Home > Premi Letterari > PREMIO GONCOURT 2019: vince Jean-Paul Dubois

PREMIO GONCOURT 2019: vince Jean-Paul Dubois

novembre 5, 2019

Jean-Paul Dubois vince il prestigioso Premio Goncourt. Il premio Renaudot va a Sylvain Tesson

Il Goncourt premia « Tous les hommes n’habitent pas le monde de la même façon » (“Tutti gli uomini non vivono il mondo allo stesso modo”), edito da L’Olivier: un romanzo sul fallimento e sull’arte di “rovinarsi la vita”.
Il Premio Renaudot è stato assegnato a Sylvain Tesson per « La Panthère des neiges » (“La Pantera delle Nevi”).

Insieme a Jean-Paul Dubois concorrevano per il Gouncourt: “Soif” di Amélie Nothomb (Albin Michel), “Outside world” di Olivier Rolin (Gallimard ) e La parte del figlio di Jean-Luc Coatalem (Stock) . Come ogni anno la notizia è stata proclamata dal ristorante parigino Drouant, dove si incontrano i giurati (la proclamazione è avvenuta lunedì 4 novembre).

  * * *

Tous les hommes n’habitent pas le monde de la même façon (sinossi)

Tous les hommes n'habitent pas le monde de la même façon (French Edition) di [Dubois, Jean-Paul]Sono passati due anni da quando Paul Hansen ha scontato la pena nella prigione di Montreal. Condivide una cella con Horton, un Angel Hells incarcerato per omicidio.
Passo indietro: Hansen è sovrintendente di L’Excelsior, una residenza dove impiega i suoi talenti nel ruolo di concierge, tutore, factotum e – ancora di più – come riparatore di anime e consolatore degli afflitti. Quando non è impegnato ad aiutare gli abitanti di L’Excelsior o a mantenere gli edifici, raggiunge Winona, la sua compagna. E poi, via in cielo, sopra le nuvole, ai comandi del suo aereo. Ma presto tutto cambia. Un nuovo manager arriva a L’Excelsior, scoppiano i conflitti. E l’inevitabile succede.
Una chiesa affondata tra le dune di una spiaggia, una miniera di amianto a cielo aperto, i meandri di un fiume color argento, le onde sonore di un organo compongono i vari paesaggi in cui si svolge questo romanzo.
Storia di una vita, Tous les hommes n’habitent pas le monde de la même façon (che in italiano potremmo tradurre con “Tutti gli uomini non vivono il mondo allo stesso modo”) è uno dei libri più belli di Jean-Paul Dubois. Scopriamo uno scrittore che è animato dal forte senso di fraternità e da un sentimento di rivolta contro ogni forma di ingiustizia.

 * * *

Jean-Paul Dubois è nato nel 1950 a Tolosa, dove attualmente vive. Ha ricevuto il premio France Télévisionsper “Kennedy et moi” (Le Seuil, 1996), il premio Femina e il premio del romanzo Fnac per “Une vie française” (Éditions de l’Olivier, 2004) nonché il premio Vialatte per “Le Cas Sneidjer” (Éditions de l’Olivier, 2012).

Tradotto in lingua italiana è stato pubblicato il romanzo “La successione” di Jean-Paul Dubois, edito da Gremese e tradotto da Marcello Oro e Annarita Stocchi.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

Iscriviti alla nostra mailing list cliccando qui: scrivi il tuo indirizzo email e poi clicca sul tasto “subscrive”. Riceverai informazioni a cadenza mensile sulle attività di Letteratitudine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: