Home > Articoli e varie, Interviste > Nasce una BIBLIOFARMACIA a Paternò: intervista al neurologo dr. Peci

Nasce una BIBLIOFARMACIA a Paternò: intervista al neurologo dr. Peci

ottobre 25, 2019

Nasce a Paternò una Bibliofarmacia per anziani con deficit di memoria.

Comunque, in generale, evidenzia il neurologo Dr. Peci, leggere è salutare per chiunque: “una lettura costante non è solo indicata per potenziare le proprie capacità cognitive, ma è anche uno strumento di riflessione e di serenità, oltre che di crescita culturale e di sviluppo della coscienza individuale e collettiva”. Ne parliamo con il dr. Peci.

* * *

di Massimo Maugeri

Nunzio Antonio Peci è un neurologo interessato alla biblioterapia e ha istituito una vera e propria Bibliofarmacia a Paternò, in provincia di Catania. Per lanciare il progetto ha organizzato un evento di raccolta libri finalizzata a far crescere la Bibliofarmacia destinata ad anziani con deficit di memoria. Per l’occasione verrà chiuso l’ultimo tratto della via Emanuele Bellia a Paternò, sabato 2 novembre, e sarà trasformato in una sorta di salotto culturale a cielo aperto. Ne parliamo con l’ideatore del progetto…

– Dottor Peci, In cosa consiste intanto la “biblioterapia”?
La biblioterapia, come già la parola composta lascia intendere è una terapia non farmacologica attraverso l’utilizzo della lettura o ascolto di libri per patologie neuropsicologiche riguardanti soprattutto i deficit di memoria, l’ansia, la depressione, i disturbi del sonno. La terapia non farmacologica di queste patologie può essere eseguita con tante altre metodiche: la musica (musicoterapia), la danza (danzamovimentoterapia), l’arte (arteterapia), il giardinaggio (ortoterapia), la recita (teatroterapia) e via dicendo. Chiaramente non sono terapie sostitutive della farmacologica che, seppur non dà ancora risultati soddisfacenti, resta comunque la scelta prioritaria. Né tanto più il ricorso alla terapia non farmacologica deve allontanare i pazienti dal monitoraggio clinico con indagini periodiche.
Dovremmo anche considerare che comunque una lettura costante non è solo indicata per potenziare le proprie capacità cognitive, ma è anche uno strumento di riflessione e di serenità, oltre che di crescita culturale e di sviluppo della coscienza individuale e collettiva. E poi insieme al movimento rappresenta sicuramente la forma di svago più salutare che l’uomo possa svolgere durante i momenti di pausa lavorativa.

-Come è nata l’idea della “bibliofarmacia”?
L'immagine può contenere: 1 persona, bevanda e spazio al chiusoL’idea è nata in conseguenza dei risultati soddisfacenti che nel nostro centro diurno di Paternò abbiamo ottenuto con i nostri anziani, grazie all’opera della presidente, Maria Agata La Rosa, psicologa, e al gruppo di collaboratori, Orazio Rapisarda (arteterapeuta), Giuseppe Virgillito (musicoterapeuta), Elisa Coppola (ortoterapeuta), con risultati che abbiamo potuto constatare grazie alle valutazioni pre- e post-trattamento di un’altra psicologa, Maria Concetta Piazza. La biblioterapia rappresenterà quindi un continuum della terapia non farmacologica eseguita fino ad adesso con i nostri pazienti e una premessa all’attivazione di una raccolta permanente di libri di narrativa classica straniera (I miserabili, Guerra e pace, Moby Dick, Dottor Zivago, Don Chisciotte) e italiana (Promessi Sposi, Divina Commedia, Decameron, le Commedie di Goldoni), meglio ancora se di autori siciliani (Verga, Pirandello, De Roberto, Capuana, Camilleri, Sciascia, Vittorini, Pirandello, Bufalino) e qualche testo anche in lingua siciliana (Martoglio) o di qualche autore paternese (GB Nicolosi, Rapisardi). Per potenziare la reminiscenza degli anziani, saranno utili anche racconti dei periodi bellici di Calvino e Fenoglio.

-Come funzionerà il progetto legato all’idea della bibliofarmacia?
Stiamo organizzando un evento di raccolta libri a Paternò da donare alla nostra Bibliofarmacia per anziani con deficit memoria. Anziché il classico convegno stavamo pensando di chiudere un tratto della via Emanuele Bellia a Paternò, sabato 2 novembre, e trasformarla in un salotto letterario a cielo aperto. I negozianti prepareranno i book corners con sedie e poltrone davanti i loro negozi. Le librerie porteranno edizioni tascabili ed economiche di libri di narrativa da noi scelti. Alcuni Lettori Volontari, che potrebbero essere anche gli insegnanti o i loro alunni, avranno il compito di invitare amici, passanti per caso o convenuti sul luogo su invito, ad ascoltare qualche brano di un libro e ad acquistarlo per darcelo in dono, descrivendone lo specifico scopo terapeutico per i nostri anziani. Inoltre Legambiente di Catania a chi verrà in bici regalerà un libro che, se vorrà, potrà donare a noi per la bibliofarmacia. Alla raccolta libri hanno anche aderito Book Cycle di Roma, la Biblioteca Privata Itinerante di Pietro Tramonte di Palermo e Libribelli di Trieste di Giorgio Cescutti. Inoltre hanno dato la loro adesione tanti scrittori, singoli o legati a Circoli Letterari, Fondazioni e Parchi Letterari, Associazioni di volontariato e istituti scolastici di Paternò.

-Ma perché la decisione di organizzare questa raccolta proprio il 2 novembre?
Non a caso o per sbaglio. Ci auguriamo che dall’evento contingente di una raccolta libri per una Bibliofarmacia si possa passare negli anni a venire ad un appuntamento periodico culturale, organizzato dagli stessi istituti scolastici, e così abbiamo puntato su 4 temi: la cultura come ricchezza personale, il dono di un libro come alternativa ad ogni regalo, la riscoperta e conservazione della Commemorazione dei Defunti tra nostre ricorrenze tradizionali ed infine la giusta aspettativa dell’anziano a ricevere dopo una vita sacrificata a donare.

-Complimenti per l’iniziativa, dr. Peci. Auguriamo alla sua Bibliofarmacia tanto successo e tanto beneficio di chi ne fruirà…

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

Iscriviti alla nostra mailing list cliccando qui: scrivi il tuo indirizzo email e poi clicca sul tasto “subscrive”. Riceverai informazioni a cadenza mensile sulle attività di Letteratitudine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: