Home > Esordi letterari > QUASI COLPEVOLE di Paolo Pinna Parpaglia

QUASI COLPEVOLE di Paolo Pinna Parpaglia

ottobre 4, 2018

undefinedQUASI COLPEVOLE (Newton Compton): il romanzo d’esordio di Paolo Pinna Parpaglia

 * * *

Paolo Pinna Parpaglia è nato nel 1974. Laureato in Giurisprudenza, svolge la professione forense dal 2005. Vive a Cagliari con la compagna e le due figlie gemelle. Ha lavorato per un breve periodo come collaboratore presso «L’Unione Sarda». Scrivere è una passione e un modo per evadere dagli schemi della scrittura giuridica.

Quasi colpevole“, edito da Newton Compton, è il romanzo d’esordio di Paolo Pinna Parpaglia… e coincide con il primo caso del giovane avvocato Quirico D’Escard.

D’Escard, avvocato alle prime armi, riceve un telegramma dal carcere: Enrico, l’amico di una vita, è accusato dell’omicidio di un’alunna e lo ha nominato suo difensore…

 * * *

Abbiamo chiesto a Paolo Pinna Parpaglia di raccontarci qualcosa di “Quasi colpevole”…

 * * *

«Il “giallo” è senz’altro il genere più battuto, esplorato e scandagliato dalla letteratura e dal cinema», ha raccontato Paolo Pinna Parpaglia a Letteratitudine. «Ne deriva che qualunque autore voglia cimentarsi nella stesura di un romanzo di questo tipo rischia inevitabilmente di raccontare storie già sentite o di impantanarsi in cliché e convenzioni stilistiche che rendono il lavoro l’ennesimo clone di libri già letti. Quando ho scritto “Quasi Colpevole” ho voluto offrire al lettore una storia diversa dalle solite, con personaggi originali e una trama che fosse credibile e nuova. Il protagonista, Quirico d’Escard è un avvocato diverso da quelli che popolano l’immaginario collettivo falsato dai film di matrice americana: Quirico è un giovane e inesperto neo avvocato, imbarazzante sintesi di inesperienza, sogni di gloria, goffi recuperi, inciampi da dilettante e urgenti fantasie erotiche. Quirico è, per usare un riferimento immediatamente comprensibile, l’opposto di Perry Mason o di Guido Guerrieri. Senza intuizioni geniali, né oratoria brillante o almeno sufficiente conoscenza del diritto, Quirico affronterà il suo primo processo penale. Un processo complicato, quasi impossibile in cui deve difendere Enrico la Torre, il suo migliore amico, accusato dell’omicidio della giovane Alessia, studentessa sassarese in gita scolastica a Cagliari, morta ammazzata in un hotel di infima categoria. Enrico era il professore che accompagnava la scolaresca in gita e che ha lasciato una traccia inequivocabile nel corpo della vittima. Enrico sceglie il suo amico come avvocato e Quirico accetta la difesa perché crede nella sua innocenza.
In “Quasi colpevole” ho voluto che il lettore respirasse l’aria del giallo classico indiziario, con tanti elementi disseminati tra le righe per consentire al lettore di arrivare autonomamente alla soluzione, nel pieno rispetto della prima regola teorizzata dal maestro del genere S.S. Van Dine nel 1928: “Il lettore deve avere le stesse possibilità del poliziotto di risolvere il mistero, tutti gli indizi e le tracce debbono essere chiaramente elencati e descritti”. Ma ho voluto anche scrivere un legal, nel senso più stretto del termine, ed è infatti la vicenda giudiziaria che detta i tempi dell’azione, partendo dalle indagini nell’immediatezza dell’omicidio, sino al risolutivo “…nel nome del popolo italiano”, passando attraverso tutte le fasi del processo penale italiano, forse poco note a un pubblico abituato ai processi americani, o peggio, americanizzati.
Ho voluto raccontare le fasi del processo penale italiano senza dilungarmi in tecnicismi o giudizi sul sistema ma dando al lettore la possibilità di farsi un’idea sull’efficacia dello strumento giudiziario per arrivare alla verità. La verità sostanziale, non quella processuale contraffatta e maltrattata dagli interpreti di quella grande commedia (o tragedia) che è il processo».

 * * *

Di seguito, il Prologo del romanzo…

undefined

Enrico La Torre arrivò nel piazzale della scuola un quarto d’ora prima che suonasse la campanella d’ingresso. Camminava con il solito passo stanco e la testa china a guardare poco più in là della punta dei piedi. Portava uno zaino in spalla, un’assoluta novità, in genere il suo corredo scolastico comprendeva solo il diario, la penna e uno o due pacchetti di sigarette. Niente comunque per cui servisse uno zaino. Tantomeno uno zaino così gonfio.
Enrico fece lo slalom tra le macchine e i motorini che ingombravano la strada seguendo un percorso obbligato che portava verso il cancello della scuola, poi alzò la testa per cercare i suoi amici. Li vide vicino a una Ypsilon 10 rossa e lentamente, quasi sospinto, andò verso di loro senza neanche fare caso a chi lo guardava sghignazzando. Quando circa sei anni prima aveva scelto di iscriversi al liceo classico Dettori, sapeva che la scuola più esclusiva di Cagliari era il luogo meno adatto per uno come lui totalmente disinteressato alle regole dell’apparire.
Anche quel giorno l’aspetto di Enrico era il solito, il viso trasmetteva l’idea di scarsa igiene e i capelli, crespi e neri, erano appiattiti sulla nuca. Il caso aveva voluto che i vestiti presi alla cieca dall’armadio fossero lievemente intonati tra loro. Ma il più delle volte capitava che varcasse, impavido, la soglia della classe con un abbinamento che autorizzava chiunque a deriderlo.
Dopo dieci giorni di latitanza Enrico era tornato a farsi vivo.
Seduto sopra la sella di un vespino nero, Gabriele fu il primo a vederlo arrivare.
«Guardate chi c’è», disse rivolgendosi a Christian e Quirico appoggiati sulla Ypsilon rossa di fronte alla vespa.
Enrico li salutò con il suo solito modo sbrigativo. Un «oh ciao» buttato lì nel mucchio.
«Enri, complimenti, oggi fai più schifo del solito», gli disse Quirico in modo scherzoso. «Scompari per non so quanto tempo, ti telefono e nessuno mi sa dire dove sei, oggi magicamente riappari: il minimo che puoi fare è toglierti le cispe dagli occhi».
Enrico non ci fece quasi caso e abbozzò un sorriso nascosto dalla sigaretta.
Gabriele, Quirico e Christian erano gli unici amici di Enrico. Lo trattavano sempre con rispetto e anche quando lo prendevano in giro non c’era mai cattiveria.
«Dove eri finito?», gli chiese Gabriele.
«Studiavo».
Gli amici lo guardarono increduli.
«Non dire scemenze!».
Stavo studiando una cosa mia. Ormai sono maggiorenne e non ho più bisogno della giustificazione. Finalmente mi sono potuto dedicare a un progetto che avevo in mente da un sacco di tempo».
«E tuo padre lo sa che non vieni a scuola da due settimane?», gli chiese Quirico.
«Secondo te?»
«Secondo me saresti già morto».
«Infatti. E comunque è valsa la pena correre il rischio».
«E quello zaino? Non l’hai mai usato in vita tua, che ci fai con uno zaino?», intervenne Christian.
«Poi vi spiego, poi vi spiego. Comunque oggi facciamo vela, devo farvi vedere una cosa importante», disse Enrico perentorio.
Gli amici lo guardarono stupiti. Enrico non era mai categorico nelle sue affermazioni. Il più delle volte cambiava idea e tornava sulle sue decisioni senza alcun motivo. «Amo contraddirmi», rispondeva quando qualcuno glielo faceva notare.
Quel giorno le sue parole e il suo sguardo erano decisi. Nessun tentennamento, nessuna incertezza, nessun amore per la contraddizione. Si doveva fare vela e basta.
Christian accettò senza alcuna perplessità, ormai l’anno era andato e per passare l’esame di maturità avrebbe avuto bisogno di un miracolo.
Quirico e Gabriele si guardarono.
«Allora, venite? Dovete assolutamente venire», insistette Enrico.
«Ok, io vengo», rispose risoluto Quirico.
«Io non posso. Devo incontrare Valentina di terza G alla ricreazione. Ci sto lavorando da un mese, se adesso le do buca me la gioco per sempre. Quindi voi fate quello che volete ma io entro e ci risentiamo stanotte», disse Gabriele ormai in minoranza.
«È un vero peccato. Perché se non vieni con noi nessuno potrebbe impedirmi di raccontare involontariamente a Sonia che devi vedere Valentina. Sai com’è: la incontri per caso, ci parli un paio di minuti e poi è inevitabile che esca questa storia di Valentina diterzagì».
Sonia era la fidanzata semiufficiale di Gabriele, un gioiellino di ragazza che Gabriele trattava come una sorta di ruota di scorta anche se, in fondo, le voleva bene. E Quirico lo sapeva. Ma quella di Quirico era una minaccia priva di fondamento, in quel gruppo nessuno avrebbe mai tradito, era una regola che non aveva bisogno di essere detta. Erano amici e tanto bastava.
Quando Gabriele vide che anche Quirico era intenzionato a fare vela comprese di non avere più scampo. Sarebbe dovuto andare anche lui.
«Ok vengo, ma giuro che se entro un paio di giorni non mi trombo Valentina diterzagì, mi rifarò con qualcuno di voi o delle vostre sorelle. Allora Enri, dove dobbiamo andare?»
«Per ora alla fermata dell’autobus», rispose Enrico, soddisfatto di essere riuscito a trainare il gruppo.
Dieci minuti dopo, Gabriele, Christian, Quirico ed Enrico erano seduti su un autobus mezzo vuoto che si dirigeva verso la periferia nord di Cagliari. Enrico, tenendo in bocca una sigaretta fumata a metà e spenta un attimo prima di salire sull’autobus, continuava a non voler dire nulla sulla loro destinazione e ogni tanto si assentava come se stesse cercando di inseguire dei pensieri che lo tormentavano.
Arrivarono al capolinea nell’immenso parcheggio dell’ospedale Brotzu, la mostruosa e tentacolare struttura costruita negli anni Settanta che sembrava già dover crollare a pezzi. Senza fare troppe domande Christian, Gabriele e Quirico seguirono Enrico lungo il parcheggio sino al grande accesso che immetteva in un altro spiazzo riservato alle automobili del personale e dal quale poteva entrare anche il pubblico a piedi. L’ingresso era presidiato da uno stipendiato che leggeva la «Gazzetta dello Sport» e alzava gli occhi al di là del gabbiotto solo quando passava qualche ragazza.
«Ora non dobbiamo fare casino sennò il custode ci nota e ci fa domande. Fate silenzio ed entrate come nulla fosse. Fate l’espressione di nipoti che vanno a trovare la nonna malata», ammonì Enrico.
Dopo aver camminato per alcuni minuti si nascosero dietro una piccola e vecchia struttura di cemento tra le sterpaglie, nella quale un tempo c’era la centralina idrica. Da lì nessuno avrebbe potuto vederli.
«Ho passato le ultime dieci mattine nascosto qui dietro e conosco praticamente gli spostamenti di tutti i dipendenti dell’ospedale», riferì loro Enrico senza nascondere un po’ di orgoglio e soddisfazione per essere riuscito a portare lì i suoi amici. Enrico non era mai particolarmente carismatico, il più delle volte le sue proposte cadevano nel vuoto, anche perché il più delle volte erano assolutamente irragionevoli. Ma quel giorno la sua proposta aveva anche un alone di mistero che, unita alla sua improvvisa apparizione, dopo quasi due settimane di assenza aveva calamitato l’attenzione degli amici.
«Devi andare a un quiz in televisione? Materia: cosa fanno la mattina i dipendenti del Brotzu», gli chiese Christian.
Enrico sorrise alla battuta di Christian, poi disse: «Entro cinque minuti una biondina esce da quella porta e va via sulla Panda verde posteggiata lì davanti, al posto suo in genere si parcheggia una grossa moto guidata da un deficiente che ha sessant’anni, ma chissà perché crede di averne venti. Nel frattempo un infermiere molto giovane esce da quell’altra porta», indicò un ingresso a sinistra, «si accende una sigaretta e mentre fuma guarda sempre costantemente verso la sua destra ma non ho mai capito cosa cerchi».
Enrico terminò di parlare e si sporse da dietro il nascondiglio per guardare verso l’edificio.
Quirico stava per dire qualcosa ma Gabriele lo zittì con un secco «sssshhh», e anche lui e gli altri si sporsero per osservare.
Due minuti dopo una ragazza non bella ma molto appariscente uscì dalla porta di servizio di uno dei locali e con passo deciso e cadenzato si diresse verso la Panda indicata da Enrico. Salì a bordo e se ne andò proprio mentre arrivava una motocicletta bmw quasi d’epoca, proprio come il tipo che la guidava. Il motociclista indossava jeans e giubbotto in pelle che stonavano terribilmente con il suo volto di persona ormai avanti con gli anni.
«Adesso arriva l’infermiere», bisbigliò Enrico nonostante fossero a distanza di sicurezza e nessuno avrebbe potuto sentirli.
Passarono alcuni minuti.
«Qui non succede niente».
«Aspetta».
«E cosa c’è da aspettare?»
«Eccolo!».
Proprio come aveva annunciato Enrico, un infermiere uscì da un’altra porticina, accese una sigaretta e per tutto il tempo guardò a destra, verso l’ala dell’ospedale in cui c’erano le corsie.
Quando terminò la sigaretta, l’infermiere la gettò per terra e la spense con il piede poi rientrò nella struttura. Enrico era visibilmente compiaciuto. Gli altri rimasero in silenzio incapaci di dare un qualche significato a quello che stavano vedendo.
«Bene, ci hai convinto: sai tutto quello che succede al Brotzu. E ora?»
«Allora potete fidarvi. Dunque, siamo in anticipo quindi abbiamo tutto il tempo per vestirci e organizzare le prossime mosse».
Enrico aprì il grosso zaino e tirò fuori tre logore vestaglie da casa che diede agli amici, lui ne prese un’altra che aveva nascosto il giorno prima in una busta in mezzo alle sterpaglie.
Il piano era semplice: vestiti da ricoverati sarebbero dovuti entrare all’interno della struttura dell’ospedale che sporgeva come un corpo aggiunto rispetto all’edificio principale. La porta esterna era sempre chiusa ma tutti i giorni, alle undici e un quarto precise, usciva un medico che non sarebbe tornato prima di venti minuti. In quei venti minuti la porta esterna sarebbe rimasta socchiusa e loro sarebbero potuti entrare. Se qualcuno li avesse beccati proprio mentre entravano avrebbero potuto dire che erano dei pazienti e che avevano sbagliato porta. Con le vestaglie addosso e la faccia da scemi che si ritrovavano, la scusa poteva passare per buona.
«Tiratevi su i jeans e chiudete bene la vestaglia in modo che non si vedano i vestiti, in genere i malati hanno il pigiama», suggerì Enrico. «Per le scarpe pazienza, con delle ciabatte sarebbe meglio, dobbiamo essere svelti ma non agitati. Ogni tanto passa qualcuno anche da qui, quindi meno ci facciamo vedere meglio è… poi quando siamo dentro tu Christian…».
Gli amici, fermi con le vestaglie in mano, ascoltavano Enrico senza riuscire a seguire il filo dei suoi ragionamenti.
«Enrico fermati un secondo… ma cosa c’è là dentro? Dov’è che dobbiamo entrare?».
Enrico si girò verso loro, quasi incredulo.
«Ma come, non l’avete ancora capito? Quello è l’obitorio».
Quattro ragazzini con vestaglie sporche e lise entrarono dalla porta esterna dell’obitorio. Enrico faceva da guida all’interno della struttura, Christian lo seguiva da vicino indifferente agli aspetti di illiceità della loro bravata, Gabriele ridacchiava preoccupato e solo Quirico manifestava espressamente il suo disagio.
«Cristo, Enri, tu hai diciotto anni, non ho la minima idea di cosa abbia intenzione di fare qui dentro, ma so che rischi di brutto», sussurrò guardandosi alle spalle, «ma forse è meglio finire in galera che essere massacrato di botte da mio padre quando lo scoprirà».
«E sta’ zitto! Se fai silenzio forse ne usciamo puliti», gli intimò Gabriele, preoccupato ma sempre più coinvolto.
«La porta è quella a destra, ma prima guardate qui».
Enrico spiegò una pagina del giornale di quella mattina e la mostrò agli amici. Era la pagina con la cronaca di Cagliari, un trafiletto recitava Morta nel sonno.
«L’hanno trovata ieri pomeriggio e l’hanno portata subito in obitorio. Stasera eseguiranno l’autopsia ma sino ad allora non la faranno vedere a nessuno, neanche ai parenti», disse loro Enrico con una febbrile eccitazione negli occhi. Anche Christian aveva perso l’allegra spensieratezza di poco prima. Il lungo corridoio asettico, silenzioso e illuminato da luci al neon, trasmetteva a tutti un senso di angoscia e inquietudine.
«Stai scherzando?»
«Non sto scherzando, ora entriamo nell’obitorio vero e proprio, seguitemi».
Quirico era sempre più agitato.
«Io me ne vado, tu sei scemo, io me ne vado via adesso. Questo posto mi mette i brividi».
«Se vai via tu dobbiamo andare via tutti. Comunque fra dieci minuti siamo fuori, tranquillo, ho studiato tutto nei minimi particolari. Più parliamo, più tempo perdiamo, andiamo!».
Seguendo con esitazione i passi decisi e spediti di Enrico, percorsero gran parte del lungo corridoio. Sul basso soffitto vi erano decine di tubi di varie dimensioni che li accompagnavano lungo il tragitto. Alcuni dei neon che illuminavano l’ambiente erano spenti, altri si accendevano a intermittenza.
“Sembra di essere in un videogioco”, pensò impaurito Quirico. “Tale e quale a Quake. Sputato! Ora esce uno zombi e mi mangia il cranio”.
Quel pensiero unito alla consapevolezza di essere nell’obitorio dell’ospedale fece scorrere un brivido di terrore nelle sue vene. Fu spinto dalla voglia di girarsi e tornare indietro, abbandonando gli altri al loro destino, ma la paura di ripercorrere il corridoio da solo lo trattenne.
Arrivarono alla sala autoptica, di fronte c’era una piccola segreteria. Enrico entrò e prese un mazzo di chiavi da un cassetto della scrivania, un secondo dopo la camera mortuaria si stava aprendo davanti a loro.
Vennero investiti da un freddo secco ma sopportabile e da un odore strano e sgradevole come di mensa di quart’ordine nella quale era stato passato abbondante disinfettante.
La sala era grande e ben illuminata, con diverse scrivanie piene di scartoffie e al centro, sotto due grandi lampade che ricordavano quelle dei biliardi, due tavoli operatori. Uno era vuoto. Nell’altro era adagiata una sagoma coperta interamente da un lenzuolo bianco.
Enrico si illuminò.
«Che vi avevo detto?»
«Io me la sto facendo addosso. Gabri, Christian, andiamocene», implorò sibilando Quirico.
«Aspetta un attimo Quirico, ormai siamo qui», gli disse Enrico incantato davanti alla sagoma della donna coperta.
Enrico si avvicinò al tavolo autoptico, i compagni lo seguirono lentamente e con passi incerti.
«Non è come nei film americani, lì gli obitori sono puliti e bianchi, e poi ci sono le celle frigo alle pareti, al massimo qualche targhetta agli alluci. Questo invece è un casino, solo i morti possono starci qui dentro», osservò Christian guardandosi attorno per evitare di soffermarsi sulla sagoma bianca che si intravedeva sotto il lenzuolo. Enrico si fece ancora più serio.
«Silenzio adesso», poi sfiorò il candido lenzuolo seguendo il profilo della sagoma. Dopo qualche secondo le sue mani si chiusero sui lembi del lenzuolo.
«Ora arriva il bello», sentenziò.
Come uno scultore che mostra per la prima volta un suo lavoro al pubblico, Enrico prese fiato, guardò negli occhi i suoi amici e con decisione tirò il lenzuolo verso di sé.
Un secondo dopo il lenzuolo giaceva ammonticchiato per terra. Sul tavolo rimaneva solo il corpo nudo di una donna.
Nessuno parlò. Solo gli occhi tradivano emozioni. Gabriele era incuriosito, Christian preoccupato e Quirico terrorizzato. Enrico invece sembrava semplicemente estasiato.
«Guardate ragazzi, è bellissima, meglio di quanto potevo sperare».
Enrico guardava quel corpo femminile di mezza età, dai fianchi pesanti e il viso anonimo, nel quale si era dipinto un ghigno che solo la morte poteva dare a un volto. I grossi seni cascavano mollemente sui lati e dal centro delle gambe appena socchiuse spuntava un vistoso triangolo di peli neri.
«…è bellissima…».
Gabriele riuscì per primo a svegliarsi dal torpore. «Enrico, ma non lo vedi che è una vecchia? È una vecchia ed è anche morta. Dimmi cosa ci trovi di bellissimo in una vecchia morta. Tu sei pazzo!». Eppure quel corpo calamitava anche il suo sguardo come quello di tutti gli altri.
Per diversi minuti i quattro amici rimasero incantati ognuno a un lato del letto come delle prefiche a una veglia funebre. L’immagine così viva della morte fece dimenticare loro che il tempo era ormai agli sgoccioli e anche Quirico, che sino a un attimo prima stava contando mentalmente i minuti che mancavano all’arrivo del medico, era ormai rapito da uno spettacolo che gli avrebbe fatto passare molte notti insonni.
Alla fine Enrico ruppe gli indugi e senza aggiungere altro avvicinò la mano al corpo della donna, la sfiorò e percorse tutta la figura dalla coscia sino a soffermarsi sul seno sinistro, colto da qualcosa che sembrò quasi eccitazione. Enrico respirò profondamente poi si girò verso gli amici: «Fatelo anche voi, è bellissimo. Fino a ieri questa donna non sapeva neanche che esistevamo… ora è nostra, possiamo farne quel che vogliamo, possiamo guardarla, annusarla anche toccarla…».
Era troppo, Quirico fece istintivamente un passo indietro, guardò l’orologio e vide che mancavano non più di due minuti all’orario di ritorno del medico. Avvisò i compagni e in un attimo furono alla porta dell’obitorio che dava sul corridoio. Tutti tranne Enrico che rimaneva vicino al tavolo autoptico.
«Enrico vieni via, sta per tornare il tipo. Se ti becca vai in galera», gli urlò Quirico senza che Enrico desse segno di averlo sentito. Christian, il più robusto dei tre nonostante la statura bassa, entrò deciso dentro l’obitorio e da dietro colpì nel fianco destro Enrico. Deciso e secco.
Enrico si piegò ma non cadde e nonostante la smorfia di dolore i suoi occhi erano sempre rivolti verso la donna.
Christian lo prese di peso e lo trascinò fuori aiutato da Quirico. Solo a metà del corridoio Enrico parve rientrare completamente in sé e prese a correre con le proprie gambe. Correvano all’impazzata, rallentati dalle vestaglie ma sospinti dal desiderio di lasciare quel luogo il prima possibile. Si gettarono all’esterno come nuotatori che escono dall’acqua dopo una lunga apnea, attraversarono la strada e dopo poco si ritrovarono tutti e quattro seduti al riparo del nascondiglio.
Rimasero ansanti per diversi minuti senza dire nulla.
Christian, Gabriele ed Enrico accesero una sigaretta. Quirico guardava altrove per non dover incrociare lo sguardo degli altri.
noi e non se ne parla più, ok?», disse perentorio.
«Lo avevo detto che ne valeva la pena…», pensò a voce alta Enrico.
«Ho detto che questa storia rimane tra di noi e non se ne parla più, chiaro?», ripeté Gabriele guardando Enrico negli occhi. Era categorico.
«Ok», disse Quirico.
«Va bene», rispose Christian.
«Enrico?», gli chiese Gabriele cercando il suo sguardo che vagava senza meta precisa.
Enrico lo guardò mentre un abbozzo di sorriso gli illuminava il volto al ricordo di quel ciuffo di peli neri che spuntava dalle cosce molli della sua donna.
«Va bene, non se ne parla più, non serve parlare…».
Non ne parlarono mai più e tutto tornò come prima, come se quel giorno non fosse mai esistito.

 * * *

 © Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

Annunci