Home > Eventi > FIERA DEL LIBRO DI FRANCOFORTE 2015

FIERA DEL LIBRO DI FRANCOFORTE 2015

ottobre 13, 2015

Frankfurt Book FairFIERA DEL LIBRO DI FRANCOFORTE 2015: dal 14 al 18 ottobre

L’editoria europea mostra la sua forza innovativa

Header Bc 2015 En 51880

Temi europei e partecipanti in aumento / presenza del commissario europeo Oettinger e alti funzionari / più di 20 eventi europei che coprono argomenti europei sul programma

Anmeldung-empfang 2013 40135La Fiera del Libro di Francoforte è la più grande fiera internazionale nel settore dell’editoria – con oltre 7.100 espositori provenienti da più di 100 paesi, circa 270.000 visitatori, oltre 4.000 eventi e circa 9.300 giornalisti accreditati presenti. Raccoglie anche i principali attori provenienti da altri media, tra cui le industrie del cinema e giochi. Dal 1976, ogni anno la Fiera del Libro sceglie un Paese come Ospite d’Onore della Fiera dando particolare spazio al mercato del libro del Paese prescelto, alla sua letteratura e alla sua cultura. 
Il Paese ospite di quest’anno sarà sarà l’Indonesia.

Come si apprende dal sito dell’AIE, l’Italia si presenta compatta alla Fiera internazionale del Libro di Francoforte. Ci sarà infatti un unico, grande, Spazio Italia nel quale convergeranno tutti gli stand degli editori italiani (che saranno all’incrica 200).

L’edizione 2015 sarà ricca di cambiamenti: il più importante riguarda il riassetto dei padiglioni dopo l’eliminazione del padiglione 8 della Fiera, che tradizionalmente ospitava l’editoria anglo-americana, con il conseguente riposizionamento dei vari espositori internazionali.
Gli italiani saranno collocati nella Halle 5.0 con i Paesi scandinavi, con l’Olanda e i Paesi dell’Est Europeo. La tradizionale collettiva italiana – realizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), dall’ICE Agenzia per la Promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e dal Ministero per lo Sviluppo Economico – si troverà in prossimità dell’ingresso del padiglione 5 e si estenderà su una superficie di 276 mq (Halle 5.0 C36). All’interno dello stand esporranno circa 1300 titoli 47 editori italiani e sarà possibile consultare online il database dei libri in commercio.
Sarà il Sottosegretario al Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Ilaria Borletti Buitoni, in rappresentanza del Governo italiano, accompagnata dal Presidente dell’AIE Federico Motta, dall’Ambasciatore d’Italia in Germania Pietro Benassi, dal Console Generale d’Italia a Francoforte Maurizio Canfora e dai principali editori italiani a inaugurare il rinnovato Spazio Italia mercoledì, 14 ottobre, alle 11.

Nei giorni scorsi ha suscitato molto scalpore la notizia che l’Iran non parteciperà alla Fiera a causa della decisione degli organizzatori di affidare a Salman Rushdie, l’autore dei ‘Versetti satanici’, il discorso di apertura. Lo ha annunciato la tv di Stato di Teheran, citando una nota del ministero della Cultura che ha definito “un’azione anti-culturale” l’invito avanzato a Rushdie.
Come apprendiamo da Adnkronos: “L’Iran – si sottolinea nel comunicato – non parteciperà alla Fiera e ha invitato altri Paesi islamici a fare lo stesso. Durissima è stata la presa di posizione sulla vicenda anche del ministero degli Esteri di Teheran, secondo cui gli organizzatori della Fiera, “con il pretesto della libertà di espressione, hanno invitato una persona che è odiata nel mondo islamico e creato l’opportunità per un discorso di Salman Rushdie“.

L’Europa dell’editoria sarà al centro di più di 20 eventi alla Fiera del Libro di Francoforte, che testimonia la crescente importanza dell’Europa per l’editoria – ma anche della crescente importanza dell’editoria per l’Europa. L’editoria libraria è una delle più grandi industrie creative in Europa, e un potente motore dell’economia della conoscenza“, dice Holger Volland, Vice Presidente Business Development alla Fiera del Libro di Francoforte. “D’altra parte, la prospettiva europea sta diventando sempre più importante per il settore dell’editoria. La Fiera del Libro di Francoforte ha riconosciuto queste tendenze e offre una piattaforma a tutte le parti europee interessate dai campi della politica, della cultura e dell’economia per scambiare opinioni e – ancor di più – perguidare l’innovazione nel settore.”

Il commissario europeo Günther Oettinger, responsabile per il Digital Economy e Society – e, quindi, esperto in argomenti come il mercato unico digitale (DSM), i diritti d’autore e l’interoperabilità – relazionerà nell’evento “L’agenda digitale europea di contenuti” (16 ottobre, ore 11, Sala Dimension, Sala 4.2), il discorso di apertura del “Media & Technology Forum” alla Fiera del Libro di Francoforte.

Tutti gli eventi si terranno in lingua inglese. 

* * *

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: