Home > Parole: tra cielo e terra > RIME DI RABBIA di Bruno Tognolini

RIME DI RABBIA di Bruno Tognolini

luglio 15, 2021

RIME DI RABBIA“Rime di rabbia” di Bruno Tognolini (Salani Editore)

* * *

di Helena Molinari

Ci sono libri indispensabili.
Ogni lettore ha i suoi “classici” non ascrivibili necessariamente a generi letterari cosiddetti o ai “classici medesimi”.
Ci sono anche libri apparentemente riconducibili solo a una fascia d’età, in verità palesemente condivisibili da tutti.
È il caso del libro “tra cielo e terra” del mese di luglio; con il quale voglio augurarvi un proseguimento sereno d’estate, rinnovando il nostro consueto appuntamento mensile qui su Letteratitudine a settembre.

Un libro piccolo e per me imprescindibile, insomma un “classico” forse non così noto se non si frequentano gli scaffali di scrittori per bambini e ragazzi.
Ecco “Rime di rabbia”, il volumetto nero e blu tendente al turchese di Bruno Tognolini, lì stona.
Di diritto lo sistemerei tra la narrativa senza età, perché le cinquanta invettive per le rabbie di tutti i giorni in esso contenute vi assicuro sanno accontentare il poco o tanto bambino o adolescente che abitano ognuno di noi.
La rabbia si fa scudo per amore, rivendica cielo, terra, appartenenze, la nostra storia con le mani piantate nella pozzanghera, nel fango e gli occhi color del suo riflesso di cielo sopra.
Rime di tutta la nostra tristezza indifesa, che fa con le parole un guazzabuglio di gesti sfacciati, goffi o irosi, che si fa le sue ragioni.
C’è l’invettiva dei piccoli alle regole dei grandi e dei grandi la poca cosa che rimane, la consapevolezza dell’inutile comando che a guardarli vivere a volte si vive di più e c’è più Dio che in tutte le cattedrali del mondo.

“Chiedi il permesso!
Se tocchi cose mie, chiedi il permesso!
Le mie cose sono un regno
Custodito dai miei draghi
Chiuso dentro un duro scrigno
Incantato dai miei maghi
Sprofondato in neri antri
Tu non entri!
Tu sei grande, hai tutto il tempo, hai tutto il mondo
Io ho solo questo
Ma questo è mio
È un regno piccolo ma lì ci sono io
E io son piccolo
Ma fa lo stesso
Se tocchi le mie cose devi chiedere il permesso!”

* * *

* * *

La scheda del libro: “Rime di rabbia” di Bruno Tognolini (Salani Editore)

RIME DI RABBIACinquanta invettive per le grandi rabbie dei piccoli, e per le piccole rabbie dei grandi. Poesie furiose, amare, esagerate, dolenti e spassose, che offrono ai bambini arrabbiati ‘parole per dirlo’. Parole poetiche e belle, perché magari, dicendole bene, la rabbia fiammeggia meglio e sfuma prima. Poesie da leggere per ridere, per piangere, o per consolarsi. E magari da copiare sul diario di un amico che ci ha offeso, su un bigliettino da inviare a un insolente

 * * *

Bruno Tognolini è nato a Cagliari nel ’51, ha studiato al DAMS di Bologna nel ’79, e ora vive un po’ a Bologna, un po’ a Lecce, e un po’ in viaggio nei mille incontri coi lettori. Dopo un decennio di teatro negli anni Ottanta, è ormai da trent’anni autore ‘per i bambini e i loro grandi’. Ha scritto poesie, romanzi e racconti (quarantacinque titoli con i maggiori editori nazionali), programmi televisivi (quattro anni di Albero Azzurro e undici di Melevisione), testi teatrali, saggi, videogame, canzoni e altre narrazioni. È stato premio Andersen nel 2007 e nel 2011. Altre notizie e testi su http://www.tognolini.com

* * *

Tutte le puntate di “Parole: tra cielo e terra” sono disponibili qui

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: