Archivio

Archive for ottobre 2019

SCRITTORINCITTÀ 2019

SCRITTORINCITTÀ 2019 – Cuneo, 13 – 18 novembre / XXI EDIZIONE

Scrittorincittà torna a Cuneo da mercoledì 13 a lunedì 18 novembre 2019 per la sua XXI edizione

L’atteso festival letterario, che fin dalla prima edizione ha registrato una straordinaria partecipazione di pubblico, ha quest’anno come tema portante Voci, intorno al quale autori italiani e stranieri sono chiamati a esprimersi, riflettere, confrontarsi con i lettori di ogni età.

Scrittorincittà propone iniziative, incontri, reading e laboratori durante tutto l’anno, per poi culminare a novembre in sei giorni ricchissimi di eventi. 223 appuntamenti per adulti, ragazzi e bambini con 232 ospiti – scrittori, giornalisti, artisti e protagonisti di tutti gli ambiti: dalla letteratura all’arte, dallo sport al cinema, dalla scienza alla musica. Ogni incontro è pensato per mettere a confronto chi legge e chi scrive, chi disegna e chi racconta, con modalità sempre diverse e originali. Leggi tutto…

Le Edizioni E/O vincono il “Turjuman Award”, il premio per la traduzione dal valore più alto al mondo

Le Edizioni E/O vincono l’edizione 2019 dello Sharjah Translation Award “Turjuman per la traduzione di un libro dall’arabo.
Ovvero Una piccola morte di Mohamed Hasan Alwan traduzione dall’arabo di Barbara Teresi. Con il suo montepremi da 320.000 euro, è il premio per la traduzione dal valore più alto al mondo.
 * * *

Il valore totale del Premio ammonta a 1,3 milioni di dirham, pari a circa 320.000 euro, e la sua suddivisione rispecchia la missione del Premio di incoraggiare la traduzione di importanti opere arabe: il 30% viene assegnato alla casa editrice araba che originariamente pubblica l’opera (in questo caso l’editore libanese Dar Al Saqi), mentre il 70% viene assegnato a uno degli editori che traducono l’opera nel resto del mondo, in questo caso le Edizioni E/O. Leggi tutto…

LIBRI PER LE TUE ORECCHIE: a Roma il primo Festival dell’audiolibro

“LIBRI PER LE TUE ORECCHIE” – Roma, 8 – 10 Novembre 2019

Al via dall’8 al 10 novembre “Libri per le tue orecchie”, tre giornate dedicate al mondo degli audiolibri.

Emons edizioni, casa editrice leader per gli audiolibri in Italia, lancia la prima festa degli audiolibri a Roma, nella meravigliosa cornice del WeGIL, lo storico palazzo di Trastevere hub culturale della Regione Lazio. Quello degli audiolibri è un mercato sempre più in crescita, che sta appassionando lettori di ogni età: giovani e meno giovani, lettori forti ma non solo. Saranno presenti alcuni dei più grandi attori del cinema e del teatro italiano che da anni leggono i capolavori della letteratura italiana e straniera e i maggiori operatori del settore per una riflessione sull’enorme potenzialità della lettura ad alta voce, in un momento di grande apertura del mercato dell’audiolibro, presentando al pubblico il meglio della produzione italiana. Leggi tutto…

LE TRE DEL MATTINO di Gianrico Carofiglio (recensione)

LE TRE DEL MATTINO di Gianrico Carofiglio (Einaudi, Super ET, 2019)

 * * *

di Letizia Cunsolo

“Le tre del mattino” è un romanzo che parla di una scoperta e di un viaggio, cioè di quello che accade quando qualcosa che abbiamo sempre conosciuto ed etichettato in un certo modo cambia improvvisamente aspetto ai nostri occhi, e tutt’a un tratto lo vediamo sotto una luce completamente nuova, stupendoci di come non ci fossimo accorti prima di quanto esso fosse diverso da come lo avevamo sempre immaginato.
Così Antonio, adolescente intelligente e sensibile ma anche arrabbiato, figlio di genitori separati, nel corso di due giorni in cui è forzato a rimanere insieme al padre, per di più senza poter dormire, ha modo di riscoprire il genitore, e di rendersi conto di come il proprio giudizio su di lui fino a quel momento fosse stato dettato dalla superficialità e da un equivoco che lo aveva portato ad etichettarlo in modo sommario e impietoso. Leggi tutto…

LEONARDO SCIASCIA e le Isole Eolie

Leonardo Sciascia2.jpg“Ricordo di Leonardo Sciascia” 31 ottobre a Lipari

Lo scrittore Leonardo Sciascia e il suo legame con le Eolie e il territorio siciliano saranno al centro dell’incontro “Ricordo di Leonardo Sciascia” che si terrà il 31 ottobre presso la Chiesa dell’Immacolata – Museo del cinema e della civiltà del bello – Parco Letterario Eoliano dell’area museale del Castello di Lipari a partire dalle ore 10,00. Leggi tutto…

COMPANY PARADE di Margaret Storm Jameson (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del romanzo COMPANY PARADE di Margaret Storm Jameson (traduzione di Velia Februari – Fazi editore)

* * *

Quando si svegliava al mattino, erano due i momenti in cui si sentiva infelice. Il primo era quando pensava al piccolo Richard che, nell’istante in cui la porta della sua cameretta si apriva, alzava la testa, ma di lei non chiedeva mai. L’avrebbe cercata senza dire niente, e dalla sua espressione nessuno avrebbe capito che sentiva la mancanza della madre. Il secondo era quando, aprendo la porta per recuperare il vassoio della colazione, non trovava lettere ad attenderla. Dopodiché non le restava altro che correre alla finestra per decidere quale dei due cappotti indossare quel giorno. Se trovava una lettera di Penn, suo marito, la leggeva e la rileggeva mentre faceva colazione, delusa dalla laconicità e dalla penuria di informazioni, per poi cancellarla completamente dai suoi pensieri non appena scendeva in strada. Penn era di stanza nel Kent come ufficiale di terra dell’Air Force: la guerra per lui era stata un piacevole tour di magazzini, parchi e aeroporti militari in Inghilterra. Quando Hervey pensava a lui, lo faceva con impazienza e tenerezza, come si pensa a qualcuno che non dovrebbe piacerci, ma a cui non possiamo smettere di voler bene. Leggi tutto…

IL CANTO DEL MARE di Paola Tricomi

IL CANTO DEL MARE di Paola Tricomi (Algra editore)

 * * *

Nel mistero di ogni destino

di Gabriella Grasso

“A chi ogni giorno tenta di riscrivere il destino proprio e altrui” è dedicato l’ultimo lavoro di Paola Tricomi, autrice colta e sensibile che abbiamo conosciuto attraverso i suoi versi, le raccolte poetiche “La voce a te donata” e “Il nome del nulla”, sillogi apprezzate da intellettuali e poeti del calibro di Maurizio Cucchi. Stavolta Paola propone un racconto lungo (o romanzo breve, se si preferisce) intitolato “Il canto del mare”, edito da Algra, costruito attorno al tema del destino e arricchito dai suggestivi dipinti di Carlo Cordua. Attraverso le vicende della giovane Elisabeth, ingegnere informatico che vive in California e si occupa di intelligenza artificiale, con una grande passione per le immersioni subacquee e per gli oggetti e le tracce del passato, l’autrice sviluppa una riflessione sofferta sull’ineluttabilità o meno di ogni destino, tanto a livello personale quanto universale. Leggi tutto…

PREMIO PAVESE 2019. Premiati Elisabetta Sgarbi, Susanna Basso, Giuseppe Patota

Oggi, domenica 27 ottobre, si è svolta la cerimonia di premiazione dei vincitori del PREMIO PAVESE 2019

Susanna Basso, Giuseppe Patota, Elisabetta Sgarbi sono i vincitori della 36a edizione del Premio Cesare Pavese

La traduttrice Susanna Basso, il linguista Giuseppe Patota e l’editrice Elisabetta Sgarbi sono i vincitori del Premio Cesare Pavese 2019, nato trentasei anni fa a Santo Stefano Belbo.

Organizzato a partire da quest’anno dalla Fondazione Cesare Pavese, il riconoscimento si è rinnovato nella giuria, nelle sezioni in cui è suddiviso e negli appuntamenti proposti, per meglio rendere omaggio alla complessa figura di Pavese, che non fu solo scrittore, ma anche poeta, traduttore, direttore editoriale e ideatore di una storica collana di saggi.

«Il Premio Cesare Pavese è un premio globale – spiega Gian Arturo Ferrari, che insieme a Claudio Marazzini, Giulia Boringhieri, Alberto Sinigaglia e Pierluigi Vaccaneo fa parte della giuria rinnovata – perché comprende tutte le “arti del libro”, fatta eccezione per quelle materiali, arti che hanno avuto in Cesare Pavese un rappresentante di statura altissima e soprattutto capace di praticarle e fonderle tutte insieme». Le nuove sezioni del Premio sono dedicate all’Editoria e alla Traduzione, che vanno ad arricchire quelle dedicate alla Saggistica e alla Narrativa (in questa fase di transizione il premio per la Narrativa sarà assegnato dall’edizione 2020).
I tre vincitori hanno incontrato il pubblico e ricevuto il Premio Cesare Pavese oggi, domenica 27 ottobre 2019 alle ore 10 a Santo Stefano Belbo nell’auditorium della Fondazione Cesare Pavese, che ha sede nella Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo (Piazza Confraternita 1), sconsacrata negli anni ’20 del ‘900, in cui fu battezzato Cesare Pavese. Leggi tutto…

PREMIO CAVALLINI 2019: i vincitori

I vincitori del Premio Cavallini 2019: Pupi Avati, Franco Cordelli, Erminia Dell’Oro, Laura Pariani

Il 25 ottobre alle 17.30 nella saletta degli incontri del convento di San Francesco a Pordenone si è svolta l’edizione 2019 del Premio Cavallini.

 * * *

Elisabetta Sgarbi e Vittorio Sgarbi hanno conferito: a Pupi Avati il premio alla carriera, a Franco Cordelli il premio per la saggistica, a Erminia Dell’Oro quello Speciale e a Laura Pariani il premio per la narrativa.

Il Premio Bruno Cavallini è stato istituito da Vittorio Sgarbi nel 1996 a Barcis in occasione di un altro importante evento letterario, il “Premio di poesia Giuseppe Malattia della Vallata”, e consegnato nel 1997 per la prima volta a Gaio Fratini.

L’iniziativa è organizzata con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dei Comuni di Pordenone e di Barcis e della Pro Barcis. Il premio, seppur nato a Barcis, da qualche anno è stato trasferito a Pordenone, al convento di San Francesco.

 

Le motivazioni

Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 14 al 20 ottobre 2019 – segnaliamo “Di’ la verità anche se la tua voce trema” di Daphne Caruana Galizia (Bompiani)

Di' la verità anche se la tua voce trema - Daphne Caruana Galizia - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 7 al 13 ottobre 2019

Questa settimana segnaliamo: “Di’ la verità anche se la tua voce trema” di Daphne Caruana Galizia (Bompiani), al 10° posto in classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Si conferma al 1° posto, “Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!” di  Giulia De Lellis e Stella Pulpo (Mondadori Electa)

Al 2° posto “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Entra in top ten al 3° posto “Timeport. L’occhio del tempo” di Stef & Phere e Giulia Gubellini (Magazzini Salani)

Entra in top ten al 4° posto, “Il grande romanzo dei Vangeli” di Corrado Augias e Giovanni Filoramo (Einaudi)

Al 5° posto (la settimana precedente era in 7^ posizione), “Il treno dei bambini” di Viola Ardone (Einaudi)

Al 6° posto (la settimana precedente era in 5^ posizione), “Le sette dinastie” di Matteo Strukul (Newton Compton)

Al 7° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione) “Segreti e ipocrisie” di Sveva Casati Modignani (Sperling & Kupfer)

Conferma l’8° posto “La mattina dopo” di Mario Calabresi (Mondadori)

Al 9° posto, “Io sono con voi. Catechismo per l’iniziazione cristiana dei fanciulli (6-8 anni)” – Conferenza episcopale italiana (cur.) (Libreria Editrice Vaticana)

Entra in top ten al 10° posto “Di’ la verità anche se la tua voce trema” di Daphne Caruana Galizia (Bompiani)

* * *

Di' la verità anche se la tua voce trema - Daphne Caruana Galizia - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “Di’ la verità anche se la tua voce trema” di Daphne Caruana Galizia (Bompiani), al 10° posto in classifica generale

Dagli esordi sulla carta stampata all’ultimo post su Running Commentary, una raccolta di articoli della più nota giornalista d’inchiesta maltese, simbolo di tutte le voci libere messe a tacere per aver esercitato il proprio diritto alla parola che resiste.

«Che un fatto, un’opinione siano giusti o sbagliati non è qualcosa che si può stabilire in base al numero di persone che credono a quel fatto, che compiono quell’azione o che condividono quell’opinione. È senza dubbio sbagliato votare per mandare al potere dei politici corrotti. La vittoria e la sconfitta non sono fattori in base a cui possiamo stabilire che cosa è giusto e che cosa è sbagliato. Vittoria e sconfitta riguardano il potere di prevenire le cose sbagliate o il potere di perpetrarle.»

Queste pagine raccolgono gli scritti che hanno condannato a morte Daphne Caruana Galizia, dagli esordi su carta fino all’ultimo post sul suo blog. Le parola di Daphne raccontano il tenace lavoro di denuncia del più grande sistema di riciclaggio che il mondo conosca, le prove della corruzione, la solitudine, il coraggio di una donna minacciata, colpita negli affetti familiari usati come bersaglio, ma capace di tenere testa a un potere che nasconde miliardi di euro. La passione per la verità di Daphne Caruana Galizia la rende simbolo di tutte le voci libere messe a tacere per aver esercitato il diritto alla parola resistente.

«Ci sono corrotti ovunque si guardi, la situazione è disperata.» L’ultimo post di Daphne Caruana Galizia su «Running Commentary» si chiude così, alle 14.35 del 16 ottobre 2017. Pochi minuti dopo la Peugeot 108 su cui Daphne si sta allontanando da casa salta in aria, e quella frase diventa un testamento involontario consegnato ai lettori del suo blog. Daphne ha pagato con la vita trent’anni di giornalismo investigativo in cui ha denunciato i lati più oscuri di Malta, dalla corruzione dei suoi politici al narcotraffico al riciclaggio di denaro sporco, dall’influenza del regime azero sulla politica locale al ruolo di Malta nello scandalo dei Panama Papers al sistema della vendita della cittadinanza maltese che vale il 2,5% del PIL dell’isola. «Quando un giornalista viene ucciso ne soffre tutta la società», ha scritto Margaret Atwood. E questo è tanto più vero se accade nel silenzio assordante della giustizia. Fino a quando anche un solo giornalista perderà la vita per aver raccontato la verità, le ultime parole di Daphne rimarranno un monito doloroso tra i fiori negati del suo memoriale.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza! Giulia De Lellis; Stella Pulpo Mondadori Electa 15,90
2 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
3 Timeport. L’occhio del tempo Stef & Phere; Giulia Gubellini Magazzini Salani 15,90
4 Il grande romanzo dei Vangeli Corrado Augias; Giovanni Filoramo Einaudi 19,50
5 Il treno dei bambini Viola Ardone Einaudi 17,50
6 Le sette dinastie Matteo Strukul Newton Compton 9,90
7 Segreti e ipocrisie Sveva Casati Modignani Sperling & Kupfer 15,90
8 La mattina dopo Mario Calabresi Mondadori 17,00
9 Io sono con voi. Catechismo per l’iniziazione cristiana dei fanciulli (6-8 anni) Conferenza episcopale italiana (cur.) Libreria Editrice Vaticana 5,50
10 Dì la verità anche se la tua voce trema Daphne Caruana Galizia Bompiani 18,00 *

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

Nasce una BIBLIOFARMACIA a Paternò: intervista al neurologo dr. Peci

Nasce a Paternò una Bibliofarmacia per anziani con deficit di memoria.

Comunque, in generale, evidenzia il neurologo Dr. Peci, leggere è salutare per chiunque: “una lettura costante non è solo indicata per potenziare le proprie capacità cognitive, ma è anche uno strumento di riflessione e di serenità, oltre che di crescita culturale e di sviluppo della coscienza individuale e collettiva”. Ne parliamo con il dr. Peci.

* * *

di Massimo Maugeri

Nunzio Antonio Peci è un neurologo interessato alla biblioterapia e ha istituito una vera e propria Bibliofarmacia a Paternò, in provincia di Catania. Per lanciare il progetto ha organizzato un evento di raccolta libri finalizzata a far crescere la Bibliofarmacia destinata ad anziani con deficit di memoria. Per l’occasione verrà chiuso l’ultimo tratto della via Emanuele Bellia a Paternò, sabato 2 novembre, e sarà trasformato in una sorta di salotto culturale a cielo aperto. Ne parliamo con l’ideatore del progetto…

– Dottor Peci, In cosa consiste intanto la “biblioterapia”?
La biblioterapia, come già la parola composta lascia intendere è una terapia non farmacologica attraverso l’utilizzo della lettura o ascolto di libri per patologie neuropsicologiche riguardanti soprattutto i deficit di memoria, l’ansia, la depressione, i disturbi del sonno. La terapia non farmacologica di queste patologie può essere eseguita con tante altre metodiche: la musica (musicoterapia), la danza (danzamovimentoterapia), l’arte (arteterapia), il giardinaggio (ortoterapia), la recita (teatroterapia) e via dicendo. Chiaramente non sono terapie sostitutive della farmacologica che, seppur non dà ancora risultati soddisfacenti, resta comunque la scelta prioritaria. Né tanto più il ricorso alla terapia non farmacologica deve allontanare i pazienti dal monitoraggio clinico con indagini periodiche.
Dovremmo anche considerare che comunque una lettura costante non è solo indicata per potenziare le proprie capacità cognitive, ma è anche uno strumento di riflessione e di serenità, oltre che di crescita culturale e di sviluppo della coscienza individuale e collettiva. E poi insieme al movimento rappresenta sicuramente la forma di svago più salutare che l’uomo possa svolgere durante i momenti di pausa lavorativa.

-Come è nata l’idea della “bibliofarmacia”? Leggi tutto…

MIO PADRE ERA UN UOMO SULLA TERRA E IN ACQUA UNA BALENA di Michelle Steinbeck (recensione)

MIO PADRE ERA UN UOMO SULLA TERRA E IN ACQUA UNA BALENA di Michelle Steinbeck (Tunué – traduzione di Hilary Basso)

* * *

di Eva Luna Mascolino

Anche solo a tenerlo in mano si capisce: Mio padre era un uomo sulla terra e in acqua una balena, romanzo d’esordio della caporedattrice di Fabrikzeitung Michelle Steinbeck, non è un’opera canonica. O meglio, non è fatta di sole parole. Un ulteriore indizio è costituito dal fatto che in Italia è stato pubblicato da Tunué, in una collana curata da Giuseppe Girimonti Greco e con la traduzione della giovane laureata alla Civica Scuola Interpreti e Traduttori di Milano Hilary Basso. C’è dietro, insomma, una squadra di qualità e dall’inventiva a dir poco proverbiale, che unita all’estro surreale dell’autrice ha dato vita a un capolavoro in miniatura.
La vicenda è presto detta: la giovane Loribeth, di un’età indefinita che va dall’adolescenza alla prima età adulta, ha un rapporto conflittuale con il fratello, con la madre, con i bambini. Non da ultimo con il padre, che ha abbandonato la famiglia quando lei era ancora piccola. Avverte su di sé fin troppe responsabilità, pur sentendo di dovere ancora crescere e di non avere risanato le proprie ferite. Leggi tutto…

PREMIO MARTOGLIO 2019: i vincitori

imagePREMIO MARTOGLIO 2019: sabato 26 ottobre, alle h. 17:30, al Teatro Comunale di Belpasso, la cerimonia di consegna della XXXIII Edizione del Premio Letterario Internazionale “Nino Martoglio”. Tra i premiati: Nadia Terranova, Massimo Onofri e Agostino Zumbo

 * * *

Si svolgerà sabato 26 ottobre, con inizio alle ore 17.30, al Teatro Comunale di Belpasso – presentata dalla giornalista Flaminia Belfiore – la cerimonia di consegna della XXXIII Edizione del Premio Letterario Internazionale “Nino Martoglio”, organizzato dal Circolo Athena con la consulenza scientifica dell’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano e la collaborazione del Comune di Belpasso. Leggi tutto…

LIBRI IN NIZZA 2019

LIBRI IN NIZZA: Orizzonti di Segni – sabato 9 e domenica 10 novembre

image

A Nizza Monferrato, comune patrimonio dell’UNESCO, in provincia di Asti torna Libri in Nizza, giunto alla sua ottava edizione.

 * * *

Il 9 e 10 novembre nella bellissima cornice del Foro Boario di piazza Garibaldi a Nizza Monferrato, scrittori e lettori tornano a darsi appuntamento per Libri in Nizza, festival dei libri e delle idee.

L’ottava edizione del festival, dal titolo Orizzonti di Segni, avrà al centro la cultura, i libri, le storie e i loro interpreti, che proveranno a tratteggiare l’orizzonte di un futuro sempre più difficile da immaginare: un orizzonte di segni e di senso. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

CAMILLA BARESANI racconta GELOSIA

Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: CAMILLA BARESANI racconta il suo romanzo GELOSIA (La nave di Teseo)

 * * *

di Camilla Baresani

La gelosia è uno stato d’animo morboso, che può diventare ossessivo. Corrompe e poi soffoca ogni slancio sentimentale, prendendone il posto. È un veleno a lento rilascio.
Ho deciso di dedicarle un romanzo quando, ascoltando le confidenze di un amico, ho cominciato a ragionare sulla gelosia maschile, in particolare su quella nei confronti dell’amante. Ossia: un uomo che non può e non vuole concedere l‘esclusiva alla propria amante, perché sposato e magari ancora innamorato della moglie (sebbene in modo diverso da quello degli inizi), si fa prendere da un assillante desiderio di possesso, che lo rende sospettoso di tutto, persino delle amicizie o delle conoscenze della donna con cui ha sviluppato un amore clandestino, fino a rendersi ridicolo, persino ai propri occhi. I due lavorano insieme, e le ore in ufficio sono quelle destinate alla loro vita comune. In un’ansia di possesso sempre crescente, l’uomo vuole controllare l’amante; non sopporta che abbia delle amicizie, che parli con i colleghi, che possa confrontarsi con un’altra figura maschile. La segue, la spia, soffre, e per allontanarla da altri si spinge a prometterle cose che sa benissimo di non voler realizzare, però a forza di mentire comincia a immaginare una realtà parallela, come in un sogno. D’altro canto, l’amante soffre di gelosia ossessiva nei confronti della moglie, la rivale che non sa nulla di lei, la donna cui non è preclusa l’ufficialità del rapporto e che ha una prospettiva di progetti familiari, inclusa l’adozione di un figlio. Col tempo, l’amante comincia a percepirsi come vittima di un complotto. Leggi tutto…

Continuano le attività del CIRCOLO DEI LETTORI DELLA DOZZA

IL CIRCOLO DEI LETTORI DELLA DOZZA – Bologna, da ottobre 2019 a luglio 2020

Un progetto di Lettura, e di incontro con gli autori, organizzato dall’Università di Bologna in favore del Carcere La Dozza

La professoressa Paola Italia ci aveva già raccontato la genesi di questo progetto di Lettura, e di incontro con gli autori, organizzato dall’Università di Bologna in favore del Carcere La Dozza.

Le attività continuano e mercoledì 23 ottobre (come illustrato nella locandina in basso) comincerà la nuova serie di Incontri del Circolo dei Lettori del Carcere della Dozza, che quest’anno gli studenti del Dipartimento FICLIT hanno portato anche in Sala Borsa. Ogni incontro, infatti, sarà tenuto sia in carcere, e nel pomeriggio, alle 18.00 (in genere di lunedì), in Sala Borsa.

L’iniziativa nasce dunque con l’intento di avvicinare gli studenti universitari alla realtà carceraria e vuole adesso creare un ponte tra il circolo dei lettori attivato all’interno del carcere Dozza e un circolo di lettori, esterno e parallelo, in Biblioteca Salaborsa con cittadini interessati a condividere le proprie riflessioni sui libri di cui si discuterà con i detenuti.

Il calendario degli appuntamenti presso la Biblioteca Sala Borsa è disponibile collegandosi a questo link.

 * * *

Gli incontri, coordinati dagli studenti universitari, vedranno il coinvolgimento in carcere di autori e curatori delle opere.

 

l progetto Circolo dei lettori della Dozza è tra i vincitori del bando Futuro prossimodella Fondazione innovazione urbana e si colloca all’interno del Patto per la lettura del Comune di Bologna.

Di seguito, il programma delle letture all’interno del Carcere La Dozza Leggi tutto…

L’ANNO CHE VERRÀ 2019: il Festival di Pistoia

L’ANNO CHE VERRÀ. I libri che leggeremo 

da venerdì 25 ottobre a domenica 27 ottobre 2019 a Pistoia, III edizione

con l’anteprima di Rodrigo Fresán, la lectio di Marco Malvaldi, la musica di Mauro Ermanno Giovanardi e le letture di Neri Marcoré – Tornano anche le occasioni di formazione e scouting per aspiranti scrittori, grazie a “Il futuro davanti 

 * * *

Dal 25 al 27 ottobre 2019 a Pistoia tornerà, per la sua terza edizione, il Festival “L’anno che verrà: i libri che leggeremo”: la rassegna dedicata all’anticipazione delle uscite letterarie in programma nei prossimi mesi e nel 2020, raccontate dagli autori e dagli editor delle più importanti case editrici italiane. Leggi tutto…

LA REGINA DEI CORNETTI SALATI di Tijana M. Djerković (un estratto)

Pubblichiamo un estratto dal racconto “La bellezza” contenuto nel libro “La regina dei cornetti salati” di Tijana M. Djerković (Besa – Livio Muci editore)

L’aveva deciso nel bel mezzo della notte. Si era svegliata di soprassalto, aveva acceso la luce sul comodino, dato un’occhiata all’orologio, erano le tre e venti, e si era detta: “Non permetterò che la mia bellezza muoia insieme a me”. Tanto, a lei non era rimasto ancora molto da vivere, la scadenza si avvicinava, e non per una malattia grave e incurabile. Semplicemente, si erano sedimentati molti anni di vita, aveva superato l’età media nazionale per le donne del suo paese, aveva accumulato tanti, troppi chili in eccesso e intere cataste di ricordi. Nel suo intimo pensava che sarebbe già stato il tempo di smetterla con la vita. Le era venuta a noia. Ne aveva abbastanza. I giorni ormai erano tutti uguali, vuoti, lunghi; non veniva a trovarla nessuno, a parte la donna che le rassettava la casa e faceva la spesa secondo un elenco da lei stilato il giorno prima, e si tratteneva non più di due ore al giorno. Questo servizio che lei, con la sua misera pensione da professoressa di liceo classico statale, considerava un gran lusso, glielo pagava la figlia, mandando i soldi dal Canada, direttamente alla signora. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 7 al 13 ottobre 2019 – segnaliamo “Le sette dinastie” di Matteo Strukul (Newton Compton)

Le sette dinastie - Matteo Strukul - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 7 al 13 ottobre 2019

Questa settimana segnaliamo: “Le sette dinastie” di Matteo Strukul (Newton Compton), al 5° posto in classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Si conferma al 1° posto, “Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!” di  Giulia De Lellis e Stella Pulpo (Mondadori Electa)

Entra in top ten al 2° posto, “La memoria di Babel. L’Attraversaspecchi. Vol. 3” di Christelle Dabos (E/O)

Si conferma al 3° posto “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Al 4° posto (la settimana precedente era in 2^ posizione) “Segreti e ipocrisie” di Sveva Casati Modignani (Sperling & Kupfer)

Entra in top ten al 5° posto, “Le sette dinastie” di Matteo Strukul (Newton Compton)

Entra in top ten al 6° posto, “Tu, ma per sempre” di Roberto Emanuelli (DeA Planeta)

Rientra in top ten al 7° posto, “Il treno dei bambini” di Viola Ardone (Einaudi)

All’8° posto (la settimana precedente era in 6^ posizione) “La mattina dopo” di Mario Calabresi (Mondadori)

Al 9° posto (la settimana precedente era in 5^ posizione) “La notte più lunga” di Michael Connelly (Piemme)

Entra in top ten al 10° posto “Peccati immortali” di Aldo Cazzullo e Fabrizio Roncone (Mondadori)

* * *

Le sette dinastie - Matteo Strukul - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “Le sette dinastie. La lotta per il potere nel grande romanzo dell’Italia rinascimentale” di Matteo Strukul (Newton Compton), al 5° posto in classifica generale

Sette famiglie. Sette sovrani. Sei città. Il gioco dei troni nell’Italia del Rinascimento.

Sette famiglie, sette sovrani, sei città: questa è l’Italia del XV secolo, dilaniata da guerre, intrighi e tradimenti, governata da signori talvolta lungimiranti, ma molto spesso assetati di potere e dall’indole sanguinaria. A Milano, Filippo Maria, l’ultimo dei Visconti, in assenza di figli maschi cerca di garantire la propria discendenza dando in sposa la giovanissima figlia a Francesco Sforza, promettente uomo d’arme. Intanto trama contro il nemico giurato, Venezia, tentando di corromperne il capitano generale, il conte di Carmagnola. Ma i Condulmer non temono gli attacchi: smascherano il complotto e riescono a imporre sul soglio di Pietro proprio un veneziano, che diverrà papa con il nome di Eugenio IV. Tuttavia il duca milanese troverà alleati anche a Roma: sono i rappresentanti della famiglia Colonna, ostili al papa che viene da Venezia e decisi a cacciarlo dalla città. Solo l’aiuto dei Medici riesce a scongiurare la morte del pontefice, costretto però a un esilio forzato a Firenze. E mentre nel sud dell’Italia si fa sempre più cruenta la guerra tra angioini e aragonesi, il destino della penisola italica è sempre più avvolto nell’incertezza…

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza! Giulia De Lellis; Stella Pulpo Mondadori Electa 15,90
2 La memoria di Babel. L’Attraversaspecchi. Vol. 3 Christelle Dabos E/O 16,00
3 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
4 Segreti e ipocrisie Sveva Casati Modignani Sperling & Kupfer 15,90
5 Le sette dinastie Matteo Strukul Newton Compton 9,90
6 Tu, ma per sempre Roberto Emanuelli DeA Planeta Libri 18,50
7 Il treno dei bambini Viola Ardone Einaudi 17,50
8 La mattina dopo Mario Calabresi Mondadori 17,00 *
9 La notte più lunga Michael Connelly Piemme 19,90
10 Peccati immortali Aldo Cazzullo; Fabrizio Roncone Mondadori 18,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

FESTIVAL OF ITALIAN LITERATURE IN LONDON 2019

Festival of Italian Literature in London (FILL): 2-3 Novembre 2019

Da Domenico Lucano a Rachel Cusk, dal futuro della democrazia alla stand-up comedy sulla Brexit. Torna il festival di letteratura e di idee che mette insieme voci italiane e internazionali nella cornice di uno storico teatro vittoriano a Notting Hill. L’intero programma è disponibile qui

Il Festival di Letteratura Italiana a Londra / Festival of Italian Literature in London (FILL) torna con un programma eclettico e internazionale. Sabato 2 e domenica 3 novembre, autori e pensatori italiani, britannici, europei, e dal resto del mondo si incontrano per discutere di letteratura, politica e cultura contemporanea, nel fine settimana “fatale” subito dopo il definitivo Brexit Day previsto per fine ottobre.

Abbiamo chiesto a Marco Mancassola (fondatore del Festival) di parlarcene…

FILL Festival è nato come il progetto di un gruppo” ha detto Marco Mancassola a Letteratitudine, “di una comunità, che si ritrova nel mezzo di una calamità politica come la Brexit e il feroce populismo che la circonda. Il festival è la creazione di un gruppo di italiani che vivono a Londra: siamo italiani, europei, londinesi, emigrati, in un momento in cui ciascuna di queste identità viene problematicizzata. Siamo anche persone che si occupano a vario titolo di libri, e la creazione di un festival letterario e di idee ci è sembrato il modo naturale di reagire al momento storico che viviamo. Un festival dovrebbe sempre fare due lavori: ricompattare una comunità, e al tempo stesso aprirla, interrogarla, metterla in confronto con il resto del mondo. Ci sembra che FILL stia facendo questo lavoro. Ci aiuta, indubbiamente, anche la cornice accogliente e atmosferica del teatro vittoriano che ci ospita.Leggi tutto…

BOOK PRIDE GENOVA 2019

Al via domani BOOK PRIDE – Fiera Nazionale dell’editoria indipendente, a Palazzo Ducale di Genova fino a domenica 20 ottobre

BOOK PRIDE GENOVA – FIERA NAZIONALE DELL’EDITORIA INDIPENDENTE

dal 18 al 20 ottobre – Palazzo Ducale 

venerdì ore 14-20 / sabato e domenica ore 10-20

Ingresso libero

 * * *

Con Valerio Aiolli, Eva Baltasar, Lutz Bassman / Antoine Volodine, Violetta Bellocchio, Vasco Brondi, Wolf Bukowski, Edward Carey, Ilide Carmignani, Giulio Cavalli, Ascanio Celestini, Paolo Cognetti, Carlo D’Amicis, Diego De Silva, Claudia Durastanti, Marina Garcés, Andrea Gentile, Shahram Khosravi, Vincenzo Latronico, Clotilde Leguil, Lo Stato Sociale, Marco Malvaldi, Valérie Manteau, Emilia Marasco, Chiara Marchelli, Giordano Meacci, Matteo Meschiari, Valerio Millefoglie, Nada, Anna Nadotti, Matteo Nucci, Demetrio Paolin, Valentina Parisi, Francesco Pecoraro, Laura Pigozzi, Andrea Pomella, Laura Pugno, Christian Raimo, Alessandro Robecchi, Samantha Schweblin, Giampaolo Simi, Fabio Stassi, Nadia Terranova, Nadeesha Dilshani Uyangoda, Michele Vaccari, Nicla Vassallo, Federico Zappino, e molti altri Leggi tutto…

NERO DI SIENA di Mario Falcone: incontro con l’autore

NERO DI SIENA di Mario Falcone (Ianieri editore): incontro con l’autore

 * * *

Mario Falcone è tra gli sceneggiatori più noti in Italia. Ha firmato alcune delle fiction televisive di maggior successo – “Padre Pio”, “Ferrari”, “La Guerra è finita” “De Gasperi, l’uomo della speranza”. “Einstein”, “Francesco” – e vinto numerosi premi nazionali e internazionali.
Da qualche anno organizza workshop di sceneggiatura e scrittura creativa ed è inoltre un apprezzato Writing Coach.
In qualità di scrittore ha pubblicato i seguenti romanzi:  “L’alba nera” – Fazi Editore 2008 (pubblicato in Francia da Edition la Table Ronde),  “Un’amara verità” – Atmosphere Libri – 2013 (romanzo vincitore del Grangiallo a Castelbrando 2013), “La stagione dell’odio” – Self publishing Amazon 2014, “Lo Chef degli Chef” (Odoya Meridiano zero Editore 2018).

Nero di Siena” (Mario Ianieri Editore 2018), tra i romanzi ammessi a partecipare al prestigioso premio “Giorgio Scerbanenco 2019” dedicato alla letteratura noir, è il suo ultimo libro: abbiamo incontrato l’autore e gli abbiamo chiesto di parlarcene…

* * *

«L’idea di “Nero di Siena” nasce nel 2015 e prende spunto dalle tormentate vicende del Monte dei Paschi di Siena», ha spiegato Mario Falcone a Letteratitudine. «Il titolo originario del romanzo era “A titolo provvisorio”, poi, per una pura questione di marketing, e dietro invito di Mario Ianieri, l’editore del romanzo, abbiamo cambiato titolo facendo diventare appunto “Nero di Siena”. Come si evince da questo brevissimo prologo, il romanzo è stato scritto in tempi non sospetti, rispetto ai gravi fatti di cronaca che hanno interessato la bellissima città toscana, fatti legati sempre al fallimento della famosa e vecchissima banca, la cui fondazione risale all’anno 1200 circa. Leggi tutto…

BUCHMESSE DI FRANCOFORTE: il libro italiano è in crescita

Alla Buchmesse di Francoforte, in corso di svolgimento dal 16 al 20 ottobre 2019, sono stati diramati i dati di vendita dei libri italiani all’estero. Pubblichiamo la sintesi del rapporto e, a seguire, l’intervento del Presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi

Opening Press Conference 2019 Francis Gurry Director General of WIPO

Crescono ancora le performance all’estero del libro italiano: +9% nel 2018

Una significativa crescita dell’export nel 2018, con la vendita dei diritti che segna un +9% rispetto all’anno precedente, e un balzo del 5% nel giro d’affari dei primi otto mesi del 2019 per l’editoria di varia adulti e ragazzi nei canali trade (librerie, Gdo, store online compresa stima Amazon), che dopo quasi otto anni vede aumentare anche il numero di copie vendute: +4%. Con questi numeri l’editoria italiana si presenta alla Buchmesse di Francoforte più forte sul piano internazionale, confermando inoltre la sua prima posizione tra le industrie culturali del Paese. Leggi tutto…

LE MEZZE VERITÀ di Elizabeth Jane Howard (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del romanzo LE MEZZE VERITÀ di Elizabeth Jane Howard (Fazi editore – Traduzione di Manuela Francescon)

 * * *

Sarebbe stato più facile essere un vegetale, pensò, e in un modo o nell’altro, pian piano, la sua funzione nel mondo si sarebbe realizzata: non era necessario saltare in una volta sola dal cavolo a Dio. Lei invece era messa proprio male: i neonati erano a posto; anche i bambini piccoli erano ancora sani dal punto di vista spirituale. Ma c’era un punto, lungo il percorso che portava all’adolescenza, in cui si veniva declassati dallo status di bambini a quello di vegetali, spesso vegetali della peggior specie. Il Cristianesimo dava la colpa alla conoscenza carnale. Questa a May sembrava una grossa semplificazione, perché le venivano in mente numerose persone orribili e tragicamente involute che quanto a conoscenza carnale non potevano… In ogni modo quell’uomo interessante aveva detto che il sesso era cosa buona, se uno vi si accostava nella maniera corretta, salvo poi aggiungere che quasi nessuno sapeva quale fosse. Quanto a May, lei aveva pensato al sesso solo in un periodo della sua vita, i terribili mesi dopo che Clifford era stato ucciso, quando insieme al fardello insostenibile del dolore, aveva dovuto sopportare anche il desiderio inesausto del corpo. Perché il corpo non sembrava affatto disposto ad accettare il fatto che lui non ci fosse più, proprio come quei poveretti che perdono un arto e che continuano a provare prurito o fastidio in quella parte del corpo. Leggi tutto…

FESTIVAL DEL CLASSICO 2019

Al via domani, giovedì 17 ottobre, la II edizione del Festival del Classico: fino a domenica 20, incontri e spettacoli sul potere liberatorio della verità. Il programma completo è disponibile qui.

Il viaggio alla scoperta delle radici, dei molti volti e significati e della forza della verità inizia domani: da giovedì 17 ottobre, infatti, prende il via la seconda edizione del Festival del Classico, incentrata sul tema La verità ci renderà liberi. Progetto della Fondazione Circolo dei lettori e Regione Piemonte, presieduto da Luciano Canfora e curato da Ugo Cardinale e Massimo Arcangeli, il Festival tesserà le fila di un intreccio fra tutte quelle arti e scienze legate indissolubilmente alla ricerca, alla rappresentazione o all’uso della verità. Tra gli ospiti della seconda edizione: Leggi tutto…

MARGARET ATWOOD E BERNARDINE EVARISTO VINCONO IL BOOKER PRIZE 2019

Particolarità tripla per il Booker Prize 2019: due vincitori, la più anziana vincitrice del premio, la prima donna nera a conquistarlo. Dopo una lunghissima discussione, infatti, la giuria del prestigioso premio inglese ha deciso di conferire il riconoscimento a due autrici entrambe meritevoli: Margaret Atwood con “The testaments” e Bernardine Evaristo con “Girl, woman, other. Le due scrittrici, dunque, si divideranno il ricco montepremi di 50.000 sterline. Leggi tutto…

UNO DI NOI di Daniele Zito (recensione)

UNO DI NOI di Daniele Zito (Miraggi edizioni)

 * * *

La tragedia dell’indifferenza nell’indeterminato umano di Daniele Zito

di Daniela Sessa

Prima delle periferie urbane ci sono quelle della ragione, prima dell’occupazione abusiva c’è una casa del cuore non autorizzata a odiare, prima delle mense per i poveri ci sono le tavole imbandite di rancore, prima dei campi Rom ci sono le anime nomadi che si spostano tra un ghigno e un urlo, prima delle ruspe ci sono i barconi fatti rovesciare nel Mediterraneo con il loro carico di morte innocente, prima degli italiani c’è uno di noi, uno qualunque perduto nell’abisso della propria inadeguatezza e sconfitto dalla rabbia e dall’astio covati nel chiuso di vite banali. Uno, uno qualunque può bruciare la propria abiezione morale tra le fiamme di un campo di emarginati, può non avere consapevolezza delle conseguenze del proprio sardonico gesto, può uccidere una bambina, la più fragile di tutte, lei che somma su di sé tutta l’ingiustizia del mondo, lei così piccola e rom e disabile. Uno, uno qualunque può continuare a non comprendere davanti alla sofferenza e alla morte. Uno, uno qualunque può continuare a giustificarsi, a stordire il proprio cuore con parole d’inumana sensatezza. Leggi tutto…

PREMIO DEA PLANETA 2020: il bando

IL PREMIO LETTERARIO DI NARRATIVA DELLA CASA EDITRICE DEA PLANETA – II EDIZIONE

Edizione 2020 del Premio Letterario della casa editrice DeA Planeta

 

Milano, 14 ottobre 2019 – Dopo il successo della prima edizione, si apre oggi il bando di partecipazione alla seconda edizione del Premio DeA Planeta, con scadenza il 29 febbraio 2020.

Il Premio DeA Planeta è un premio letterario di narrativa in lingua italiana creato nel 2018 dalla casa editrice DeA Planeta Libri, joint venture tra il Gruppo De Agostini e il Grupo Planeta, che prende spunto dal successo del Premio Planeta – il maggior premio letterario in lingua spagnola giunto oggi alla sua 68° edizione – e che si distingue nel panorama dei premi letterari italiani per la forte spinta internazionale e l’importante valore economico del riconoscimento assegnato al vincitore, pari a 150.000 Euro. Leggi tutto…

ARRUINA di Francesco Iannone (recensione)

“ARRUINA. Una favola oscura” di Francesco Iannone (Il Saggiatore): un esordio letterario

* * *

di Eva Luna Mascolino

«Nascerà una bambina, e avrà il tuo sangue, e il tuo sangue ti giudicherà. Lo dice il vento che nascerà, lo dicono le voci di tutte le donne gravide nei letti. La tua bambina nascerà e con lei nasceranno altri bambini. E le loro madri soffriranno molto, e le sentirai sgravidare in solitudine, maledire le poltiglie precipitate fra le loro gambe. Piccoli luminosi cumuli di carne». Si apre così Arruina, l’esordio narrativo del salernitano Francesco Iannone, edito di recente da Il Saggiatore: una favola oscura, come viene definita nel sottotitolo, che in 156 pagine è capace di costruire un intreccio denso e affascinante.

In dialetto campano l’arruina è la rovina, incarnata a quanto pare da un’ignara neonata soprannominata la Sperduta: secondo la profezia di alcune streghe chiamate Nerissime, infatti, la piccola sarebbe destinata a prosciugare la fonte segreta di Roccagloriosa, grazie alle cui acque le fattucchiere sono immortali da millenni. È per tale ragione che la bambina scompare, mentre il padre assiste inerme alla scena e inizia a raccontare in un perenne dialogo narrativo con la moglie i loro tentativi di ritrovare la figlia. Leggi tutto…

ALESSANDRO PERISSINOTTO VINCE IL PREMIO LATTES GRINZANE 2019

Alessandro Perissinotto con Il silenzio della collina (Mondadori) vince il Premio Lattes Grinzane 2019 

È Alessandro Perissinotto con Il silenzio della collina (Mondadori) il vincitore del Premio Lattes Grinzane 2019 per la sezione Il Germoglio, dedicata ai migliori libri di narrativa italiana o straniera pubblicati nell’ultimo anno. Gli altri finalisti al Premio erano: Roberto Alajmo con L’estate del ’78 (Sellerio), Jean Echenoz (Francia) con Inviata speciale (Adelphi, traduzione di Federica e Lorenza Di Lella), Yewande Omotoso (Sud Africa) con La signora della porta accanto (66thand2nd, traduzione di Natalia Stabilini), e Christoph Ransmayr (Austria) con Cox o Il corso del tempo (Feltrinelli, traduzione di Margherita Carbonaro). Leggi tutto…

FESTIVAL LEGGERE e SCRIVERE 2019

Festival Leggere & Scrivere

Al via l’ottava edizione del Festival Leggere&Scrivere di Vibo Valentia: dal 15 al 19 ottobre

Dal 15 al 19 ottobre, oltre 200 ospiti, cinque giorni di dibattiti: il libro e la letteratura ci accompagnano in un viaggio attraverso attualità politica, giornalismo, musica, teatro, spettacolo, scienza, arte, ragazzi, social media.
Appuntamenti a Palazzo Gagliardi, all’Auditorium dello Spirito Santo, al Convitto Filangieri, alla Casa Circondariale di Vibo Valentia e in numerosi altri comuni della provincia.

* * *

Si alza il sipario sull’ottava edizione del Festival Leggere&Scrivere di Vibo Valentia. L’inaugurazione è in programma martedì 15 ottobre a Palazzo Gagliardi, storica sede del festival. Presenti autorità e rappresentanti del mondo della scuola e della società vibonese. A fare gli onori di casa saranno il Sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo e l’Assessore alla Cultura Daniela Rotino, il delegato dell’assessorato alla cultura Regione Calabria Salvatore Bullotta, il Presidente del Sistema Bibliotecario Vibonese Giuseppe Condello, i direttori artistici Gilberto Floriani e Maria Teresa Marzano.

«Il festival evolve rimanendo sempre fedele a se stesso: potrebbe sembrare una frase fatta, invece esprime perfettamente le ragioni del nostro impegno» affermano Gilberto Floriani e Maria Teresa Marzano. Leggi tutto…

PANTAGRUEL: la nuova rivista letteraria fondata da Elisabetta Sgarbi

Nasce Pantagruel, rivista di Letteratura quadrimestrale della Nave di Teseo, fondata da Elisabetta Sgarbi. In libreria dal 17 ottobre (pp. 270, 19 euro)

 * * *

Il primo numero (numero zero) – a cura di Elisabetta Sgarbi e Vincenzo Santochirico, in collaborazione con la Fondazione Sassi di Matera – è dedicato al Pane e sarà presentato nel corso del Festival La Terra del Pane a Matera, in una serie di incontri con gli autori dall’11 fino al 20 ottobre.
Pantagruel ospiterà testi inediti di autori italiani e internazionali, in numeri monografici dedicati a temi che intrecciano arti, discipline, saperi.

 * * *

Risultati immagini per elisabetta sgarbi letteratitudinenews“Fondare una casa editrice genera, a valanga, la bellezza di tanti inizi. Nulla c’era prima, e dunque ogni iniziativa ha il sapore di un’alba. Nasce dunque la rivista di letteratura Pantagruel (il nome viene da una conversazione con enrico ghezzi).
Pantagruel sarà una rivista di “mondi narrati”: i contributi saranno narrazioni dirette di un tema, tra finzione, saggistica, testimonianza, ma anche immagine, racconto fotografico o pittorico.
Pantagruel sarà una rivista˗libro tematica. Il curatore del numero sceglierà chi coinvolgere intorno a quel tema.
Pantagruel sarà una rivista quadrimestrale, forse.
Pantagruel ha in sé una vocazione al disordine, alla voracità, alla fame e sete di un tutto mai veramente circoscrivibile. C’è un principio di anarchia e di sovversione, non gridato, non roboante ma silenzioso e persino pudico. Come La nave di Teseo.”
Elisabetta Sgarbi

Hanno scritto su questo numero: Fulvio Abbate, Gaetano Cappelli, Ermanno Cavazzoni, Ivan Cotroneo, Roberto Cotroneo, Francesca d’Aloja, Dente, Eliana Di Caro, Andrea Di Consoli, Massimo Donà, Claudia Durastanti, enrico ghezzi, Yervan Gianikian, David Grieco, Eberhard Jungel, Camillo Langone, Lucrezia Lerro, Elena Loewenthal, Giuseppe Lupo, Francesca Manfredi, Andrea Moro, Raffaele Nigro, Antonio Rezza, Vittorio Sgarbi, Mariolina Venezia, Massimo Zamboni. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 30 settembre al 6 ottobre 2019 – segnaliamo “Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe” di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri (Mondadori)

Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe - Michela Murgia,Chiara Tagliaferri - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 30 settembre al 6 ottobre 2019

Questa settimana segnaliamo: “Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe” di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri (Mondadori)

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Si conferma al 1° posto, “Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!” di  Giulia De Lellis e Stella Pulpo (Mondadori Electa)

Si conferma al 2° posto “Segreti e ipocrisie” di Sveva Casati Modignani (Sperling & Kupfer)

Si conferma al 3° posto “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Al 4° posto  (la settimana precedente era in 8^ posizione) “Fiorire d’inverno. La mia storia” di Nadia Toffa (Mondadori)

Entra in top ten al 5° posto “La notte più lunga” di Michael Connelly (Piemme)

Al 6° posto (la settimana precedente era in 5^ posizione) “La mattina dopo” di Mario Calabresi (Mondadori)

Al 7° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione), “Tralummescuro. Ballata per un paese al tramonto” di  Francesco Guccini (Giunti Editore)

All’8° posto (la settimana precedente era in 6^ posizione) “L’istituto” di Stephen King (Sperling & Kupfer)

Entra in top ten al 9° posto “Le verità nascoste. Trenta casi di manipolazioni della storia” di Paolo Mieli (Rizzoli)

Al 10° posto (la settimana precedente era in 7^ posizione), “Il coltello” di  Jo Nesbø (Einaudi)

* * *

Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe - Michela Murgia,Chiara Tagliaferri - copertinaQuesta settimana segnaliamo: Questa settimana segnaliamo: “Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe” di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri (Mondadori) – al 18° posto in classifica generale

Controcorrente, strane, pericolose, esagerate, difficili da collocare. E rivoluzionarie. Sono le dieci donne raccontate in questo libro e battezzate da una madrina d’eccezione, la Morgana del ciclo arturiano, sorella potente e pericolosa del ben più rassicurante re dalla spada magica.

Moana Pozzi, Santa Caterina, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Shirley Temple, Vivienne Westwood, Zaha Hadid. Morgana non è un catalogo di donne esemplari; al contrario, sono streghe per le donne stesse, irriducibili anche agli schemi della donna emancipata e femminista che oggi, in piena affermazione del pink power, nessuno ha in fondo più timore a raccontare. Il nemico simbolico di questa antologia è la “sindrome di Ginger Rogers”, l’idea – sofisticatamente misogina – che le donne siano migliori in quanto tali e dunque, per stare sullo stesso palcoscenico degli uomini, debbano sapere fare tutto quello che fanno loro, ma all’indietro e sui tacchi a spillo. In una narrazione simile non c’è posto per la dimensione oscura, aggressiva, vendicativa, caotica ed egoistica che invece appartiene alle donne tanto quanto agli uomini. Le Morgane di questo libro sono efficaci ciascuna a suo modo nello smontare il pregiudizio della natura gentile e sacrificale del femminile. Le loro storie sono educative, non edificanti, disegnano parabole individuali più che percorsi collettivi, ma finiscono paradossalmente per spostare i margini del possibile anche per tutte le altre donne. Nelle pagine di questo libro è nascosta silenziosamente una speranza: ogni volta che la società ridefinisce i termini della libertà femminile, arriva una Morgana a spostarli ancora e ancora, finché il confine e l’orizzonte non saranno diventati la stessa cosa.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza! Giulia De Lellis; Stella Pulpo Mondadori Electa 15,90
2 Segreti e ipocrisie Sveva Casati Modignani Sperling & Kupfer 15,90
3 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
4 Fiorire d’inverno. La mia storia Nadia Toffa Mondadori 18,00
5 La notte più lunga Michael Connelly Piemme 19,90
6 La mattina dopo Mario Calabresi Mondadori 17,00
7 Tralummescuro. Ballata per un paese al tramonto Francesco Guccini Giunti Editore 19,00
8 L’istituto Stephen King Sperling & Kupfer 21,90
9 Le verità nascoste. Trenta casi di manipolazioni della storia Paolo Mieli Rizzoli 19,50
10 Il coltello Jo Nesbø Einaudi 20,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PISA BOOK FESTIVAL 2019: dal 7 al 10 novembre

Dal 7 al 10 novembre torna il Pisa Book Festival, il Salone più “indie” d’Italia: diciassette anni di cultura, libri, editori, autori, dibattiti

Per quattro giorni il Palazzo dei Congressi di Pisa diventa un “bunker della cultura”: oltre 200 eventi, 160 editori indipendenti, 10mila titoli e tantissimi ospiti nazionali e internazionali

Il programma della diciassettesima edizione presentato questa mattina a Firenze: Marco Malvaldi inaugura la rassegna giovedì pomeriggio con una Lectio Magistralis

 * * *

Firenze, 8 ottobre 2019, Sarà nel segno dell’Europa e delle sue culture la diciassettesima edizione del Pisa Book Festival, il salone degli editori indipendenti in programma da giovedì 7 a domenica 10 novembre al Palazzo dei Congressi di Pisa. Oltre 200 le presentazioni di libri, tra titoli in catalogo e novità, 160 gli espositori, tutti rigorosamente indipendenti, che mettono in vendita agli stand migliaia di titoli per tutti i gusti e tutte le età, seminari per traduttori, laboratori di illustrazione e letture. Un concentrato di eventi che mette a dura prova la squadra organizzativa e attira la popolazione della città e migliaia gli appassionati di letteratura e saggistica da ogni parte della Toscana e d’Italia.

Questa mattina a Firenze, al Palazzo Strozzi Sacrati della Regione Toscana, è stato presentato il programma della diciassettesima edizione (scaricabile anche sul sito www.pisabookfestival.com) del primo e più importante salone nazionale del libro organizzato in Toscana dedicato agli editori indipendenti, ideato e diretto dall’editrice Lucia Della Porta e promosso e sostenuto da Regione Toscana, Fondazione Pisa e Camera di Commercio e con la collaborazione dell’Università di Pisa. Alla ormai consolidata mediapartnership con il quotidiano La Repubblica, il Pisa Book Festival quest’anno festeggia l’ingresso di un nuovo compagno di viaggio, quello di Rai RadioTre, l’emittente nazionale che ha nel Dna una forte connotazione culturale. Leggi tutto…

IL PREMIO NOBEL PER LA LETTERATURA 2019 SARÀ DOPPIO

Giovedì 10 ottobre a Stoccolma, alle h. 13, saranno annunciati i nomi dei vincitori del Premio Nobel per la Letteratura 2018 e 2019

 

Nel 2018 il Premio Nobel per la Letteratura non fu assegnato a causa dello scandalo per le molestie sessuali che coinvolse la stessa Accademia svedese che assegna il premio.
L’uomo al centro dello scandalo: Jean-Claude Arnault, marito di una giurata, fu accusato di molestie da 18 donne. Si decise, di conseguenza, di assegnare l’ambito riconoscimento letterario per il 2018 insieme a quello per l’anno 2019.

La decisione è passata tutt’altro che inosservata. Anche perché non era mai accaduto dalla Seconda Guerra Mondiale in poi che il premio non venisse assegnato (nei periodi antecedenti, tuttavia, si erano registrati casi di annullamento e/o rinvio nel 1914, 1918, 1935 e poi dal 1940 al 1943… sebbene per ragioni diverse da quella in questione).

Giovedì 10 ottobre a Stoccolma verranno dunque annunciati i nomi dei vincitori delle due edizioni: 2018 e 2019
Pubblichiamo, di seguito, la traduzione in italiano del comunicato ufficiale della Nobel Foundation

SASSO, CARTA E FORBICI di Antonio Bux

SASSO, CARTA E FORBICI di Antonio Bux (Avagliano editore – collana Poesia)

 * * *

Sasso, carta e forbici. L’anticorpo della resilienza.  

di Carlo di Francescantonio

Antonio Bux, nato a Foggia nel 1982, è un Poeta con all’attivo una ricca serie di pubblicazioni, concentrate in poco meno di un decennio, sia in italiano che in spagnolo. Per chi desiderasse meglio apprezzare l’ultimo lavoro Sasso, carta e forbici sono piacevolmente “obbligato” a consigliare una serie di scritti che di qualche anno lo precedono: le opere in italiano Trilogia dello zero (Marco Saya Edizioni) finalista Premio Lorenzo Montano, Kevlar edito nella prestigiosa collana “Ungarettiana”, diretta da Paolo Valesio e Alessandro Polcri (Società Editrice Fiorentina) Premio Piero Alinari,  e ancora Naturario impreziosito da una nota di Alfonso Guida (Di Felice Edizioni) finalista Premio Viareggio e Sativi (Marco Saya Edizioni, Milano) selezione Premio Città di Como. E alcune in lingua spagnola: 23 (fragmentos de alguien) (Ruinas Circulares Ediciones), El hombre comido (Añosluz Editora) e Saga familiar de un lobo estepario (Editorial Juglar). Infine anche la preziosa e unica incursione nel ‘dialetto’, davvero degna di nota,  con la silloge in vernacolo foggiano Lattèssanghe (Edizioni Le Mezzelane) selezione Premio Città di Ischitella – Pietro Giannone. Attivo anche sul fronte delle antologie, è presente in opere collettive come InVerse: italian poets in translation a cura della John Cabot University. Leggi tutto…

IL PANTARÈI di Ezio Sinigaglia (recensione)

IL PANTARÈI di Ezio Sinigaglia (TerraRossa Edizioni)

 * * *

di Eva Luna Mascolino

Il pantarèi è un romanzo che di parlante ha tutto: il titolo, il nome del protagonista, la struttura, i significati, la storia. Perfino la storia editoriale, se pensiamo che era stato pubblicato per la prima volta da SPS nel 1985, cinque anni dopo la fine di una stesura quadriennale sudata e studiata. Era stato letto, forse compreso poco, e senza dubbio non aveva attecchito, come dimostra il fatto che poco dopo la sua comparsa in libreria aveva smesso di essere al centro del dibattito culturale e aveva scoraggiato Ezio Sinigaglia dallo scrivere ancora.
Il motivo della sua scomparsa per oltre trent’anni dall’orizzonte narrativo italiano è ancora un mistero, dovuto forse a dei tempi ancora poco consapevoli per apprezzarne la grandezza, ma per fortuna è accertata la ragione che ha portato nel gennaio 2019 a una riedizione a opera di TerraRossa Edizioni: l’amicizia e la stima di Giuseppe Girimonti Greco e Cristina Tizian, che presentano lo scrittore all’editor ed editore Giovanni Turi. Quest’ultimo si rivela la persona giusta per credere nella sua opera visionaria, dal momento che la sua casa editrice include una collana (Fondamenti) concepita proprio per riproporre al grande pubblico manoscritti a lungo dimenticati. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLE LETTERATURE MIGRANTI 2019

Festival delle Letterature Migranti 2019 – oltre cento ospiti dall’Italia e dall’estero – 10/13 ottobre, Palermo


Palermo 9-13 ottobre 2019
Ultimanza
1492/1942

Al via la 5a edizione. Un neologismo e due date per orientarsi nel presente e ragionare di futuro

* * *

Torna dal 9 al 13 ottobre a Palermo il Festival delle Letterature migranti, promosso dall’Associazione Festival delle Letterature Migranti insieme al Comune di Palermo, alla Regione, all’Università degli Studi di Palermo e a numerosi enti pubblici e privati e diretto dal giornalista e scrittore Davide Camarrone.

Leggi tutto…

CENTO ANNI DI STEFANO D’ARRIGO

Il 15 ottobre 2019, ad Alì Terme (Me), un evento per celebrare il centenario della nascita di Stefano D’Arrigo

Quest’anno ricorre il centenario della nascita di Stefano D’Arrigo, uno degli scrittori siciliani più noti del ‘900, annoverato dai massimi critici letterari come uno degli autori più importanti della letteratura contemporanea, autore del romanzo “Horcynus Orca”. Per l’occasione, il 15.10.2019 ad Alì Terme (Me), suo paese natale, si terrà un’intera giornata di studi a lui dedicata, organizzata dalla Pro loco e dal Comune di Alì Terme.

La giornata di studi, prevede un convegno scientifico curato dall’Università degli Studi di Messina, al quale parteciperanno studiosi di livello nazionale tra cui il prof. Walter Pedullà, critico letterario e presidente RAI dal 1992, e l’inaugurazione della prima mostra permanente sull’autore. Leggi tutto…

FABIO GEDA racconta UNA DOMENICA

Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: FABIO GEDA racconta il suo romanzo UNA DOMENICA (Einaudi – Stile Libero)

 * * *

di Fabio Geda

Una domenica è nato in Finlandia lo scorso anno. L’Istituto di Cultura di Helsinki mi aveva invitato per alcuni incontri nelle biblioteche e nelle università, e alla fine di una chiacchierata, credo nella biblioteca di Espoo, una cittadina a ovest della capitale, mi sono fermato a parlare con una signora. L’avevo intravista nel pubblico e avevo immaginato fosse italiana sia per la differenza di incarnato – il suo decisamente più mediterraneo di quello della maggior parte dei finlandesi presenti – sia perché seguiva il mio discorso e non quello dell’interprete.
Fatto sta che alla fine della chiacchierata è venuta a parlarmi. Da vicino sembrava più anziana di quello che avevo pensato all’inizio, fra i settanta e gli ottanta. Mi ha detto di essere di Palermo. Le ho chiesto come mai si trovasse a Helsinki. Per mia figlia, ha risposto. Mi ha raccontato che la figlia lavorava lì da tempo e che lei una volta all’anno prendeva l’aereo e andava a trovarla. Non solo. Aveva anche un figlio. E il figlio lavorava e viveva in Sudafrica. Così una volta all’anno prendeva un aereo per il Sudafrica per andare a trovare anche lui. Per il resto del tempo se ne stava in Sicilia, in attesa che fossero loro, per Natale, o d’estate, a raggiungerla. A Palermo. Dove ormai viveva da sola, perché suo marito era mancato alcuni anni prima. Leggi tutto…

AMMATULA di Gianni Bonina (recensione)

AMMATULA di Gianni Bonina (Castelvecchi): recensione del libro e nota dell’autore

 * * *

Il magma di colla nel romanzo sulla mafia di Gianni Bonina

“La voce pubblica… Ma che cos’è la voce pubblica? Una voce nell’aria, una voce nell’aria: e porta la calunnia, la diffamazione, la vendetta vile… E poi: che cos’è la mafia?… Che ci sia ciascun lo dice, dove sia nessuno lo sa… Voce, voce che vaga: e rintrona le teste deboli, lasciatemelo dire…”.

Leonardo Sciascia, da Il giorno della civetta (Einaudi 1961)

 * * *

di Alessandro Moscè

La sonda letteraria equivale alle morsure du réel: una cartina di tornasole ineguagliabile, che conduce verso la scoperta della verità, che afferra il “pensiero forte” illuminato da una conoscenza indicativa, ineccepibile, specie se collocata geograficamente, in uno specifico luogo.
Dopo Fatti di mafia (Theoria 2018), in cui erano riuniti più di trenta racconti, Gianni Bonina, giornalista, scrittore, autore teatrale (vive a Catania), nel suo ultimo romanzo Ammatula (Castelvecchi 2019) si occupa ancora di malavita, connivenza, sopraffazione, crimini. Proseguendo una tradizione mobilitata dall’impegno civile di Leonardo Sciascia, colloca la parabola narrativa nella sua terra violentata dal sangue degli innocenti. L’omertà, la distanza tra i cittadini e lo Stato, la convinzione che la famiglia e l’amicizia debbano essere concepite in senso tribale (peraltro con assoluta naturalezza), denudano la prassi mafiosa sull’esempio del noto Il giorno della civetta di Sciascia (“come la civetta di giorno compare”, affermazione che fa da motivo ispiratore), caposaldo di questo genere di libri implicitamente di denuncia. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 23 al 29 settembre 2019 – segnaliamo “Il treno dei bambini” di Viola Ardone (Einaudi)

Il treno dei bambini - Viola Ardone - copertinaI primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 23 al 29  settembre 2019

Questa settimana segnaliamo: “Il treno dei bambini” di Viola Ardone (Einaudi) – al 13° posto in classifica generale

* * *

[variazioni rispetto alla settimana precedente]

Si conferma al 1° posto, “Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!” di  Giulia De Lellis e Stella Pulpo (Mondadori Electa)

Entra in top ten al 2° posto “Segreti e ipocrisie” di Sveva Casati Modignani (Sperling & Kupfer)

Al 3° posto (la settimana precedente era in 2^ posizione) “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Al 4° posto (la settimana precedente era in 3^ posizione), “Tralummescuro. Ballata per un paese al tramonto” di  Francesco Guccini (Giunti Editore)

Al 5° posto (la settimana precedente era in 8^ posizione) “La mattina dopo” di Mario Calabresi (Mondadori)

Si conferma al 6° posto “L’istituto” di Stephen King (Sperling & Kupfer)

Al 7° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione), “Il coltello” di  Jo Nesbø (Einaudi)

All’8° posto  (la settimana precedente era in 7^ posizione) “Fiorire d’inverno. La mia storia” di Nadia Toffa (Mondadori)

Al 9° posto (la settimana precedente era in 4^ posizione) “Come stai?” di  Valeria Vedovatti (Rizzoli)

Al 10° posto  (la settimana precedente era in 9^ posizione) “Dodici rose a Settembre” di Maurizio de Giovanni (Sellerio)

* * *

Il treno dei bambini - Viola Ardone - copertinaQuesta settimana segnaliamo: “Il treno dei bambini” di Viola Ardone (Einaudi) – al 13° posto in classifica generale

A volte dobbiamo rinunciare a tutto, persino all’amore di una madre, per scoprire il nostro destino. Nessun romanzo lo aveva mai raccontato con tanto ostinato candore.

È il 1946 quando Amerigo lascia il suo rione di Napoli e sale su un treno. Assieme a migliaia di altri bambini meridionali attraverserà l’intera penisola e trascorrerà alcuni mesi in una famiglia del Nord; un’iniziativa del Partito comunista per strappare i piccoli alla miseria dopo l’ultimo conflitto. Con lo stupore dei suoi sette anni e il piglio furbo di un bambino dei vicoli, Amerigo ci mostra un’Italia che si rialza dalla guerra come se la vedessimo per la prima volta. E ci affida la storia commovente di una separazione. Quel dolore originario cui non ci si può sottrarre, perché non c’è altro modo per crescere.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza! Giulia De Lellis; Stella Pulpo Mondadori Electa 15,90 *
2 Segreti e ipocrisie Sveva Casati Modignani Sperling & Kupfer 15,90
3 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
4 Tralummescuro. Ballata per un paese al tramonto Francesco Guccini Giunti Editore 19,00
5 La mattina dopo Mario Calabresi Mondadori 17,00
6 L’istituto Stephen King Sperling & Kupfer 21,90
7 Il coltello Jo Nesbø Einaudi 20,00
8 Fiorire d’inverno. La mia storia Nadia Toffa Mondadori 18,00
9 Come stai? Valeria Vedovatti Rizzoli 15,90
10 Dodici rose a Settembre Maurizio De Giovanni Sellerio Editore Palermo 14,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

ROBERTO SAVIANO dirigerà una nuova collana per BOMPIANI

Il 16 ottobre arriveranno in libreria per Bompiani i primi due titoli della nuova collana MUNIZIONI diretta da Roberto Saviano

 * * *

La data di uscita non è casuale: il 16 ottobre sarà l’anniversario dell’uccisione della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia e uno dei due volumi, Di’ la verità anche se la tua voce trema, raccoglie alcuni dei più importanti reportage di Daphne scelti dai suoi figli Andrew, Matthew e Paul insieme con Roberto Saviano.

L’altro volume s’intitola Fariña e l’autore è Nacho Carrettero, giornalista investigativo per El País. Questo libro è stato messo al bando dall’autorità giudiziaria spagnola per aver raccontato la storia del narcotraffico in Galizia; poi riabilitato, ha scalato le classifiche di vendita.

Di seguito: il manifesto di Roberto Saviano e informazioni sulla collana Leggi tutto…

NEL PROFONDO di Daisy Johnson (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del romanzo NEL PROFONDO di Daisy Johnson (Fazi editore – Traduzione di Stefano Tummolini), la più giovane scrittrice in assoluto a entrare nella shortlist del Man Booker Prize.

* * *

La casa è diversa, ora che ci sei tu. Le tazze dimenticate in giro e i periodici svuotamenti del frigo nel cuore della notte. I tuoi pensieri che s’insinuano nella mia mente tanto che mi ritrovo a perdere le giornate, a scordarmi l’ordine delle settimane. Le discussioni che cerco di evitare e che ti sgorgano dal petto, durano intere notti e finiscono con te che piangi in bagno. Le ossessioni che ti travolgono. Le giornate che passi a preparare intere vasche di curry, con le mani arancioni di curcuma; e quando poi finisci sei talmente stanca e distratta che nemmeno lo assaggi. Le giornate in cui andiamo in riva al fiume, così tu puoi pescare con le mani, standotene accovacciata ore e ore nell’acqua che scorre lenta e pigra, chinandoti per afferrare dei pesci che non riesco a vedere e che non credo ci siano. Leggi tutto…

IL SIGNOR DIAVOLO di Pupi Avati (recensione)

IL SIGNOR DIAVOLO di Pupi Avati (Guanda)

* * *

Diabolico savoir-faire

di Riccardo Piazza

Sgomberiamo immediatamente il campo da possibili fraintendimenti: il diavolo, absurdum veste fulgenti, ha certamente una significazione allegorico-iconologica. Essa però sarebbe evidentemente incompleta non considerando, per almeno parimenti valenza di grado, la sua necessaria portata eminentemente empirica nonché psicocinetica.
Questo breve assunto dovrebbe esser fuor di dubbio, almeno per le principali propaggini degli studi di mistica demonologica del pensiero cristiano dall’Evo Medio in qua; dovrebbe, sì, epperò non è. Occorre, in qualità di analisi della genesi del male assoluto, come Agostino già intese fare definendo male dell’uomo quale mancanza di quest’ultimo, ricordare allora anche il male personificato unitario ed intensamente figurativo nella prospettiva ontologica di Pareyson. Leggi tutto…