Home > Recensioni > LA DISOBBEDIENZA SENTIMENTALE di Eleonora Lombardo (recensione)

LA DISOBBEDIENZA SENTIMENTALE di Eleonora Lombardo (recensione)

luglio 25, 2019

LA DISOBBEDIENZA SENTIMENTALE di Eleonora Lombardo (Cairo editore)

 * * *

di Maria Rita Pennisi

La disobbedienza sentimentale, pubblicato da Cairo editore (Milano, 2019), è il primo romanzo della giornalista palermitana Eleonora Lombardo.
Le cose andranno come devono andare” aveva detto Sogno qualche settimana prima, quando aveva incontrato l’ultima volta la Professoressa – così la chiamava- per specificare i dettagli del piano.
La professoressa è in bilico tra il desiderio che il piano si attui e la voglia segreta che succeda qualcosa che ne impedisca l’attuazione. La cosa però non dipende più da lei, ma da Sogno e Maradona, due delinquenti pronti a tutto per denaro.
Lucia, alla laurea in Architettura della collega Michela, si sente annoiata e arrabbiata e se potesse scapperebbe via. Nonostante sia insieme alle sue migliori amiche Nina e Maria Daniela.
Lì, però, incontra Salvatore, un amico di infanzia che non vede da quando erano ragazzini. Lui adesso è un geologo, con la passione dei cavalli. Salvatore le confida di possedere il più importante trottatore siciliano.
L’Ippodromo di Palermo diviene il luogo di incontro di Lucia e Salvatore. Tra i due inizia una relazione.
Lucia vorrebbe che la loro relazione fosse solida, che insieme cominciassero a fare un progetto di vita comune, ma tutto questo non avviene.
Per smuovere le acque comunica a Salvatore che presto si trasferirà in Svezia per lavoro, all’ Academy of Design, ma Salvatore non fa una grinza e accetta supinamente la decisione di lei.
Lucia parte per la Svezia, ma i suoi rapporti con Salvatore non migliorano, anzi lei comincia a sentirlo sempre più distante. Dopo un anno Lucia ritorna a Palermo e trova un Salvatore cortese, ma freddo e distaccato.  Di lì a poco viene a sapere quello che mai si sarebbe mai aspettato da lui.
Il trauma di questa scoperta fa scattare in lei una molla, che la porterà al punto di non ritorno. “Maradona la condusse a Sogno e il sogno di vendetta si realizzò in una notte di luna nella campagna vicino la ferrovia fra Giardinello e Montelepre. A poche centinaia di metri dall’allevamento Millefiori.”

Eleonora Lombardo (nella foto accanto – n.d.r.) ci raffigura una Palermo in cui tutto sembra cristallizzato e solo l’ippodromo pulsa di vita.
La borghesia trascorre una vita fatta di quotidianità e si ritrova durante gli avvenimenti mondani, in cui il pettegolezzo regna sovrano, dilagando spesso solo con gli sguardi.
Il malaffare é incarnato da delinquenti comuni come Sogno e Maradona e il piano criminale è messo a punto da una protagonista intrappolata in un gomitolo di passioni, di cui non trova il bandolo.
Un Salvatore statico e indifferente, incapace di qualsiasi iniziativa sentimentale, è l’oggetto del desiderio di Lucia.
Questi sono i personaggi principali, che insieme ad altri secondari popolano una città apparentemente inerte e sonnolenta. Palermo la città dei contrasti, in cui il confluire di diversi popoli ha creato delle architetture tra le più belle d’Europa e dove Monte Pellegrino rappresenta uno dei luoghi più affascinanti che la natura abbia fatto, lambito da un mare di puro zaffiro.

* * *

[L’Autoracconto d’autore in cui Eleonora Lombardo racconta il suo romanzo è disponibile qui]

* * *

La scheda del libro

La disobbedienza sentimentale è una sfida d’amore che si trasforma in vendetta. La vendetta sentimentale, che porta al fallimento; la vendetta professionale, che è frutto del tracollo in amore; la vendetta nei confronti di Palermo, quasi irreale nella sua bellezza decadente.

«La vendetta è disobbediente quanto i sentimenti: il problema è che quando a pianificare è solo il carnefice non si sa fino all’ultimo qual è la reazione della vittima. Che proprio un attimo prima della fine può avere un sussulto inaspettato. Cosa succederà dopo sarà solo scompiglio. La vendetta si consuma sempre oltre i limiti»

Lucia ha la missione di «portare il bello» in una città come Palermo, dove la bellezza è soffocata. Salvatore è un geologo con la passione dei cavalli, allevatore del più importante trottatore siciliano. I due si conoscono da una vita perché le loro mamme erano molto amiche. Crescendo si perdono di vista finché, un giorno, si ritrovano alla festa di laurea di un’amica comune. E da quel momento riprendono a frequentarsi, scoprendo che la complicità dell’infanzia può trasformarsi in qualcosa di più forte e coinvolgente. Ma la loro storia d’amore non decolla, non riesce a tradursi nei desideri dell’una e dell’altro. Così quando Salvatore, dopo una vita di sentimenti «sospesi», si innamora di un’altra, Lucia, ferita nel suo sogno d’amore e nell’orgoglio, decide di vendicarsi, colpendo ciò che lui ha di più caro.

 * * *

Eleonora Lombardo, dopo la laurea in greco antico, ha conseguito il master in Teoria e tecnica della narrazione presso la Scuola Holden di Torino. Ha lavorato come autrice in Rai e per il teatro. Giornalista, scrive di cultura per l’edizione siciliana di la Repubblica e tiene corsi di scrittura creativa. Il resto lo fa da ghost, compreso vivere a Palermo. La disobbedienza sentimentale (Cairo 2019) è il suo primo romanzo.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

Iscriviti alla nostra mailing list cliccando qui: scrivi il tuo indirizzo email e poi clicca sul tasto “subscrive”. Riceverai informazioni a cadenza mensile sulle attività di Letteratitudine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: