Archivio

Archive for agosto 2021

MICHELE PLACIDO interpreta ARNOLDO MONDADORI nella docu-fiction ‘Arnoldo Mondadori’

MICHELE PLACIDO È ARNOLDO MONDADORI NELLA DOCU-FICTION “ARNOLDO MONDADORI”

Michele Placido sarà Arnoldo Mondadori nella docu-fiction “Arnoldo Mondadori”, prodotta da Gloria Giorgianni per Anele in collaborazione con Rai Fiction, in onda prossimamente su Rai1, le cui riprese sono iniziate a Roma per proseguire sul Lago Maggiore e a Torino. 

 * * *

Una docu-fiction da 90’ diretta da Francesco Miccichè che ripercorre la storia esemplare del pioniere dell’industria editoriale italiana, un “self made man”, figlio di un ciabattino di Ostiglia, che con la sua straordinaria visione imprenditoriale ha creato una delle più importanti industrie culturali d’Europa, partendo da un grande sogno: portare i libri e la lettura nelle case di tutti gli italiani. Leggi tutto…

PICCOLO BOSCO FESTIVAL 2001

PICCOLO BOSCO FESTIVAL: al via la seconda edizione incentrata su diritti, legalità e storie umane –  dal 1° al 6 settembre, all’arena Tano Cimarosa, presso lo storico Don Minico sui Colli San Rizzo (ME)

Tra gli autori ospiti: Costanza Di Quattro, Simona Lo Iacono, Massimo Maugeri

 * * *

MESSINA – Prenderà il via mercoledì 1 settembre la nuova edizione del “Piccolo Bosco Festival” nell’atmosfera suggestiva dell’arena Tano Cimarosa, presso lo storico Don Minico sui Colli San Rizzo. Tanti e diversi gli appuntamenti che si svolgeranno ogni pomeriggio alle 17:30 fino a lunedi 6 settembre, e che verranno trasmessi in streaming sulla pagina FB del festival. Leggi tutto…

GIORGIO FONTANA VINCE IL PREMIO ALVARO-BIGIARETTI 2021

PREMIO LETTERARIO CORRADO ALVARO e LIBERO BIGIARETTI VII EDIZIONE: VINCE GIORGIO FONTANA

[Leggi: “Come nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: GIORGIO FONTANA racconta il suo romanzo PRIMA DI NOI (Sellerio)“]

 * * *
È Giorgio Fontana con il romanzo Prima di Noi (Sellerio) il vincitore della VII edizione del Premio Alvaro-Bigiaretti 2021. Il romanzo ha ottenuto la maggioranza dei voti sia della giuria scientifica sia della giuria popolare. Il Comitato Direttivo del Premio presieduto da Giorgio Nisini, riunito nella casa di campagna dei due scrittori, ha decretato vincitore il romanzo di Fontana, finalista della Cinquina di questa edizione insieme a Desideri deviati di Edoardo Albinati (Rizzoli), Il ritratto di Ilaria Bernardini (Mondadori), Kolja. Una storia familiare di Giulia Corsalini (Nottetempo) e Cuore di Furia di Romana Petri (Marsilio).
La giornata di premiazione si svolgerà in presenza (nel rispetto delle norme anti-covid) sabato 23 ottobre a Vallerano (VT) – Piazza dell’Oratorio, ore 10.30.

Leggi tutto…

Doppio riconoscimento per Elisabetta Sgarbi: Premio San Valentino e Premio Franco Enriquez

Due Premi in due giorni per Elisabetta Sgarbi: Premio San Valentino ‘Un gesto d’amore’ e Premio Nazionale Franco Enriquez 2021

* * *

Doppio riconoscimento per Elisabetta Sgarbi: regista, editrice de La Nave di Teseo e direttrice de La Milanesiana.

Il primo è stato conferito ieri, 29 agosto. Si tratta del Premio San Valentino ‘Un gesto d’amore’, tributato dal Comune di Terni a Elisabetta Sgarbi in quanto “presenza tra le più significative nel panorama della cultura italiana contemporanea, regista di rara sensibilità, autrice di importanti sceneggiature cinematografiche” che “con La nave di Teseo è riuscita a coniugare la modernità con la dignità d’un linguaggio letterario che non volta mai le spalle ai valori della tradizione“. Nell’albo d’oro del Premio San Valentino figurano personaggi del mondo della politica, della cultura e dell’economia quali Ibrahim Rugova, Michail Gorbaciov, Paul Batty e John Fitzgerald Kennedy Jr. La consegna del Premio avrà luogo oggi a Carsulae (Terni). Leggi tutto…

PREMIO VIAREGGIO–RÈPACI 2021: vincono Edith Bruck, Walter Siti e Flavio Santi

Edith Bruck, Walter Siti e Flavio Santi sono i vincitori dell’edizione 2021 del Premio Viareggio-Rèpaci

 * * *

Ecco i vincitori  della 92esima edizione  del Premio Viareggio-Rèpaci, la cui cerimonia finale si è svolta sabato 28 agosto a Viareggio:

Sezione Narrativa: Edith Bruck con “Il pane perduto” (La nave di Teseo)

Sezione Saggistica: Walter Siti con “Contro l’impegno. Riflessioni sul bene in letteratura” (Rizzoli)

Sezione Poesia: Flavio Santi con “Quanti (truciolature, scie, onde) 1999-2019” (Edizioni Industria & letteratura). Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 16 al 22 agosto – questa settimana segnaliamo “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana 16 al 22 agosto 2021

Questa settimana segnaliamo: “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord)

[leggi la recensione di Letteratitudine]

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Quando le montagne cantano” di Phan Que Mai Nguyen (Nord – traduzione di Francesca Toticchi)

Dal loro rifugio sulle montagne, la piccola Huong e sua nonna Dieu Lan sentono il rombo dei bombardieri americani e scorgono il bagliore degli incendi che stanno devastando Hanoi. Fino a quel momento, per Huong la guerra è stata l’ombra che ha risucchiato i suoi genitori, e adesso quell’ombra sta avvolgendo anche lei e la nonna. Tornate in città, scoprono che la loro casa è completamente distrutta, eppure non si scoraggiano e decidono di ricostruirla, mattone dopo mattone. E, per infondere fiducia nella nipote, Dieu Lan inizia a raccontarle la storia della sua vita: degli anni nella tenuta di famiglia sotto l’occupazione francese e durante le invasioni giapponesi; di come tutto fosse cambiato con l’avvento dei comunisti; della sua fuga disperata verso Hanoi senza cibo né denaro e della scelta di abbandonare i suoi cinque figli lungo il cammino, nella speranza che, prima o poi, si sarebbero ritrovati. E così era accaduto, perché lei non si era mai persa d’animo. Quando la nuova casa è pronta, la guerra è ormai conclusa. I reduci tornano dal fronte e anche Huong finalmente può riabbracciare la madre, Ngoc. Ma è una donna molto diversa da quella che lei ricordava. La guerra le ha rubato le parole e toccherà a Huong darle una voce, per aiutarla a liberarsi del fardello di troppi segreti… La saga di una famiglia che si dipana lungo tutto il Novecento, in un Paese diviso e segnato da carestie, guerre e rivoluzioni. Tre generazioni di donne forti, che affrontano la vita con coraggio e determinazione. Una storia potente e lirica insieme, che ci ricorda il valore dei legami familiari e gli ostacoli che siamo disposti a superare per rimanere accanto alle persone che amiamo.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
6 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
7 Circe Madeline Miller Marsilio 12,00 T
8 Il quaderno dell’amore perduto Valérie Perrin Nord 14,90
9 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
10 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

Comincia NAXOSLEGGE 2021

CULTURA: tra narrazione del contemporaneo, ricerca del passato e tre capitali della Cultura riunite in Sicilia, al via Naxoslegge 2021 con incontri, dibattiti e spettacoli al Parco di Naxos

Risultati immagini per naxoslegge letteratitudine

Novità: teatro del mito e cinema archeologico al Teatro della Nike

Un mese di eventi con tappe a Messina, Catania, Siracusa, Augusta, a Montalbano Elicona, Roccalumera, Castelmola e Letojanni. Il tema dell’anno, Limiti, e le sue declinazioni Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

#FUORILUOGO 2021

image#fuoriluogo 2021 – il Festival letterario della Città di Biella
da venerdì 3 a domenica 5 settembre – VII edizione
Tra gli ospiti:
Marco Balzano, Marta Barone, Francesco Costa, Carlo Cottarelli, Paolo di Paolo,
Oscar Farinetti, Ilaria Gaspari, Margherita Oggero, Omar Pedrini, Giulia Pompili,
Luca Scarlini, Simonetta Sciandivasci

 * * *

Dal 3 al 5 settembre torna #fuoriluogo, il festival letterario della Città di Biella. Dopo l’edizione online dello scorso novembre e gli appuntamenti di #fuoriluogo OFF di giugno 2021, che hanno visto la presenza di Alessandro Barbero, Luca Scarlini e i cinque finalisti del Premio Strega 2021, il festival torna finalmente in presenza per la sua settima edizione con un ricco programma di eventi. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

TERMINI BOOK FESTIVAL 2021

TERMINI BOOK FESTIVAL 2021: DAL 2 AL 4 SETTEMBRE TORNA LA SECONDA EDIZIONE

Giardino dell’Annunziata, Termini Imerese (PA) Leggi tutto…

PAOLO MALAGUTI racconta SE L’ACQUA RIDE

Se l'acqua ride - Paolo Malaguti - copertinaCome nasce un romanzo? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: PAOLO MALAGUTI racconta il suo romanzo “Se l’acqua ride” (Einaudi), finalista al Premio Campiello 2021

* * *

di Paolo Malaguti

Sulla copertina di un libro, assieme al titolo, si trova normalmente il nome dell’autore, ma questa convenzione, si sa, non rispecchia la realtà dei fatti. E non solo perché dietro a una pubblicazione c’è il lavoro di un’intera squadra (editor, grafici, addetti stampa e così via), ma perché, per quanto individuale e solitaria possa essere l’azione della scrittura, sono convinto che ogni autore arrivi a costruire un testo (narrativa, saggistica, poesia) sulla scorta di più incontri. Nel mio percorso questo principio si è sempre rivelato valido, mai però come in quest’ultimo romanzo, “Se l’acqua ride”.
Provo a procedere in ordine cronologico, e parto dal luogo in cui ho ambientato il romanzo, ossia la fetta di pianura padana compresa tra Padova, Venezia, Ferrara e il delta del Po. In questo quadrilatero sghembo di acqua e terra ho le mie radici. I miei nonni paterni erano di Ferrara, quelli materni della bassa padovana. Mi piace la pianura, in particolare la campagna piatta e apparentemente uguale che prelude all’Adriatico. Mi piace la nebbia nelle mattine d’inverno lungo i canali e gli argini, mi piace il sole a picco nelle canicole estive sui campi secchi dopo la mietitura. In età adulta è arrivato l’amore per la montagna, ma quello è un punto approdo, non di partenza, e la faccenda cambia.

Leggi tutto…

LIBRI NEL BORGO ANTICO 2021

FESTIVAL LETTERARIO LIBRI NEL BORGO ANTICO DAL 26 AL 30 AGOSTO A BISCEGLIE

Il Festival Letterario Libri nel Borgo Antico torna a Bisceglie (BT, Puglia) dal 26 al 30 agosto. Un’esperienza unica per gli appassionati di lettura: nelle splendide piazze del centro storico e sul porto Bandiera Blu il pubblico potrà incontrare 130 autori, conoscere 40 case editrici, farsi coinvolgere dall’entusiasmo di 400 giovani volontari. Nelle calde serate di fine estate, uno degli scrigni più preziosi della Puglia ospiterà il meglio della cultura, del giornalismo e della narrativa italiana, ma anche personaggi di primo piano del mondo dello spettacolo, della musica e della televisione. Tutte le informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione agli eventi sono disponibili sul sito www.librinelborgoantico.com. Leggi tutto…

LA STRANTULIATA di Fabrizio Escheri (intervista)

La strantuliata - Fabrizio Escheri - copertina“La strantuliata” di Fabrizio Escheri (Ianieri Edizioni): intervista all’autore

* * *

di Eliana Camaioni

In una torrida mattina, uguale a mille altre, il solitario autista di una corriera semivuota in servizio fra Licu e Spirlinga, di nome Blasco Blando Antonio Maria scopre una sagoma coperta da un telo, sul ciglio della strada. E’ il cadavere di un uomo, orribilmente sgozzato; un delitto di mafia, all’apparenza, ma che rivelerà insospettabili segreti e intrighi, con continui colpi di scena, allorquando Blasco Blando Antonio Maria, unico testimone della vicenda, si troverà a volerci vedere chiaro. E lì rivelerà il suo carattere “babbasunazzu”, con continui svarioni e ingenuità, comportamenti azzardati e imprudenti che lo trascineranno in un turbine grottesco di eventi impossibili da arrestare.
Con una voce tutta sua, inserita in modo inedito in quello che sembrerebbe un giallo classico ma finisce per non esserlo, Escheri ci regala uno spaccato autentico del cuore della Sicilia, rivisitato con la leggerezza di chi ha seriamente a cuore le sorti di questa terra. Leggi tutto…

LA MANO di Georges Simenon (recensione)

La mano - Georges Simenon - copertina“La mano” di Georges Simenon (Adelphi – traduzione di Simona Mambrini)

È uscito di recente in Italia, pubblicato  da Adelphi, La mano, uno dei racconti più inquietanti del grande scrittore belga

 * * *

LA VERTIGINE E IL LABIRINTO. UNA NOTA SUL SIMENON AMERICANO

di Salvo Sequenzia

Leonardo Sciascia aveva una predilezione per Simenon, scrittore assai diverso da lui per quel vitalismo e quella frenesia che attraversano la sua vita e la sua opera, eppure, molto simile, se non contiguo, per alcune assonanze e per certe sfumature che caratterizzano i mondi letterari che entrambi hanno creato, come è stato dimostrato da alcuni studi recenti  (Di Grado 2014; Traina 2015; Squillacioti 2019).
L’attenzione dell’autore de Il  giorno della civetta  – divoratore dei gialli Mondadori negli anni giovanili –  era rivolta, soprattutto, al Simenon de Le finestre di fronte (1933), de Il borgomastro di Furnes (1939)  e de Il Presidente (1958): i  «brevi capolavori» nei quali la scrittura indaga, come acutamente notava Goffredo Parise (1985), il «clima metafisico del potere» e si fa referto balzachiano di un ambiente e di una società in cui il delitto è l’espressione, il sintomo, di un malessere esistenziale speculare al «disagio della civiltà» del quale il giallo costituisce una «forma» lucida e disincantata di rappresentazione, in linea con la tensione etico-civile che informa l’idea che Sciascia ha dello scrivere e della letteratura. Leggi tutto…

Premio John Fante Opera Prima 2021: vince Marcello Dòmini

Di guerra e di noi - Marcello Domini - copertinaMarcello Dòmini è il vincitore del Premio John Fante Opera Prima 2021

 * * *

Annunciato e premiato a Torricella Peligna il vincitore del Premio John Fante Opera Prima 2021 Marcello Dòmini che ha vinto con il romanzo Di guerra e di noi, Marsilio.

Le altre due finaliste del Premio, Alice Urciuolo, con il romanzo Adorazione, 66thand2nd e Barbara Frandino, con il romanzo È quello che ti meriti, Einaudi.

Sono stati presenti la direttrice artistica del John Fante Festival “Il dio di mio padre” Giovanna Di Lello, il sindaco di Torricella Peligna Carmine Ficca, la delegata alla cultura Loredana Piccirelli, la presidente della Giuria Maria Ida Gaeta, e, in collegamento streaming, i giurati Masolino D’Amico, Claudia Durastanti e Nadia Terranova. Leggi tutto…

OMAGGIO A GAIA SERVADIO

È morta all’età di 83 anni la giornalista e scrittrice Gaia Servadio (Padova, 1938 – Roma, 20 agosto 2021).

La ricordiamo in questa pagina riproponendo il nostro servizio dedicato al volume “MOZIA. Fenici in Sicilia” di Gaia Servadio (Feltrinelli) con recensione e intervista all’autrice a cura di Daniela Sessa

 * * *

Approfondimenti: la Repubblica, Il Corriere della Sera, SkyTg24, Il Sole24Ore, Il Foglio

 * * *

MOZIA. Fenici in Sicilia” di Gaia Servadio (Feltrinelli)

L’intervista. “I Fenici erano un popolo fantasioso”: Gaia Servadio, Mozia e altre storie.

a cura di Daniela Sessa

* * *

Quello che colpisce di Gaia Servadio sono gli occhi da gatta. Non è solo il colore di un verde trasparente e striato di viola. È quel guizzo ironico e nient’affatto dolce di una donna che ne ha viste tante, ne ha raccontate tante. “Io ho incontrato tutti”: mi dice con un pizzico d’orgoglio e con uno sguardo schietto, citando le persone che ha incontrato nella sua gaia vita e, credeteci, citarle sarebbe un elenco troppo lungo. Leggi tutto…

PREMIO VITTORINI 2021: il programma

Il programma del Premio Vittorini 2021 si svolgerà a Siracusa dall’1 al 4 settembre

 

Come abbiamo evidenziato in precedenza (approfondimenti qui) i tre finalisti della XX edizione del Premio Letterario Nazionale Elio Vittorini sono (in ordine rigorosamente alfabetico) Michele Ainis, Disordini (La nave di Teseo); Giosuè Calaciura, Io sono Gesù (Sellerio); Antonella Lattanzi, Questo giorno che incombe (HarperCollins).

La proclamazione del vincitore del Premio Vittorini 2021 avverrà direttamente  sabato 4 settembre durante la cerimonia finale che si svolgerà a partire dalle 20 al Teatro Comunale di Siracusa.

Ma le attività del Premio Vittorini si svolgeranno nell’arco di quattro giornate, a partire dal 1° settembre fino alla serata del 4 (quando verrà proclamato il vincitore): Leggi tutto…

EMERGENZA AFGHANISTAN: cosa possiamo fare?

In anteprima a Venezia, il nuovo ‘piccolo’ film di Elisabetta Sgarbi (sulle note di “La nave sul monte” degli Extraliscio)

L’8 SETTEMBRE IN ANTEPRIMA A VENEZIA IL NUOVO PICCOLO FILM DI ELISABETTA SGARBI SULLE NOTE DEL BRANO “LA NAVE SUL MONTE” DEGLI EXTRALISCIO

Evento speciale promosso da Isola Edipo in accordo con le Giornate degli Autori nell’ambito della 78sima MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA – 8 settembre, h. 19

 * * *

[Leggi l’intervista di Massimo Maugeri a Elisabetta Sgarbi: “Gli Extraliscio, tra Sanremo e il nuovo album”]

* * *

Arriva In anteprima l’8 settembre a Venezia il nuovo ‘piccolo’ film in due capitoli di ELISABETTA SGARBI sulle note del brano “La nave sul monte” degli Extraliscio (Mirco Mariani, Moreno il Biondo e Mauro Ferrara), canzone estratta dal loro album “È bello perdersi” (Betty Wrong Edizioni Musicali / Sony Music).

Il filmino “La nave sul monte” verrà proiettato durante l’evento speciale promosso da Isola Edipo in accordo con le Giornate degli Autori, nell’ambito della 78a MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA Di VENEZIA (ore 19.00). Leggi tutto…

Premio Nazionale “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” 2021

Dal 20 al 22 agosto 2021 torna a Portopalo di Capo Passero (Siracusa) il Premio Nazionale più a Sud di Tunisi (XVI edizione)

Confermata anche quest’anno la formula collaudata delle tre serate

 * * *

Tutti i vincitori della XVI edizione: Leggi tutto…

IL MIRACOLO DELLA MADONNA DELLE LACRIME DI SIRACUSA IN UN FUMETTO

La Lacrimazione della Madonna a Siracusa è stata rappresentata in un fumetto che sarà presentato nell’ambito delle attività scelte per la celebrazione del 68mo anniversario dell’evento.

La presentazione del fumetto avverrà il prossimo 27 agosto, al termine della Celebrazione Eucaristica delle ore 19, sul sagrato della Cripta, nella piena osservanza di tutte le regole anticontagio. Sarà presente l’Arcivescovo di Siracusa, Mons. Francesco Lomanto, che ha seguito i lavori della composizione del fumetto e ha curato la prefazione allo stesso (qui, la lettera dell’Arcivescovo e il Programma del 68° Anniversario della Lacrimazione).
La scrittrice Simona Lo Iacono ne parla con il Rettore del Santuario, Don Aurelio Russo

* * *

di Simona Lo Iacono

Una storia di fede che balza dalle figure di un fumetto e traduce le atmosfere, le paure, l’incanto e lo stupore provati dai Siracusani 68 anni fa.
Era un agosto rovente come quello che viviamo in questi giorni, e una mamma in attesa si sventagliava senza tregua sul proprio letto, ai piedi di un quadretto semplice, di gesso, un regalo di nozze che riproduceva una Madonna con una manina sul cuore. Stava male, Antonina Lucia Giusto, maritata Iannuso. La creatura che custodiva nel grembo non le dava tregua e una tossicosi gravidica l’aveva quasi privata della vista.
Quando, improvvisamente, verso le prime ore del mattino, la vista sembrò tornarle e consentirle di vedere – con sbigottimento – che dallo sguardo della Madoninna sgorgavano lacrime. Leggi tutto…

L’UOMO CHE VENDETTE IL MONDO di Alessandro Galano: incontro con l’autore

L' uomo che vendette il mondo - Alessandro Galano - copertina“L’uomo che vendette il mondo” di Alessandro Galano (Scatole Parlanti): incontro con l’autore

* * *

Alessandro Galano è nato a Foggia nel 1982. È giornalista, docente e responsabile eventi per la libreria Ubik di Foggia. Cura la comunicazione di “Leggo QuINDI Sono – Le giovani parole”, premio letterario dedicato all’editoria indipendente. È tra i fondatori della testata “Foggia Città Aperta” e si occupa
della rubrica La versione di… su “Jazzit”. Ha pubblicato racconti su varie riviste. “L’uomo che vendette il mondo” (Scatole Parlanti) è il suo primo romanzo.
Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene.

* * *

«L’uomo che vendette il mondo è la traduzione di un brano di David Bowie, The Man Who Sold The World», ha detto Alessandro Galano a Letteratitudine. «Una canzone piuttosto oscura, misteriosa, che riprende i versi di un’antica poesia dalle atmosfere altrettanto inquietanti, Antigonish, dell’autore Hughes Mearns e che tanta fortuna ha avuto nel folklore anglo-americano (dove è nota anche con il titolo The Little Man Who Wasn’t There, Il piccolo uomo che non era lì). Leggi tutto…

LORO di Roberto Cotroneo (recensione)

Loro - Roberto Cotroneo - copertina“Loro” di Roberto Cotroneo (Neri Pozza)

* * *

di Simona Lo Iacono

All’inizio è come un sogno. Una giovane donna che si presenta ad un colloquio di lavoro e si ritrova in una villa con mura di vetro, dove l’idea di spazio quasi non esiste. Vi arriva nell’estate del 2018, in una Roma che si fa dolcissima e offre lo spettacolo della cupola di san Pietro sullo sfondo. Ha appena abbandonato il corso di studi in medicina e ha alle spalle una esperienza (troppo presto conclusa) da pianista. Dunque conosce bene la bellezza, Margherita B, è abituata a sentirla fluire dalle dita, a farla emergere tra i tasti del pianoforte. Eppure, nulla può prepararla al parco che contorna l’abitazione, alle vetrate che lasciano intravedere la biblioteca, lo studio, un ordine rigoroso e maniacale, la servitù rispettosa, attenta.
È lì per fare da precettrice a due gemelle; la padrona di casa, Alessandra Brandi, la accoglie senza quasi leggere il curriculum preparato con cura, spuntando dal giardino a piedi nudi, come se facesse parte del medesimo miraggio che avvolge la casa. Ed è un sussurro, il nome delle bambine, Lucrezia e Lavinia, nomi che rimandano alla capitale dei cives e che adombrano significati di gloriose matrone. La prima condivide con lei l’amore per il pianoforte, la seconda invece ama l’equitazione. Leggi tutto…

SALÌBER FEST 2021: la prima edizione del festival del libro nella città di Salemi

SALÌBER FEST 2021: a Salemi (TP) dal 18 al 21 agosto

Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)

 * * *

“Liber…i” alle prese con una nuova scommessa culturale. Salemi, tre giorni ricchi di libri, musica e non solo. Tutto pronto per la prima edizione del Salìber Fest!

15 appuntamenti in programma. Apertura il 18 Agosto con il pre-festival. Sensibilità ambientale protagonista

 * * *

SALEMI (TRAPANI). Una conoscenza di sé e del mondo che parte dai libri, dagli scrittori, dalle storie da essi narrate che diventano uno strumento per elaborare pensieri nuovi, per conoscersi attraverso lo sguardo dell’altro, per partecipare, contro ogni pregiudizio, presunzione, reticenza, alla costruzione del nostro futuro.

Parte ufficialmente il Salìber Fest, il primo festival del libro nella città di Salemi che pone l’accento sulla cultura in un viaggio verso l’introspezione. Tra le torri del Castello normanno svevo, per tre giorni ( 19, 20 e 21 agosto), attraverso vari talk, sarà possibile interagire con diversi autori italiani e i loro personaggi. Il Festival, curato dall’associazione culturale “Liber…i”, è reso possibile grazie al patrocinio oneroso del Comune di Salemi ed ha ottenuto il patrocinio gratuito dell’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo come manifestazione meritevole e idonea a promuovere l’immagine della Sicilia. Leggi tutto…

MARIA CHE DANZA SULLE ANTENNE DI UN CALABRONE di Alberto Coco: incontro con l’autore

Maria che Danza. Sulle antenne di un calabrone - Alberto Coco - copertina“Maria che danza sulle antenne di un calabrone” di Alberto Coco (Porto Seguro): incontro con l’autore e un brano estratto dal romanzo

* * *

Alberto Coco, 1964, vive a Cusago (Milano). Ha lavorato a contatto con il mondo occupandosi di marketing e di comunicazione, di licensing e publishing. Per conto della società nella quale lavora, Ubisoft, racconta ai ragazzi italiani le saghe che hanno fatto la storia dell’industria dei videogiochi. Maria che danza sulle antenne di un calabrone è il suo primo romanzo.

È un viaggio lungo una vita quello narrato da Pina a Berto, i protagonisti del romanzo d’esordio di Alberto Coco, “Maria che danza sulle antenne di un calabrone” edito da Porto Seguro (425 pp., 19,90 euro), una nonna e un nipote legati tra loro da un amore quasi figliale, da una solida devozione e da una stima sincera che li unirà in un percorso a ritroso nel tempo capace di saldare per sempre il loro legame.
In un reticolato di vite vissute, di intimità, segreti e ricordi, il romanzo esplora la tragedia della morte e della malattia, lo splendore della vita e il suo mistero più grande: la rinascita.

Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene… Leggi tutto…

ADDIO A PIERA DEGLI ESPOSTI

È morta, all’età di 83 anni, la grande attrice italiana Piera Degli Esposti (Bologna, 12 marzo 1938 – Roma, 14 agosto 2021). Le dedichiamo questa pagina

 

* * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano, Rai News, SkyTg24 

* * *

Piera Degli Esposti (Bologna, 12 marzo 1938 – Roma, 14 agosto 2021) è stata un’attrice italiana.

Formatasi in gruppi sperimentali, Piera Degli Esposti si è imposta tra il 1969 e il 1976 al Teatro Stabile dell’Aquila, lavorando con registi come Antonio Calenda (Operetta di Witold Gombrowicz, 1969), Aldo Trionfo (Arden di Feversham di anonimo elisabettiano, 1971) e Giancarlo Cobelli (La pazza di Chaillot di Jean Giraudoux, 1972; La figlia di Iorio di Gabriele D’Annunzio, 1973; Antonio e Cleopatra di William Shakespeare, 1974).
La sua carriera inizia nel Teatro dei 101 diretto da Antonio Calenda, dove muove i primi passi insieme ad altri ragazzi che diverranno pilastri del teatro italiano come Nando Gazzolo e Gigi Proietti. Nel 1966 avviene il suo esordio in TV con uno sceneggiato di grande successo, Il conte di Montecristo. La sua carriera cinematografica inizia invece l’anno successivo con il film Trio per la regia di Gianfranco Mingozzi, a cui seguirà Questi fantasmi di Renato Castellani. Leggi tutto…

BUON FERRAGOSTO 2021 (e buona prosecuzione di vacanze da Letteratitudine)

ADDIO A GINO STRADA

È morto Gino Strada, Maestro della Cultura dell’Altruismo: fondatore di Emergency

Gino Strada, all’anagrafe Luigi (Sesto San Giovanni, 21 aprile 1948 – Rouen, 13 agosto 2021), è stato un medico, attivista e filantropo italiano, fondatore, assieme alla moglie Teresa Sarti (1946-2009), dell’ONG italiana Emergency. Leggi tutto…

Sarà Claudia Durastanti la nuova curatrice de La Tartaruga

Sarà Claudia Durastanti a curare La Tartaruga, storica casa editrice fondata da Laura Lepetit nel 1975

[La Tartaruga fa parte del Gruppo Editoriale de La nave di Teseo]

Di seguito le dichiarazioni di Elisabetta Sgarbi e Claudia Durastanti
 

 * * *

“Da diversi mesi ragionavano con Mario Andreose e Eugenio Lio sulla necessità di restituire una identità autonoma alla Tartaruga, di vera e propria casa editrice, che facesse tesoro della sua storia ma che fosse in grado di parlare a nuovi lettori e, nello stesso tempo fosse distinta, nella sua proposta editoriale, da La nave di Teseo, pur dialogando con essa. Leggi tutto…

LA MILANESIANA, la Mostra “Mario Cavaglieri” a Venezia e “Ecce Caravaggio” di Vittorio Sgarbi

L’arte di Mario Cavaglieri giunge a Venezia grazie alla Milanesiana. In libreria, “Ecce Caravaggio” di Vittorio Sgarbi

Fino al 2 settembre, a Venezia, una mostra dedicata a Mario Cavaglieri con opere provenienti dalla Collezione Cavallini-Sgarbi

Segnaliamo l’articolo di Vittorio Sgarbi pubblicato su “Il Giornale”, con il titolo “Cavaglieri, l’arte difficile di essere un vero dandy”

 * * *

Lunedì 9 agosto, nell’ambito dell’evento conclusivo della parte estiva della Milanesiana 2021, il festival diretto da Elisabetta Sgarbi, presso il Ca’ Sagredo Hotel in Campo S. Sofia, a Venezia, si è svolta l’inaugurazione della mostra “Mario Cavaglieri. Alla ricerca del tempo perduto” con la partecipazione della stessa Elisabetta Sgarbi, di Vittorio Sgarbi, di Nuccio Ordine e di Lorenza Lain. La mostra sarà disponibile fino al 2 settembre a Ca’ Sagredo, Venezia, di Lorenza Lain. Leggi tutto…

Premio Caccuri 2021: Dacia Maraini, Gaetano Savatteri, Adriana Pannitteri

Logo

I vincitori del Premio Letterario Caccuri 2021: Dacia Maraini (per la Saggistica), Gaetano Savatteri (per la Narrativa), Adriana Pannitteri (Premio Giornalismo e Letteratura).

* * *

Vince il Premio Caccuri per la saggistica: “La scuola ci salverà” di Dacia Maraini. Ex aequo per Paolo Crepet. Cristina Parodi e Antonella Viola

Ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “La scuola ci salverà”: Dacia Maraini in conversazione con Massimo Maugeri

 * * *

La serata finale dell’edizione 2021 del Premio Letterario Caccuri si è svolta il 10 agosto con la conduzione di Luca Barbarossa e Francesca Lagoteta. La scuola è stato il tema principale della X edizione del Premio

Dacia Maraini con “La scuola ci salverà” (Solferino) ha vinto la decima edizione del Premio Letterario Caccuri per la sezione saggistica. Al secondo posto, ex aequo, gli altri tre finalisti: “Oltre la tempesta” (Mondadori) di Paolo Crepet, “E vissero tutti felici e contenti?” (Cairo) di Cristina Parodi e “Danzare nella tempesta” (Feltrinelli) di Antonella Viola. Leggi tutto…

EUROPA ROMANZA. SETTE STORIE LINGUISTICHE di Lorenzo Tomasin (intervista)

“Europa romanza. Sette storie linguistiche” di Lorenzo Tomasin (Einaudi): intervista all’autore

* * *

di Massimo Maugeri

Lorenzo Tomasin (Venezia, 1975) è ordinario di Filologia romanza e di Storia della lingua italiana all’Università di Losanna. Si è formato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e ha ottenuto una Venia legendi in Romanische Philologie a Saarbrücken. Codirige il cantiere del Vocabolario storico-etimologico del veneziano (VEV) e ha codiretto la Storia dell’italiano scritto (Carocci 2014-21). Per Einaudi ha pubblicato Il caos e l’ordine. Le lingue romanze nella storia della cultura europea (2019).

Ho chiesto a Lorenzo Tomasin di raccontarci qualcosa, nell’ambito della chiacchierata che propongo qui di seguito, sul suo nuovo libro intitolato Europa romanza. Sette storie linguistiche (Einaudi, 2021). Un’opera intrisa di grande fascino e che ci conduce alla ricerca delle radici linguistiche europee offrendoci sette interessantissime storie di donne e di uomini ricavate da documenti legati a vicende private e privi di qualunque “preoccupazione letteraria”…

– Lorenzo, partiamo dall’inizio. Anzi, da ancora prima… con una domanda apparentemente ingenua, banale e generica: perché è importante indagare sulle origini delle lingue?
Per le stesse ragioni per le quali è importante ricostruire la storia di ogni fatto della cultura umana per comprenderne ragioni, svolgimenti e strutture. Poiché le lingue sono il motore stesso della storia (senza linguaggio e senza lingue non c’è storia, ma solo evoluzione naturale, come ho argomentato altrove), lo studio delle lingue non può che essere, in via preliminare e privilegiata, uno studio storico.

– Che tipo di relazione lega lingue e identità? Leggi tutto…

JOHN FANTE FESTIVAL 2021: dal 19 al 22 agosto

Torna il JOHN FANTE FESTIVAL “Il dio di mio padre” – Torricella Peligna (CH)19-20-21-22 agosto 2021 – XVI edizione

 * * *

Dal 19 al 22 agosto a Torricella Peligna in Abruzzo torna il JOHN FANTE FESTIVAL “Il dio di mio padre”, diretto da Giovanna Di Lello, giunto alla sua XVI edizione. La manifestazione, fin dalla prima edizione, è organizzata dal Comune di Torricella Peligna per ricordare e omaggiare lo scrittore americano John Fante (1909-1983), il cui padre Nicola era un muratore originario proprio di questo piccolo paese abruzzese.
Quest’anno il Festival sarà di nuovo in presenza, per tutti gli eventi, con posti contingentati e regolati in base alla normativa anti-covid. Leggi tutto…

PREMIO NOTOCULTURA 2021: a Mario Andreose, Roberto Andò e Donatella Finocchiaro

Nella prima edizione del Premio Letterario Internazionale NotoCultura per l’editoria sono stati premiati Mario Andreose (per l’editoria), Roberto Andò (per la narrativa e la regia) e Donatella Finocchiaro (per lo spettacolo)

* * *

Si è svolta a Noto, il 4 agosto, presso il Convitto delle Arti di Corso Vittorio Emanuele, la prima edizione del Premio Letterario Internazionale NotoCultura.

Alla presenza del sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, e dell’Assessore alla Cultura, Giusi Solerte, sono stati premiati: Leggi tutto…

UNA SPIA TRA LE RIGHE di Salvatore Silvano Nigro (recensione)

Una spia tra le righe - Salvatore Silvano Nigro - copertina“Una spia tra le righe” di Salvatore Silvano Nigro (Sellerio)  

In Una spia tra le righe Salvatore Silvano Nigro ripercorre una indagine critica di quasi un ventennio sugli  autori più amati

 * * *

I NAUFRAGI DI UN PASSEGGERE DISAVVEDUTO

Una recensione in forma di  viaggio  (e viceversa)

di Salvo Sequenzia

Il viaggio ha un lontano cominciamento. Ed ha attributo «sentimentale».
Viene fatto in «désobligeante», in calesse, secondo un modo antico, intimo, di viaggiare. A compierlo, «lungo la Francia e l’Italia», è un reverendo irlandese, Laurence Sterne, uomo «d’animo libero, e di spirito bizzarro, e d’argutissimo ingegno».
Parte per il «Viaggio riposatissimo» con «mezza dozzina di camicie, e un pajo di brache di seta nera»; né dimentica l’inseparabile «miniatura ch’io porto meco da tanto tempo» quale scrigno d’affetti perduti e amuleto portafortuna. Porta con sé, anche, che non basterebbero valigie e bauli  a contenere, «tutto ciò che egli aveva già inviscerato nell’anima».
Correva – trattandosi di viaggio  pare opportuno usare questo verbo –  l’anno di grazia 1768, e Laurence Sterne dava alle stampe A Sentimental Journey Through France and Italy, il journal di un viaggio oltre quei  «termini ed argini certi» che con «irrepugnabile autorità» la Natura  «piantò  onde circoscrivere l’umana incontentabilità». Un viaggio di  «calamajo e penna», dunque, letteratissimo, che il «povero viaggiatore navigante e posteggiante» compie  oltre il reale; anzi, fuori di esso,  «lungo i reami più colti del globo a caccia di cognizioni e incrementi […] curioso di ammirare spettacoli e d’investigare scoperte». Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 26 luglio all’1 agosto – questa settimana segnaliamo “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 26 luglio all’1 agosto 2021

Questa settimana segnaliamo: “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

* * *

In prima posizione: “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O)

In seconda posizione: “Due vite” di Emanuele Trevi (Neri Pozza)

In terza posizione: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

* * *

La scheda del libro: “Bobi” di Roberto Calasso (Adelphi)

Di Roberto Bazlen, universalmente noto come Bobi, non poco è stato scritto, ma il più rimane da dire e capire. Bazlen attraversò la prima parte del Novecento come un profilo di luce imprendibile. Nell’ultima fase della sua vita, fu l’ideatore di Adelphi, su cui riversò la sua sapienza, che non era solo quella – stupefacente – sui libri, ma investiva il tutto. L’idea e la fisionomia della casa editrice risalgono a lui. Quando Bazlen mi parlò per la prima volta di qualcosa che sarebbe stata Adelphi e non aveva ancora un nome mi disse: «Faremo solo i libri che ci piacciono molto».

(Roberto Calasso)

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Tre Valérie Perrin E/O 19,00
2 Due vite Emanuele Trevi Neri Pozza 15,00
3 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
4 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 Vecchie conoscenze Antonio Manzini Sellerio Editore Palermo 15,00
7 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
8 Una Sirena a Settembre Maurizio De Giovanni Einaudi 18,50
9 Quando si avvera un desiderio Nicholas Sparks Sperling & Kupfer 19,90
10 Il mostruoso femminile. Il patriarcato e la paura delle donne Jude Ellison Sady Doyle Tlön 18,00 *

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

LA CITTÀ NERA e UNA RAGGIANTE CATANIA di Domenico Trischitta (intervista)

“La città nera” e “Una raggiante Catania” di Domenico Trischitta (Algra): intervista all’autore

I due libri saranno presentati martedì 10 agosto alle 18.30, presso Catania libri, viale Regina Margherita 2, Catania. Con l’autore saranno presenti Orazio Caruso (uno dei curatori della collana assieme a Maria Rita Pennisi) e l’editore Alfio Grasso

 * * *

di Massimo Maugeri

Lo scrittore Domenico Trischitta torna in libreria con ben due volumi pubblicati da Algra: una nuova edizione di “Una raggiante Catania” (con prefazione inedita di Manlio Sgalambro) e “La città nera” (con nota di Giuseppe Pontiggia).
Ho avuto il piacere di discuterne con lui nell’ambito di questa intervista…

– Caro Mimmo, cosa significa per te tornare in libreria con ben due libri dedicati alla tua/nostra Catania?
Non ti nascondo che è una grande emozione dopo cinque anni di silenzio, avevo messo in discussione me stesso, le ragioni della scrittura. Poi il lockdown paradossalmente mi ha restituito nuova linfa, nuove motivazioni. La nostra città è una provincia anomala, caratterizzata da molte contraddizioni, che io ho vissuto nel pieno della mia formazione, nella strada ma anche nelle aule universitarie, tra sconvolgimenti politici e musicali. Tutte ragioni che mi hanno spinto a raccontarla da un avamposto periferico, privilegio creativo per il parto liberatorio di “Una raggiante Catania” e ora, finalmente de “La città nera”, fulgore giovanile e impetuoso che rientra a pieno titolo nella mia personale trilogia catanese.

– Ripartiamo dall’inizio. Parlaci del tuo intero progetto letterario dedicato a Catania. Come è nato? E come si è sviluppato? Leggi tutto…

ADDIO AD ANTONIO PENNACCHI

È morto all’età di 71 anni, nella sua casa di Latina, lo scrittore Antonio Pennacchi (Latina, 26 gennaio 1950 – Latina, 3 agosto 2021)

E' morto lo scrittore “Premio Strega” Antonio Pennacchi - La Stampa

Con il romanzo “Canale Mussolini” (Mondadori) aveva vinto l’edizione 2010 del Premio Strega. Dal suo romanzo “Il fasciocomunista” (Mondadori) è stato tratto il film di Daniele Luchetti “Mio fratello è figlio unico” (con Riccardo Scamarcio, Elio Germano e Luca Zingaretti). Il decesso è avvenuto per un malore improvviso, probabilmente un infarto

 * * *

Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, Ansa, Il Messaggero, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, RaiNews, La Stampa

* * *

Il “pensiero” di Carlo Carabba dediato a Antonio Pennacchi Leggi tutto…

NAXOSLEGGE 2021: CULTURA/Editoria/Archeologia: tra gli scavi della prima polis greca d’occidente

CULTURA/Editoria/Archeologia: tra gli scavi della prima polis greca d’occidente torna NaxosLegge

Risultati immagini per naxoslegge letteratitudine

Le novità 2021: teatro del mito e cinema archeologico nel Parco archeologico di Naxos, appuntamenti da Messina fino a Catania e Siracusa

Gli ospiti: il filosofo-economista Serge Latouche, l’attrice Carla Tatò, i poeti Pontiggia, Conte, Margherita Guccione e le capitali della cultura Gorizia, Nuova Gorica ed Eleusi. La nuova rivista letteraria e il comitato scientifico

Leggi tutto…

PIETRE D’INCANTO di Antonio Calbi (recensione)

“Pietre d’Incanto” di Antonio Calbi (Verbavolant)

 * * *

Messere Teatro, lei è un incanto!

di Daniela Sessa

“Messere Teatro, lei è un incanto!” potrebbe esclamare uno dei personaggi di “Le smanie per la villeggiatura”, la commedia di Goldoni che Antonio Calbi, Sovrintendente della Fondazione Inda di Siracusa, racconta di aver messo in scena nei suoi giochi di bambino. “Messere Teatro, lei è un incanto!” ha pensato lo stesso Antonio Calbi, approdato nel 2018 a Siracusa dopo l’esperienza di “cinque stagioni nel ventre di un teatro a palchetti qual è il teatro Argentina”. Lo racconta, questo suo incanto in maiuscolo, in un libro “Pietre d’Incanto” (Verbavolant) che è un diario, un progetto, un catalogo, un coro, un resoconto della sua esperienza a Siracusa. Di più, “Pietre d’Incanto” è una narrazione proustiana condotta sul filo di una cronaca che a ogni riga, a ogni parola si fa passato e memoria per poi proiettarsi nella visione. Nel dipanare il tempo, Calbi si offre nudo ai suoi lettori e al suo pubblico, nudo della sua capacità visionaria, vorticosa e impellente. Lo si vede legare con la stessa corda le tre dimensioni del tempo. Il passato di tredicenne, giunto a Milano dalla Lucania, alla scoperta del complesso residenziale Monte Amiata, traduzione architettonica del collettivismo degli anni ’60-’70: qui, incontra il teatro antico replicato nelle assi della costruzione, si immagina architetto di teatri perché “Cos’è la città se non un grande palcoscenico?” e vi innesta il ricordo di Giovanni Testori, lo scrittore e critico ossessionato dal tradimento della spiritualità. Leggi tutto…

CONVERSARI di Alfonso Guida (poesia)

Conversari – Alfonso Guida“Conversari” di Alfonso Guida (‘round midnight)

 * * *

di Carlo di Francescantonio

Alfonso Guida, anche se non ama essere definito poeta, è tra i viventi uno dei Poeti più puri e alti d’Italia. È un Poeta antico, Guida, rappresentante del calore della sua terra nativa (la Basilicata) fatto lirismo interiore. E Conversari, uscito per ‘round midnight edizioni, è un’ulteriore conferma della ricerca ancestrale che Guida sta portando avanti dal suo lontano esordio. Il libro, riprende a quattro anni di distanza il canto interrotto con Luogo del sigillo, ultimo capitolo della cosiddetta “trilogia psichiatrica”, spostando l’attenzione su un altro livello, quello della conversazione, della confidenza, appunto. Ne nasce uno struggente e infinito monologo interiore, nel cui spazio sempre in divenire trovano posto l’infanzia del Poeta, la sua travagliata formazione e il ricordo delle più grandi Voci letterarie del Novecento. Ed è commovente, Guida, nei dialoghi spirituali che lo connettono in un sincrono perfetto con chi, a lui, ha dato linfa vitale. Sono pagine quelle di Coversari, dentro le quali il lettore attento respirerà figure delle Letteratura del Novecento come Amelia Rosselli, Dario Bellezza, Beppe Salvia e Anna Maria Ortese. Giuda li pensa, li sente, è in loro compagnia. Leggi tutto…