Home > Eventi > Festival “Sicilia Dunque Penso” 2021

Festival “Sicilia Dunque Penso” 2021

settembre 10, 2021

“Sicilia Dunque Penso” 2021: festival del pensiero, della arti e della cultura. Caltanissetta, 15-16-17 settembre

Autori ospiti: Nunzio Primavera, Romana Petri, Massimo Maugeri, Claudio Gulli, Luciano Ricifari, Stefania Aphel Barzini

 * * *

Sicilia Dunque Penso, festival del pensiero, della arti e della cultura, ritorna a Caltanissetta il 15-16-17 settembre. La manifestazione, giunta ormai alla sua ottava edizione,  si propone di riflettere sulla funzione sociale della letteratura e sulla possibilità di offrire un’immagine nuova e moderna della Sicilia. L’intento del Festival è quello di fare cultura per la città stimolandone gli interessi e le energie e, attraverso incontri con scrittori e artisti, far circolare le nuove idee del panorama culturale italiano. Il Festival ha scelto come leitmotiv di questa edizione il tema  “Percorsi”, parola che allude al movimento, ad una distanza da coprire per giungere ad una meta nuova, sconosciuta. In ogni percorso ciò che conta non è soltanto il punto di arrivo ma il cammino che ciascuno di noi compie e il desiderio di avventura e scoperta che lo guida. Intraprendere un nuovo percorso ci cambia, ci svela altri mondi, ci offre la possibilità di scoprire noi stessi e di osservare ciò che ci circonda con uno sguardo inedito. Il percorso può essere fisico, metaforico,  letterario, fantasioso, simbolico ma qualunque esso sia, deve sollecitare la ricerca e arricchire la nostra vita. In questi otto anni anche il Festival di Sicilia dunque Penso ha compiuto un percorso di crescita, arricchendosi della collaborazione di molte persone, ciascuna delle quali ha contribuito con la sua presenza a rendere il progetto più solido e di anno in anno più ambizioso.

Ad aprire la manifestazione sarà il giornalista Nunzio Primavera che con i suo romanzo L’Oliveto delle monache, edito da Pendragon, ci trasporterà  in un luogo suggestivo e carico di storia al centro di una vicenda dai toni verghiani.

La prima giornata si concluderà con l’intervento di una delle voci più rappresentative e apprezzate del mondo letterario, la scrittrice Romana Petri con la quale dialogheremo del suo ultimo romanzo La Rappresentazione, pubblicato da Mondadori. Ancora una volta lo sguardo acuto della Petri si rivolge alla famiglia e ai suoi legami indissolubili.

Il 16 settembre in anteprima nazionale Massimo Maugeri, giornalista, scrittore  e fondatore del blog Letteratitudine, presenterà Il sangue della Montagna, per La nave di Teseo, in cui l’Etna fa da sfondo ad un potente affresco familiare.

image

Con lo storico dell’arte Claudio Gulli e con il suo romanzo, La collezione Chiaramonte Bordonaro, Officina Libraria, faremo un salto nella Palermo di fine 800 alla scoperta di una figura d’eccezione nell’ambito del collezionismo italiano, il senatore Gabriele Chiaramonte Bordonaro.

Il medico e scrittore Luciano Ricifari ci racconterà in Storie di lato, Albatros, l’esistenza semplice ed emozionante di persone comuni.

Il festival si concluderà con il successo letterario, Le Gattoparde della scrittrice e giornalista Stefania Aphel Barzini, edito da Giunti. La scrittrice ci porta nell’atmosfera trasognata di Villa Piccolo in cui Agata Giovanna ricostruisce la storia della sua famiglia attraverso le vicende delle donne che ne hanno fatto parte.

Ancora una volta il festival Sicilia Dunque Penso, in quanto strumento di cultura, si pone come elemento unificatore delle spinte positive presenti in città e che ne costituiscono la vera identità.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: