Home > Annunci, Eventi > LA MILANESIANA 2021: IL PROGRESSO

LA MILANESIANA 2021: IL PROGRESSO

maggio 11, 2021

La Milanesiana 2021, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, giunta alla ventiduesima edizione, si svolgerà dal 13 giugno al 6 agosto.

Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia Sport

L’intero programma è disponibile qui

 * * *

* * *

di Elisabetta Sgarbi

La Milanesiana dello scorso anno si era svolta nella parentesi di tempo in cui il Covid aveva allentato la sua presa e aveva concesso qualche ora, giorno, settimana di libertà.

Sapevamo che non sarebbe stata una soluzione definitiva, non ci eravamo fatti illusioni, ma qualche illusione la avevamo comunque coltivata.

La ventiduesima edizione della Milanesiana, la seconda nella lunga e dolorosa stagione della pandemia, continua a coltivare le virtù del coraggio, della speranza, della fiducia (tutti temi affrontati nelle scorse edizioni) e anche qualche sana illusione.

Inizierà il 13 giugno per (non) finire il 6 agosto. Perché già so che l’autunno accenderà di nuovo La Milanesiana da qualche parte, a Codogno a Parigi, e chissà dove ancora.

Questa estate toccheremo ventidue città italiane e allestiremo nove mostre, che ringrazio per l’ospitalità e per avere creduto in un progetto nato a Milano ma che evidentemente oltre Milano è andato:

SONDRIO, MILANO, BORMIO, TORINO-VENARIA REALE, BERGAMO, PAVIA, BASSANO DEL GRAPPA, MONZA, ASCOLI PICENO, ALESSANDRIA, FIRENZE, VILLAFRANCA DI VERONA, URBINO, GARDONE RIVIERA, SANTARCANGELO DI ROMAGNA, RIMINI, GATTEO A MARE, RAVENNA, PARMA, FIESOLE, CERVIA, VENEZIA

Qualche indizio che non sono solo illusioni quelle che stiamo coltivando, c’è. Si riaffacciano anche scrittori d’oltreoceano, nostalgici di parlare di libri e altro, e anche desiderosi di tornare, o per la prima volta venire, in Italia.

Il tema di questa ventiduesima edizione, come quello degli ultimi anni, è stato scelto da Claudio Magris: il progresso.

Un tema già in sé denso di paradossi. Dopo quello che abbiamo vissuto possiamo ancora parlare di progresso? E possiamo farlo in modo univoco? Possiamo dire, forse, che ci sono tanti progressi, almeno quanti sono i passi indietro?

Non c’è comunque progresso senza memoria. La Milanesiana continua a celebrare dei compleanni importanti: i cento anni di Giorgio Strehler, i 90 anni di Giuliano Montaldo (91 in realtà), i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, i 100 anni di Sciascia, i 20 anni dalla morte di Gianfranco Ferroni, i 150 anni di Giuseppe Rensi, gli 80 anni di Bernardo Bertolucci, i 30 anni dall’ultima opera di Alberto Moravia, La donna Leopardo, pubblicata postuma nel 1991, i 50 anni dalla morte di Secondo Casadei, i 30 anni del gruppo musicale Modena City Ramblers.

dvd-coverA proposito di musica, confermiamo la sigla della Milanesiana, “Il  ballo della Rosa” e “Milanesiana di Riviera” degli Extraliscio.

Gli Extraliscio saranno ospiti della Milanesiana e – una festa nella festa – uscirà nelle sale il mio film a loro dedicato, Extraliscio Punk da balera, nei primi giorni della Milanesiana, suggellando anche una collaborazione con la piattaforma di Nexo, che lieviterà di anno di anno. (Uno dei lasciti positivi di questi lunghi mesi di “arresto”, per citare un titolo di Jonathan Lethem.)

Tra Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia Sport (che si aggiunge), La Milanesiana riprende a correre su e giù per la penisola, con entusiasmo sempre rinnovato, felice di sorprendere e di sorprendersi. Grazie a tutti coloro che nella Mila nesiana credono, rendendola possibile, grazie ai tanti artisti (oltre 150, per oltre 60 appuntamenti) che ci onorano della loro presenza, grazie al pubblico che vorrà seguirci (in presenza e in streaming) in questo lungo, mai abbastanza lungo, viaggio.

[Elisabetta Sgarbi – Direttore Artistico La Milanesiana]

 * * *

Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)

 * * *

22 ANNI      DI MILANESIANA

La Milanesiana ricorda, nell’arco del suo programma, i seguenti anniversari:

 

20 ANNI         SENZA GIANFRANCO FERRONI

30 ANNI         DEL GRUPPO MUSICALE MODENA CITY RAMBLERS

30 ANNI         DALL’ULTIMA OPERA DI ALBERTO MORAVIA, LA DONNA LEOPARDO

80 ANNI         DALLA NASCITA DI BERNARDO BERTOLUCCI

90 ANNI         DI GIULIANO MONTALDO (91 in realtà)

100 ANNI       DALLA NASCITA DI LEONARDO SCIASCIA

100 ANNI       DALLA NASCITA DI GIORGIO STREHLER

150 ANNI       DOPO GIUSEPPE RENSI

700 ANNI       DOPO DANTE ALIGHIERI

 

 * * *

TUTTE LE INFORMAZIONI SU…

 

LA MILANESIANA 2021

Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia Sport

Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi

 

VENTIDUESIMA EDIZIONE

 

13 giugno – 6 agosto 2021

Letteratura Musica Cinema Scienza Filosofia Teatro Diritto Economia e Sport

 

23 giugno – 26 settembre 2021

Arte

 

#milanesiana21

Sito web www.lamilanesiana.eu  http://www.elisabettasgarbi.it

Facebook La Milanesiana    Elisabetta Sgarbi

Instagram @lamilanesiana  @ElisabettaSgarbi

Twitter @LaMilanesiana  @ElisabettaSgarbi

YouTube La Milanesiana   Elisabetta Sgarbi/Betty Wrong

 * * *

 

Milano, 11 maggio 2021 – Presentato da Elisabetta Sgarbi il programma della ventiduesima edizione de La Milanesiana Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia e Sport

Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi.

Il tema della Milanesiana 2021, scelto da Claudio Magris, è IL PROGRESSO.

In programma oltre 65 incontri, più di 150 ospiti italiani e internazionali, 10 mostre, in 25 città.

La Milanesiana è promossa da Comune di Milano e Regione Lombardia.

È organizzata da Imarts International Music and Arts e Fondazione Elisabetta Sgarbi

 

DICHIARAZIONI

 

“Questa nuova edizione della Milanesiana,” ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, “arricchirà la nostra estate con un cartellone ampio e diversificato di eventi, accompagnando il ritorno alla normalità della nostra città. Stiamo vivendo un momento difficile, di lenta ma energica rinascita in cui la cultura, insieme al lavoro e alla solidarietà, è certamente uno dei motori trainanti. Ripartiamo dunque guardando avanti con la determinazione che in questi 22 anni Elisabetta Sgarbi e i suoi collaboratori hanno messo nella realizzazione di una rassegna sempre nuova. Grazie alla capacità di proporre formule originali e stimolanti per il pubblico, la Milanesiana è cresciuta a livello nazionale e internazionale confermando il primato di Milano anche nel campo della cultura.”

 

“Sin dal suo esordio, la Milanesiana di Elisabetta Sgarbi,” afferma Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e Cultura di Regione Lombardia, “ha rappresentato l’inatteso e sorprendente trait d’union ideale tra il termine delle stagioni ufficiali delle grandi e piccole istituzioni culturali e la rentrée milanese e lombarda. Si è imposta come una sorta di ponte, suggestivo e provocatorio, che per ventidue anni ha assicurato una continuità – eccentrica, policentrica e interdisciplinare – nella programmazione culturale meneghina e lombarda. Nel tempo, la Milanesiana è cresciuta e si è moltiplicata, ampliando confini disciplinari e geografici, con irriverenza pari a quella della più rara sperimentazione artistica. Nelle ultime edizioni, la manifestazione ha assunto una dimensione più lombarda, arrivando a coinvolgere, per esempio, una realtà virtuosa come il Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, e allargando il proprio orizzonte a tutta la realtà territoriale lombarda. Accompagnata anche dall’Assessorato che ho l’onore di guidare, la Milanesiana ha attraversato con coraggio la lunga stagione pandemica, raddoppiando nel 2020. E ora si ripresenta al pubblico più forte e vivace che mai, con un programma – come sempre – accattivante e di grande attrattività, elementi essenziali in questo momento per riportare i cittadini a frequentare i luoghi e gli istituti della cultura.”

 

Così interviene Piergaetano Marchetti, Presidente Fondazione Corriere della Sera: “La Milanesiana ha tratto dalla pandemia le energie non solo per resistere, ma per rafforzarsi. Costituisce oramai un appuntamento fondamentale, per la ricchezza dei temi trattati, per lo spessore delle persone coinvolte, per la varierà dei suoi format, nel panorama culturale dell’intero Paese.”

 

“Stiamo realizzando quanto ho sempre desiderato: un festival sempre più aperto e curioso, senza interruzioni, in continua ebollizione, che viaggia, si diffonde e si moltiplica. La Milanesiana 2021 – dedicata al Progresso e dunque anche alle illusioni, agli errori e ai passi falsi – inizia il 13 giugno e (non) finirà il 4 agosto, perché in autunno saremo a Codogno e a Parigi,” conclude Elisabetta Sgarbi, Direttore artistico de La Milanesiana.

 

 

 

I PARTNER DELLA MILANESIANA

Istituzioni Comune di Milano, Regione Lombardia, Regione Emilia-Romagna, APT Regione Emilia-Romagna, Regione Veneto, Regione Marche, Comune di Villafranca di Verona, Comune di Ascoli Piceno, Comune di Sondrio, Comune di Bormio, Comune di Bassano del Grappa, Comune di Urbino, Comune di Alessandria

Main sponsor BMW, Intesa Sanpaolo, ENEL, Rotary Club Bormio Contea, Rotary Club Monza, Grafica Veneta

Sponsor Università IULM, Borsa Italiana, Almo Collegio Borromeo, GFK, Villa Bogdano 1880, MM SpA, Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer, Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A., Fondazione BPM, PBA, Fondazione AEM, Fondazione Cariplo, M.Ar.Co. Monza Arte Contemporanea, Fondazione Pro Valtellina, Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, Lions Club Sondrio Host, Lions Club Sondrio Masegra, Lions Club Morbegno, Lions Club Tellino, SEV – Società Economica Valtellinese, Generali Schena Assicurazioni

Collaborazioni Corriere.it, Bookcity, Salone Internazionale del Libro di Torino, Nexo Digital, IBS.it-LaFeltrinelli.it, Netphilo Publishing, Galleria Vik Hotel

 

LA ROSA E LE DUE SIGLE DELLA MILANESIANA

La Rosa dipinta da Franco Battiato, che accompagna La Milanesiana sin dalla prima edizione, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli.

Due sigle degli EXTRALISCIO saranno la colonna sonora anche quest’anno de La Milanesiana: Il ballo della Rosa e Milanesiana di Riviera. Quest’ultimo brano è tratto da E’ bello perdersi, l’album edito da Betty Wrong Edizioni Musicali uscito lo scorso marzo. Al gruppo romagnolo è dedicato il film di Elisabetta Sgarbi EXTRALISCIO. Punk da balera – Si ballerà finché entra la luce dell’alba che uscirà i 14 giugno in 120 sale cinematografiche italiane, in collaborazione con Nexo Digital.

 

LA MILANESIANA VIAGGIA IN ITALIA, IN 21 CITTÀ

Raddoppiano in questa ventiduesima edizione le città che ospiteranno la Milanesiana, confermando il carattere itinerante del Festival che ormai da diverse edizioni percorre l’Italia.

Oltre a Milano, città cardine del programma, in cui si svolge il maggior numero di eventi, la Milanesiana sarà in altre sei città della Lombardia – Bergamo, Bormio, Pavia, Monza, Gardone Riviera – e, per la prima volta, a Sondrio dove il festival, il 13 giugno, si aprirà. La Milanesiana andrà in scena alla Venaria Reale di Torino, e grazie alla collaborazione con Regione Veneto saremo di nuovo a Bassano del Grappa e a Villafranca di Verona. Si confermano le tappe marchigiane di Ascoli Piceno e Urbino e una serata ad Alessandria.

Grazie alla collaborazione con Regione Emilia-Romagna e APT Regione Emilia-Romagna, il festival tornerà in numerose località della riviera romagnola dopo gli straordinari successi dello scorso anno, e approderà anche a Bologna e Parma.

La Milanesiana si concluderà in Toscana con le tappe di Firenze e Fiesole.

 

 

LA MILANESIANA 2021 ABITERÀ I SEGUENTI LUOGHI:

Milano: Castello Sforzesco, Spazio Teatro No’hma, Palazzo Reale, BMW Milano Urban Store, Piccolo Teatro Strehler, Cinema Mexico

Torino: Venaria Reale

Bergamo: Galleria Ceribelli

Bormio: Piazza del Kuerc, Banca Popolare di Sondrio

Bologna: Piazza Maggiore

Monza: Piazza Duomo e M.Ar.Co. Monza Arte Contemporanea

Sondrio: Piazza Garibaldi

Pavia: Almo Collegio Borromeo

Alessandria: Piazza Vittorio Veneto

Ascoli Piceno: Teatro Ventidio Basso, Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele, Pinacoteca di Ascoli

Urbino: Piazza Rinascimento

Bassano del Grappa: Castello degli Ezzelini

Gardone Riviera: Vittoriale degli Italiani – Anfiteatro Romano

Villafranca di Verona: Castello Scaligero

Firenze: sede da definire

Parma: Auditorium Paganini

Fiesole: Teatro Romano

Venezia: Ca’ Sagredo

Oltre alle piazze e ai teatri all’aperto dell’Emilia-Romagna di Sant’Arcangelo di Romagna, Rimini, Ravenna e Marina di Ravenna, Gatteo Mare, Cervia.

 

In autunno la Milanesiana sarà a Codogno, Trieste e Parigi

 

LA MILANESIANA E L’ARTE

La Milanesiana, come nelle recenti edizioni, dedica all’arte un ampio periodo di tempo che supera la durata del Festival. Quest’anno verranno presentate dieci mostre di cui sono protagonisti il disegno, la fotografia, la pittura, la scultura. Sono dedicate a Simone Cristicchi, Giuseppe Leone, Esther Mahlangu, Gianfranco Ferroni (a vent’anni dalla scomparsa), Adelchi Riccardo Mantovani, Giuseppe Nicoloro, Manuel Palmieri e Leonardo Lucchi, Mario Cavaglieri e  Pietro Antonio Magatti.

La scultura luminosa La Rosa della Milanesiana, realizzata da Marco Lodola, sarà donata dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi al Comune di Ascoli. L’anno scorso l’opera fu donata dalla Fondazione al Comune di Cervia-Milano Marittima.

A grandi artisti sono poi dedicati alcuni spettacoli di voce e musica che vedono protagonisti Marco Goldin, autore della monumentale biografia di Vincent Van Gogh e Vittorio Sgarbi. In diversi appuntamenti il critico svela i legami tra Federico Fellini e le amate opere di Guido Cagnacci che il regista volle esporre al Gran Hotel di Rimini, racconta la vita di Caravaggio e, in una Lectio illustrata ad Alessandria, ripercorre la presenza di San Francesco nell’arte, con l’accompagnamento musicale di Dado Moroni.

 

 

 

LE MOSTRE

Simone Cristicchi. Happy Sketches / Natura Umana

Torino, Venaria Reale

23 giugno – 26 settembre

Intervengono Simone Cristicchi, Elisabetta Sgarbi

 

Giuseppe Leone. Metafore

Bergamo, Galleria Ceribelli

25 giugno – 11 settembre

In collaborazione con Galleria Ceribelli, Ciaccio Arte

A cura di Mario Andreose e Elisabetta Sgarbi

Intervengono Giuseppe Leone, Pietrangelo Buttafuoco, Mario Andreose, Elisabetta Sgarbi

 

Esther Mahlangu. BMW Art Car

Milano, BMW Milano Urban Store

29 giugno – 9 luglio

In collaborazione con BMW

Intervengono Massimiliano Di Silvestre (Presidente e AD BMW Italia), Elisabetta Sgarbi

 

Le foto di Gianfranco Ferroni. A 20 anni dalla scomparsa e una scoperta

Monza, M.ar.co Monza Arte Contemporanea

4 luglio – 20 luglio

In collaborazione con M.ar.co – Monza Arte Contemporanea

A cura di Andrea Zucchinali
Intervengono Antonio Gnoli,  Arialdo Ceribelli, Giulia Bellezza, Elisabetta Sgarbi

 

Adelchi Riccardo Mantovani. Sogni lungo il Po

Bormio, Banca Popolare di Sondrio

6 luglio – 5 settembre

In collaborazione con Rotary Club Bormio Contea, Banca Popolare di Sondrio, Ciaccio Arte

A cura di Angela Bighi e Vittorio Sgarbi

Intervengono Adelchi Riccardo Mantovani, Mario Alberto Pedranzini (Direttore Generale Banca Popolare di Sondrio), Paola Romerio Bonazzi,  Angela Bighi, Vittorio Sgarbi, Elisabetta Sgarbi

 

Gianfranco Ferroni. Metafisica di una stanza

Ascoli Piceno, Pinacoteca di Ascoli

In occasione del 20mo anniversario dalla morte di Gianfranco Ferroni

19 luglio – 19 settembre

In collaborazione con Comune di Ascoli Piceno, Regione Marche, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Circolo cultural-mente insieme, Galleria Ceribelli, Ciaccio Arte

A cura di Arialdo Ceribelli

Proiezione di La notte che si sposta – Gianfranco Ferroni, di Elisabetta Sgarbi

Intervengono Stefano Papetti,  Arialdo Ceribelli, Elisabetta Sgarbi, Vittorio Sgarbi

 

La Rosa della Milanesiana fiorisce a Ascoli di Marco Lodola

Ascoli Piceno, Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele

Inaugurazione e posa martedì 20 luglio ore 17.00

In collaborazione con Comune di Ascoli Piceno, Regione Marche, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Circolo cultural-mente insieme, Galleria Ceribelli, Ciaccio Arte

Monumento di Marco Lodola

Donato dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi al Comune di Ascoli

Intervengono Donatella Ferretti (Assessore alla Cultura del Comune di Ascoli), Elisabetta Sgarbi, Marco Lodola

 

Milanesiana di Riviera. Artisti e paesaggi

Marina di Ravenna, Galleria FaroArte di Pericle Stoppa

1 agosto – 15 agosto

In collaborazione con Regione Emilia-Romagna, Ciaccio Arte

Fotografie di Giuseppe Nicoloro e Manuel Palmieri

Scultura di Leonardo Lucchi

A cura di Elisabetta Sgarbi e Luca Volpatti

 

Mario Cavaglieri

Venezia, Ca’ Sagredo

Inaugurazione 6 agosto

Uno straordinario pittore, materico, pieno di colori e accensioni, un Klimt veneziano, nato a Rovigo nel 1887, morto in Francia nel 1969.

Intervengono Massimo Donà, Elisabetta Sgarbi e Vittorio Sgarbi

 

I progetti di allestimento sono a cura di Luca Volpatti.

 

La Milanesiana 2021 inizia il 13 giugno a Sondrio e ospita in piazza Garibaldi Enrico Ruggeri prima in dialogo con Candida Morvillo e, a seguire, in concerto. Il 14 giugno ci spostiamo a Milano, al Piccolo Teatro Strehler, dove la Milanesiana renderà omaggio a Giorgio Strehler – fondatore del teatro –  a cento anni dalla sua nascita con lo spettacolo, trasmesso anche in streaming, “Giorgio Strehler, ragazzo di 100 anni”. Dopo il prologo letterario della candidata al premio Strega Edith Bruck, seguiranno gli interventi di Ottavia Piccolo, Massimo Ranieri, Ornella Vanoni, Andrée Ruth Shammah e Piergaetano Marchetti.

Il 19 giugno la Milanesiana sarà a Milano al cinema Mexico, con una giornata dedicata al regista Franco Piavoli, con la proiezione di quattro suoi lungometraggi.

 

I PREMI DELLA MILANESIANA 2021

Premio Omaggio al Maestro / La Milanesiana a Giuliano Montaldo

Premio Rosa d’oro della Milanesiana per il Cinema a Franco Pievoli

Premio Futuro – Villa Bogdano 1880 / La Milanesiana ad Alberto Mantovani e Anne Boyer

Premio Rosa d’oro della Milanesiana a Hervé Le Tellier

Premio Milanesiana / Jean-Claude Fasquelle a Michel Houellebecq

 

 

 

LA LETTERATURA E GLI APPUNTAMENTI DEDICATI A DANTE

Gli incontri letterari sono sempre momenti centrali de La Milanesiana e l’edizione 2021 conferma questa caratteristica: avremo la presenza dei Premi Goncourt Tahar Ben Jelloun, Amin Maalouf e Hervé Le Tellier, presidente di Oulipo-Ouvroir de Littérature Potentielle, di Anne Boyer ed Eshkol Nevo, Aldo Schiavone, Massimo Cacciari e Claudio Magris con le loro Lectio, letture del due volte Premio Pulitzer Jobi Warrick, del vincitore del National Jewish Book Award Ilya Kaminsky e del due volte Premio Strega Sandro Veronesi, di Rula Jebreal autrice del recente Il cambiamento che meritiamo.

Accoglieremo il ritorno del Premio Nobel per la Letteratura Wole Soyinka con la sua lettura sul tema “La città dei vivi e La terra dei felici”, a Pavia insieme a Nicola Lagioia e Andrea Moro, in collaborazione con Almo Collegio Borromeo e il Salone Internazionale del libro di Torino. E ancora la lettura illustrata dedicata ai diritti umani di Oliviero Toscani, le poesie di Lucrezia Lerro, le letture di Maria Antonia Avati, Katharina Volckmer e Patrick McGrath il cui nuovo romanzo è di prossima uscita.

 

La Milanesiana dedica quattro appuntamenti a Dante in occasione dei 700 anni dalla sua morte. Il primo vede il ritorno, dopo la sua presenza alla prima edizione della Milanesiana nel 2000, di Arto Lindsay, impegnato nella Lectura Dantis Voce e Vortice”, concerto per voce e chitarra. Di nuovo Dante protagonista della Lectio Magistralis di Aldo Cazzullo “A riveder le stelle”, le letture illustrate di Vittorio Sgarbi e Giulio Ferroni dedicate aDante, l’inferno e l’Italia” e infine a Ravenna il dialogo tra Pupi Avati e l’editore Mario Andreose per “Dante, il cinema, la musica”.

 

IL CINEMA

Da sempre una delle sezioni più importanti della Milanesiana, in questa edizione il Cinema sarà presente con grandi maestri e straordinari protagonisti (c’era ripetizione) sulla scena. Per la Rosa Monografica de La Milanesiana si celebreranno Franco Piavoli e Giuliano Montaldo. A Piavoli – che riceverà il Premio Rosa d’oro della Milanesiana per il Cinema – sarà dedicata una giornata che prevede il dialogo del regista con Paolo Mereghetti e la proiezione di quattro suoi lungometraggi Il pianeta azzurro (1982, 83’), Nostos – Il ritorno (1989, 87’), Voci nel tempo (1996, 86’),  Al primo soffio di vento (2002, 85’). Giuliano Montaldo riceverà il Premio Omaggio al Maestro de La Milanesiana. In programma, un dialogo del regista con Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna, letture di Elisabetta Montaldo e le proiezioni di Sacco e Vanzetti (1971, 120’), Tiro al piccione (1961, 114’), Giordano Bruno (1973, 123’).

A Parma, il 4 agosto, è prevista una lunga serata dedicata a Bernardo Bertolucci con letture di Laura Morante, Paolo di Paolo, Tiziana Lo Porto, Michele Guerra. A seguire lo spettacolo “Bernardo Bertolucci – Pièce su 5 fotogrammi” di Ermanna Montanari e Marco Martinelli, con un’ulteriore proiezione, “Bertolucci inedito, a cura di Michele Guerra.

 

IL TEATRO

La Milanesiana torna al Teatro No’hma di Milano con una lettura di Sandro Veronesi e lo spettacolo di Michela Cescon “Alberto Moravia – La donna leopardo Concept Opera, a trent’anni dall’uscita dell’omonimo romanzo pubblicato postumo. Protagonisti Michela Cescon, Lorenzo Pavolini e Paolo Sassanelli.

Ricchissimo il programma teatrale a Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno che ospiterà lo spettacolo “7-14-21-28 di Antonio Rezza e Flavia Mastrella che saranno anche sul palco del Vittoriale degli Italiani con un altro loro classico, “Pitecus. In scena anche lo spettacolo di Vittorio Sgarbi, con musiche di Valentino Corvino, dedicato a “Caravaggio”, particolarmente atteso nell’anno della scoperta e attribuzione a Michelangelo Merisi dell’Incoronazione con le spine. In seguito il critico presenterà in anteprima assoluta a Rimini lo spettacolo Fellini e Cagnacci”. In programma anche “De André-Gene Gnocchi” con un dialogo su Fabrizio De André di Francesca Serafini e Dori Ghezzi e lo spettacolo di e con Gene GnocchiSe non ci pensa Dio, ci penso io”. Sempre ad Ascoli, un’anteprima: lo spettacolo “Parola” di e con Michele Placido e Giovanni Caccamo ispirato ai libri di Giuseppe Sgarbi: il prologo poetico è di Lucrezia Lerro, con le immagini di Yervant Gianikian.

Il teatro si unisce allo sport in “Italia Mundial” di e con Federico Buffa che si terrà a Bormio in Piazza del Kuerc.

La Milanesiana torna a Firenze dove si terrà un dialogo di Elio con Gianpaolo Donzelli e lo spettacolo di Francesco BianconiPinocchio!”. Infine il “Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show” e un omaggio a Secondo Casadei chiuderanno a Gatteo Mare gli appuntamenti del 2021 con il teatro.

 

LA MUSICA

Moltissima la musica a La Milanesiana 2021, a partire da Enrico Ruggeri in concerto nella serata inaugurale del festival a Sondrio per proseguire con i concerti degli EXTRALISCIO, autori anche quest’anno delle sigle della Milanesiana, un gruppo che ha conquistato, tra gli altri, il palco dell’ultimo Sanremo. Si avrà modo di seguirli in cinque performance, da Milano, il 23 giugno, giornata di apertura della Milanesiana 2021, a Bormio preceduti da un intervento di Lapo Elkann, sino a Fiesole, con il concerto “E’ bello perdersi Tour d’Italie” al Teatro Romano, che chiuderà questa edizione.

Troveremo in programma grandi protagonisti della musica classica: Antonio Ballista, Ramin Bahrami e il concerto di Uto Ughi con Andrea Bacchetti, Leonardo Mazzarotto e Hildegard De Stefano, protagonisti della fiction La compagnia del cigno, e infine la pianista Gile Bae. Il 22 giugno la Milanesiana sarà al Vittoriale degli italiani, nel Teatro Romano, con il concerto di Emir Kusturiza e La No Smoking Orchestra.

Attese le esibizioni di Michele Sganga, Pacifico, Alice che interpreterà Franco Battiato a quarant’anni da La voce del padrone, la pianista Giuseppina Torre, il jazz di Omar Sosa e Paolo Fresu.  In programma anche la performance di Tosca per la prima volta con Roma Sinfonietta in un omaggio a Ennio Morricone, il concerto di Morgan, Elio che canterà e reciterà Enzo Jannacci, la conversazione e musica in occasione dei trent’anni dei Modena City Ramblers e infine Roberta Cappelletti in un omaggio a Secondo Casadei.

 

LA SCIENZA

La scienza sarà protagonista di diversi appuntamenti a partire da quelli che si svolgeranno presso il BMW Milano Urban Store dedicati al tema “La velocità delle arti. La scienza”, letture e conversazioni con la partecipazione, tra gli altri, del Presidente di AIFA Giorgio Palù. Il tema “Il progresso. Tra scienza e letteratura” vedrà protagonisti l’immunologo Alberto Mantovani, il Premio Pulitzer Anne Boyer, che riceveranno il Premio Futuro – Villa Bogdano 1880Eshkol Nevo e Hervé Le Tellier.

 

LO SPORT, UNA NUOVA VOCE DE LA MILANESIANA

Il 2021 sarà anche l’anno dell’esordio dello Sport alla Milanesiana. Questo è infatti un nuovo importante ingresso nell’ampia varietà di temi di un festival che ha da sempre la vocazione a includere e contaminare arti e discipline diverse. Federico Buffa, giornalista, telecronista sportivo e scrittore, sarà il protagonista a Bormio dello spettacolo “Italia Mundial”, di cui è anche l’autore, accompagnato dal piano di Alessandro Nidi.

 

GLI INCONTRI DELLE ORE 12 – IL DIRITTO

In streaming su Corriere.it e sui canali La Milanesiana

Anche in questa edizione de La Milanesiana Piergaetano Marchetti cura la sezione Diritto, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Fondazione AEM e Fondazione Corriere della Sera.

Gli incontri in diretta streaming su Corriere.it e sui canali La Milanesiana sono ormai un appuntamento tra i più attesi. Sono infatti l’occasione di avvicinare il grande pubblico ai temi centrali della convivenza, alle regole che tengono insieme la società e alle loro evoluzioni attraverso le voci dei rappresentanti delle Istituzioni. Con il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi si affronterà il temaIl diritto alla buona scuola oggi”. Con Dario Franceschini, Ministro della Cultura, si parlerà di “Artista, Stato, mecenate”. Il tema “Nella selva oscura delle leggi” sarà affrontato in un dialogo tra Natalino Irti, il giuslavorista Franco Toffoletto, il Presidente di Enel Michele Crisostomo, il giurista Guido Alpa e Alessandro Aresu, consigliere scientifico della rivista Limes.

 

GLI INCONTRI AL BMW MILANO URBAN STORE – LA VELOCITÀ DELLE ARTI

Partono il 29 giugno gli incontri presso il BMW Milano Urban Store. Il tradizionale appuntamento con l’auto d’artista – trasformata dalla creatività di un autore internazionale come è stato in passato con le opere firmate tra gli altri da Alexander Calder, che iniziò questo ciclo, Andy Warhol e Jenny Holzer – avrà come protagonista quest’anno la pittrice sudafricana Esther Mahlangu con il progetto “Esther Mahlangu. Bmw art car. Interverranno Massimiliano Di Silvestre, Presidente e AD BMW Italia, e Elisabetta Sgarbi.  Sempre il 29 giugno, andrà in scena “La velocità delle arti. La scienza, letture e dialogo con Giorgio Palù, Presidente AIFA, Eliana Liotta, Massimo Clementi, Fabrizio Gatti e Gianpaolo Donzelli. Introduce e coordina Sara Chiappori. Il 30 giugno “La velocità delle arti. La musica”, conversazione e musica in occasione dei trent’anni dalla fondazione dei Modena City Ramblers. Introduce e coordina Matteo Cruccu, interviene Roberto Olivi, Direttore Relazioni Istituzionali e Comunicazione BMW Italia. L’ 1 Luglio, Enrico Ruggeri dialoga con Matteo Cruccu. Segue il concerto di Michele Sganga.  Il 2 luglio, “La velocità delle arti. La musica e la scrittura”, conversazione e musica con Pacifico. Introduce e coordina Enzo Gentile.

 

LA MILANESIANA RICORDA, NELL’ARCO DEL SUO PROGRAMMA, I SEGUENTI ANNIVERSARI:

700 anni dalla morte di Dante Alighieri

150 anni dalla nascita di Giuseppe Rensi

100 anni dalla nascita di Giorgio Strehler

100 anni dalla nascita di Leonardo Sciascia

90 anni di Giuliano Montaldo

80 anni di Bernardo Bertolucci

30 anni da La donna leopardo, l’ultima opera pubblicata postuma di Alberto Moravia

40 anni da La voce del padrone di Franco Battiato

50 anni senza Secondo Casadei

30 anni del gruppo musicale Modena City Ramblers

20 anni senza Gianfranco Ferroni

 

LA MILANESIANA D’AUTUNNO

A settembre La Milanesiana sarà a Codogno, in collaborazione con TDM Teatri, Comune di Codogno, Fondazione Opere Pie riunite di Codogno, per una mostra – la decima – e un incontro dedicato alla attualità di Pietro Antonio Magatti, pittore nato a Varese, 20 giugno 1691. Sempre in  settembre, nell’ambito della Mostra del Cinema di Venezia, iniziamo la collaborazione con l’Associazione Kineo, per il conferimento del Premio Kineo. A Trieste incontreremo il filosofo Ervin Laszlo, presente anche Riccardo Illy, in collaborazione con la Fondazione Ervin Laszlo. A Milano ricorderemo la figura di Václav Havel, primo Presidente della Repubblica Ceca, drammaturgosaggista e poeta ceco, dissidente e perseguitato politico sotto il regime comunista, a dieci anni dalla scomparsa. Ma a novembre, La Milanesiana andrà oltre confine, a Parigi.

 

L’accesso ai singoli eventi sarà regolato dalle norme in vigore e le modalità saranno specificate sul programma e sul sito www.lamilanesiana.eu.

 

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook e su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: