Home > Eventi > Da “Portici di Carta” a “Vita Nova”, il Salone del libro torna dal vivo

Da “Portici di Carta” a “Vita Nova”, il Salone del libro torna dal vivo

ottobre 1, 2020

Il Salone del libro di Torino: tra “Portici di Carta” a “Vita Nova”

 

Il lungo autunno del Salone del Libro a Torino, due importanti tappe verso la XXXIII edizione:

Portici di Carta – sabato 17 e domenica 18 ottobre 2020

Vita Nova – da sabato 5 a martedì 8 dicembre 2020

* * *

Il Salone Internazionale del Libro torna dal vivo, a Torino, con due importanti rassegne culturali sul territorio cittadino, per rinnovare il patto con la sua comunità e accompagnarla verso la XXXIII edizione, che si terrà dal 13 al 17 maggio 2021. Il Salone vuole intraprendere – insieme ai lettori, agli editori, ai librai, agli autori – un percorso di avvicinamento alla prossima primavera, partendo da un caposaldo – Portici di Carta – che da 14 anni occupa fisicamente chilometri di città, e passando per una manifestazione nuova – Vita Nova, appunto – che anticipa il tema della XXXIII edizione: Vita Supernova.

La XIV edizione di Portici di Carta

17-18 ottobre 2020, Torino

WEB locandina loghiPortici di Carta, manifestazione di promozione del libro e della lettura, torna sabato 17 e domenica 18 ottobre 2020. La libreria più lunga del mondo è un progetto della Città di Torino, con le sue Biblioteche civiche e il Centro Interculturale, realizzato da Associazione Torino, La Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte e con la partecipazione attiva dei librai torinesi coordinati da Rocco Pinto.

Per la XIV edizione i portici del centro cittadino ospiteranno 65 librerie e 65 editori piemontesi, suddivisi in 17 tratti tematici per raggruppare in modo omogeneo le librerie e le case editrici a seconda delle rispettive specializzazioni. A questi si aggiunge Libro Ritrovato, la mostra-mercato dedicata ai libri antichi e fuori catalogo, appuntamento imperdibile per i collezionisti e per gli appassionati di libri introvabili o letture fuori dall’ordinario, che per Portici di Carta organizza un’edizione speciale con 58 espositori. La dislocazione dell’evento potrà subire variazioni necessarie anche a garantire il distanziamento e una maggiore distribuzione del pubblico, per evitare assembramenti nel rispetto delle disposizioni anti-covid.

L’edizione 2020 di Portici di Carta non poteva che essere dedicata a Luis Sepúlveda, autore straordinario di libri di grande successo, amato in Italia più che in ogni altro paese del mondo. Luis Sepúlveda, Lucho per gli amici, aveva con i lettori italiani un rapporto speciale, fin dai suoi esordi come scrittore, e una relazione particolarmente stretta con la città di Torino. Saranno tante le occasioni per omaggiarlo, con incontri e letture dedicati alla sua opera e al legame con la moglie Carmen.

Novità di quest’anno, per ragioni di organizzazione e sicurezza, sarà la prenotazione obbligatoria degli eventi che, come di consueto, si terranno tra Piazza San Carlo, l’Oratorio di San Filippo Neri e, per la prima volta, nel Cortile di Palazzo Turinetti – Intesa Sanpaolo.

Il programma completo sarà reso noto nelle prossime settimane con una conferenza stampa dedicata, in occasione della quale verranno annunciati gli editori e gli autori ospiti, i laboratori dedicati a bambini e ragazzi, le iniziative collaterali e verranno aperte le prenotazioni per il pubblico.

* * *

VITA NOVA

da sabato 5 a martedì 8 dicembre a Torino

oltre 150 incontri diffusi per ragionare sul futuro e anticipare la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino

Per la prima volta in oltre trent’anni di storia, il Salone Internazionale del Libro di Torino non ha potuto svolgersi nelle abituali date di maggio e nella sua consueta forma. La XXXIII edizione – che era stata pensata a partire dal tema, suo malgrado profetico, Altre forme di vita – tornerà dal 13 al 17 maggio 2021 con un nuovo titolo: Vita Supernova. Nel settecentesimo anniversario dantesco, il Salone raccoglierà intorno a sé i nomi più importanti, più interessanti, più originali della scena culturale per ragionare insieme sul futuro che ci aspetta.

Proprio per anticipare le riflessioni che saranno protagoniste dell’evento primaverile, il Salone ha pensato Vita Nova: una grande festa del libro, organizzata in collaborazione con gli editori, e diffusa su tutto il territorio cittadino con un format inedito.

Per quattro giorni alcuni dei luoghi più significativi di Torino ospiteranno grandi personaggi del mondo della cultura – lectio magistralis, confronti, tavole rotonde, performance, laboratori – per riprendere la riflessione aperta con SalTo Extra e ragionare insieme sul futuro. La kermesse di fine autunno toccherà, tra gli altri l’Università degli Studi di Torino, il Museo Risorgimento, il Polo del ‘900, la Fondazione Collegio Carlo Alberto, il Circolo dei lettori, il Grattacielo Intesa Sanpaolo, La Centrale – Nuvola Lavazza e gli spazi cittadini di Reale Mutua e SMAT.

Tra i primi ospiti confermati: Alessandro Barbero con una lezione su Dante Alighieri che prende spunto dal suo libro di prossima pubblicazione “Dante” (Laterza), Emma Dante, Damiano e Fabio D’Innocenzo, Letizia Battaglia, Serena Vitale.

Vita Nova conferma la collaborazione con partner storici del Salone, come la rete di librerie e Biblioteche che partecipano a Portici di Carta, e ne annuncerà di nuove e importanti che prenderanno vita a maggio: dal Parlamento europeo – Ufficio di Milano, al Collegio Carlo Alberto, l’Università degli Studi di Torino, Rai ragazzi.

Vita nova sarà anche un’altra occasione, dopo Salto Extra e SalTo Notte, per sperimentare con le potenzialità offerte dal digitale: alla programmazione cittadina sarà affiancato un palinsesto di eventi virtuali, con format dedicati ai più giovani. Inoltre, una diretta streaming racconterà l’iniziativa attraverso interviste agli autori e ai protagonisti (editori, librai, lettori), portando il pubblico anche dietro le quinte. E ancora, una selezione degli appuntamenti verrà registrata e resa disponibile gratuitamente on demand, dopo l’evento, sul canale YouTube del Salone.

Il programma sarà annunciato a novembre in una conferenza stampa dedicata, in occasione della quale aprirà anche la biglietteria.

Nell’anno in cui tutti i grandi eventi si sono dovuti fermare a causa della pandemia, il Salone non ha voluto darsi per vinto e ha continuato a produrre eventi in formato digitale e fisico. Lo abbiamo fatto prima con SalTo per la Scuola, SalTo EXTRA e SalTo Notte ed ora con Portici di Carta e Vita Nova, che anticipa il 2021 come anno della ripartenza. Abbiamo continuato e continuiamo a progettare e sollecitare la nostra comunità: editori, librai, bibliotecari, insegnanti e lettori nelle riflessioni che quest’epoca ci propone e nel rispetto di centinaia di imprenditori e professionisti del mondo dell’organizzazione di eventi che vivono un periodo complicato”.

Silvio Viale, Presidente dell’Associazione Torino, la Città del Libro.

Un anno particolare sotto tutti i punti di vista: non un Salone soltanto, ma ben due, tre, quattro Saloni, seppure straordinari e on line. Adesso per la prima volta un inedito connubio con Portici di Carta. Un unico filo che collega la libreria più lunga del mondo con Vita Nova, così si chiamerà questa eccezionale edizione prenatalizia del Salone, che coinvolgerà tutta la città: le due manifestazioni impegnate congiuntamente a tirare la volata al Salone di maggio che tutti confidiamo possa tenersi in modalità ordinaria con un’emergenza che finalmente allenti la morsa. Ancora una volta lo straordinario entusiasmo della squadra del Salone si è dimostrato più forte di qualsiasi avversità a dimostrazione che lavorando con impegno e con il sostegno delle Istituzioni e della collettività si possono vincere tutte le battaglie.”

Giulio Biino, Presidente del Circolo dei lettori.

“Il Salone del Libro è un grande laboratorio di idee, capace far dialogare tra loro sempre più letteratura, scienza, filosofia, storia, religione, cinema, musica, arte, fumetto, riuscendo a coinvolgere nomi celebri a livello mondiale ma anche a scoprire nuovi talenti, in nome di una ricerca continua. La qualità della proposta si è sempre accompagnata con il successo popolare, un successo crescente, anno dopo anno, a dimostrazione che alzare l’asticella non significa ridurre il numero degli appassionati. Il mondo ci appare ora un luogo oscuro e inaffidabile. Ma a problemi complessi domande profonde: è così che una comunità cresce, e si fortifica, e può venire fuori dai momenti difficili. Nei momenti difficili credere insieme in una vita nuova più che un’ipotesi è un dovere morale”.

Nicola Lagioia, Direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino.

 

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: