Home > Musica e dintorni, Recensioni > JOHN LENNON. LE STORIE DIETRO LE CANZONI di Paul Du Noyer (recensione)

JOHN LENNON. LE STORIE DIETRO LE CANZONI di Paul Du Noyer (recensione)

dicembre 23, 2020

“John Lennon. Le storie dietro le canzoni. Tutti i testi originali” di Paul Du Noyer (Mondadori Electa)

* * *

di Massimo Maugeri

Partiamo, intanto, dall’autore di questo libro. Paul Du Noyer è uno scrittore, editor e giornalista musicale di caratura internazionale. È nato a Liverpool il 21 maggio del 1954, ha fondato la rivista musicale Mojo (una delle più influenti del Regno Unito) e ha intervistato i più grandi personaggi del mondo della musica: da Madonna a Pavarotti, da David Bowie a Mick Jagger (giusto per fare qualche nome). Ma Paul Du Noyer è anche uno dei più grandi conoscitori al mondo della musica e della storia dei Beatles, così come anche della musica e della storia dei singoli componenti della più celebre band di tutti i tempi. Non è un caso che Yoko Ono gli abbia affidato la redazione delle note di copertina di tutti gli album solisti di John Lennon al momento della loro ripubblicazione negli anni Duemila.
E, a proposito di Lennon, in occasione del quarantennale della sua morte (8 dicembre 1980), Paul Du Noyer ha colto l’occasione per dare alle stampe un altro bellissimo e preziosissimo volume dedicato a questo grande e indimenticato artista. Si intitola “John Lennon. Le storie dietro le canzoni. Tutti i testi originali” (Mondadori Electa, 192 pagg. – traduzioni di Silvio Bernardi e Tania Spagnoli). Come si evince dal titolo, l’obiettivo del libro è quello di ripercorrere l’intera storia artistica e umana di John Lennon, concentrando l’attenzione principalmente sull’ultimo decennio della sua esistenza, gli anni – dunque – che vanno dal 1970 (dallo scioglimento dei Beatles) al 1980 (alla sua scomparsa). Si tratta di un volume elegante, di grande qualità anche dal punto di vista della carta utilizzata (giacché contiene, come vedremo, un importante corredo fotografico) e dotato di una dimensione superiore a quella di un normale libro (22.2 x 2 x 28.7 cm): pensate a un album fotografico (giusto per rendere l’idea).
Come lo stesso Paul Du Noyer evidenzia nella sua introduzione, di libri sulla musica dei Beatles e sulla vita dei suoi componenti ne sono stati pubblicati un’infinità; tuttavia, nell’ambito di questa sconfinata produzione editoriale non è si è dato, probabilmente, il giusto peso e il giusto spazio alla straordinaria produzione solista di Lennon (la cui qualità media, sebbene l’arco temporale di riferimento sia solo quello di un decennio, è senza dubbio eccelsa). L’obiettivo dichiarato di “John Lennon. Le storie dietro le canzoni” è, per l’appunto, quello di colmare questa lacuna. “Tra lo scioglimento dei Beatles nel 1970 e l’assassinio di Lennon nel 1980”, scrive Du Noyer, “John non smise mai di tessere sogni. Agli accesi dibattiti dell’epoca aggiunse il potere della sua immensa celebrità e la forza della sua franchezza. Divenuto una delle popstar più amate dai posteri, è oggi ricordato come un guro, un leader, un predicatore. Ma John era molto più di tutto questo. Nelle sue canzoni riuscì a trasformare la complessità della sua vita in poesia. Una volta libero dai Beatles, il lavoro di Lennon divenne apertamente spirituale, e il modo più piacevole per coglierne il percorso è attraverso la musica”.
Du Noyer, dunque, come accennato, racconta Lennon dai sui inizi: dalla nascita, a Liverpool, alla sua crescita; dagli albori della sua carriera artistica, alla fine del percorso dei Beatles; dall’inizio della sua carriera solista, fino al suo assassinio (e anche oltre). È una biografia sintetica e incisiva che diventa racconto di un’esperienza umana e artistica che ha oltrepassato i decenni, il secolo, il millennio. Ogni pagina è accompagnata da fotografie che la arricchiscono e la valorizzano, aggiungendo un’importante valenza narrativa iconografica. Il cuore del lavoro di Paul Du Noyer sono le canzoni di Lennon solista. Di ogni canzone vengono offerti il testo in originale, immagini e fotografie connesse al periodo di riferimento, ma soprattutto l’analisi del contesto in cui ciascuna canzone nacque, le modalità con cui ciascun brano venne realizzato e il senso che Lennon volle dare a ogni sua singola composizione.
Si tratta di un lavoro davvero notevole che l’autore di questo libro ha condotto attraverso un’intensa attività di ricerca e avvalendosi di fonti di prima mano grazie ai numerosi contatti diretti. Sono state passate in rassegna tutte le interviste pubblicate su quotidiani, sui magazine e sui libri; le interviste radiofoniche e televisive rilasciate da Lennon; ma anche, come accennato, quelle rilasciate allo stesso Du Noyer dalle persone più vicine a John (Yoko Ono, Paul McCartney, Sean Lennon, Cinthia Lennon, Ringo Starr, George Martin e tanti altri… che Du Noyer non manca di ringraziare pubblicamente).
Un lavoro di sintesi di ottima fattura, un volume di altissima qualità. Uno dei modi migliori per conoscere, far conoscere, o migliorare la conoscenza, di John Lennon e della sua produzione artistica post-beatles; nonché uno dei migliori possibili doni natalizi da scegliere nell’ambito dell’editoria dedicata al mondo della musica e dei suoi protagonisti.

image

image

 

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: