Home > Articoli e varie > LA LETTURA SEMPRE PIÙ AL FEMMINILE

LA LETTURA SEMPRE PIÙ AL FEMMINILE

marzo 9, 2018

TEMPO DI LIBRI: La lettura sempre più al femminile. In aumento la percentuale di scrittrici e il peso delle donne nei ruoli dirigenziali nell’editoria

La lettura è sempre più al femminile: legge il 71% delle donne e il 59% degli uomini tra i 14 e i 75 anni. Lo conferma l’indagine presentata ieri, nel giorno dedicato alla donna e in apertura di Tempo di Libri, la Fiera internazionale dell’editoria in programma fino al 12 marzo a fieramilanocity a Milano. Una ricerca sul ruolo femminile rispetto agli snodi di lettura, scrittura, ruoli occupati nella filiera editoriale, a partire dall’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sui consumi editoriali, realizzato in collaborazione con Pepe Research.

Una nuova conferma, nel segno della lettura: le donne leggono più degli uomini: in media 8 tra libri, e-book e audiolibri in un anno, rispetto ai 6,9 degli uomini. Preferiscono i libri (il 69% delle risposte, contro il 56% degli uomini), rispetto a ebook (26% delle risposte rispetto al 29% degli uomini) e agli audiolibri (10% delle donne contro il 12% degli uomini). Al punto che il 62% delle donne indicano solo il libro di carta come supporto preferito.

Leggono di più in tutte le fasce d’età: tra i 18-24 anni legge il 91% delle donne e l’81% degli uomini. Le differenze si allargano a valori che sfiorano i 20 punti di differenza tra i 45-54 anni dove all’84% di donne che dichiara di aver letto (libri, ebook, audiolibri) corrisponde il 67% dei maschi e tra i 65-74 anni con il 44% delle lettrici e il 26% dei lettori. L’unica fascia d’età in cui i maschi leggono di più è tra i 15-17 anni: sono l’89% contro l’85% delle ragazze.

I luoghi di acquisto privilegiati? Le librerie, anche se le scelgono meno degli uomini. Preferiscono il prestito e il regalo: Le librerie sono scelte dal 75% delle donne e dal 77% degli uomini. Negli store on-line il rapporto si ribalta: li preferiscono il 28% delle donne e il 31% degli uomini. Le donne preferiscono la forma il regalo o il prestito di libri (è cosi nel 46% delle risposte delle donne e nel 39% degli uomini). La Grande distribuzione organizzata conquista il 72% delle donne e il 44% degli uomini, forse per la comodità di curiosare al banco libri e per la convenienza la scelgono il 59% delle donne rispetto al 33% degli uomini.

Dalla lettura alla scrittura: cresce la percentuale di scrittrici in Italia, ma il numero degli autori resta decisamente superiore: nel 2017 le autrici sono il 38,3% del totale mentre nel 2005 erano il 29,7%, con un aumento di circa 7 punti che rafforza le loro posizioni nella filiera editoriale.  Circa 4 autori su dieci sono donne, con un trend in crescita.

Cresce la presenza femminile anche nei ruoli dirigenziali dell’editoria: sono sempre di più anche le donne che ricoprono cariche di responsabilità (CEO, presidenti, direttori generali, ecc.) nella filiera produttiva editoriale (anche se il dato è condizionato dalla maggior presenza femminile nelle case editrici piccole e medio-piccole che rappresentano una parte importante del nostro tessuto imprenditoriale): rappresentano il 22,3% dei ruoli dirigenziali, percentuale che nel 2010 si fermava al 16,6%.

«Il numero di donne che ricoprono ruoli di rilievo nel mondo dell’editoria, e nei suoi ruoli dirigenziali, è superiore alla media nazionale che si attesta a un modesto 4% – ha detto il  presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi -. Ad esse si aggiungono poi quelle che troviamo – a vari livelli – in libreria o in biblioteca e in tutta la filiera editoriale: traduttrici, grafiche, responsabili della comunicazione. Nelle posizioni in ingresso – chi frequenta i vari master – c’è anche qui una percentuale maggiore di ragazze, il cui peso finirà per proiettarsi nei prossimi anni sugli organigrammi futuri. Lo stesso lo vediamo nella scrittura. Così come lo vediamo, dagli anni Ottanta, nella lettura. È in quegli anni che abbiamo assistito allo storico sorpasso: più ragazze, e donne entrano nei processi educativi della scuola dell’obbligo, poi nell’università e quindi nel lavoro. E più bambine, ragazze, donne si avvicinano ai libri ed entrano in libreria. Leggo questi dati come una conferma: la stretta relazione tra crescita sociale degli individui – le donne in questo caso – la lettura di libri, ebook, maggiori consumi culturali e la possibilità di sfruttare meglio gli ascensori sociali. Come Paese in cui l’innovazione diventa una qualità centrale per competere sui mercati interni e internazionali il fatto che leggere sia «donna» è un dato che apre alla speranza. E dovrebbe far riflettere  i colleghi uomini».

* * *

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

Annunci
Categorie:Articoli e varie Tag:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: