Home > Pensieri e parole ai tempi del coronavirus > Pensieri e parole ai tempi del coronavirus # 20 (di Sebastiano Burgaretta)

Pensieri e parole ai tempi del coronavirus # 20 (di Sebastiano Burgaretta)

marzo 29, 2020

Dal mondo dei libri, pensieri e parole ai tempi del Covid-19

 * * *

di Sebastiano Burgaretta

Non uno sguardo

Non uno sguardo viatico di luce,
non una mano a stringere la mano.
Soli i figli dell’uomo nel trapasso,
soli i viventi a gemere l’assenza.
Il passo in solitudine dei morti,
il pianto in solitudine dei vivi.
Dopo il buio discreto della sera
anche la luce d’un giorno velato,
nel silenzio sospeso dell’ignoto,
scioglie una continua litania
di mezzi militari tutti uguali
in cui a parlare è l’anonimato.

* * *

Flebile la luce

Flebile la luce dei giorni,
accesa per un dono di natura.
Ora sappiamo quanto poco
basta a spegnerla del tutto.
L’avevamo dimenticato nel tempo
andato dell’imbelle sarabanda.

* * *

A la fini

A la fini ni calàssunu li pinni,
se fini ci sarà ppi unni unni.
Zzocch’è-ssou si ripiggghja la natura,
ca nun canusci finàiti e cunfini.
E nun è-mmancu a furia i ‘na muntagna,
né Etna né sterminator Vesevo,
ccu scusciu a gnutticàrini e-ffocu.
Nu scazzùmmulu vola scàusu e nuru,
ca si infingi ri re ppi sgricciunata,
nfilannu all’uruvisca a-ttutti bbanni,
mutu mutu çiusciannu a caravolu.
E-nnui, ca ni sintìimu ‘n cazzu e-mmenzu,
ccô culu ‘n terra ni tuccàu mpicati.

 

* * *

L’introduzione di Massimo Maugeri è disponibile qui

Tutti i post di “Pensieri e parole ai tempi del coronavirus” sono disponibili qui

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: