Home > Recensioni > LEONARDO SCIASCIA: saggi letterari, storici e civili

LEONARDO SCIASCIA: saggi letterari, storici e civili

febbraio 9, 2020

Leonardo Sciascia – Opere – Volume II: Inquisizioni – Memorie – Saggi – Tomo II: Saggi letterari, storici e civili (Adelphi – A cura di Paolo Squillacioti)

 * * *

In libreria il nuovo volume di Adelphi dedicato alle Opere di Leonardo Sciascia. Ringraziamo Nino Catalano per la foto inedita che pubblichiamo di seguito.

di Giuseppe Giglio

Prendo in prestito questo ritratto fotografico di Nino Catalano, che di Leonardo Sciascia custodisce un’espressione (lo sguardo acutissimo, di profonda serenità, così pieno di dolcezza) tra le più emblematiche, tra le più cariche del suo destino – e del suo cammino – di uomo e di scrittore. L’uomo e lo scrittore meravigliosamente coincidenti, in un’instancabile, ostinata, gioiosa ricerca di verità e d’amore, nel vivere e nello scrivere. O, meglio, e pirandellianamente, nel vivere scrivendo e nello scrivere vivendo. Delle verità della vita, e dell’amore per l’uomo, ben oltre il tempo che gli è toccato in sorte: a lui che era già un classico da vivo, con le sue storie che dal tempo narrato si affacciavano, e si affacciano, sulle menzogne e sulle inquietudini, sulle ferite e sugli inganni di sempre, quelli cioè che appartengono all’umana natura. Uno scrittore è memoria, ripeteva Leonardo: la memoria individuale, cioè, che tenendosi in esercizio si salda alla memoria collettiva, alla Memoria. E il ricordare, per lui vigile e volontario, si faceva proficua ossessione, lanterna preziosa: ad illuminare da dentro il mistero del vivere, la sua bellezza, la sua miseria.

C’è ancora molto da dire su questo Sciascia, che ha in sé tutti gli altri (il polemista, il moralista, il palombaro dei mali italiani, il difensore della giustizia giusta, del diritto, della ragione). Su questo Sciascia che nel 1961, scrivendo di Simenon, tirava in ballo Gogol e Cecov (tutti e tre a lui, a Leonardo, molto cari): «Gogol e Cecov: lo scrittore che vede e lo scrittore che ama. E il vedere gli uomini e l’amarli si possono considerare come qualità peculiari di Simenon: qualità che permettono allo scrittore di giungere alle verità dell’uomo come a Maigret permettono di giungere alla soluzione di un caso. […] Maigret vede: vede perché ama. Non c’è personaggio, nella letteratura contemporanea, che ami la vita e gli uomini quanto Maigret. Non c’è, dopo Cecov, scrittore che ami così profondamente, così minutamente, così religiosamente la vita e gli uomini come Georges Simenon. Ci sarà magari in lui qualcosa di mancato: sarà un Gogol mancato, un Cecov mancato: ma è certo uno degli scrittori del nostro tempo più vicino alle ragioni umane, all’uomo così com’è». Parlava di Simenon, Sciascia, del suo vedere e amare la vita e gli uomini. E le pagine – da A ciascuno il suo a La scomparsa di Majorana, da Todo modo a Il cavaliere e la morte, fino a Una storia semplice, per non dire delle narrazioni saggistiche, o di quelle in forma di articolo di giornale -, le pagine che egli, Leonardo, ci avrebbe lasciato inverano il sospetto che lo Sciascia di allora, tra le righe, dicesse anche di sé.

E a proposito di narrazioni, di invenzioni saggistiche: è arrivato in libreria il terzo e ultimo volume della nuova e aggiornata edizione, in elegante cofanetto, che Adelphi ha voluto dedicare alle Opere di Leonardo Sciascia, in coincidenza con il trentennale della morte (che cadeva lo scorso venti novembre) di questo grande scrittore e narratore dell’esistenza. Si tratta di quei Saggi letterari, storici e civili che costituiscono il secondo tomo del secondo libro (Inquisizioni – Memorie – Saggi), ancora una volta con la certosina e sapiente cura di Paolo Squillacioti. Un’edizione critica vera e propria, dove la precisione filologica ricostruisce il percorso di ogni storia, a trent’anni e oltre di distanza dalla prima edizione di ciascuna opera. E se i libri sciasciani resistono al tempo, se essi continuano a cercare e a trovare nuovi lettori, lo si deve proprio alla loro innata, sobria, affilata classicità: a quella capacità, cioè, di restituire lo spirito del tempo e contemporaneamente il tempo di tutti, quello dell’uomo di sempre. Il lettore trova (o ritrova), in questi Saggi letterari, storici e civili, non solo le tre raccolte principali – La corda pazza, Cruciverba e Fatti diversi di storia letteraria e civile –, ma anche tutti i saggi dedicati al “padre” Pirandello, o le pagine che raccontano l’amato Borgese: Per un ritratto dello scrittore da giovane. Per non dire di quel ricco diario di viaggio, tra vita e letteratura, che è Ore di Spagna; o degli articoli di A futura memoria.

Ne viene fuori, come ogni volta, la vita, il suo complicatissimo cruciverba: del quale Sciascia ha incessantemente scandito le intricate ascisse e ordinate. Non tanto a trovarne un’improbabile soluzione, quanto ad illuminarne le latenti ambiguità, le verità non visibili; e impegnato, piuttosto, a dissolvere il caos del reale nel cosmo della letteratura, in quella nitida e ordinata «sintassi della vita, del mondo, dell’uomo, di tutti gli uomini». Ben consapevole, manzonianamente, della complessa, spesso oscura natura del vero, e insofferente delle banalizzazioni, dei dogmi, delle pietrificazioni ideologiche. Chiedendo aiuto (senza restarne prigioniero) alla ragione e al cuore, al sofisma e alla passione, sempre sorretto dal dubbio, dal rovello. Contraddicendo e contraddicendosi, insomma, tra le irreprimibili apprensioni del vivere. Sciogliendo il rigore dell’intelligenza nella gioia della scrittura.  Di quello scrivere che era anche per lui, per Leonardo, un desiderio, un sogno; come lo era stato per Giuseppe Antonio Borgese: «aspiro, per quando sia morto, ad una lode: che in nessuna mia pagina è fatta propaganda per un sentimento abietto e malvagio». E intanto leggiamolo, o rileggiamolo, Sciascia: perché ci dice chi siamo.

 * * *

Leonardo Sciascia – Opere – Volume II: Inquisizioni – Memorie – Saggi – Tomo II: Saggi letterari, storici e civili (Adelphi, 2019 – A cura di Paolo Squillacioti)

Opere. Vol. 2\2: Inquisizioni, memorie, saggi. Saggi letterari, storici e civili. - Leonardo Sciascia - copertina[dal risvolto] «… quando mi viene un’idea di qualcosa da scrivere, breve o lunga che sia,» ha dichiarato Sciascia «non so in prima se mi prenderà la forma del saggio o del racconto». Opera in lui, infatti, un «gioco costante di correlazione» tra queste due forme: il che fa sì che riesca a essere, come pochi altri, «saggista nel racconto e narratore nel saggio». E non sarà difficile, ripercorrendo – dopo quella ‘impura’ dei racconti-inchieste, delle ‘inquisizioni’ e delle cronachette affidata al precedente volume – anche la produzione saggistica in senso proprio, rintracciarvi un’innata vocazione alla fabula. La ritroveremo nei libretti dedicati al ‘padre’ Pirandello, al quale lo ha legato un rapporto così intenso da sfiorare l’ossessione («Tutto quello che ho tentato di dire, tutto quello che ho detto, è stato sempre, per me, anche un discorso su Pirandello: scontrosamente, e magari con un certo rancore, prima; cordialmente e serenamente poi»), vale a dire Pirandello e il pirandellismo, Pirandello e la Sicilia e Alfabeto pirandelliano; nelle raccolte come La corda pazza, Cruciverba e Fatti diversi di storia letteraria e civile, dove più si rivela il suo stendhalismo (nel senso di mobilità del pensiero, trasparenza e dilettantismo, inteso come ‘dilettarsi della vita’); e persino negli interventi che hanno fatto di lui, nel Novecento, lo scrittore disturbante per eccellenza: quelli dedicati alla mafia, al terrorismo e alla situazione della giustizia italiana, radunati in A futura memoria.
In copertina: Leonardo Sciascia mentre mostra un ritratto di Niccolò Tommaseo (Racalmuto, 1982). Foto di Ferdinando Scianna.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: