Home > Interviste > CASTROREALE MYSTERY FESTIVAL 2021: incontro con Cristina Marra

CASTROREALE MYSTERY FESTIVAL 2021: incontro con Cristina Marra

luglio 13, 2021

Intervista a Cristina Marra, direttrice e conduttrice del Castroreale Mystery Festival

 * * *

di Eliana Camaioni

Si è da poco chiusa, con grande successo di pubblico, la seconda edizione del Castroreale Mystery Festival, condotta e diretta da Cristina Marra (nella foto accanto). Tre serate dedicate al mistero, ai romanzi gialli e non solo, patrocinata dal Comune e dalla pro loco di Castroreale.
Abbiamo intervistato Cristina Marra, a Festival concluso.

– Tre serate dedicate al mistero. Ce le racconti?
Sì sono state tre giornate dedicate al mistero, a partire da quello dei luoghi, dei libri, dell’animo umano, misteri che ci coinvolgono e di cui siamo anche protagonisti. Sono stati tre pomeriggi in cui i libri hanno incontrato la musica, i profumi, i fumetti in una mescolanza di talenti ed eccellenze. Abbiamo inaugurato venerdi 2 luglio la prima giornata di questa seconda edizione (la prima in presenza) del festival con un incontro dedicato ai bambini col racconto teatralizzato dedicato ai misteri di Castroreale dell’attrice Nunzia Lo Presti e poi un’accoppiata inedita, il direttore creativo di Eoliparfums Olga Iossa insieme allo scrittore Diego Lama autore del giallo “Tutti si muore da soli” e poi ancora l’intervista in diretta streaming col maestro del thriller psicologico Wulf Dorn. Piazza Pertini, la sede della manifestazione è stata gremita dal pubblico e non ti nascondo che rifare incontri col pubblico partecipe e con cui puoi condividere emozioni e sorrisi è stato bellissimo. Nel rispetto delle norme anti virus, il festival ogni sera ha garantito sicurezza e svago. Ne abbiamo tutti bisogno e lo abbiamo ricordato a ogni incontro. Il sabato è stato dedicato in toto al sud con un incontro tra la Basilicata nera raccontata da Piera Carlomagno in “Nero lucano” e la Sicilia misteriosa di Fabrizio Escheri col suo “La strantuliata” e di Giorgio Lupo autore di “La tana del polpo”; “Mistero siciliano” di Annalisa Stancanelli con la sua indagine su Archimede ha incontrato quello altrettanto affascinante del giallo shakespeariano di Elvira Siringo con “L’ultima erede di Shakespeare” e infine il viaggio tra parole e musica di Marco Steiner con l’accompagnamento musicale di Stefano Meli ci ha accompagnati allo scoperta del protagonista del suo “Nella musica del vento”. Passeggiate e tour per Castroreale hanno anticipato l’ultima giornata che ha visto protagonisti il collettivo Sicilia Niura rappresentato da Rosario Russo e Alberto Minnella e  il giallista esordiente Alessandro Buttitta autore di “L’isola di caronte” e per concludere l’ultimo incontro è stato dedicato ai misteri di Caravaggio con Annalisa Stancanelli e il suo “Forse non tutti sanno che Caravaggio” e il fumettista Lelio Bonaccorso che ha disegnato “Caravaggio e la ragazza” scritto da Nadia Terranova. Insomma, sono state giornate di indagini, scoperte e nuovi misteri  che hanno avuto anche una mostra dedicata ai libri di Agatha Christie e curata da Carmelo Pace. Infine vorrei dire grazie alla mascotte del festival “Il malasino” realizzata dall’artista Maurizio Calabrò.

-Fra gli autori alcuni esordienti di talento. E il collettivo Sicilia Niura di cui sei madrina. E’ davvero splendido questo tuo dare spazio alle voci nuove, che testimoniano una vitalità eccezionale in Sicilia.
Mi piace indagare sulle nuove voci narrative, dare spazio nei miei festival a scrittori esordienti e di talento che magari non hanno subito la visibilità che meritano. Un festival deve essere un mix di novità, di voci affermate e di penne giovani e spero di aver raggiunto il risultato. Ho avuto Fabrizio Escheri, Giorgio Lupo, Alessandro Buttitta e  il collettivo Sicilia Niura che  nasce dall’entusiasmo di quattro scrittori che sono anche lettori fortissimi, che conoscono il territorio siciliano, ne studiano le espressioni letterarie più significative e esplorano nuove realtà narrative con l’obiettivo di raccontare i vari volti della Sicilia.

-Misteri letterari si sono intrecciati a misteri della storia, misteri celati nelle immagini e addirittura nei profumi: un’indagine che ha visto sposarsi a meraviglia linguaggi diversi eppure sincronici.
Era questo il mio obiettivo. Mi è piaciuto creare una contaminazione tra letteratura e altre espressioni d’arte , profumi, musiche, disegni, tutto all’insegna della celebrazione del libro, della bella scrittura che regala emozioni e sensazioni e si sposa con le essenze e le note che sanno di mistero. Abbiamo viaggiato con tutti i sensi, abbiamo indagato seguendo odori e ascoltando musiche e ci siamo lasciati incantare dai disegni.

-Il comune di Castroreale ha fortemente voluto questa iniziativa che finalmente è potuta avvenire in presenza. E quando il territorio incontra la tua passione e professionalità è un successo annunciato…
Ti ringrazio molto, io organizzo ogni festival mettendo il cuore, mi innamoro dei luoghi e li infarcisco con incontri ed eventi legati al territorio ma anche portando elementi di novità. L’assessore alla cultura  Mariella Sclafani ha fortemente voluto un festival di questo tipo a Castroreale e insieme abbiamo lavorato affinchè il borgo avesse una manifestazione che esaltasse le sue bellezze e i suoi misteri e facesse conoscere Castroreale a ospiti nazionali e internazionali in nome della promozione alla lettura e al turismo culturale. L’assessorato alla cultura del Comune  con la Pro Loco hanno reso possibile la realizzazione di questo lungo weekend misterioso. L’assessore alla cultura ha creduto fortemente nel progetto del festival ed è stata instancabile e disponibile e ci tengo a ringraziarla anche qui per la fiducia che ha avuto nelle mie capacità. Siamo stati una squadra forte, appassionata e metto dentro la cocoproduzioni che ha curato la comunicazione e i social e tutto lo staff tecnico diretto da Natale Mirabile. Vorrei anche ricordare la presentazione in streaming di Wulf Dorn che ha fatto conoscere Castroreale anche ai lettori del maestro del thriller psicologico. Grazie a tutti!

-Quando e dove ritroveremo Cristina Marra?
Mi troverete di nuovo a zonzo per l’Italia e soprattutto al Meridione con il mio trolley ripieno di libri e di sogni. A breve dovrei riprendere Lipari Noir Festival  e altre rassegne, insomma il mio viaggio è ricominciato.
Grazie!

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: