Home > Parole: tra cielo e terra > E SERBI UN SASSO IL NOME di E. Cacioppo e M. Tafi

E SERBI UN SASSO IL NOME di E. Cacioppo e M. Tafi

aprile 15, 2021

“E serbi un sasso il nome. Straordinarie storie comuni affidate a una lapide” di Elisabetta Cacioppo e Massimo Tafi (Pentagora)

* * *

di Helena Molinari

Il campo delle madri, il campo del gran rifiuto, il campo della libertà e dell’eresia, il campo della poesia, il campo della pace e della guerra, il campo dell’inganno, il campo dell’amore e del dovere, il campo del caso e del coraggio.
Nomi noti e ignoti, di vedove, di soldati, di orfani, piccole e grandi storie, frammenti immaginati perché poco sa ricongiungersi alla terra, alla vita di prima.
Bombe sbagliate, amorini, collane di nocciole, nomi portatori di fortuna, non necessariamente il proprio, una storia cattiva che per tempi il sesso era solo quello, e si somigliava più a un evo antico che a un dopoguerra.
Spiritualità ed eresia, pietà e prodigi di uomini, donne, di infanti di poca vita, increduli di morte. Le storie dietro lapidi e croci gualcite e ali mozzate sono tanto piccola cosa che s’inginocchia alla maestosità di Misericordia, che a tutti quanti va più che bene, va nettamente meglio la si chiami cielo.

 * * *

[In collaborazione con Radio Aldebaran e con la trasmissione radiofonica Book-ing curata e condotta da Helena Molinari. I testi della rubrica “Parole: tra cielo e terra” saranno riproposti nella puntata di Book-ing domenica prossima, a partire dalle h. 12, sulle frequenze del suddetto programma radiofonico]

 * * *

* * *

 * * *

La scheda del libro: “E serbi un sasso il nome. Straordinarie storie comuni affidate a una lapide” di Elisabetta Cacioppo e Massimo Tafi (Pentagora)

Persone qualsiasi incontrate nei cimiteri d’Italia, la cui vita sembra esaurirsi nelle semplici date di nascita e di morte, a una paziente ricostruzione, si rivelano protagoniste di vicende sorprendenti, nelle quali la storia quotidiana si incontra con la ‘grande storia’. Storie bellissime e sconosciute che restituiscono alle persone la loro dignità di viventi, raccontandone virtù e debolezze.

 * * *

Elisabetta Cacioppo (Vigevano, 1968).
Laureata in Giurisprudenza. Fotografa di viaggi, di paesaggi, di meridiane e… di cimiteri.

Massimo Tafi (Tradate, 1952).
Laureato in Filosofia. Fondatore di Mediatyche, società di consulenza di comunicazione. Già docente ai master di Comunicazione dell’Università Statale-Bicocca di Milano e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Appassionato di ricerca storica, ha collaborato a diversi volumi collettivi.

 * * *

Tutte le puntate di “Parole: tra cielo e terra” sono disponibili qui

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: