiva degli studenti delle scuole, sia nelle ormai note maratone di lettura, sia nella organizzazione di interventi e laboratori, nell’ambito delle diverse sezioni del festival.
Con Lettori in erba, organizzato in collaborazione con AGE di Giardini Naxos, sarà dato spazio ai più piccoli, grazie ai laboratori di fumetto, narrazione, teatro, costumistica e scultura, tutti dedicati al tema “La luce dal Mito”.

Queste le diverse sezioni del festival, distribuite nell’arco del mese di settembre: Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

PREMIO NINFA GALATEA 2015

PREMIO NINFA GALATEA 2015: venerdì 28 agosto, ore 19,30, al Lido dei Ciclopi (Aci Trezza – Catania)

Premio Ninfa Galatea 2015 per la Letteratura alla giornalista-scrittrice Concita De Gregorio per il romanzo “Mi sa che fuori è primavera” (Narratori Feltrinelli), mentre per il Teatro è stato assegnato il premio all’attrice Galatea Ranzi.

Ascolta la puntata di “Letteratitudine in Fm” con Concita De Gregorio, dedicata a “Mi sa che fuori è primavera”

Premio Ninfa Galatea 2015

La giuria, presieduta da Sarah Zappulla Muscarà e composta da Fulvia Caffo, Caterina Maugeri Costanzo, Margherita Spampinato, Michela Sacco Messineo ed Elena Ciravolo, ha assegnato il Premio Ninfa Galatea 2015 per la Letteratura alla giornalista-scrittrice Concita De Gregorio per il romanzo “Mi sa che fuori è primavera” (Narratori Feltrinelli), mentre per il Teatro è stato assegnato il premio all’attrice Galatea Ranzi.

Il Premio Ninfa Galatea ideato e promosso da Enzo Zappulla, si pone lo scopo di promuovere la cultura e la diffusione dei libri dei premiati che, come di consueto, verranno donati alle biblioteche, agli enti, agli istituti culturali cittadini. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLE STORIE 2015: dal 22 al 29 agosto

Chameleon Theme

FESTIVAL DELLE STORIE 2015

Nella Valle di Comino dal 22 al 29 agosto torna il Festival delle Storie per far vivere la magia dei racconti di attori, scrittori, cantautori, filosofi, musicisti, giornalisti, scienziati, imprenditori, registi, sceneggiatori, artisti, intellettuali, italiani e stranieri, nel palcoscenico naturale della Valle di Comino, immersa nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

E’ un festival itinerante che racconta una storia fatta di storie. Otto giorni di viaggio attraverso piazze medievali, vicoli, castelli, conventi, ville ottocentesche e roccaforti. Ogni giorno un paese diverso, ogni giorno una carta diversa detta il canovaccio del festival. La novità di quest’anno è che il ritmo e i contenuti ruotano intorno ai frutti della valle e non più, come negli anni passati, attorno ai tarocchi. Immaginate allora la Valle di Comino come un’antica città, circondata da nemici invisibili che vogliono spegnerla, lasciarla al buio. Questa città ha otto porte, ogni porta ha il nome di un frutto e ogni frutto è il simbolo di un valore, che può avere il volto e la personalità di un eroe antico. Ogni porta rappresenta quindi l’antidoto al buio. Ecco i paesi che saranno lo scenario del romanzo di quest’anno e le porte per accedervi e per accendere le luci sull’antica città, la Valle di Comino, che ancora una volta prende vita e si illumina delle sue storie. Leggi tutto…

BUON FERRAGOSTO 2015 (e buona prosecuzione di vacanze da Letteratitudine)

PASSAGGIO IN SARDEGNA, di Massimo Onofri (recensione)

PASSAGGIO IN SARDEGNA, di Massimo Onofri (Giunti)

[La puntata radiofonica di “Letteratitudine in Fm” con Massimo Onofri dedicata a “Passaggio in Sardegna” è disponibile per l’ascolto cliccando qui – Le prime pagine del libro sono disponibili qui]

* * *

Ascolto il tuo cuore, Sardegna

di Giuseppe Giglio

Ascolto il tuo cuore, Sardegna. Avrebbe potuto avere questo titolo, il nuovo e godibilissimo libro di Massimo Onofri: quel Passaggio in Sardegna licenziato da Giunti soltanto alla fine di maggio, e già alla terza ristampa; e che senza troppa difficoltà richiama un altro e famoso titolo, di Alberto Savinio: Ascolto il tuo cuore, città (forse il più saviniano: nel segno di quella felice conversazione con il lettore che corre lungo ogni pagina di Savinio, e che qui tocca vette di amorosa leggerezza, mentre il narratore respira e fa respirare tutto l’odore della sua cara Milano, divagando sul vivere civile e al tempo stesso contrabbandando schegge della propria autobiografia). Perché Massimo Onofri sembra proprio seguire Savinio, nel dispiegare questo sua originale narrazione: laddove, ascoltando quell’isola «del sole e dell’assenza», l’etrusco Onofri respira e fa respirare le pietre, i mari, i luoghi, i cibi di una Sardegna autentica, fuori da abusati stereotipi e da cartoline fin troppo piene di ammalianti imposture. E non è difficile collocare Passaggio in Sardegna nell’alveo di una nobile e antica tradizione italiana: quella della grande letteratura di viaggio. Una tradizione che, per restare al solo Novecento, annovera libri come Questa è Parigi, o Cina-Giappone, di Giovanni Comisso, o come America, primo amore, di Mario Soldati. Senza dimenticare il Borgese di Escursioni in terre nuove e di Atlante americano. O il Cecchi di Messico e di America amara. Per arrivare agli scrittori-viaggiatori in Italia: dal Gadda de Le meraviglie d’Italia, al Piovene di Viaggio in Italia, al Brandi di Pellegrino di Puglia. Leggi tutto…

MEMORIE DI UNA INTERPRETE DI GUERRA, di Elena Rževskaja (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del volume MEMORIE DI UNA INTERPRETE DI GUERRA, di Elena Rževskaja (Voland traduzione di Daniela Di Sora)

Il libro
Mosca, ottobre 1941. Sono passati quattro mesi dall’attacco della Germania hitleriana all’URSS. Elena Rževskaja, ventiduenne, lascia la fabbrica di orologi dove lavora e si iscrive a un corso per interpreti militari. Inizia un’avventura che la porterà a diventare testimone attenta e partecipe della guerra, in un movimento continuo che attraverso cittadine e villaggi sconvolti dal conflitto la condurrà al fronte, e infine a Varsavia e a Berlino. Ed è qui, nel suo ruolo di interprete militare, che la giovane Elena si troverà nel maggio del ’45 al centro della misteriosa vicenda del riconoscimento del corpo carbonizzato di Hitler, di cui Stalin non informa neanche il maresciallo Žukov, comandante dell’Armata Rossa che entra vittoriosa in Berlino. E a questo punto il libro da avvincente narrazione diventa anche un ineludibile documento storico che contribuisce a chiarire una delle vicende più oscure della Seconda guerra mondiale.
Il libro è arricchito da un inserto fotografico con immagini d’epoca di proprietà dell’autrice.

* * *

Un estratto del volume MEMORIE DI UNA INTERPRETE DI GUERRA, di Elena Rževskaja (Voland)

Notte a Berlino Leggi tutto…

Uno scrittore allo specchio: DANTE ALIGHIERI

Uno scrittore allo specchio: DANTE ALIGHIERI

di Simona Lo Iacono

Speculum si nomava al tempo mio. Specchio.
Ma io ch’avea il capo bardato, e ingombranti le vesti, io che a stento lasciava gli occhi a scrutare il mondo, io – mai – avea avuto desiderio di rifrangermi in esso, di vedermi dipinto come umana forma.
Non era difatti, il mio, un volto che potesse rimirarsi senza sollevare dubbio. Troppo affossato l’occhio. Troppa protuberanza nelle nari. Infine, troppo spaziosa fronte, segnata da rugature.
Pertanto preferivo cercare lo specchio nella natura, che è magno riflesso della veritate, o nelle littere che – al pari di specchio – non mutano il sembiante.
Dunque, mai accadde che mi volsi al par delle umane genti a rimirare le fattezze mie, e solo cercavo – nel viver giorno per giorno – la scintilla divina che tutto puote. La scintilla che accalora e tace, quella – pure – che fa vaticinare le genti e che, alle medesime genti, illumina l’anima e consola il cuore.
Cercavo, insomma, e per tutta la vita infino al trapasso, lo Dio del cielo e della terra, e del mare e dell’aria, e di tutti i gradi di quello che nomano purgatorio e paradiso.
E – cercando lui – puranco cercavo me stesso, e perché, perché, tanto inquieto fossi nell’andare.
Avea avuto difatti, la persona mia, incommensurati privilegi.
C’erano state madonne a far sì che cantassi amore. C’erano stati poeti sapienti dell’antico tempo a prendermi come rapito, portandomi sulla vetta del poetar magnifico.
E c’era stato dolore, certo, l’umano compagno delle sorti avverse, l’unico che nemmeno il sommo Bene, Dio magnificentissimo, può negare.
E però, la persona mia continuava a errare inquieta, a vivere un esilio che non era soltanto dalla terra amata di Florentia, né solo del vivere o solo del morire.
Era invece un esilio sferzoso e mai fugace, una rosolante e pavida tensione, un voler superare – sempre – puranco me stesso con imperitura gloria e imperituro onore.
Cercavo affannosamente una lapide immortale, una bocca che ovunque nomasse il mio verseggio, cercavo con mestizia ciò che all’uomo è miraggio: eternitate, cesello valoroso di chi non muore, artificio sommo, sognante sogno. Leggi tutto…

FESTIVAL DELL’ERRANZA 2015

FESTIVAL DELL’ERRANZA 2015 – Piedimonte Matese: dal 4 al 6 settembre

Fervono i preparativi per la terza edizione del Festival dell’erranza, diretto da Roberto Perrotti con il patrocinio della Provincia di Caserta e dell’Ente Provinciale del Turismo di Caserta, e il patrocinio del Comune di Piedimonte Matese, incantevole borgo alle falde dell’Appennino Campano  contiguo alla cittadina di Alife, tappa della Via Francigena del Sud.

Il Festival dell’Erranza è il luogo dove s’incontrano viaggiatori, sportivi, filosofi, religiosi, scrittori, artisti per indagare sull’arte di girare il mondo, sulla necessità di mettersi in cammino, sulla tendenza al nomadismo, sull’entusiasmo all’esplorazione, sull’impulso al viaggio, sulla fatica del migrare. Nell’organizzare gli incontri abbiamo voluto armonizzare il contributo artistico con quello di ricerca, la riflessione filosofica con il resoconto di viaggio.

Dal 4 al 6 settembre Piedimonte Matese sarà dunque per la terza volta teatro di presentazioni di libri, spettacoli, riflessioni e workshop sul tema dell’erranza. Il tema di quest’anno riguarderà l’ospitalità e l’incontro con l’Altro e avrà come titolo e ispirazione: “Lo straniero e le nuvole”, di chiara derivazione baudelariana. Leggi tutto…

70 ANNI DALLA BOMBA ATOMICA – Hiroshima e Nagasaki: 6 e 9 agosto 1945

70 ANNI DALLA BOMBA ATOMICA

Hiroshima e Nagasaki: 6 e 9 agosto 1945

Il fungo atomico, causato da "Fat Man" su Nagasaki, raggiunse i 18 km di altezza

Una delle più grandi tragedie della storia dell’umanità (causate dall’uomo)

*PER NON DIMENTICARE*

Invitiamo le lettrici e i lettori di Letteratitudine a visionare il documentario proposto, nella convinzione che la divulgazione della conoscenza, l’informazione e la crescita della consapevolezza siano strumenti indispensabili per prevenire tragedie simili a quelle accadute a Hiroshima e Nagasaki settanta anni fa e per favorire la pace

 


Leggi tutto…

Dal Nobel Orhan Pamuk a Tahar Ben Jelloun: le novità di TAOBUK 2015

Taobuk, le belle lettereDal Nobel Orhan Pamuk a Tahar Ben Jelloun: le novità di TAOBUK 2015

Taormina, dal 19 al 25 settembre

“The Wall. Gli ultimi muri”: il concept di Taobuk 2015 evoca e denuncia scontri di uomini e di civiltà, divisi da pregiudizi razziali e religiosi, politici ed economici. Per superarli e prevenirli giova soprattutto coltivare la pace e la tolleranza tra i popoli. Condizione pressoché disattesa in vaste regioni del pianeta. Su questa tematica ruoterà la quinta edizione del festival letterario ideato e diretto da Antonella Ferrara (foto in basso), che si svolgerà a Taormina dal 19 al 25 settembre, con un ricco carnet di autori e di iniziative. A cominciare dall’attesa cerimonia del Taobuk Award for Literary Excellence, che quest’anno si sdoppia per premiare due spiriti liberi, assurti a simbolo della cultura mediterranea, come il turco Orhan Pamuk, premio Nobel nel 2006, e il marocchino Tahar Ben Jelloun, premio Goncourt nel 1987.

Antonella-Ferrara-28-08-14La consegna avverrà nella stupenda cornice del Teatro Antico, nel corso della serata inaugurale del 19 settembre, che sarà animata da un’autentica parata di stelle e personalità. A condurre saranno come ogni anno la stessa Antonella Ferrara, presidente e general manager di Taobuk, e lo scrittore e giornalista Franco Di Mare, direttore artistico del festival che ha contribuito a far nascere e sviluppare. Insieme a Pamuk e Jelloun, a declinare il tema “Gli ultimi muri” saliranno sul palco millenario figure altrettanto carismatiche come la cantante israeliana Noa, alla quale andrà il premio per la pace, il violinista Uto Ughi che riceverà l’award alla carriera e il magistrato Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, a cui verrà consegnato il riconoscimento per l’impegno civile.
Nelle giornate successive si succederanno a ritmo serrato tanti altri autori, tra i quali alfieri della legalità come Don Ciotti, Lirio Abbate, Nino Di Matteo e appunto Raffaele Cantone. E ancora il Ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini, David Leavitt, Marcelo Figueras, Corrado Augias, Daria Bignardi, Alessandro D’Avenia, Marco Missiroli, Letizia Muratori. Interverranno inoltre Carlo Cracco e Oscar Farinetti, nomi di punta della sezione “Food Factor”, curata da Clara e Gigi Padovani. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

Aspettando NAXOSLEGGE 2015: voci di donne tra l’Etna e il mare

Aspettando NAXOSLEGGE 2015: voci di donne tra l’Etna e il mare

Prende avvio il 7 agosto, alle ore 21.00, il programma degli eventi proposti dal nuovo Sicily by Marabù, in collaborazione con Naxoslegge.

Un vero cartellone il cui denominatore comune, come recita il titolo Voci di Sicilia, è la proposta di momenti di approfondimento di cultura e tradizioni di Sicilia, affidati a voci significative della cultura insulare.

Sul versante musicale il 7 agosto alle 21.00 è la volta del concerto di Rita Botto, Voci di donne tra l’Etna e il mare che, con la partecipazione di Marinella Fiume, proporrà un percorso al femminile per valorizzare la trama dei saperi delle donne di Sicilia, trasmessi Di madre in figlia, titolo, non a caso, del bel libro della Fiume che funge da testo guida per questo progetto a più voci.

Il 13 agosto, sempre alle 21, è la volta di Carlo Muratori e la sua chitarra, per un altro intenso viaggio nelle sonorità siciliane.

Sul versante dei libri, il 20 agosto sarà la volta della presentazione del romanzo storico di Salvatore Requirez, dedicato alle coinvolgenti e drammatiche vicende della Inquisizione in Sicilia.

A Settembre, per la V edizione di Naxoslegge, il Sicily by Marabù, ospiterà due dei tre giorni dedicati alle donne, per la sezione Le donne non perdono il filo.

L’11 settembre, in collaborazione con Città delle donne e Altra metà, sarà presentato il libro antologico Sibille. Per l’occasione saranno presenti il sindaco e l’assessore alla cultura del comune di Nicotera (VV), alla cui biblioteca delle donne, Fondo Paola Albanese, saranno devoluti i diritti del libro. La serata, coordinata da Fulvia Toscano, curatrice del libro (e direttrice di Naxoslegge – foto a sinistra- n.d.r.), vedrà la partecipazione delle musiciste siciliane Valeria Cimò e Romina Denaro e della cantautrice calabrese Francesca Prestia, oltre alla presenza delle scrittrici e dell’editrice.

Questo abbraccio con la Calabria prosegue il 12 settembre, giornata dedicata alle donne di Calabria e Sicilia in prima linea contro le mafie. Leggi tutto…