Archivio

Archive for maggio 2019

PREMIO CAMPIELLO 2019: i cinque libri finalisti

PREMIO CAMPIELLO 2019: i cinque libri finalisti della 57^ edizione

Laura Pariani, Paolo Colagrande, Giulio Cavalli, Francesco Pecoraro, Andrea Tarabbia sono i vincitori del Premio Selezione Campiello. Il 14 settembre a Venezia, avverà la proclamazione del vincitore che si aggiudicherà il cosiddetto SuperCampiello.

Lo speciale di Letteratitudine dedicato al vincitore del Premio Campiello 2019 è disponibile qui

 * * *

Venezia, 31 maggio 2019 – È stata selezionata la cinquina della 57^ edizione del Premio Campiello.

Dopo una panoramica sulla letteratura italiana dell’anno e dei libri presentati i giurati hanno proceduto alle votazioni giungendo a definire i seguenti cinque libri finalisti:

– “Il gioco di Santa Oca” Laura Pariani, La Nave di Teseo
– “La vita dispari” Paolo Colagrande, Einaudi editore
– “Carnaio” Giulio Cavalli, Fandango Editore
– “Lo stradone” Francesco Pecoraro, Ponte alle Grazie
– “Madrigale senza suono” Andrea Tarabbia, Bollati Boringhieri editore
 
Il libro vincitore del Premio Opera Prima è Hamburg” Marco Lupo, il Saggiatore.

Leggi tutto…

MARCO POLO di Gianluca Barbera (un estratto)

Pubblichiamo un estratto di MARCO POLO di Gianluca Barbera (Castelvecchi)

In libreria da oggi, 30 maggio 2019

* * *

Un paio di giorni dopo aver lasciato Trebisonda…

Un paio di giorni dopo aver lasciato Trebisonda, ripresi a raccontare tra sguardi estasiati, ci trovammo ad attraversare i monti Calamita. Volevo a tutti i costi vedere l’Arca, se mai fosse esistita, a dispetto di una profezia che prometteva morte istantanea a chiunque vi avesse posato gli occhi sopra. All’epoca ero così giovane da non temere quel genere di storielle: mi sbagliavo.
«Perché hanno questo nome?» chiesi a Ibn, il capocarovaniere, alludendo ai monti che ci sovrastavano.
«Perché hanno il potere di attrarre i metalli».
Lo guardai sbalordito.
«Molti eserciti» aggiunse lui «sono stati sbaragliati. I monti catturano le armi e spogliano i soldati delle armature».
Lo fissai perplesso, senza dire nulla. Ogni terra ha le sue leggende. Scesa la sera montammo il bivacco. Raccolti attorno al fuoco ci accingevamo a consumare il pasto, quando si sentì un rumore. Erano due uomini in groppa a smunti cammelli. Venivano avanti tranquilli, come fossero di casa. Smontarono di sella e affidarono le bestie ai cammellieri. Ibn li salutò con un cenno della mano e li invitò a sedere accanto al fuoco, che crepitava in lingue rossastre.
Ci presentammo. Quando seppero che venivo da Venezia mi chiesero dove fossi diretto. Leggi tutto…

PREMIO CALVINO 2019: vince Gennaro Serio

Gennaro Serio è il vincitore della XXXII edizione del Premio Italo Calvino con il romanzo L’attività letteraria a Gibilterra nel secolo XXI

Risultati immagini per premio calvino letteratitudine

Gennaro Serio è il vincitore della XXXII edizione del Premio Italo Calvino con il romanzo L’attività letteraria a Gibilterra nel secolo XXI. Una prima menzione speciale della Giuria va a Cristina Gregorin, per il romanzo L’ultima testimone, e una seconda a Daniela Gambaro, per la raccolta di racconti Dieci storie quasi vere.

La “menzione speciale Treccani” è stata attribuita a Sergio La Chiusa per il romanzo I Pellicani.

 

Il romanzo vincitore e le menzioni speciali sono stati proclamati martedì 28 maggio al Circolo dei lettori di Torino dai giurati Peppe Fiore, Giuseppe Lupo, Rossella Milone, Davide Orecchio e Sandra Petrignani.

La Giuria ha deciso di assegnare il Premio a L’attività letteraria a Gibilterra nel secolo XXI di Gennaro Serio «per il coraggioso esperimento metaletterario condotto nel testo con lingua poliedrica, sulla scia dei modelli cosmopoliti di Vila-Matas e Bolaño. Un giallo sofisticato dal gusto ironico e parodistico che vede i protagonisti in viaggio per l’Europa dei luoghi di culto della scrittura terminando nella Gibilterra dell’immortale Molly Bloom.» Leggi tutto…

LA GRANDE INVASIONE 2019

Dal 31 maggio al 2 giugno La Grande Invasione, il Festival di  Ivrea

Il programma è disponibile qui

 * * *

Tra gli ospiti Concita De Gregorio, Gianni Mura, Darwin Pastorin, Matteo Nucci, Ferruccio De Bortoli, i finalisti del Premio Strega, gli stranieri Damon Krukowski, Stefan Merrill Block e Ottessa Moshfegh e per La piccola invasione Chiara Carminati e Franco Lorenzoni.

* * *

«È una parola!» Non solo la parola scritta ma quella letta, detta, data, pesata, la parola del giorno e quella tolta di bocca: sarà la parola il filo conduttore della settima edizione de La grande invasione, il festival della lettura che torna a Ivrea dal 31 maggio al 2 giugno.

Curato da Marco Cassini e Gianmario Pilo, con Lucia Panzieri e Silvia Trabalza per la sezione Piccola invasione, il festival è ormai considerato un appuntamento letterario di rilievo nazionale.

La grande invasione è il festival della lettura, in tutte le sue declinazioni: narrativa e saggistica, racconto e giornalismo, illustrazione e poesia, musica e teatro, fotografia e cinema.

Palcoscenico della manifestazione è Ivrea, capoluogo del Canavese, che per tre giorni sarà capitale italiana della lettura. L’intera città accoglierà scrittori, giornalisti e artisti, animatori di un programma davvero fitto, accanto al pubblico di appassionati e curiosi che potranno prender parte ai tanti appuntamenti in tutta la cittadina: dalla Chiesa di Santa Marta al Museo Civico Garda, dal Teatro Giacosa allo Zac!, e ancora in librerie, locali e ristoranti. Ma non solo: anche quest’anno è riproposta la tappa fuoriporta in collaborazione con il Castello di Parella, sede di Vistaterra, che ospiterà alcuni degli incontri in calendario. Leggi tutto…

AMMAGATRICI di Marinella Fiume

AMMAGATRICI di Marinella Fiume (A & B): intervista all’autrice

 * * *

di Massimo Maugeri

Marinella Fiume, nata a Noto (Sr), laureata in Lettere classiche presso l’Università di Catania, dottore di ricerca in Lingua e Letteratura italiana, ha pubblicato saggi, biografie, canzoni, racconti, romanzi, tra i quali Sicilia esoterica (2013), giunto alla sesta edizione, e La bolgia delle eretiche (2017); collabora con riviste e quotidiani e ha curato trasmissioni televisive. Ha esplorato e divulgato il ricchissimo patrimonio simbolico della Sicilia, l’universo femminile e i saperi tradizionali delle sue donne, contribuendo a sottrarle all’oblio della memoria. È curatrice del Dizionario Siciliane (2006). È stato scritto che “il suo linguaggio è quello di una sciamana siciliana e possiede la cifra dell’affabulazione evocatrice e magica”.

Il nuovo libro di Marinella Fiume si intitola “Ammagatrìci” ed è un viaggio visionario guidato da arcane incantatrici di Sicilia: dal Museo di Morgantina ad Aidone, alla casa di Lucio Dalla alle falde dell’Etna, a Catania, Scicli, Noto, Acireale, Taormina.

Ho chiesto a Marinella di parlarcene…

-Ci racconteresti qualcosa sulla raccolta e sul titolo che hai scelto?
Ammagatrìci (A&B Acireale – Roma, 2019), titolo che è un mio conio che ricorda l’Ammaliatrice di Teocrito,  è una raccolta di 11 racconti, altrettanti incontri surreali e folgoranti con arcane figure femminili di Sicilia: sirene e dee greche, sibille e grandi madri, medichesse ebree, trovatrici di tesori e streghe erboriste, schiave di corsari e castellane, assaggiatrici di raffinate pietanze, dive hollywoodiane e viaggiatrici straniere, accomunate da un rapporto esclusivo con il magico e la luna, e tutte, reali e fantastiche, trasfigurate letterariamente.

Quale è l’ambientazione? Leggi tutto…

IL NUOVO RUOLO DEL LIBRAIO INDIPENDENTE: il caso della libreria Bonanzinga

La libreria indipendente nel 2019: un luogo carico di emozioni. Il caso della libreria Bonanzinga di Messina.

La libreria Bonanzinga di Messina apre una nuova sede con nuove idee. Abbiamo chiesto alla libraia Daniela Bonanzinga di raccontarci qualcosa su questa nuova fase della sua attività

 * * *

di Daniela Bonanzinga

Essere librai indipendenti da quarant’anni, avere partecipato alla storia del paese, all’evoluzione del settore e alla grande catarsi in atto dal 2008 in poi, segna profondamente coscienza ed esperienza. Avere riposto i sogni da giovane, avere avuto un progetto di vita e averlo riccamente realizzato è un privilegio.
Semplice immaginare quando l’asticella galleggia verso nord, un po’ più complesso quando l’asticella inizia a scendere verso sud, senza stabilizzarsi.
Il famigerato pubblico dei lettori forti che sosteneva il mercato
cambia le abitudini di acquisto e sposta l’attenzione dai luoghi fisici ai luoghi virtuali.
Le regole si modificano velocemente e a soffrirne sono tutti: le librerie indipendenti, le librerie di catena, le librerie in franchising, la grande distribuzione.
Traghettare dal vecchio modello ad un nuovo modello che possa intercettare bisogni e tendenze del lettore è un’ardua sfida.
E’ impossibile creare luoghi fisici accoglienti se non si comprende come oggi la gente comunica e quali siano gli ingredienti sociali esistenziali. Leggi tutto…

SIMONA LO IACONO racconta L’ALBATRO

SIMONA LO IACONO racconta il suo romanzo L’ALBATRO (Neri Pozza)

[ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “L’albatro”: Simona Lo Iacono in conversazione con Massimo Maugeri]

di Simona Lo Iacono

 * * *

Cercavo un libro di commedie di Nino Martoglio.
Come sempre, la ricerca nella mia libreria durava ore. Non appena aprivo un testo, mi immergevo nella lettura e dimenticavo ciò che mi interessava. Non sono mai riuscita a resistere al richiamo dei libri. Troppo implorante per essere trascurato.
Il volume de “Il gattopardo” saltò fuori dalla terza mensola. Un’edizione vecchissima, appartenuta a mia madre. Le pagine erano ingiallite. Tra l’una e l’altra sbucavano fuori resti di petali essiccati, vecchie cartoline, una foto tagliata a metà che ritraeva i miei genitori in viaggio di nozze.
Non ho mai voluto che i libri restassero integri. Li ho sempre sottolineati. Li ho riempiti di resti, di carte, di oggetti.
Mi fa piacere che, quando li apro, dalle pagine affiorino anche residui e antiche nostalgie. Qualche rimasuglio di un momento, qualche spasmo di felicità.
In questo modo mi pare che siano vivi, sempre in procinto di dirmi che hanno un’anima, oltre che mani capaci di consegnarmi frattaglie, cose lacere, inutili, che altri avrebbero buttato.
Avevo letto “Il gattopardo” decine di volte. Non solo perché amavo la fierezza di don Fabrizio, la sua malinconia di scrutatore di stelle. Ma anche perché ero una sostenitrice del ruolo degli animali in letteratura. E spasimavo per il suo cane, Bendicò. Leggi tutto…

IL VIOLINO DI MUSSOLINI di Mario Baudino

IL VIOLINO DI MUSSOLINI. Una storia grossomodo d’amore” di Mario Baudino (Bompiani): incontro con l’autore

 * * *

Mario Baudino vive a Torino dove è giornalista per le pagine culturali de “La Stampa”. Ha pubblicato le raccolte di poesie Aeropoema, Grazie e Colloqui con un vecchio nemico. È autore di saggi e di romanzi, fra cui Il mito che uccide (2004), Per amore o per ridere (2008), Il gran rifiuto (2009), Ne uccide più la penna (2011), Lo sguardo della farfalla (Bompiani, 2016), Lei non sa chi sono io (Bompiani, 2017).

Il suo nuovo romanzo si intitola Il violino di Mussolini. Una storia grossomodo d’amore (Bompiani, 2019).

Un romanzo dove lo humour dei personaggi, coltissimi, innamorati della letteratura, a tratti burloni, deve misurarsi con la feroce stupidità del mondo che assedia i protagonisti e la loro precaria isola felice.

Abbiamo chiesto a Mario Baudino di parlarcene…

 * * *

Risultati immagini per La forza della disabitudine

«Primo, non è un romanzo storico», ha detto Mario Baudino a Letteratitudine. «Secondo, non è né un giallo né un thriller. Terzo, gioca con le strutture di entrambi i generi, ma dal mio punto di vista Il violino di Mussolini dovrebbe essere una commedia. Un libro comico, magari grottesco, una risata (non del tutto allegra?) scagliata sul presente. Va da sé che ogni lettore è signore e padrone e lo interpreta come gli pare, e che l’autore non è affatto sicuro di aver scritto proprio quel che intendeva scrivere: può darsi benissimo che i personaggi mi abbiano preso la mano. Si tratta del resto di tipi un po’ bizzarri e scherzosi, nonostante la loro caratura di bibliofili incalliti: il che potrebbe suggerire l’immagine di topi di biblioteca, noiosetti anzichenò. Io però con loro mi sono molto divertito, dopo averli rintracciati in un primo romanzo (Lo sguardo della farfalla): ma allora era autunno, in seguito ho capito che avevano bisogno di primavera. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 13 al 19 maggio 2019 – segnaliamo “Nella notte” di Concita De Gregorio (Feltrinelli)

Nella Notte - Concita De Gregorio - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 13 al 19 maggio 2019

Questa settimana segnaliamo: “Nella notte” di Concita De Gregorio (Feltrinelli) – al 2° posto nella classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Al 1° posto “Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te” di Me contro Te (Mondadori Electa)

Entra in top ten al 2° posto “Nella notte” di Concita De Gregorio (Feltrinelli)

Al 3° posto (la settimana precedente era in 2^ posizione) “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Entra in top ten al 4° posto “In mare non esistono taxi. Ediz. illustrata” di Roberto Saviano (Contrasto)

Al 5° posto (la settimana precedente era in 3^ posizione) “Linea di sangue” di Angela Marsons (Newton Compton)

Entra in top ten al 6° posto “Nel silenzio delle nostre parole” di Simona Sparaco (DeA Planeta)

Al 7° posto (la settimana precedente era in 5^ posizione) “La gabbia dorata” di Camilla Läckberg (Marsilio)

All’8° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione) “Lena e la tempesta” di Alessia Gazzola (Garzanti)

Al 9° posto (nella rilevazione precedente era in 10^ posizione) “La versione di Fenoglio” di Gianrico Carofiglio (Einaudi)

Al 10° posto (la settimana precedente era in 8^ posizione) “The mister” di E. L. James (Mondadori)

* * *

Nella Notte - Concita De Gregorio - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “Nella notte” di Concita De Gregorio (Feltrinelli) – al 2° posto nella classifica generale

Un romanzo sul potere teso, elettrico, in cui Concita De Gregorio traccia con lucidità il quadro di un fallimento politico che collide con il criminoso, svelandone le dinamiche e le conseguenze. Senza fare sconti.

Sembrava la fine di un’epoca. Invece era solo l’inizio.

Nora è una ragazza brillante, appassionata al racconto della realtà e allo studio della politica. La sua tesi di dottorato, «Nella notte», è un’indagine sulle ore durante le quali l’elezione a presidente della Repubblica di Onofrio Pegolani, data per certa dagli analisti e dalla maggioranza dei parlamentari, è sfumata senza un apparente perché. È proprio grazie alla qualità della sua tesi che Nora viene convocata dal suo relatore, il professor Atzeni, che le offre un impiego di prestigio in un centro studi di Roma: dovrà raccogliere e archiviare informazioni riservate da vendere al miglior offerente, alimentando un sottobosco di ricatti e giochi di potere. Nora è pronta a rifiutare la proposta ma in quegli stessi luoghi ritrova Alice, la sua migliore amica degli anni del liceo: bellissima, a tratti cinica, molto abile nelle relazioni. Le due ragazze sono sempre state affascinate dalle reciproche diversità, il loro legame si riscopre intatto dopo anni di lontananza. Negli archivi del centro studi, Nora si imbatte in un fascicolo inaspettato: un capitolo inedito della sua tesi, espunto per volontà del professore e incentrato su un delitto scoperto la stessa notte in cui la carriera di Pegolani si è conclusa e il Partito dei Giusti, del quale era uno degli esponenti più prestigiosi, è caduto in una crisi irreversibile. Che cosa ci fa quel capitolo, in quell’archivio? Perché Atzeni ha deciso di non renderlo pubblico, consegnandolo invece a un organismo specializzato in ricerca di informazioni sensibili? A Nora non resta che tentare di scoprirlo, tornando a indagare. Una doppia indagine: su di sé, sulla vera natura delle relazioni di potere.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te Me contro Te Mondadori Electa 16,90
2 Nella notte Concita De Gregorio Feltrinelli 16,50
3 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
4 In mare non esistono taxi. Ediz. illustrata Roberto Saviano Contrasto 21,90
5 Linea di sangue Angela Marsons Newton Compton 12,00
6 Nel silenzio delle nostre parole Simona Sparaco DeA Planeta Libri 18,00
7 La gabbia dorata Camilla Läckberg Marsilio 19,90
8 Lena e la tempesta Alessia Gazzola Garzanti 16,40
9 La versione di Fenoglio Gianrico Carofiglio Einaudi 16,50
10 The mister E. L. James Mondadori 19,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PRO-MEMORIA FESTIVAL 2019

Torna il PRO-MEMORIA Festival: a Mirandola (31 maggio-2 giugno 2019) si discute di “Identità”

logo

Conferenze e spettacoli per andare alle radici dell’idea di identità
e scoprirne i volti più diversi. Attesi, fra gli altri:
Francesca Archibugi, Marco Balzano, Maurizio Bettini,
Nadia Fusini e Marco Missiroli.

 * * *

Torna anche quest’anno il Pro-memoria Festival – organizzato dal Consorzio per il Festival della Memoria di Mirandola, con la collaborazione della casa editrice Einaudi – l’edizione intermedia del Memoria Festival, e dà appuntamento a Mirandola da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno 2019 per incontri, spettacoli e approfondimenti dedicati al tema dell’Identità. A riprova dello stretto legame con il territorio e della predilezione per allestimenti suggestivi che conferiscano nuova vita e significato a luoghi della città già ricchi di storia, tutti gli appuntamenti del Festival si svolgono presso il Parco Piazza Matteotti, già sede della Cassa di Risparmio di Mirandola di piazza Matteotti. Leggi tutto…

VALERIO AIOLLI racconta NERO ANANAS

VALERIO AIOLLI racconta il suo romanzo NERO ANANAS (Voland)

Libro candidato all’edizione 2019 del Premio Strega

 * * *

di Valerio Aiolli

Lo chiamavo “il romanzone”. Stava lì. In piccola parte steso su qualche decina di pagine. Virtuali, stampate, corrette, ristampate. In una parte un po’ più grande imprigionato in schemi cronologici e diacronici suddivisi in varie cartelle dai nomi strani. Stampati, corretti, ristampati… Stava in schede di personaggi, in ritagli di giornale. In pacchi di fogli alti trenta centimetri contenenti dispositivi di rinvio a giudizio o motivazioni di sentenze. Ma in gran parte, la parte assolutamente preponderante, stava nella mia testa. O nel mio cuore. O nel mio corpo. Insomma, dove stanno i romanzi quando esistono potenzialmente, come possibilità, ma ancora non sono stati scritti. E quindi, a pensarci meglio, è sbagliato dire che stava da qualche parte. Perché un romanzo esiste solo a partire dal momento in cui lo si scrive.
«Il concepimento è ben poca cosa in confronto al parto» ha scritto Philip Roth. «Intendo dire che, fino a quando non sono state assorbite in una strategia narrativa d’insieme, le mie “idee” […] non [sono] diverse da quelle di chiunque altro. Tutti hanno “idee” per romanzi, la metropolitana è piena di persone che si reggono alle maniglie rigirandosi per la testa idee per romanzi che non riusciranno mai a scrivere. Spesso anch’io sono una di loro».
Quindi per lunghi anni il romanzone “non stava” lì, mentre la strategia narrativa d’insieme che era necessaria a dargli vita veniva a poco a poco componendosi. Non riesco a contare le volte in cui ho pensato che non ce l’avrei mai fatta a finirlo. Leggi tutto…

LA SICILIA E I SUOI NARRATORI: ERCOLE PATTI tra Letteratura e Cinema

Mercoledì 29 Maggio 2019, ore 18:00 Chiesa di S. Francesco Borgia, Via Crociferi, 7 (Catania),  si svolgerà l’evento

LA SICILIA E I SUOI NARRATORI: ERCOLE PATTI TRA LETTERATURA E CINEMA

nell’ambito del quale si presenterà il volume Ercole Patti Opere (La nave di Teseo) a cura di Sarah Zappulla Muscarà Enzo Zappulla

 * * *

Saluti d’indirizzo: Gioconda Lamagna (Direttore Polo regionale di Catania) Barbara Mirabella (Assessore alla Cultura del Comune di Catania) Interventi programmati: Giovanni D’Angelo (Scrittore) Massimo Maugeri (Scrittore) Sarah Zappulla Muscarà (Università di Catania) Enzo Zappulla (Presidente Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano) Valentina Ferrante (Teatro Stabile di Catania) Leggi tutto…

LA MILANESIANA 2019: La Speranza

La ventesima edizione de La Milanesiana diretta da Elisabetta Sgarbi, che si svolgerà dal 10 giugno al 23 luglio, è dedicata al tema de “La speranza”

imageL’intero programma è disponibile qui

 * * *

Dal 10 giugno al 23 luglio: 43 giorni di Festival, 66 incontri, 13 mostre, 212 ospiti da 15 Paesi, 14 diverse città italiane coinvolte, vari artisti di fama internazionale, tre premi Nobel, tre premi Pulitzer, sei premi Strega, musicisti, filosofi, economisti, registi, attori, nell’ambito di un vastissimo e maestoso programma: sono questi i numeri de “La Milanesiana 2019”

 * * *

“Gli anniversari ci sono per essere oltrepassati”, scrive Elisabetta Sgarbi sulla pagina introduttiva della brochure dedicata al programma di La Milanesiana 2019.
“Anzi sono già oltrepassati quando li si celebra. Eppure non posso non fermarmi a ricordare. Non mi è estraneo un senso di orgoglio compiuto per il tragitto, ma anche un sentimento di nostalgia.
Mi mancano amici di questi venti anni che, della Milanesiana, sono stati l’anima: Umberto Eco, Luciano Emmer, Carmelo Bene, Giovanni Reale, Paolo Terni, Michael Cimino, Lucio Dalla, per citarne solo alcuni. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLA PAROLA 2019: tutte le informazioni

FESTIVAL DELLA PAROLA: Chiavari, dal 30 maggio al 2 giugno 2019

Sarà “Dialogo” la parola chiave del FdP 2019. Dal 30 maggio al 2 giugno, quattro giorni dedicati al genio e alla capacità di visione.

La rassegna letteraria, che torna a Chiavari per la sesta edizione, avrà come parola chiave il Dialogo e sarà dedicata al genio e all’arte di Leonardo da Vinci e Lucio Dalla. Tra gli ospiti Moni Ovadia, Dario Vergassola, Federico Rampini, Vittorio Sgarbi, Pupi Avati, Vito Mancuso e Bruno Morchio

Il programmaGli ospitiI libri

 * * *

1FG_6677Chiavari (GE). Da giovedì 30 maggio a domenica 2 giugno torna il Festival della Parola di Chiavari, la rassegna culturale che per quattro intensi giorni animerà la Città dei Portici con incontri, parole, spettacoli, musica e presentazioni, che si svolgeranno tra i portici del centro storico e le caratteristiche piazze cittadine. La manifestazione è organizzata dal Comune di Chiavari – Assessorato al Turismo, patrocinata dalla Regione Liguria con il contributo della Camera di Commercio di Genova, mentre la produzione è stata affidata all’Associazione Le Muse Novae. Leggi tutto…

BEATITUDINE. Angelus Silesius e «Il pellegrino cherubico» di Francesco Roat

“Beatitudine. Angelus Silesius e «Il pellegrino cherubico»” di Francesco Roat (Ancora)

Francesco Roat è prosatore, saggista e critico letterario trentino, già insegnante di lettere nella Scuola Secondaria e consulente editoriale, si occupa di cultura su quotidiani e riviste. Suoi articoli sono apparsi su una ventina di testate nazionali. Oltre a varie opere narrative, ha pubblicato i saggi: L’ape di luglio che scotta. Anna Maria Farabbi poeta (LietoColle), Le Elegie di Rilke tra angeli e finitudine (Alpha Beta), La pienezza del vuoto. Tracce mistiche negli scritti di Robert Walser (Vox Populi), Desiderare invano. Il mito di Faust in Goethe e altrove (Moretti&Vitali), Il cantore folle. Hölderlin e le Poesie della torre (Moretti&Vitali), Religiosità in Nietzsche. Il vangelo di Zarathustra (Mimesis).

Il suo nuovo libro si intitola “Beatitudine. Angelus Silesius e «Il pellegrino cherubico»” (Ancora).
Abbiamo chiesto a Francesco Roat di parlarcene… Leggi tutto…

OMAGGIO A NANNI BALESTRINI

Ci lascia Nanni Balestrini (Milano, 2 luglio 1935 – Roma, 20 maggio 2019): poeta, scrittore e saggista italiano. Gli dedichiamo questa pagina…

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Ansa, Il Fatto Quotidiano, Libero quotidiano, Rai News, Il Post

 * * *

Nanni Balestrini ha fatto parte della neoavanguardia e degli scrittori intorno all’antologia I Novissimi, precursori del Gruppo 63.

La sua vasta produzione comprende, fra l’altro, poesie sperimentali e romanzi politicamente impegnati riguardanti le lotte degli anni sessanta e gli anni di piombo. Importante anche il suo contributo di “poesia totale” nel campo dell’arte visiva.

 * * *

Esponente di rilievo della neoavanguardia (gruppo dei poeti “Novissimi”; “Gruppo 63”) distintosi per uno sperimentalismo spinto fino all’adozione di tecniche sempre riconducibili al collage e a una diffusa intuizione circa l’incidenza del caso sul fare poetico. Leggi tutto…

SANGUE DI GIUDA di Milvia Comastri

SANGUE DI GIUDA di Milvia Comastri (Giraldi): incontri letterari

 * * *

Milvia Comastri è nata a Bologna, dove vive. Ha pubblicato tre raccolte di racconti: Donne, ricette, ritorni e abbandoni (Pendragon 2005), Colazione con i Modena City Ramblers (Historica 2012), Squilibri (Antonio Tombolini Editore 2014) e suoi contributi sono presenti in molte antologie, fra cui Nessuna più, 40 scrittori contro il femminicidio (Eliot 2013), progetto curato da Marilù Oliva.

Sangue di Giuda (Giraldi Editore 2019) è il suo primo romanzo.

Tre generazioni, quattro donne legate da legami famigliari, ma isolate una dall’altra, anche se vivono nella stessa casa. Segreti inconfessabili e rancori hanno creato muri che pare impossibile abbattere. Forse sarà la fuga da casa della quattordicenne Mira che riuscirà a far crollare queste barriere. Forse, dopo tanti anni, sulle macerie di quei muri si potrà costruire un nuovo edificio.

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

 * * *

«“Sono i personaggi che si presentano e mi raccontano le loro storie”: quando sentivo un autore fare questa affermazione, pensavo che quell’autore, o quella scrittrice, peccassero di estrema modestia», ha detto Milvia Comastri a Letteratitudine, «come se non volessero attribuirsi il merito di aver portato sulla carta una storia creata da loro, o che fosse un modo, al contrario, per rendersi interessanti agli occhi dei lettori. Leggi tutto…

VENT’ANNI DI FOGLIO LETTERARIO

Il Foglio Letterario, rivista letteraria e poi casa editrice indipendente creata e diretta da Gordiano Lupi, festeggia i venti anni di attività. Ospitiamo un intervento dello stesso Lupi

image

 * * *

di Gordiano Lupi

Sembra ieri che abbiamo cominciato questa avventura di pubblicare una rivista letteraria e qualche anno dopo siamo passati a editare libri. Sembra ieri ma sono trascorsi vent’anni, così lunghi e intensi da volare via in un batter d’occhio, ché se ti guardi indietro pare tutto un interminabile istante. Eravamo quattro amici al bar, direbbe la canzone, se ne sono aggiunti altri, moltissimi sono cambiati, ma l’anima underground del Foglio Letterario resta quella del maggio 1999, del mitico numero uno di una rivista stampata in parrocchia in uno spartano formato A4. Leggi tutto…

PREMIO LETTERARIO CHIANTI 2019: vince ROSELLA POSTORINO

ROSELLA POSTORINO, con il romanzo “Le assaggiatrici” (Feltrinelli), vince la 32esima edizione 2018-2019 del PREMIO LETTERARIO CHIANTI

Risultati immagini per le assaggiatrici letteratitudine

E’ Rosella Postorino con il suo romanzo “Le assaggiatrici” (Ed. Feltrinelli, con una trama costruita sulle donne che dovevano assaggiare i cibi del Fuhrer e restare sotto osservazione per un’ora affinché le guardie si accertassero che non fossero avvelenati) la vincitrice della XXXII edizione del Premio letterario Chianti.

Le votazioni, con gli oltre 300 giurati, si sono svolte nei locali del “Giardino di Zago” a Greve in Chianti. I cinque autori finalisti della XXXII edizione del Premio erano: Carlo Carabba (Come un giovane uomo, ed. Marsilio), Valentina Farinaccio (Le poche cose certe, Mondadori), Lia Levi (Questa sera è già domani, E & O), Massimo Maugeri (Cetti Curfino, La nave di Teseo) e Rosella Postorino (Le assaggiatrici, Feltrinelli).
Gli autori finalisti hanno incontrato in cinque Comuni del territorio chiantigiano fiorentino e senese la giuria popolare di 350 lettori (con il coinvolgimento delle biblioteche locali), in confronti che si sono tenuti di sabato in località del Chianti fiorentino e senese

I cinque finalisti del Premio letterario Chianti Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 6 al 15 maggio 2019 – segnaliamo “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

I leoni di Sicilia. La saga dei Florio - Stefania Auci - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 6 al 15 maggio 2019

Questa settimana segnaliamo: “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord) – al 2° posto nella classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Al 1° posto “Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te” di Me contro Te (Mondadori Electa)

Entra in top ten al 2° posto “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Entra in top ten al 3° posto “Linea di sangue” di Angela Marsons (Newton Compton)

Entra in top ten al 4° posto “Lena e la tempesta” di Alessia Gazzola (Garzanti)

Al 5° posto (la settimana precedente era in 3^ posizione) “La gabbia dorata” di Camilla Läckberg (Marsilio)

Al 6° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione) “Un cuore in mille pezzi. After. Vol. 2” di Anna Todd (Sperling & Kupfer)

Al 7° posto (la settimana precedente era in 2^ posizione) “After. Ediz. speciale. Vol. 1” di Anna Todd (Sperling & Kupfer)

All’8° posto (la settimana precedente era in 6^ posizione) “The mister” di E. L. James (Mondadori)

Al 9° posto (nella rilevazione precedente era in 10^ posizione) “Km 123” di Andrea Camilleri (Mondadori)

Al 10° posto (nella rilevazione precedente era in 8^ posizione) “La versione di Fenoglio” di Gianrico Carofiglio (Einaudi)

* * *

I leoni di Sicilia. La saga dei Florio - Stefania Auci - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord) – al 2° posto nella classifica generale

C’è stata una famiglia che ha sfidato il mondo. Una famiglia che ha conquistato tutto. Una famiglia che è diventata leggenda. Questa è la sua storia.

Dal momento in cui sbarcano a Palermo da Bagnara Calabra, nel 1799, i Florio guardano avanti, irrequieti e ambiziosi, decisi ad arrivare più in alto di tutti. A essere i più ricchi, i più potenti. E ci riescono: in breve tempo, i fratelli Paolo e Ignazio rendono la loro bottega di spezie la migliore della città, poi avviano il commercio di zolfo, acquistano case e terreni dagli spiantati nobili palermitani, creano una loro compagnia di navigazione… E quando Vincenzo, figlio di Paolo, prende in mano Casa Florio, lo slancio continua, inarrestabile: nelle cantine Florio, un vino da poveri – il marsala – viene trasformato in un nettare degno della tavola di un re; a Favignana, un metodo rivoluzionario per conservare il tonno – sott’olio e in lattina – ne rilancia il consumo in tutta Europa… In tutto ciò, Palermo osserva con stupore l’espansione dei Florio, ma l’orgoglio si stempera nell’invidia e nel disprezzo: quegli uomini di successo rimangono comunque «stranieri», «facchini» il cui «sangue puzza di sudore». Non sa, Palermo, che proprio un bruciante desiderio di riscatto sociale sta alla base dell’ambizione dei Florio e segna nel bene e nel male la loro vita; che gli uomini della famiglia sono individui eccezionali ma anche fragili e – sebbene non lo possano ammettere – hanno bisogno di avere accanto donne altrettanto eccezionali: come Giuseppina, la moglie di Paolo, che sacrifica tutto – compreso l’amore – per la stabilità della famiglia, oppure Giulia, la giovane milanese che entra come un vortice nella vita di Vincenzo e ne diventa il porto sicuro, la roccia inattaccabile.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te Me contro Te Mondadori Electa 16,90
2 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
3 Linea di sangue Angela Marsons Newton Compton 12,00
4 Lena e la tempesta Alessia Gazzola Garzanti 16,40
5 La gabbia dorata Camilla Läckberg Marsilio 19,90
6 Un cuore in mille pezzi. After. Vol. 2 Anna Todd Sperling & Kupfer 13,00 T
7 After. Ediz. speciale. Vol. 1 Anna Todd Sperling & Kupfer 15,90
8 The mister E. L. James Mondadori 19,00
9 Km 123 Andrea Camilleri Mondadori 15,00
10 La versione di Fenoglio Gianrico Carofiglio Einaudi 16,50

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

SALONE DEL LIBRO DI TORINO: le riflessioni conclusive del direttore Nicola Lagioia

32° Salone Internazionale del Libro di Torino. Finita l’edizione dei record. Le riflessioni del direttore editoriale, Nicola Lagioia

 * * *

di Nicola Lagioia

La XXXII edizione del Salone del Libro di Torino si è chiusa con 148.000 visitatori unici nel Lingotto, cui vanno aggiunti i 27.000 che hanno preso parte al Salone off. Sono numeri impressionanti e difficilmente eguagliabili, e pur non essendo un fanatico del dato quantitativo comincio da qui per rendere conto delle proporzioni di questo che non è tanto un pubblico, ma una Comunità.

Giovedì mattina la Comunità del Salone (piaccia o no, un pezzo importante del paese) si è presentata davanti ai cancelli del Lingotto e ha invaso i suoi spazi travolgendo ogni cosa con un affetto e una partecipazione che possono aver destabilizzato qualcuno ma non noi. Noi con questa Comunità ci confrontiamo di continuo, la conosciamo, ci parliamo, la incontriamo tutto l’anno nelle strade, nelle scuole, nelle carceri, negli ospediali, nelle librerie, nelle biblioteche. Sono loro, i membri di questa Comunità, ad affidarci idealmente il compito di organizzare il Salone. Leggi tutto…

FATTI DI MAFIA di Gianni Bonina (recensione)

imageFATTI DI MAFIA di Gianni Bonina (Edizioni Theoria)

di Patrizia Danzè

Il romanzo, si sa, è il genere letterario che più di ogni altro mette in crisi e i racconti di Gianni Bonina che si costituiscono in forma di romanzo, come l’autore avverte nella premessa, squadernano sin dal racconto incipitario una materia che se sul piano della realtà, sul piano umano ed emotivo, è di difficile e forte impatto, sul piano narrativo si dimostra vincente. Perché attraversando i trentasei racconti che in Fatti di mafia (Edizioni Theoria, pp. 208, euro 16), un titolo-manifesto che è già una sfida, si dispongono in fabula, si viene risucchiati in un labirinto oscuro che tuttavia si vuole percorrere, sapendo che il piacere della lettura deve affrontare il dolore imbarazzante della finzione/realtà. Un viaggio narrativo nel sistema della mafia degli anni Ottanta in un paese siciliano, Addaro, «inesistente che però non è di fantasia, come lo sono tutte le figure che lo popolano», un campo chiuso di forze, dove la mafia non è soltanto la piovra capace di avvolgere nei suoi tentacoli territorio ed economia, o di sostituirsi allo Stato dove lo Stato è lontano o viene visto come tale, ma è la peste che riesce a diffondersi e far coincidere cultura, comunità, famiglia, individui, abitudini, costumi, comportamenti quotidiani, con la propria potenza pervasiva e con il proprio codice linguistico (lo stesso rigorosamente spalmato da Bonina in tutto il suo romanzo della mafia). Una mafia pronta a fare il salto di “qualità” per una sua prossima, futura globalizzazione. Leggi tutto…

ERCOLE PATTI – tutte le opere: al Salone del Libro di Torino

ERCOLE PATTI: tutte le opere (La nave di Teseo) – a cura di Sarah Zappulla Muscarà e Enzo Zappulla

image

Il volume è stato presentato presso il Salone Internazionale del libro di Torino sabato 11 maggio 2019. Insieme ai curatori sono intervenuti: Mario Andreose, Elisabetta Sgarbi e Paolo Di Paolo

 * * *

Per festeggiare,dopo una lunga e ingiustificata assenza, il ritorno finalmente in libreria dello scrittore catanese è stato presentato al Salone del Libro di Torino  Ercole Patti, Tutte le opere,  il monumentale volume,  di quasi 3.400 pagine, edito da La nave di Teseo, a cura di Sarah Zappulla Muscarà ed Enzo Zappulla, con un ricco corredo iconografico e innumerevoli inediti. Sono intervenuti Mario Andreose, presidente, ed Elisabetta Sgarbi, direttore generale de La nave di Teseo, lo scrittore Paolo Di Paolo e i curatori. Pubblicare l’opera omnia di Ercole Patti “risponde a una vocazione precisa della casa editrice – ha dichiarato Elisabetta Sgarbi – che, sin dal momento della sua nascita, affermava di volere anche rivisitare i grandi autori del Novecento, che la fretta dell’editoria spesso tende a dimenticare. Il narratore, giornalista, commediografo, sceneggiatore, critico cinematografico è stato scrittore straordinario, implacabile per precisione, tra i più felici nel genere del racconto. Sorprende sempre, ed anche questa è una delle mille ragioni per ripubblicarlo. Mario Andreose si è soffermato su quella vivace società letteraria romana di cui Patti è stato un protagonista di primo piano, costituita da Brancati, De Feo, Flaiano, Cardarelli, Pannunzio, Bartoli, Moravia e tanti altri. Paolo Di Paolo, dal canto suo, ha messo a fuoco la minuziosa, godibile produziosa narrativa dell’autore di Un bellissimo novembre, forgiatasi nel corso del lungo magistero giornalistico.

 

Leggi tutto…

URBINO E LE CITTÀ DEL LIBRO 2019

URBINO E LE CITTÀ DEL LIBRO- VI edizione

Pianeti irritabili: da venerdì 17 a domenica 19 maggio 2019 – Urbino, vari luoghi

 

Torna dal 17 al 19 maggio Urbino e le Città del Libro, il festival letterario nato nel 2014 da un’idea dello scrittore Alessio Torino e organizzato dall’Associazione culturale Practica. È sostenuto dall’amministrazione comunale e realizzato con la collaborazione di Marco Cassini e Gianmario Pilo de La grande invasione di Ivrea.

Il tema della sesta edizione di Urbino e le Città del Libro è “Pianeti irritabili”: un tributo a Paolo Volponi, alle sue opere, al suo sguardo sulla città e a un’arte imprendibile e refrattaria a qualsiasi forma di servilismo. Le illustrazioni del tema sono a cura, per il secondo anno, dell’artista Guido Scarabottolo con il progetto grafico di ISIA Urbino.

Grazie al successo delle passate edizioni, il festival propone anche quest’anno un programma ricercato di appuntamenti che si articolano in incontri, letture, concerti e mostre.

 

I principali ospiti Leggi tutto…

LA MILANESIANA FA VENT’ANNI: la conferenza stampa

LA MILANESIANA ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi compie vent’anni

Grande “laboratorio di eccellenza” di letteratura, cinema, musica, arte, scienza, filosofia: ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Il progetto de La Milanesiana è quello di far incrociare saperi e arti diverse, sia per provenienza culturale che disciplinare, portando a Milano e in Italia i maggiori talenti dei vari campi della cultura: premi Nobel per la Letteratura, Nobel per la Scienza, Oscar del Cinema e musicisti.

Per questo la conferenza stampa dell’edizione di quest’anno sarà una grande festa. Si svolgerà martedì 21 maggio 2019 – ore 10.30, presso il Piccolo Teatro Grassi, via Rovello, 2 – Milano. Leggi tutto…

SALONE DEL LIBRO DI TORINO: chiude l’edizione 2019

image32° Salone Internazionale del Libro di Torino. Finita l’edizione dei record, il Salone guarda al futuro

Annunciate le date delle prossime due edizioni, quella del 2020, dal 14 al 18 maggio, e del 2021, dal 13 al 17 maggio

 * * *

Il Salone Internazionale del Libro ha vinto le sue due scommesse. Da un lato, l’intento era dimostrarsi una manifestazione dai contenuti alti ma alla portata di tutti, proponendo riflessioni profonde e utili ad affinare lo sguardo sul nostro tempo. Dall’altro, il Salone del 2019 ha voluto offrire un’esperienza di qualità, con una fiera rivoluzionata nella logistica e organizzazione: i 63.000 mq di spazi espositivi, la novità dell’Oval, i tre ingressi per gestire al meglio i flussi di pubblico e i molti servizi l’hanno reso accessibile a tutte le tipologie di visitatori, per una fiera davvero a misura delle persone.

Sono 148.034 i visitatori unici, in aumento rispetto al 2018, a dimostrazione che la crescita del Salone è costante di anno in anno, a cui si aggiungono i 27.000 che hanno preso parte al Salone Off, la festa dei libri nei quartieri e nel territorio che quest’anno ha offerto più di 530 appuntamenti in 270 luoghi diversi, coinvolgendo tutte e 8 le Circoscrizioni della Città di Torino e 20 Comuni del territorio con incursioni anche in Regione. Una partecipazione che conferma l’affetto del pubblico per questo grande progetto culturale.

Il bilancio dell’edizione appena conclusa, Il gioco del mondo, e gli scenari futuri sono stati i temi della conferenza stampa di chiusura, tenutasi lunedì 13 maggio nella Sala Azzurra di Lingotto Fiere. Vi hanno preso parte Chiara Appendino, sindaca della Città di Torino; Antonella Parigi, assessore alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte; Silvio Viale, presidente dell’Associazione Torino, La Città del Libro; Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori; Maurizia Rebola, direttore della Fondazione Circolo dei lettori e Nicola Lagioia, direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino. Leggi tutto…

PREMIO BIELLA LETTERATURA E INDUSTRIA 2019: i finalisti

PREMIO “BIELLA LETTERATURA e INDUSTRIAXVIII edizione

proclamazione dei finalisti: Rossana BALDUZZI GASTINI, Giorgio FALCO, Maurizio GAZZARRI, Alberto PRUNETTI, Eugenio RASPI. PREMIO SPECIALE DELLA Giuria a Silvino Gonzato

  * * *

Torino, 13 maggio 2019 Salone Internazionale del Libro di Torino, sala Argento.

Nella prestigiosa cornice del 32mo Salone Internazionale del Libro di Torino sono stati annunciati i nomi dei cinque finalisti del Premio Biella Letteratura e Industria XVIII edizione. Cinque romanzi che concorreranno per un premio del valore di 5mila euro, che sarà consegnato durante la cerimonia conclusiva, in programma il 16 novembre 2019 presso l’Auditorium di Città Studi di Biella. In quell’occasione saranno consegnati anche il premio Giuria dei Lettori, il Premio Confindustria Piemonte, il Premio Concorso per le Scuole “Cuore, testa, mani”, il premio Lions Bugella Civitas per la migliore recensione.

Storie di riscatto e di marchi d’eccellenza, il lavoro come ascensore sociale, il coraggio dell’ingegno, il declino della working class e la fabbrica come unico punto di riferimento esistenziale.  Sono questi i temi che emergono sullo sfondo dei cinque romanzi che si contenderanno il XVIII Premio Biella Letteratura e Industria. Leggi tutto…

PREMIO TITO MASCALI 2019

Sono giunti alla 5^ edizione il Premio Letterario “Tito Mascali” ed il Premio Giornalistico “Raccontare Catania”. Premiati: lo scrittore Massimo Maugeri e il giornalista del Tg1 Giuseppe La Venia. Menzioni speciali allo Chef Seby Sorbello e all’assessore alla Cultura e Grandi eventi del Comune di Catania, Barbara Mirabella

image

I Premi sono stati fondati e organizzati dall’Associazione Culturale “Gabriele d’Annunzio” con il sostegno e patrocinio dell’Associazione Siciliana della Stampa, Sezione Provinciale di Catania

 * * *

La cerimonia di premiazione 2019 si è svolta venerdì 10 maggio nell’aula magna della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, nell’ambito della conferenza su: “News e giornalismo di prossimità nell’èra della globalizzazione”, inserita nel calendario degli incontri formativi dell’Ordine dei Giornalisti.

Prestigiosi anche quest’anno i nomi dei premiati, nell’ambito della letteratura e del giornalismo e con due “menzioni speciali” che hanno arricchito ulteriormente il Premio.

Per la sezione Letteratura il Premio Letterario “Tito Mascali” 2019 è andato allo scrittore catanese Massimo Maugeri, con la motivazione: “Per la Sua scrittura ricca di messaggi culturali e priva di barriere mediatiche”. Leggi tutto…

PREMIO STREGA EUROPEO 2018: il vincitore è DAVID DIOP

David Diop, con Fratelli d’anima, pubblicato da Neri Pozza e tradotto da Giovanni Bogliolo, si aggiudica la sesta edizione del Premio Strega Europeo

Romanzo che è valso al suo autore il prestigioso premio Goncourt des Lycéens e l’entusiastico e unanime apprezzamento della critica, “Fratelli d’anima” mostra come nel naufragio totale della civiltà rappresentato dalla Grande Guerra non soltanto l’Europa, ma anche una parte non trascurabile dell’Africa perse la sua anima e la millenaria tradizione che la custodiva.

 * * *

Nato nel 2014 in occasione del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea per diffondere la conoscenza di alcune tra le voci più originali e profonde della narrativa contemporanea, il Premio Strega Europeo è promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, dall’azienda Strega Alberti Benevento, dalla Casa delle Letterature di Roma e in collaborazione con BPER Banca e con il Salone Internazionale del libro di Torino.

L’Europa era al centro degli interessi di Antonio Megalizzi, giovane giornalista radiofonico di Trento ucciso a Strasburgo nell’attentato dell’11 dicembre scorso. Ha scritto Antonio: “Inseguo le mie passioni: il giornalismo e l’Europa. Vorrei che i giovani come me lo capissero. Mai come oggi un’Europa unita è cruciale e mai come oggi siamo a un passo dal distruggerla.” Questa edizione del Premio Strega Europeo è dedicata alla sua memoria.

Nel corso della cerimonia di premiazione, che ha avuto luogo al Circolo dei lettori di Torino nell’ambito della rassegna Salone OFF, condotta dalla giornalista Eva Giovannini, sono intervenuti, con i cinque autori finalisti, Giulio Biino, presidente del Circolo dei Lettori, Maria Ida Gaeta, direttrice di Casa delle Letterature e del Festival Internazionale Letterature, Emanuele Sacerdote, membro del CDA dell’azienda Strega Alberti Benevento, Giovanni Solimine, presidente della Fondazione Bellonci e Eugenio Tangerini, responsabile delle relazioni esterne di BPER Banca.

Leggi tutto…

PREMIO CUSTODI DELLA BELLEZZA 2019

A Giordano Bruno Guerri il premio “Custodi della Bellezza”. La cerimonia sabato 25 maggio

image

Si rinnova l’ appuntamento con il premio “Custodi della Bellezza”, intitolato a Khaled Al-Asaad, ed ideato da Naxoslegge nell’ambito di Nostos, “Festival del viaggio” che da quest’anno si trasferisce a Siracusa, grazie al progetto dell’assessorato alla Cultura guidato da Fabio Granata.
“Il premio- come dichiara Fulvia Toscano, direttore artistico di Nostos- nasce come un riconoscimento a quanti, in vario modo, custodiscono la “Bellezza”. Il nostro pensiero, infatti, e’ andato subito a Khaled Al-Asaad, eroico archeologo che, con la sua morte sul campo per la difesa di Palmira incarna lo spirito di quanti credono che ancora valga la pena vivere e morire per un’ idea”.
“Rilanciamo il Premio e il Festival nel nome e nel ricordo di Sebastiano Tusa, al quale proprio l’anno scorso ebbi l’onore di consegnare il Premio per il 2018” ricorda Fabio Granata, assessore alla Cultura del Comune.
Il premio nelle precedenti edizioni è stato assegnato anche a Moncef Ben Moussa direttore del Bardo di Tunisi e ad Enzo Maiorca alla memoria. Leggi tutto…

PIER PAOLO GIANNUBILO racconta IL RISOLUTORE

PIER PAOLO GIANNUBILO racconta il suo romanzo IL RISOLUTORE (Rizzoli)

Libro candidato all’edizione 2019 del Premio Strega

 

di Pier Paolo Giannubilo

La storia di Gian Ruggero Manzoni di San Lorenzo, frazione di Lugo, non sono stato io a cercarla. Un bel giorno si è messa in movimento dalla Bassa Romagna ed è venuta a stanarmi nel mio isolato Molise chiedendomi udienza senza alcun preavviso.
L’aspetto curioso della faccenda è che la stessa cosa mi era già successa anni addietro, quando per una bislacca serpentina del Caso aveva bussato alla mia porta un’altra vicenda reale all’insegna dell’assurdo: l’odissea di Manuele Sertorio – il “bambino-puntaspilli” di Ortona a Mare sopravvissuto miracolosamente negli anni Trenta alle orripilanti pratiche di stregoneria di cui lo avevano fatto oggetto i familiari – che sarebbe poi diventata Corpi estranei, il mio primo romanzo.
Per la seconda volta, mi ritrovavo ad avere accesso, e senza aver preso alcuna iniziativa, ai segreti sconcertanti di un perfetto estraneo la cui vita pareva una sceneggiatura scritta da un pazzo.

Era iniziato tutto così.  Avevo conosciuto Manzoni a un suo reading di poesia nella mia città. Lo accompagnava la sua morosa di allora, madre di sua figlia: Ester, giovane e bellissima ereditiera con trascorsi da pornoattrice suo malgrado, con la quale si era fidanzato quando era il suo professore all’Accademia d’Arte di Urbino, scandalizzando l’ateneo marchigiano già scosso dalle dicerie sulle sue presunte attività di mercenario in ex Jugoslavia. Leggi tutto…

2019: DATI E PROSPETTIVE DEL LIBRO IN ITALIA

I dati AIE diramati al Salone Internazionale del Libro di Torino 2019: nei primi 4 mesi dell’anno torna a crescere, di poco, il fatturato del libro ma calano le copie vendute. Cambiano i modi in cui si sceglie un libro da leggere: aumenta il peso di blog e motori di ricerca

“Siamo un’industria solida, la prima industria culturale del Paese, ma continuiamo a camminare su una sottile lastra di ghiaccio, in un’Italia, come dimostrano i dati sulla lettura e sulle competenze linguistiche degli italiani, che ha un disperato bisogno di una vera e potente politica per la lettura”, sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), Ricardo Franco Levi, durante il convegno “2019: dati e prospettive del libro in Italia”, svoltosi al Salone Internazionale del Libro di Torino. Il fatturato dei primi 4 mesi del 2019 segna infatti un +0,6% per il mercato del libro nei canali trade (librerie, online, grande distribuzione organizzata, a cui è stata aggiunta la stima di Amazon): dopo una chiusura negativa (-0,4% sull’intero anno scorso), il 2019 registra una lieve inversione di tendenza, con un fatturato di 393,2milioni di euro rispetto ai 390,5milioni di euro dello stesso periodo dello scorso anno. Diminuiscono però del -2,2% le copie vendute, che si assestano sui 22,071milioni (494mila in meno dello scorso anno).

Dove si comperano i libri in questo inizio d’anno? In libreria, ancora. Più dei 2/3 dei libri acquistati in Italia sono venduti nelle librerie: il 43,5% nelle librerie di catena e il 24% nelle librerie a conduzione familiare (molte delle quali però si sono collegate con la forma del franchising alle principali catene). Le vendite negli store online sono arrivate al 25,9% sul totale: in altre parole, ormai più di un libro su 4 si vende in e-commerce, meno di un libro su 4 nelle librerie indipendenti. Diminuisce ulteriormente il peso della grande distribuzione organizzata, sceso al 6,6%.

Cosa acquistano gli italiani? Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 29 aprile al 5 maggio 2019 – segnaliamo “La logica della lampara” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi)

La logica della lampara - Cristina Cassar Scalia - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 29 aprile al 5 maggio 2019

Questa settimana segnaliamo: “La logica della lampara” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi) – al 20° posto nella classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Al 1° posto “Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te” di Me contro Te (Mondadori Electa)

Al 2° posto (nella rilevazione precedente era in 1^ posizione) “After. Ediz. speciale. Vol. 1” di Anna Todd (Sperling & Kupfer)

Al 3° posto (nella rilevazione precedente era in 2^ posizione) “La gabbia dorata” di Camilla Läckberg (Marsilio)

Al 4° posto (nella rilevazione precedente era in 6^ posizione) “Un cuore in mille pezzi. After. Vol. 2” di Anna Todd (Sperling & Kupfer)

Al 5° posto “Sulla tua parola. Messalino. Letture della messa commentate per vivere la parola di Dio. Maggio-giugno 2019” (Editrice Shalom)

Al 6° posto “The mister” di E. L. James (Mondadori)

Al 7° posto “Aria” di Marzia Sicignano (Mondadori)

All’8° posto (nella rilevazione precedente era in 5^ posizione) “La versione di Fenoglio” di Gianrico Carofiglio (Einaudi)

Al 9° posto “Il filo infinito” di Paolo Rumiz (Feltrinelli)

Al 10° posto (nella rilevazione precedente era in 3^ posizione) “Km 123” di Andrea Camilleri (Mondadori)

* * *


La logica della lampara - Cristina Cassar Scalia - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “La logica della lampara” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi) – al 20° posto nella classifica generale

La pesca con la lampara ha una sua logica precisa. Si accende la luce, non si fa rumore, si sta fermi il piú possibile e nel frattempo si armano le reti. Prima o poi anche i pesci meglio nascosti vengono a galla. A quel punto non possono scapparti piú. Vanina pensò che era l’immagine perfetta per descrivere quel caso.

Sono le quattro e trenta del mattino. Dalla loro barca il dottor Manfredi Monterreale e Sante Tammaro, giornalista di un quotidiano online, intravedono sulla costa un uomo che trascina a fatica una grossa valigia e la getta fra gli scogli. Poche ore dopo il vicequestore Vanina Guarrasi riceve una chiamata anonima: una voce femminile riferisce di aver assistito all’uccisione di una ragazza avvenuta quella notte in un villino sul mare. Due fatti che si scoprono legati e dànno il via a un’indagine assai piú delicata del previsto. La scontrosa Vanina, la cui vita privata si complica di giorno in giorno, dovrà muoversi con cautela fra personaggi potenti del capoluogo etneo. Ma anche grazie all’aiuto del commissario in pensione Biagio Patanè, con il quale fa ormai «coppia fissa», sbroglierà un intrigo che, fino all’ultimo, riserva delle sorprese.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Entra nel mondo di Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te Me contro Te Mondadori Electa 16,90
2 After. Ediz. speciale. Vol. 1 Anna Todd Sperling & Kupfer 15,90
3 La gabbia dorata Camilla Läckberg Marsilio 19,90
4 Un cuore in mille pezzi. After. Vol. 2 Anna Todd Sperling & Kupfer 13,00 T
5 Sulla tua parola. Messalino. Letture della messa commentate per vivere la parola di Dio. Maggio-giugno 2019 Editrice Shalom 4,00
6 The mister E. L. James Mondadori 19,00
7 Aria Marzia Sicignano Mondadori 16,00
8 La versione di Fenoglio Gianrico Carofiglio Einaudi 16,50
9 Il filo infinito Paolo Rumiz Feltrinelli 15,00
10 Km 123 Andrea Camilleri Mondadori 15,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

I VINCITORI DEL PREMIO MONDELLO 2019

Il Premio Letterario Internazionale Mondello: proclamati i vincitori della XLV edizione

Sono stati proclamati i vincitori della quarantacinquesima edizione del Premio Letterario Internazionale Mondello: sono Giulia Corsalini con La lettrice di Čechov (Nottetempo), Marco Franzoso con L’innocente (Mondadori), Andrea Gentile con I vivi e i morti (minimumfax), per la sezione Opera ItalianaRaffaele Manica con Praz (Italo Svevo), per la sezione Mondello Critica.

I vincitori del Premio Opera Italiana e del Premio Mondello Critica sono stati scelti dal Comitato di Selezione, composto dal critico letterarioe saggista Massimo Onofri, dal docente e saggista Gianluigi Simonetti e dalla scrittrice e giornalista Bianca Stancanelli.

I tre romanzi vincitori del Premio Opera Italiana, saranno sottoposti al voto di centoventi lettori
“forti”, indicati da ventiquattro librerie di tutta Italia, scelte in partenariato con l’inserto Domenica
de Il Sole 24 Ore. Le loro preferenze saranno espresse tramite votazione online, da giugno a
ottobre, e decreteranno il vincitore del Premio SuperMondello, riconoscimento che sarà consegnato a novembre a Palermo.
In parallelo, una giuria di centottanta studenti di diciotto scuole secondarie di secondo grado,
decreterà il vincitore del Premio Mondello Giovani. Gli studenti leggeranno i tre romanzi in gara e
voteranno il loro preferito, motivando la scelta con un giudizio critico. Ai migliori tre giudizi scritti
dagli studenti, il Comitato di Selezione assegnerà il Premio alla Migliore Motivazione. Tutti i
riconoscimenti saranno consegnati a novembre a Palermo.

I vincitori si aggiungono al Premio Autore Straniero, conquistato da Colum McCann,che sarà premiato sabato 11 maggio 2019 al Salone Internazionale del Libro di Torino (ore 14.30, in Sala Azzurra, Lingotto Fiere) in un incontro aperto al pubblico condotto dallo scrittore Giorgio Fontana, giudice monocratico, e presieduto da Giovanni Puglisi, presidente del Premio.

 * * *

APPROFONDIMENTI E MOTIVAZIONI Leggi tutto…

IL GUARDIANO DELLA COLLINA DEI CILIEGI di Franco Faggiani

IL GUARDIANO DELLA COLLINA DEI CILIEGI di Franco Faggiani (Fazi editore): incontro con l’autore

 * * *

Franco Faggiani Vive a Milano e fa il giornalista. Ha lavorato come reporter nelle aree più calde del mondo; ha scritto manuali sportivi, guide, biografie, ma da sempre alterna alla scrittura lunghe e solitarie esplorazioni in montagna. Con il romanzo La manutenzione dei sensi (Fazi Editore, 2018), già tradotto in Olanda, vincitore del Premio Parco Majella, del Premio Città delle Fiaccole e finalista al Premio Cortina e al Premio Wondy, ha ottenuto un grande successo di critica e di pubblico.

Per Fazi è appena uscito il suo nuovo romanzo, intitolato “Il guardiano della collina dei ciliegi“.

Abbiamo chiesto a Franco Faggiani di parlarcene…

 * * *

«Una collina sul fondo di una valle nascosta tra le selvagge montagne dell’isola di Hokkaido, nel nell’estremo nord del Giappone, è incredibilmente ricoperta di ciliegi Yamazakura, anch’essi selvatici e resistenti al clima avverso dell’estremo nord», ha detto Franco Faggiani a Letteratitudine. Leggi tutto…

SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2019: la dichiarazione di Halina Birenbaum e gli interventi di Regione Piemonte e Comune di Torino

imageRiportiamo il seguente comunicato del Salone Internazionale del Libro di Torino, diramato attraverso la propria pagina Facebook. (Approfondimenti qui e qui)

 * * *

Nel centenario della nascita di Primo Levi, la XXXII edizione del Salone del Libro ha presentato un programma culturale improntato ai valori di pace, accoglienza e ripudio di ogni fascismo, ogni odio etnico e razziale.
La casa editrice Altaforte, vicina a idee in odore di fascismo, ha acquistato uno stand che ha subito scatenato le reazioni sdegnate di scrittori, intellettuali, editori, lettori, e una parte consistente della comunità che ogni anno si raccoglie intorno al Salone.

Anche molti espositori destinati a condividere lo spazio con lo stand della casa editrice Altaforte hanno espresso grande turbamento e perplessità.

Inizialmente abbiamo fatto prevalere le ragioni della contrattualistica privata, ma a fronte di un crescendo di esternazioni fatte dagli animatori della casa editrice Altaforte, alcuni dei quali si definiscono militanti di Casa Pound, esternazioni che hanno turbato e offeso ancora di più i valori intorno a cui si riconosce la comunità del Salone del Libro, abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica. Leggi tutto…

SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2019: il messaggio di Nicola Lagioia dopo le polemiche

Il messaggio del direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino, Nicola Lagioia, rilasciato dopo le recenti polemiche che hanno investito l’edizione in corso che prenderà il via domani, dal 9 al 13 maggio 2019. Tutte le notizie sulla 32^ edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino sono disponibili qui.

 * * *

di Nicola Lagioia

imageQuesta esperienza deve unirci

Il Salone del Libro di Torino è un luogo di scambio, di confronto, di condivisione, di festa. Coinvolge centinaia di migliaia di persone. È un esempio virtuoso per tutto il paese. E Torino è una città profondamente antifascista. La sua comunità ha spalle larghe e saggezza. Non raccoglie le provocazioni di chi vorrebbe solo visibilità. Nel centenario di Primo Levi, la comunità del Salone del Libro si raccoglierà una volta ancora per discutere di democrazia, di Europa, di convivenza, di immigrazione, di letteratura, del restare umani in un mondo difficile. Il Salone è una grande manifestazione popolare dove gente di tutte le età, i ceti, le idee, le provenienze, le nazionalità si dà appuntamento in un luogo che è diventato uno dei simboli della democrazia e della civile convivenza. Leggi tutto…

ERCOLE PATTI: tutte le opere

ERCOLE PATTI: tutte le opere (La nave di Teseo) – a cura di Sarah Zappulla Muscarà e Enzo Zappulla

Il volume sarà presentato presso il Salone Internazionale del libro di Torino sabato 11 maggio 2019 alle h. 16 – Stand della Regione Siciliana, Padiglione Oval Stand Y128 – X128. Insieme ai curatori interverranno: Mario Andreose, Elisabetta Sgarbi e Paolo Di Paolo

 * * *

Narratore, commediografo, critico cinematografico, sceneggiatore (con Brancati, Zavattini, Fellini, Soldati, Flaiano), giornalista (inviato speciale e collaboratore di autorevoli testate, “Il Popolo di Roma”, “Corriere della Sera”, “La Stampa”, “Tempo”, Il Messaggero”, “L’Europeo”), Ercole Patti (Catania, 1903 — Roma, 1976) è uno scrittore poliedrico, non sfiorato dalle mode.
Il suo primo successo letterario risale alla raccolta di elzeviri Quartieri alti. Seguiranno racconti e romanzi che ne hanno fatto uno degli scrittori più apprezzati e amati del suo tempo: Giovannino, Un amore a Roma, La cugina, Un bellissimo novembre, Graziella, Diario siciliano, Roma amara e dolce, Gli ospiti di quel castello.
Luoghi dell’anima e metafora dell’universo, la Sicilia e Roma, i due poli geografici dell’itinerario esistenziale e letterario di Ercole Patti, costituiscono le principali e felici fonti della sua ispirazione e ci restituiscono il variegato affresco di una stagione irripetibile, dagli anni venti a quelli del dopoguerra, del boom economico, della dolce vita, di cui è stato un protagonista di primo piano. Spaccato di un’intera epoca, messa a fuoco grazie ad un ricco, variegato materiale documentare inedito o raro ed un elegante corredo iconografico. Leggi tutto…

A TUTTO VOLUME compie dieci anni

“A Tutto Volume” compie dieci anni.

Da giovedì 13 a domenica 16 giugno i libri in festa a Ragusa.

I principali appuntamenti e le novità di questa speciale edizione

* * *

RAGUSA – Attesa, fermento ed entusiasmo per la nuova edizione di “A Tutto Volume – Libri in festa a Ragusa” che quest’anno raggiunge l’importante traguardo delle dieci candeline.

La manifestazione siciliana, tra le più attese nel settore editoriale, compie dieci anni di vita e si regala, e regala al suo affezionato pubblico, un giorno in più di eventi: da giovedì 13 fino a domenica 16 giugno la città si arricchirà di mostre, laboratori, reading, lectio magistralis, incontri, confronti e dibattiti tra scrittori, scrittrici, giornalisti… e i loro più appassionati lettori.

Un traguardo di successi questo decimo anno, ma anche un punto di partenza, con novità entusiasmanti e importanti ospiti già confermati per la manifestazione ideata dal direttore artistico Alessandro Di Salvo insieme ai riconfermati guest director Loredana Lipperini e Massimo Cirri a cui si aggiungono quest’anno anche lo scrittore Antonio Pascale, il giornalista Pino Corrias e il filosofo Telmo Pievani.

A impreziosire il programma del festival sarà l’eccezionale presenza dei candidati alla LXXIII edizione del Premio Strega: nel periodo più “caldo” e chiacchierato della stagione letteraria, venerdì 14 giugno, subito dopo la nomina della cinquina, i finalisti saranno impegnati in un talk condotto da Loredana Lipperini, poi fino a tarda sera incontreranno il pubblico di Ragusa.
Tra i primi nomi confermati: Edoardo Albinati, Ferruccio De Bortoli, Maurizio De Giovanni, Diego De Silva, Luca Dondoni, Elsa Fornero, Andrea Purgatori, Simonetta Agnello Hornby. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

EMMA di Helena Molinari

EMMA di Helena Molinari (Pentagora): incontro con l’autrice

 * * *

Helena Molinari, è nata a Lavagna (Ge) da madre inglese e padre ligure. Diplomata in Lingue e Letterature Straniere e Laureata in Lettere Moderne presso Unige in etnologia e storia delle religioni, ha iniziato a scrivere intorno ai quindici anni prima in forma lirica poi in prosa anche per infanzia/ragazzi. Speaker/autore radiofonica da 34 anni ad oggi conduce Book-ing una rubrica sui libri su Radio Aldebaran ed è, tra le altre cose, l’ideatrice del Festival della Parola di Chiavari.

Da pochi giorni è in libreria il nuovo romanzo di Helena Molinari: “Emma” (Pentagora).

Nel labirinto delle emozioni, tra innocenza e infedeltà. Come su un’altalena, oscillando tra desiderio di clausura e nostalgia di casa, tra la ricerca di una irraggiungibile pienezza e il persistente orrore di scivolare nel vuoto, tra un presente consistente come un sogno e i ricordi che dal sogno prendono vita, tra l’innocenza e l’infedeltà di quelle che non sai più distinguere con certezza né a cosa associare, Emma torna in visita al convento dal quale quindici anni prima era uscita e lascia riemergere – e affronta – emozioni che credeva sopite. Sullo sfondo Assisi e la presenza senza tempo di Francesco. Leggi tutto…

SALONE OFF 2019

Salone Off 2019: La festa della cultura nei quartieri e nella Città Metropolitana dal 2 al 19 maggio 2019

Il programma del Salone Off è disponibile qui

La cultura arriva dappertutto con il Salone Off, che porta libri e autori nelle 8 Circoscrizioni di Torino e in una ventina di Comuni della Città Metropolitana. Oltre 530 appuntamenti in più di 270 luoghi diversi, dal 2 al 19 maggio: questi i numeri della rassegna diffusa arrivata alla 16° edizione. 

Entrando in dialogo con il tema del Salone, Il gioco del mondo, il Salone Off “giocherà” con tutta la città, una Torino senza confini, forte della variegata mescolanza delle culture che la abitano, in cui gli spazi urbani del centro e della periferia diventeranno luoghi elettivi della riflessione e dell’incontro. E ancora, allo spagnolo, lingua ospite dell’edizione 2019, capace di unire popoli e paesi, saranno dedicati numerosi appuntamenti, tra libri e spettacoli, ma anche balli e serate in musica, per una vera festa della cultura, cominciata con il tango dei ballerini Natalia Cristofaro De Vincenti e Rodrigo Fonti che ha movimentato con la sua energia la conferenza stampa. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

LA DONNA DI PICCHE di Remo Bassini

LA DONNA DI PICCHE di Remo Bassini (Fanucci): incontro con l’autore

Remo Bassini, classe 1956, è scrittore e giornalista. Per nove anni è stato direttore del periodico La Sesia di Vercelli, città dove vive e lavora. Ha pubblicato, tra gli altri, per Fernandel il giallo politico Lo scommettitore, finalista al concorso Libro dell’Anno per il programma radiofonico Fahrenheit, per Newton & Compton La donna che parlava con i morti, per Mursia Dicono di Clelia. Con La notte del santo fa il suo esordio nel catalogo Nero italiano di Fanucci.

Per Fanucci è appena uscito un nuovo romanzo intitolato “La donna di picche”: una  nuova storia ambientata sullo sfondo di una Vercelli ammantata di mistero, caratterizzata da un’indagine serrata e ricca di colpi di scena…

Abbiamo chiesto a Remo Bassini di raccontarci qualcosa su questo suo nuovo romanzo.

 * * *

«Pietro Dallavita è un commissario vicino alla pensione, stanco e depresso», ha detto Remo Bassini a Letteratitudine. «Si sente attratto dal dolore e dalla bellezza.
«Micaela è una ispettrice della questura di Torino, è sulla cinquantina, è separata, ha tre figli grandi. Ha sempre avuto un debole per Dallavita, che conosce da vent’anni, ma è timida e poi lo sapeva impegnato. Leggi tutto…

PREMIO ALVARO BIGIARETTI 2019: vince Nicoletta Bortolotti

NICOLETTA BORTOLOTTI con il romanzo Chiamami sottovoce (HarperCollins) vince
il PREMIO LETTERARIO ALVARO-BIGIARETTI 2019 

Nicoletta Bortolotti ci ha raccontato del suo libro nell’ambito della rubrica incontro con l’autore

Menzione speciale della Giuria Scientifica a LEONARDO COLOMBATI per il romanzo Estate (Mondadori)

 * * *

Il Comitato Direttivo del Premio letterario Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti presieduto da Giorgio Nisini, ricevuti i voti della Giuria Scientifica e della Giuria Popolare, si è riunito nella casa di campagna dei due scrittori e ha decretato che il romanzo vincitore della quinta edizione è Chiamami sottovoce di Nicoletta Bortolotti (HarperCollins)Leonardo Colombati, con il romanzo Estate (Mondadori), ha ricevuto la maggioranza dei voti della Giuria Scientifica, ottenendo la menzione speciale di quest’ultima, come previsto dal bando.

La premiazione si svolgerà sabato 25 maggio 2019 a Vallerano (VT) ore 11.00. Leggi tutto…

DOMANI di Paolo Sidoti

DOMANI: il nuovo romanzo di Paolo Sidoti

 * * *

di Carlo Vaccazzi

Il nuovo romanzo “Domani”, di Paolo Sidoti, sarà presentato in anteprima il 17 Maggio alle ore 16:30 all’auditorium “C. Marchesi” del Palazzo della Cultura del Comune di Catania in Via Vittorio Emanuele n. 121. Oltre all’autore interverranno il giornalista Rai, Nino Amante che intervisterà l’autore cogliendone l’aspetto narrativo e letterario, e l’attore Enrico Pappalardo che leggerà alcuni brani del thriller.

Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene.

-Qual è la motivazione di questo tuo nuovo lavoro?
“Domani” nasce dalle continue richieste dei lettori del precedente romanzo “Pietra Lavica”, di poter vedere la storia e i personaggi evolversi e continuare in un percorso narrativo che definisca e chiarisca alcuni aspetti misteriosi di quello che li aveva entusiasmati e che avevano appena finito di leggere. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLA PAROLA 2019: anticipazioni

FESTIVAL DELLA PAROLA: Chiavari, dal 30 maggio al 2 giugno 2019

Sarà “Dialogo” la parola chiave del FdP 2019. Dal 30 maggio al 2 giugno, quattro giorni dedicati al genio e alla capacità di visione, ricordando Lucio Dalla e Leonardo.

 * * *

1FG_6677Da un incontro nasce un confronto. Da un confronto sboccia un dialogo. Da un dialogo fioriscono idee. Le idee seminano amore”. Sono parole di Madre Teresa di Calcutta, una concatenazione logica, dall’esito perfettamente circolare al centro del quale sta la parola chiave: dialogo, come una perla incastonata in un gioiello. Una parola preziosa, che il Festival della Parola di quest’anno ha scelto come propria linea guida, come bussola per orientare i tanti appuntamenti, spettacoli, confronti e gli ospiti, che per quattro giorni si confronteranno con il pubblico. L’etimologia dall’antico greco spiega bene come dià = attraverso e logos = discorso, indichi un ponte ideale, costruito attraverso il confronto dialettico, un trampolino di lancio per idee, progetti e sogni. Il Festival della Parola 2019 punta su un lemma che porta in sé la spinta verso il futuro, perché è proprio attraverso la pratica dialettica, esercizio di civiltà e cultura, che l’umanità può realizzare progresso a 360°. E lo sapevano bene i due testimonial di quest’anno: Lucio Dalla e Leonardo Da Vinci, i due binari paralleli sui quali si muoveranno i principali appuntamenti. Leggi tutto…