Archivio

Archive for agosto 2020

INTERVISTA A DACIA MARAINI: su “Trio” (Rizzoli) e “Il Teatro sull’Acqua 2020”

INTERVISTA A DACIA MARAINI: sul suo nuovo romanzo “Trio” (Rizzoli) e sulla nuova edizione de “Il Teatro sull’Acqua”

https://letteratitudinenews.files.wordpress.com/2016/09/dacia-maraini.jpg

 * * *

di Massimo Maugeri

Dal 9 al 13 settembre 2020, ad Arona, si svolgerà la decima edizione de “Il Teatro sull’acqua“, bellissima manifestazione incentrata sul teatro diretta artisticamente da Dacia Maraini (la quale – di recente – ha pubblicato con Rizzoli un nuovo romanzo, intitolato “Trio”).

Ho avuto il piacere di discuterne con Dacia…

image– Cara Dacia, “Il Teatro sull’acqua” compie 10 anni. Come si è evoluta la manifestazione nel corso di questo decennio?
Il festival del teatro sull’acqua sta crescendo. Per merito soprattutto degli organizzatori fra cui metto per primi Luca Petruzzelli, Vanessa Travenzollo e Anna Maria Riva. Ma devo dire che c’è un lavoro di gruppo molto simpatico e costruttivo, con la partecipazione dei ragazzi delle scuole, dei cittadini di Arona e anche dell’amministrazione con a capo il sindaco Alberto Gusmeroli.

– Quali saranno gli elementi caratterizzanti di questa decima edizione?
Ci saranno molte iniziative: teatro di strada, teatro nelle ville, teatro all’aperto sulla Rocca, teatro sull’acqua. Certo, avremo meno spazio per il pubblico seguendo le indicazioni precauzionali, e per questo alcuni spettacoli verranno ripetuti due volte. Ma credo che sia un atto di coraggio affrontare gli allarmi con saggezza e attenzione, senza rinunciare alla manifestazione.

– Tra le altre cose si svolgerà una nuova produzione teatrale sull’acqua tratta da un tuo racconto. Si intitola “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore” e vedrà come protagonista Mariano Rigillo. Ti andrebbe di parlarcene? Leggi tutto…

PREMIO VIAREGGIO – RÈPACI 2020: i vincitori

I VINCITORI DELLE TRE SEZIONI DI NARRATIVA, POESIA E SAGGISTICA DEL PREMIO VIAREGGIO – RÈPACI 2020

Sono stati premiati i vincitori delle tre sezioni (narrativa, poesia, saggistica) dell’edizione 2020 del Premio Viareggio-Rèpaci: Paolo Di Paolo per la narrativa con il romanzo, “Lontano dagli occhi” (Feltrinelli); Luciano Cecchinel per la poesia con la silloge, “Da sponda a sponda” (Arcipelago Itaca); Giulio Ferroni per la saggistica con il volume “L’Italia di Dante. Viaggio nel paese della “Commedia” (La nave di Teseo). La serata finale si svolta ieri, domenica 30 agosto, a Cittadella del Carnevale

* * *

La Giuria del Premio Letterario Viareggio-Rèpaci ha scelto i vincitori tra le terne dei vincitori del premio “Giuria-Viareggio” nonché finalisti del premio “Viareggio-Rèpaci” che avevao già provveduto a selezionare

Narrativa
Paolo Di Paolo, Lontano dagli occhi, Feltrinelli
Lorenzo Mondo, Felici di crescere, Sellerio
Romana Petri, Figlio del lupo, Mondadori

Poesia
Luciano Cecchinel, Da sponda a sponda, Arcipelago Itaca
Mariangela Gualtieri, Quando non morivo, Einaudi
Paolo Ruffilli, Le cose del mondo, Mondadori

Saggistica
Giulio Ferroni, L’Italia di Dante. Viaggio nel paese della “Commedia”, La Nave di Teseo
Aldo Grasso, Storia e critica della televisione italiana, Il Saggiatore
Vincenzo Trione, L’opera interminabile. Arte e XXI sec., Einaudi Leggi tutto…

TERMINI BOOK FESTIVAL 2020

TERMINI BOOK FESTIVAL 2020: dal 3 al 5 settembre

 * * *

L’obiettivo del Termini Book Festival è costituire, fin da questa prima edizione, un evento di interesse nazionale che possa essere replicato negli anni, diventando un riferimento culturale nell’ambiente della letteratura italiana.

Al Festival sarà collegato un premio nazionale per racconti brevi a tema libero.

Il primo classificato sarà pubblicato sulla prestigiosa Writers Magazine Italia, rivista di riferimento per chi scrive, con migliaia di appassionati lettori abbonati alla rivista.

Sul numero della WMI che pubblicherà i racconti ci sarà uno speciale dedicato al Termini Book Festival.

La giuria sarà composta da alcuni degli scrittori ospiti dell’edizione e sarà presieduta da Vincenzo Vizzini, scrittore e vicedirettore della Writers Magazine Italia. Leggi tutto…

A Svetlana Aleksievič il Taobuk Award for Literary Excellence

A Svetlana Aleksievič il Taobuk Award for Literary Excellence. Di seguito, il comunicato del Festival

image

 * * *

La scrittrice Premio Nobel attesa a Taormina il 3 ottobre.
L’insigne intellettuale e attivista aveva accettato la designazione già lo scorso gennaio, prima dei fatti che stanno sconvolgendo la Bielorussia. Il conferimento è previsto nell’ambito del decennale del festival: un gesto simbolico per accogliere l’invito del Premio Nobel a sostenere la voce del dissenso nel suo Paese.

La drammatica situazione in Bielorussia, come la Storia insegna ogni volta che la democrazia viene negata e calpestata, porta ad interrogarsi fino a che punto la comunità internazionale possa intervenire per la difesa dei diritti civili, a livello delle massime organizzazioni politiche e umanitarie. E la Cultura? Si fa presto a dire che la Cultura non dovrebbe sconfinare nella Politica, mentre invece accade sempre che la Politica condizioni e abbia sempre condizionato la Cultura. L’unica arma che quest’ultima può mettere in campo è alzare la propria voce, assumersi la responsabilità di una presa di posizione, sostenere le ragioni del dissenso.

La premessa è d’obbligo per chiarire perché Taobuk-Taormina International Book Festival accoglie esplicitamente e pubblicamente l’appello della scrittrice bielorussa Svetlana Aleksievič, che il 3 ottobre sarà, anzi dovrebbe essere (il condizionale è d’obbligo) a Taormina, dove è attesa per ricevere il Taobuk Award for Literary Excellence, già assegnato nelle scorse edizioni ad altri scrittori dal dichiarato impegno civile, da Luis Sepulveda a Orhan Pamuk. Leggi tutto…

NAXOSLEGGE 2020

Tra fine agosto e settembre gli appuntamenti dell’edizione 2020 del Festival Naxoslegge. Il tema dell’edizione è: Vae Victis, guai ai vinti, tema declinato secondo diverse angolazioni con una riflessione sul 1943

Risultati immagini per naxoslegge letteratitudine

 * * *

Si rinnova l’appuntamento con Naxoslegge, giunto alla X edizione. “Nel totale rispetto di tutte le norme anti Covid- come dice Fulvia Toscano – offriremo anche quest’anno il nostro contributo culturale, tenendo vivo l’impegno assunto con il nostro pubblico. Dopo l’anteprima di fine agosto, al Museo di Lipari, con una conversazione su F.Nietzsche, ideata e coordinata da Ciccio Rizzo, per un mese, quello di settembre, su diversi territori, Naxoslegge ospiterà scrittori, giornalisti, artisti, creativi, in un dialogo serrato con un pubblico molto stratificato, tra cui ha un ruolo importantissimo il mondo dei giovani, a partire dagli studenti del Liceo Caminiti di Giardini Naxos, partner storico della rassegna. Leggi tutto…

LE CIOCIARE DI CAPIZZI di Marinella Fiume (intervista)

“Le ciociare di Capizzi” di Marinella Fiume (Iacobelli editore)

[Il libro sarà presentato a Capizzi (Me), presso piazza San Giacomo, sabato 29 agosto, h. 18]

 * * *

di Massimo Maugeri

Marinella Fiume è da sempre attentissima, tra le altre cose, alle storie connesse ai soprusi e alle violenze perpretati ai danni delle donne. In un nuovo libro, appena pubblicato da Iacobelli, intitolato “Le ciociare di Capizzi“, affronta il terribile crimine degli “stupri di guerra” compiuti in Sicilia, ai danni delle donne di Capizzi, sul finire della Seconda guerra mondiale nell’ambito della nota operazione Husky.
Ho avuto il piacere di discuterne con l’autrice…

– Cara Marinella, come nasce questo libro?
L’idea di questo libro nasce il 25 Novembre del 2015 quando, invitata dalle amiche della FIDAPA di Capizzi, un ridente paesino montano dei Nebrodi, a commentare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, stimolo le socie e le persone presenti a riflettere sul fatto che anche le loro nonne, le cittadine del luogo subirono, nel luglio del 1943, il doloroso fenomeno degli stupri di guerra di cui la grande Storia non si era mai occupata almeno per la Sicilia, mentre per l’Italia centro-meridionale, sia le inchieste parlamentari che un romanzo capolavoro come La ciociara di Alberto Moravia (1957) da cui scaturì il celebre film di Vittorio De Sica (1960) avevano messo il dito sulla piaga delle “marocchinate”. Dopo le prime chiusure e perplessità, avviammo una serie di interviste a cui presero parte donne e uomini di quella comunità e capimmo che la memoria sotterrata aveva bisogno di emergere per la rielaborazione e la riconciliazione col proprio passato.

– In esergo leggiamo questa frase bella e incisiva di Primo Levi (“La memoria è uno strumento molto strano, uno strumento che può restituire, come il mare, dei brandelli, dei rottami, magari a distanza di anni”). Ti andrebbe di commentarla? Leggi tutto…

MAGNUS, RE DEL FUMETTO nel nuovo LINUS di Settembre

Il numero di LINUS di settembre è dedicato a… MAGNUS, RE DEL FUMETTO: illustrazione di copertina di Davide Toffolo


(pp. 120, 6 euro, in edicola dal 2 settembre)

* * *

di Igort

È con una certa emozione che apriamo le danze per questo numero di fine estate dedicato al sommo Roberto Raviola, in arte Magnus, un autore che ha influenzato il mondo del racconto disegnato, del fumetto, italiano e non solo.
Magnus, per uno strano scherzo del destino, non ha mai avuto diritto di cittadinanza sulle nostre pagine, ed è giunta l’ora di rimediare con un piccolo omaggio, seppure tardivo.
Gli omaggi in questo numero non si contano, come ovvio, il maestro ha i suoi devoti ammiratori anche tra i suoi illustri colleghi. C’è Sergio Ponchione che firma copertina e controcopertina di questo inserto, Sergio Algozzino, miniatore certosino, Massimo Giacon, con le sue strip irriverenti e affettuose, e non poteva mancare l’ottimo Larry Camarda con le sue strisce (questa volta verticali, ma si sa, Larry è un eccentrico) che sembrano un viaggio nel tempo, e raccontano anni e avventure in un solo disegno. Carpinteri svela la sua ipotesi folle di un Kriminal cubo-futurista che immaginava di costruire in collaborazione con lo stesso Magnus. Eccolo in una storia disegnata anni più tardi, a colori, sarebbe stato bellissimo vederlo, questo nuovo Kriminal. Leggi tutto…

Categorie:Articoli e varie Tag:,

MARY ANNING: un’illustre conosciuta #2

Simona Lo IaconoPubblichiamo la seconda puntata del programma “Illustri conosciute“. L’illustre conosciuta di questa puntata è la paleontologa britannica Mary Anning (Lyme Regis, 21 maggio 1799 – Lyme Regis, 9 marzo 1847). Il programma è curato e condotto da Simona Lo Iacono. Regia, ideazione e post produzione di Massimo Maugeri. L’articolo introduttivo dell’intero programma è disponibile qui

* * *

Per accedere all’elenco di tutte le puntate di “Illustri conosciute”, clicca qui

Leggi tutto…

TEATRO SULL’ACQUA 2020

imageArona, Il Teatro sull’Acqua diretto da Dacia Maraini compie 10 anni

Mariano Rigillo sarà Tata degli Angeli, il protagonista de “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore”, lo spettacolo sull’acqua di questa nuova edizione, dal 9 al 13 settembre, in prima nazionale.

 * * *

Dal 9 al 13 settembre Arona tornerà a essere Città Teatro, con un anniversario importante da festeggiare: 10 anni di incontri di teatro e parola da celebrare con la direttrice artistica Dacia Maraini, e con una nuova produzione teatrale sull’acqua che vedrà Mariano Rigillo protagonista de “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore”, un racconto magico, tenero e poetico di Dacia Maraini.

“Un tagliatore di teste sul lago Maggiore” racconta di un boia di due secoli fa, sollevato dal suo lavoro perché invecchiato e indebolito. Il boia Tata se ne va in barca di sera sul lago, riflettendo ad alta voce e rivolgendosi alle acque silenziose e scure su cui si riflettono i suoi pensieri. Un testo surreale e grottesco, un viaggio nel tempo che, passando attraverso la fantasticheria crudele ma anche poetica di un boia ottocentesco, rende visibile l’invisibile facendo sentire i passi, le voci o sospiri di coloro che se ne sono andati da molto tempo, ma sono ancora con noi per le impronte che hanno lasciato nella memoria collettiva. Dacia Maraini
Leggi tutto…

LA GRANDE INVASIONE 2020

DAL 28 AL 30 AGOSTO 2020 TORNA LA GRANDE INVASIONE: IL FESTIVAL DELLA LETTURA DI IVREA

 * * *

6 mostre, 5 ospiti stranieri, 9 esordienti. Tra gli ospiti Motta, Teresa Ciabatti, Chiara Alessi, Silvia Bencivelli, Francesco Costa, Claudia Durastanti, Tito Faraci, Valeria Parrella, Luca Scarlini, Andrea Staid, Nadia Terranova e per La piccola invasione Nicola Cinquetti, Andrea Vico, Daniele Aristarco, Jimmy Rivoltella e Daniela Carucci.

 * * *

Dal 28 al 30 agosto 2020 torna La grande invasione, il festival della lettura di Ivrea, finalmente in presenza, con un calendario fitto di incontri e oltre cento ospiti.

Curato da Marco Cassini e Gianmario Pilo, con Lucia Panzieri e Silvia Trabalza per la sezione Piccola invasione, il festival giunge alla sua ottava edizione. Leggi tutto…

SPONZ FEST 2020

SPONZ FEST 2020: Sponz acQuà!

L’acqua è il tema dell’VIII edizione dello Sponz Fest, Il festival ideato e diretto da Vinicio Capossela. Dal 25 al 30 agosto a Calitri, nei comuni limitrofi dell’Alta Irpinia, della Valle del Sele e verso il mare, dalle sorgenti dell’Ofanto fino alla foce del Sele

In un anno come questo, parlare di acqua non è solo parlare di ecologia, di risorse, di sfruttamento e di rapporto con la natura, è soprattutto parlare di rinascita.
Da sempre le ritualità connesse a questo elemento, che è la sostanza stessa della vita, hanno a che fare con la purificazione e la rigenerazione. Lo Sponz Fest 2020 vuole essere un’esperienza anche simbolica: quella di ritrovarsi, con tutto un nuovo bagaglio di senso di responsabilità (verso noi stessi, gli altri, la natura intorno) sulle vie dell’acqua, nei luoghi che ci hanno fatto essere insieme in questi anni. Un modo per tornare a sentire le sirene dello spirito, d’acqua dolce e salata, dopo quelle delle ambulanze.
(Vinicio Capossela) Leggi tutto…

BABEL FESTIVAL 2020

Babel Festival 2020: 17-20 settembre

Atlantica: Samanta Schweblin, Juan Pablo Villalobos, Giorgio Vasta, Tommaso Pincio, Peter Stamm, Gary Younge

Nonostante le incertezze di questi mesi, Babel – Festival di letteratura e traduzione conferma: la sua 15a edizione ci sarà, con un programma ripensato per adattarsi alla situazione e soddisfare le norme di sicurezza vigenti.  

Dal 17 al 20 settembre Bellinzona ospiterà Atlantica, con performance open air e incontri al Teatro Sociale con il meglio della letteratura italiana, svizzera e delle diaspore americane. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

OMAGGIO AD ARRIGO LEVI

È scomparso Arrigo Levi (Modena, 17 luglio 1926 – Roma, 24 agosto 2020): giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano. Gli dedichiamo questa pagina

* * *

* * *

Approfondimenti: RaiNews, la Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Ansa, Avvenire, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, Il Sole24Ore

* * *

Biografia Leggi tutto…

BUON FERRAGOSTO 2020 (e buona prosecuzione di vacanze da Letteratitudine)

L’ENIGMA DELLA CAMERA 622 di Joël Dicker (recensione)

“L’enigma della camera 622” di Joël Dicker (La nave di Teseo – Traduzione di Milena Zemira Ciccimarra)

* * *

di Erika Di Giorgio

Joël Dicker non sbaglia un colpo. Dopo i grandissimi successi internazionali di “La verità sul caso Harry Quebert”, “Il libro dei Baltimore” e “La scomparsa di Stephanie Mailer”, il bestsellerista elvetico ci offre un’altra godibilissima e avvincente storia che ha già raggiunto le vette delle classifiche dei libri più venduti. Si intitola “L’enigma della camera 622” (La nave di Teseo – Traduzione di Milena Zemira Ciccimarra) ed è un romanzo molto particolare anche per via della sua dedica: “Al mio editore, amico e maestro Bernard de Fallois (1926-2018). Che tutti gli scrittori del mondo possano conoscere un giorno un editore così eccezionale”.
Il fatto che Joël Dicker sia stato legatissimo al suo editore è dimostrato dalla scelta di evidenziare questo legame anche all’interno del romanzo. In premessa leggiamo quanto segue: “Cari lettori, prima che iniziate la lettura di questo romanzo voglio condividere con voi un pensiero commosso per il mio editore, Bernard de Fallois, che ci ha lasciato nel gennaio 2018. Bernard de Fallois aveva un eccezionale senso della letteratura. Questo libro gli deve molto. Così come i miei precedenti romanzi. Buona lettura”. Leggi tutto…

NON ROMPERE NIENTE di Marilina Giaquinta

“Non rompere niente” di Marilina Giaquinta (Euno Edizioni): incontri con i personaggi letterari

 * * *

I personaggi letterari di “Non rompere niente” di Marilina Giaquinta raccontano il romanzo

 * * *

Buongiorno, dottore, l’ha sentita la novità?
Maria, quante volte devo ripeterti di non entrare nella mia stanza tipo uragano Katrina! Lo sai che non vengo in ufficio per farmi una briscola, no? Lo sai, vero, che qui ci vengo a lavorare e a riparare i danni che mi combinate ogni giorno voi e che, per farlo, ci vuole concentrazione, no?
Dottore, se io vedo una porta aperta, entro, se la porta è chiusa, ci tuppulìo. La sua porta era aperta e sono entrata. Ma poi lei, dottore, lo sa come si dice qui nell’isola, no? Ormai se lo deve essere insegnato: “si chiuri ‘na porta e si rapi ‘n purticato”. Se lei la porta la lascia sempre aperta, a parte che si deve assuppare l’entrate di chi ammisca e ammisca, e poi quel porticato non le si spalancherà mai. Avanti va, bello valente, che la chiudesse quella porta! Accussì io busso, lei mi dice “avanti!” e a lei l’aspetta un porticatone grande attipo reggia di Versaje!
Maria, attipo che mi dici subito ‘sta novità? Così io continuo a fare quello che stavo facendo, anziché occuparmi di falegnameria esistenziale: perché mica lo sapevo che eri brava pure a fare l’ebanista!
Dottore, la stampa, quella che tratta dei signoroni che i libri li sàpono scrivere, non come lei che quando scrive le cienneerre fa venire un dolore di testa di quello che si mangia tutti i sentimenti e gli occhi non te li fa vedere, ecco quella stampa dei papaveri, non quella delle papere che vorrebbero prendere il posto dei papaveri e sanno fare solo il ballo del quàquà, quella! vuole occuparsi di noi! Leggi tutto…

UCCIDO CHI VOGLIO di Fabio Stassi (recensione e intervista)

“Uccido chi voglio” di Fabio Stassi (Sellerio)

 * * *

Quattro chiacchiere con Fabio Stassi sul suo ultimo romanzo “Uccido chi voglio”

di Daniela Sessa

Si fa presto a dire giallo. Fiotti di sangue, budella penzoloni, tatuaggi a carne viva, omicidi seriali, un investigatore, un poliziotto, un sospettato, inseguimenti, arresti e il movente. Si è impegnato Fabio Stassi a tingere di giallo la terza disavventura di Vince Corso. Si intitola “Uccido chi voglio” e già mette il lettore sulle tracce di un paio di indizi. Sbagliati. Il primo: a dire uccido non è lo smagato biblioterapeuta di Stassi ma un narratore esterno. Errore: il narratore non è troppo esterno. Secondo indizio: il titolo ricorda l’ironico film di Sidney Sibilia “Smetto quando voglio”, che con il libro di Stassi condivide solo la iella dei protagonisti e una diversa ironia. Che nel romanzo di Stassi è tecnica retorica allo stato puro, ossia rovesciamento. In “Uccido chi voglio” tutto va al contrario.  Comincia con l’epilogo e poi riavvolge la storia con un bizzarro movimento: i fatti vanno avanti una decina di giorni ma i capitoli indietreggiano dalla Z alla A. Come avviene nei sogni. Un evento, un’emozione dello stato di veglia indietreggia nel sogno e si snatura in simboli: poetici come le falene sognate all’inizio del romanzo o grotteschi come la donna che vende fiori a piazza Vittorio o addirittura il cieco con il cane che è personaggio, ombra e specchio assieme. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 27 luglio al 2 agosto 2020 – questa settimana segnaliamo “Il borghese Pellegrino” di Marco Malvaldi (Sellerio)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 27 luglio al 2 agosto 2020

Questa settimana segnaliamo: “Il borghese Pellegrino” di Marco Malvaldi (Sellerio), al 12° posto in classifica generale

 * * *

“Riccardino” di Andrea Camilleri (Sellerio), ancora al 1° posto in classifica generale. Lo speciale di LetteratitudineNews dedicato all’uscita di “Riccardino” è disponibile qui

In seconda posizione: “Il colibrì” di Sandro Veronesi (La nave di Teseo), romanzo vincitore dell’edizione 2020 del Premio Strega.

In terza posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori ” di Valérie Perrin (Edizioni E/O).

* * *

La scheda del libro: “Il borghese Pellegrino” di Marco Malvaldi (Sellerio)

Marco Malvaldi, che con Odore di chiuso aveva reso omaggio a Pellegrino Artusi nell’anniversario della morte (1911), celebra con questo romanzo il secondo centenario della nascita del grande gastronomo avvenuta nel 1820. Un perfetto «enigma della camera chiusa» con un protagonista d’eccezione, Pellegrino Artusi, prima in veste di sospettato, poi determinante per la soluzione dell’affaire.

Anno 1900. Serata a casa di Pellegrino Artusi, tra gli invitati Paolo Mantegazza, suo caro amico, professore di Fisiologia (e anche antropologo e scrittore) e Arturo Gazzolo, proprietario di una industria conserviera nel Casentino. Nel corso della cena si parla delle nuove tecniche di conservazione dei cibi, dal ghiaccio secco per i gelati al sottovuoto per le carni; Gazzolo vorrebbe avere il parere di Artusi su una nuova linea innovativa di manzo in gelatina che ha sviluppato proprio con le nuove metodologie e che è intenzionato a lanciare soprattutto nei mercati esteri, grazie alle nuove frontiere del commercio con l’Impero Ottomano. La carne, che prontamente il Gazzolo ha fatto recapitare all’Artusi per la prova d’assaggio, non risponde però alle aspettative: è troppo speziata, il sapore è ferroso e l’Artusi conta di riferirne al Gazzolo che l’ha invitato da lì a poco nella sua casa alle porte di Firenze insieme ad altri ospiti, fra cui politici, banchieri e l’immancabile Mantegazza. La cena scorre tranquilla e piacevole tra cibo e conversazioni, poi tutti si ritirano nelle loro stanze. Al mattino a colazione ci si accorge che qualcuno manca all’appello; uno degli ospiti viene rinvenuto morto nella propria stanza dove si era chiuso a chiave, un attacco cardiaco forse, ma il professor Mantegazza è dubbioso e si rifiuta di redigere il certificato… Marco Malvaldi ha costruito un perfetto «enigma della camera chiusa» con un protagonista d’eccezione, Pellegrino Artusi, prima in veste di sospettato, poi determinante per la soluzione dell’affaire. Gli anni della belle époque, gli intrecci tra politica e finanza che legavano l’Italia all’Impero Ottomano, il borghese Pellegrino, con la sua passione rivoluzionaria per la cucina, la familiarità con la chimica, il sentimento di unità nazionale che lo animava: gli ingredienti per un giallo colto, divertente e istruttivo.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Riccardino Andrea Camilleri Sellerio Editore Palermo 15,00
2 Il colibrì Sandro Veronesi La nave di Teseo 20,00
3 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
4 L’enigma della camera 622 Joël Dicker La nave di Teseo 22,00
5 Come un respiro Ferzan Ozpetek Mondadori 17,00
6 Riccardino. Seguito dalla prima stesura del 2005. Ediz. speciale Andrea Camilleri Sellerio Editore Palermo 20,00
7 La misura del tempo Gianrico Carofiglio Einaudi 18,00
8 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
9 La fine del tempo Guido Maria Brera La nave di Teseo 17,00
10 Le storie del mistero Lyon Gamer Magazzini Salani 15,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

OMAGGIO A SERGIO ZAVOLI

È morto Sergio Zavoli (Ravenna, 21 settembre 1923 – Roma, 5 agosto 2020): giornalista, scrittore e politico italiano. Lo ricordiamo in questa pagina

* * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Il Messaggero

 * * *

Biografia di Sergio Zavoli Leggi tutto…

IL MALE DEGLI ANGELI di Luisa Gasbarri: incontro con l’autrice

“Il male degli angeli” di Luisa Gasbarri (Baldini+Castoldi): incontro con l’autrice e uno stralcio del libro

 * * *

Luisa Gasbarri è saggista, sceneggiatrice, studiosa di storia delle donne e docente di creative writing. Ha inaugurato il genere noir shocking con il romanzo “L’istinto innaturale”. È autrice di manuali alternativi e i suoi racconti compaiono in diverse antologie.

Il suo nuovo romanzo si intitola “Il male degli angeli” ed è pubblicato da Baldini+Castoldi: un thriller che si snoda tra passato e presente, tra Roma e Berlino, e in cui alla storia segreta del nazismo si affianca un’indagine che solleva sorprendenti interrogativi. 

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

 «Mi chiamo Luisa. In realtà sono stata chiamata così, non l’ho scelto», ha detto Luisa Gasbarri a Letteratitudine.
«Non ho scelto neppure di essere scrittrice. Non è sempre piacevole in effetti.
Forse lo sono perché solo raccontando la realtà riesco a sentirla, a incontrarla davvero nelle fibre più profonde del mio essere. Solo attraverso le parole, il non detto risuona per me scaturendo davvero alla consapevolezza, e in certa misura mi salva. Leggi tutto…

Premio TaoTim 2020

“Entusiasti Digitali” – Premio Taotim – II edizione del Contest a cura di Taobuk in collaborazione con TIM

* * *

Taormina International Book Festival riconferma la propria attenzione verso le nuove generazioni e le infinite possibilità di declinazione dell’arte in campo tecnologico: la decima edizione del Festival sarà infatti palcoscenico del secondo Contest TaoTIM, riconoscimento ideato da Taobuk in collaborazione con TIM, Main Sponsor del Festival, e rivolto ai giovani della fascia 18-35 anni provenienti da tutto il territorio nazionale. Leggi tutto…

ASSASSINII SULL’ORIENT EXPRESS: il giallo Mondadori extra dell’estate 2020

https://i2.wp.com/blog.librimondadori.it/blogs/ilgiallomondadori/files/2020/06/assassinii-orient-express.jpgASSASSINII SULL’ORIENT EXPRESS – AA.VV.

Il Giallo Mondadori Extra 33, agosto 2020

 * * *

Chi non vorrebbe provare a salire, almeno per una volta, sul celebre Orient Express, il treno dei misteri che Agatha Christie ha fatto entrare nella leggenda, grazie alle indagini di Hercule Poirot?
Chi non vorrebbe aggirarsi nei salotti e nelle cabine preziose di questo magnifico treno, per scoprire nuovi assassini?
Dieci autori italiani, dieci vincitori del prestigioso Premio Tedeschi Mondadori, faranno rivivere le stesse emozioni, e gli stessi brividi vissuti leggendo “Assassinio sull’Orient Express” della Christie, sostituendo Poirot con i loro investigatori, altrettanto arguti, altrettanto originali, altrettanto bravi a risolvere casi di omicidio.

 

 * * *

AA.VV., “Assassinii sull’Orient Express”, Il Giallo Mondadori Extra 33, agosto 2020

Di seguito, la prefazione di Franco Forte Leggi tutto…

LA TANA DEL SERIAL KILLER di Salvo Toscano: incontro con l’autore

“La tana del serial killer” di Salvo Toscano (Newton Compton): incontro con l’autore e uno stralcio del libro

 * * *

Salvo Toscano è giornalista e scrittore. È stato semifinalista al Premio Scerbanenco e finalista al Premio Zocca Giovani. È autore dei romanzi incentrati sulle indagini dei fratelli Corsaro (Ultimo appello, L’enigma Barabba, Sangue del mio sangue, Insoliti sospetti, Una famiglia diabolica, L’uomo sbagliato e La tana del serial killer) e di Falsa testimonianza e Joe Petrosino. Il mistero del cadavere nel barile. È stato tradotto nei Paesi di lingua inglese.

Il nuovo romanzo di Salvo Toscano si intitola “La tana del serial killer” (Newton Compton).

Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene…

* * *

«“La tana del serial killer” comincia nel buio», ha detto Salvo Toscano a Letteratitudine. «Nell’oscurità di un bosco di notte, in una grotta legata a un’antica leggenda. Da lì prende le mosse la nuova avventura dei miei personaggi, i fratelli Corsaro, giunti ormai alla loro settima avventura. Come sempre nelle loro storie, la Sicilia è protagonista, con i suoi contrasti tra la vita apparentemente pacifica dei borghi e quella più convulsa della sua capitale, Palermo. Leggi tutto…

Libri nel Borgo Antico 2020

Libri nel Borgo Antico: Bisceglie 27-28-29-30 agosto 2020

Libri nel Borgo Antico | Bisceglie

Presentata l’undicesima edizione di Libri nel Borgo Antico. Fra gli ospiti: i finalisti del Premio Strega Carofiglio e Mencarelli, nomi di prestigio del giornalismo e la conduttrice televisiva Paola Perego

* * *

Parterre di tutto rispetto per l’undicesima edizione di Libri nel Borgo Antico, la rassegna letteraria che si è consolidata nel tempo al punto da divenire un apprezzato biglietto da visita per Bisceglie. Nomi di prestigio tra i 106 autori presenti alla frizzante kermesse che si snoderà in quattro piazze del centro storico biscegliese da giovedì 27 a domenica 30 agosto, inclusi in un carnet modificato al fine di garantire il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica. Leggi tutto…

LA COSA di Gianluca Garrapa

“La cosa” di Gianluca Garrapa (Ensemble)

 * * *

La ricerca umana. La cosa, di Gianluca Garrapa

di Carlo di Francescantonio

Ogni lavoro di Gianluca Garrapa viene naturale intenderlo più come un’esperienza umana che una semplice scrittura, e proprio per questo motivo ho affrontato ancora la lettura lasciando spalancate le porte dell’emotività. La cosa, raccolta di racconti pubblicata da Ensemble, inizia da subito mettendo il lettore di fronte all’ignoto, quasi l’Autore desiderasse con potenza trascinarlo dentro un buco nero, ma non per smarrirlo bensì per illuminarlo. Già dall’incipit del racconto omonimo: «A me ha fatto un effetto strano» disse il primo, e diede un altro sorso alla birra. L’altro, le unghie sporche di fumo, navigando in internet, annuì senza prestargli troppa attenzione. «Un senso di angoscia o di smarrimento» continuò il primo, fissando le intermittenze delle luci natalizie, poi si voltò al barista indiano: «Si può cambiare brano?», veniamo messi di fronte ad una quotidianità turbata da un qualcosa di indecifrabile. Leggi tutto…

SOCIETÀ ITALIANA SPIRITI di Antonio Di Mauro

“Società Italiana Spiriti” di Antonio Di Mauro (Stampa2009)

 * * *

Una poesia fortemente ispirata da umana pietas

di Franco Pappalardo La Rosa

La poesia di Antonio Di Mauro in questo nuovo libro, Società Italiana Spiriti, edito da Stampa2009 nella prestigiosa e raffinata collezione di poesia “La Collana” curata da Maurizio Cucchi, sembra attingere la propria fonte d’ispirazione non nel reale in sé, bensì in una sorta di tempo incrinato tra continue sequenze di immagini, di figure, di parvenze labili di creature, e fitta nominazione di oggetti, di accadimenti, di stagioni, d’incontri, di luoghi e di paesaggi decantati dalla memoria, all’interno di uno scenario che è impalpabile distanza dal mondo coinvolto nel vortice della Storia, sensibile e tangibile, in cui ciascun ente nominato viene assunto a principio di verità. Come se gli enti stessi, insieme con il carico delle venture che li pertengono, simili ad ossessivi frantumi di un’illusione ormai deflagrata, e tuttavia pervicacemente ricomposta e recuperata per forza di pensiero e di parola, fossero sospesi dentro lo specchio magico di una dimensione autre: la dimensione aspaziale e atemporale, esclusivamente interiore, appunto, del sogno. In cui, strappandolo al nulla eterno, tutto può accadere, e persino riannodarsi, al di là del tempo e della Storia, il filo del colloquio con le “care ombre” di un passato prossimo o remoto per sempre troncato dalla feroce mannaia della morte («ma voi dove siete / anime ancora dolenti dove siete / ombre vaganti che avverto presenti?…»). Leggi tutto…

IL CANTO DELLA FEDE SEMPLICE di Maria Chiara Riva

“Il canto della fede semplice” di Maria Chiara Riva (Edizioni Terra Santa)

* * *

di Helena Molinari

Agosto è mese clariano e questo piccolo libro in poco vi racchiude l’essenza. Chiara come Francesco d’ Assisi, ma anche Chiara e Assisi.
Per comprendere fino in fondo la scelta, “il cielo” di Chiara non si può prescindere dal collocarlo nel suo contesto e viceversa la città stessa è stata profondamente segnata dalla presenza della sorella Povera.
Chiara sceglie la periferia di San Damiano, la marginalità e la piccolezza dove esprimere il cuore della spiritualità francescana, le sue poche cose di Dio, la bellezza della caducità dove tutto basta.

Leggi tutto…

BOOKINFLUENCER: chi parla di libri e come trovarli

Giovanna Burzio cura per La Corte editore un agile manuale dedicato ai cosiddetti “Bookinfluencer”

 * * *

La parola bookinfluencer sembra diventata ormai di uso comune e La Corte, con questo volume, inaugura la sua prima collana di non fiction – EXTRA – con un testo curato da Giovanna Burzio, dedicato a un argomento molto attuale.

Una ricerca di profili (più di 250 quelli raccolti nel libro) durata mesi, che ha portato alla luce una sorta di identikit di chi parla di libri sul web.
Tanti sono i canali usati, che vanno da Instagram a Facebook, da YouTube a WordPress, e ancora dai Podcast fino al più recente Tik Tok. Le differenze a livello di genere di letture trattate non mancano, anche se per esempio una prima curiosità emersa è che tre sono i titoli preferiti in assoluto: Jane Eyre, Orgoglio e pregiudizio e la saga di Harry Potter. Si tratta di giovani, per lo più tra i 20 e 30 anni, molti universitari, ma le professioni sono davvero le più disparate; per lo più donne (più del 90%), che rappresentano tutto il territorio italiano in modo molto omogeneo, anche se le regioni più attive, per citare le prime cinque, sono la Lombardia, il Lazio, L’Emilia Romagna, la Campania e la Sicilia. Leggi tutto…

AUTORI SOTTO LE STELLE: intervista a Antonio Oliveri (di Demea Eventi Culturali)

“Autori sotto le Stelle. La Musica incontra la Letteratura”. È il grande evento di beneficenza che si svolgerà il 10 agosto al Teatro Antico di Taormina, alle h. 21:30

 * * *

Ci sarà la musica di Santi Scarcella e un evento letterario condotto da Milena Romeo e Felice Cavallaro con la partecipazione di Stefania Auci, Tea Ranno e Melo Freni. L’incasso sarà devoluto al reparto di Cardiochirurgia Prenatale dell’Ospedale di Taormina.

L’evento è organizzato da Demea Eventi Culturali

 * * *

“Autori sotto le stelle” (Teatro Antico di Taormina, 10 agosto, h. 21:30) sarà il primo di una serie di eventi promossi nei posti archeologici più importati d’Italia. Gli eventi sono organizzati da Demea Eventi Culturali e dal suo direttore Antonio Oliveri, a cui abbiamo chiesto di raccontarci qualcosa di sé, del progetto di Demea e dell’evento del 10 agosto…

– Antonio, da dove trae origine il tuo interesse per il mondo del libro? Leggi tutto…

UN MARE DI CINEMA FESTIVAL 2020

imageUn mare di cinema festival XXXVII edizione

Il cinema, i libri, i documentari, i premi, ritornano a Lipari con la XXXVII edizione di Un mare di cinema Festival organizzato dal Centro Studi Eoliano, presieduto da Antonino Saltalamacchia, che si svolgerà nei mesi di agosto e settembre.

Incontri in presenza, proiezioni di film e documentari, presentazioni di libri si svolgeranno in piena sicurezza e nel rispetto delle norme anti-covid in suggestivi luoghi dell’isola all’aperto che offriranno anche splendidi panorami e un’occasione per conoscere e apprezzare la versatilità del territorio di Lipari. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 20 al 26 luglio 2020 – questa settimana segnaliamo “Trio” di Dacia Maraini (Rizzoli)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 20 al 26 luglio 2020

Questa settimana segnaliamo: “Trio” di Dacia Maraini (Rizzoli), al 20° posto in classifica generale

 * * *

“Riccardino” di Andrea Camilleri (Sellerio), ancora al 1° posto in classifica generale. Lo speciale di LetteratitudineNews dedicato all’uscita di “Riccardino” è disponibile qui

In seconda posizione: “Il colibrì” di Sandro Veronesi (La nave di Teseo), romanzo vincitore dell’edizione 2020 del Premio Strega.

In terza posizione: “Riccardino. Seguito dalla prima stesura del 2005. Ediz. speciale” di Andrea Camilleri (Sellerio).

* * *

La scheda del libro: “Trio” di Dacia Maraini (Rizzoli)

Sicilia, 1743. Il loro legame viene da lontano, e ha radici profonde. È nato quando, ancora bambine, Agata e Annuzza hanno imparato l’arte tutta femminile del ricamo sotto lo sguardo severo di suor Mendola; è cresciuto nutrendosi delle avventure del Cid e Ximena, lette insieme in giardino, ad alta voce, in bocca il sapore dolce di una gremolata alla fragola; ha resistito alle capriole del destino, che hanno fatto di Agata la sposa di Girolamo e di Annuzza una giovane donna ancora libera dalle soggezioni e dalle gioie del matrimonio. Ora, mentre un’epidemia di peste sta decimando la popolazione di Messina, le due amiche coltivano a distanza il loro rapporto in punta di penna, perché la paura del contagio le ha allontanate dalla città ma non ha spento la voglia di far parte l’una della vita dell’altra. E anche se è lo stesso uomo ad accendere i loro desideri, e il cuore scalpita per imporre le proprie ragioni, Agata e Annuzza sapranno difendere dalla gelosia e dalle convenzioni del mondo la loro amicizia, che racconta meglio di qualunque altro sentimento le donne che hanno scelto di essere.Il ritorno di Dacia Maraini alla narrazione storica dopo La lunga vita di Marianna Ucrìa, uno dei suoi libri più amati, è un romanzo intenso e delicato, pervaso dai colori e dagli odori della sua Sicilia, che attraverso il filtro di un passato mai così vicino parla di ognuno di noi, e di cosa può salvarci quando fuori tutto crolla.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Riccardino Andrea Camilleri Sellerio Editore Palermo 15,00
2 Il colibrì Sandro Veronesi La nave di Teseo 20,00
3 Riccardino. Seguito dalla prima stesura del 2005. Ediz. speciale Andrea Camilleri Sellerio Editore Palermo 20,00
4 L’enigma della camera 622 Joël Dicker La nave di Teseo 22,00
5 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
6 Come un respiro Ferzan Ozpetek Mondadori 17,00
7 La misura del tempo Gianrico Carofiglio Einaudi 18,00
8 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
9 La magia del ritorno Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90
10 Le storie del mistero Lyon Gamer Magazzini Salani 15,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…