Home > Articoli e varie > GIOVANI LIBRAI CRESCONO

GIOVANI LIBRAI CRESCONO

febbraio 19, 2016

GIOVANI LIBRAI CRESCONO: DAL SOGNO ALL’IMPRESA

I DATI, LE STORIE E I DETTAGLI DEL CORSO DI ALTA FORMAZIONE

I DATI. Il mercato del libro in Italia torna positivo, dopo cinque anni. Lo dicono i dati dell’Ufficio Studi dell’Associazione italiana editori (Aie). Torna a crescere, a sorpresa, la lettura di libri di carta (+0,7%), mentre cala quella legata ai prodotti digitali.
Tre quarti degli italiani i libri li comprano in libreria e quelle indipendenti registrano nel 2015 un segnale positivo, seppur lieve: il loro peso si attesta intorno al 31% contro il 41,2% delle grandi catene.
Le fasce dei bambini e ragazzi (6-14enni: 46,5%), le fasce pre-scolari (63%) e gli Young Adults (52,5%) continuano a leggere più libri rispetto alla media della popolazione italiana, che si attesta al 42% (lettori di almeno un libro non scolastico nell’anno), il che fa ben sperare nel futuro della lettura e delle librerie in Italia. Quelle esistenti in tutto il territorio nazionale sono poco meno di 2mila; l’ALI-Confcommercio ne rappresenta oltre mille. Se la crisi ne ha cancellate molte, altre ne stanno nascendo, soprattutto grazie alla passione e all’intraprendenza delle giovani generazioni: le stesse che da 10 anni si avvicendano nel Corso di Alta Formazione in gestione della libreria indetto dalla Scuola Librai di Ali-Confcommercio con l’obiettivo di trasformare il sogno in impresa.
“La media annuale di iscritti – spiega Aldo Addis, direttore tecnico della SLI-Scuola Librai Italiani – è di circa venti allievi. Ogni anno, legate al corso, registriamo l’apertura di una media di 3 librerie in tutta Italia. Molti dei nostri allievi poi hanno trovato impiego come dipendenti anche ad alti livelli”.

LE STORIE. Tra le storie più recenti c’è quella di Sara Quattrini, che ha frequentato il 9° Corso e con un team tutto al femminile ha aperto la libreria “Soffiasogni” di Albano Laziale che organizza anche eventi e laboratori di arte e archeologia sperimentale soprattutto per bambini. Maura Romeo, che ha frequentato la 1^ edizione del Corso con già un’ampia esperienza maturata all’estero, ha allargato gli orizzonti con nuove competenze diventando, tra l’altro, responsabile commerciale di Minimum fax, a Roma. Marco Sarti, con Alessandro Lanferdini, ha frequentato il 9° Corso e a dicembre del 2015 ha aperto una libreria a Modena. Ci sono anche storie d’amore sbocciate tra i banchi della Scuola di Alta Formazione, sfociate nel coronamento del sogno comune di aprire una libreria.
Segnali concreti di un percorso che è terra d’incontro, di relazioni, di crescita personale che diventa progetto di vita.
“Il fatto inoltre che diverse librerie abbiano assunto in questi mesi alcuni allievi della SLI dimostra che il settore si sta aprendo a nuove realtà, più dinamiche e più orientate all’evoluzione – dichiara il presidente di Ali-Confcommercio Alberto Galla – Solo con un’adeguata formazione che prepari professionalmente chi vuole intraprendere il mestiere di libraio, si può pensare di dare al mondo del libro la speranza di uscire da una crisi duplice, legata alla recessione economica e alla rivoluzione digitale che sta modificando in modo tangibile le abitudini di lettura. Per queste ragioni la Scuola Librai Italiani è sostenuta da tutto il mondo editoriale italiano”.

IL CORSO – Chi, come, dove, quando.
Il corso, che si svolgerà a Roma da Marzo a Luglio 2016, si pone l’obiettivo di formare librai qualificati sia sotto il profilo teorico che pratico, affrontando un ampio numero di argomenti che spaziano dal campo editoriale a quello della gestione imprenditoriale, dal marketing all’organizzazione di eventi, e prevede al suo interno il project work e gli stage in libreria.
Una decima edizione che rinnova l’offerta formativa e le modalità di insegnamento, con l’introduzione di alcuni moduli on line, la partecipazione attiva degli allievi negli stand degli editori al Salone del Libro di Torino e un’attenzione particolare all’innovazione.
Il corso è rivolto a diplomati e laureati che hanno interesse e motivazione a lavorare nel mondo dell’editoria e della distribuzione e vendita dei libri. Avranno accesso al corso un massimo di trenta studenti selezionati tramite test di ammissione e un colloquio attitudinale che presenteranno la domanda entro il termine di scadenza del 29 febbraio 2016.
Gli argomenti affrontati nel programma del corso, suddivisi per aree tematiche, spazieranno dall’analisi delle competenze gestionali di base alla progettazione degli spazi della libreria, dall’innovazione commerciale fino ai rapporti tra editoria e mondo digitale.

Dal 2007, anno di attivazione del primo corso, la Scuola Librai Italiani è diventata un punto di riferimento anche per le istituzioni, stipulando nel mese di settembre 2013 un importante accordo di collaborazione con Cepell – Centro per il libro e la lettura del MiBACT, a sostegno delle attività della Scuola e per la promozione della lettura. È in quest’ottica che si colloca la collaborazione con la Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea che ospiterà le lezioni del decimo corso.

* * *

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: