Home > Premi Letterari > PREMIO CHIANTI 2021: vincono Marco Vichi e Lisa Ginzburg

PREMIO CHIANTI 2021: vincono Marco Vichi e Lisa Ginzburg

settembre 27, 2021

Cara pace - Lisa Ginzburg - copertinaUn caso maledetto. Un'avventura del commissario Bordelli - Marco Vichi - copertinaL’edizione 2021 del Premio Chianti chiude con due vincitori ex aequo: Marco Vichi e Lisa Ginzburg

 

* * *

Lisa Ginzburg, con il romanzo “Cara pace” (Ponte alle Grazie) e Marco Vichi con “Un caso maledetto. Un’avventura del commissario Bordelli” (Guanda) sono i due vincitori ex aequo della XXXIV edizione del Premio Letterario Chianti. La votazione della giuria popolare del premio svoltasi in piazza Matteotti, a Greve in Chianti.

I cinque finalisti erano:
– Paolo Ciampi, con “Il maragià di Firenze” (Arkadia)
– Lisa Ginzburg, con “Cara pace” (Ponte alle Grazie)
– Lorenzo Marone, con “La donna degli alberi” (Feltrinelli)
– Romana Petri, con “Cuore di furia” (Marsilio)
– Marco Vichi, con “Un caso maledetto” (Guanda).

 

Ai vincitori è stato assegnato un premio di 2000 euro (che dunque viene ripartito a metà), che si aggiunge al premio di 1000 euro conferito a tutti e cinque i partecipanti anche a titolo definitivo di rimborso spese per la partecipazione.

* * *

Le schede dei due libri vincitori del Premio Chianti 2021

“Cara pace” di Lisa Ginzburg (Ponte alle Grazie)

Cara pace - Lisa Ginzburg - copertinaDue sorelle, una madre che se ne va. Lisa Ginzburg scava nella fragilità della coppia, tra i calcinacci della famiglia, raccontando con abilità estrosa la fatica femminile di crescere proteggendo e proteggendosi. Fino a sorprenderci con l’ipotesi che gettando via lo scudo si comprenda meglio la battaglia.

Maddalena, la maggiore, è timida, sobria, riservata. Nina, di poco minore, è bella e capricciosa, magnetica, difficile, prigioniera del proprio egocentrismo. Le due sorelle, legate dal filo di un’intima indistinzione, hanno costruito la loro infanzia e adolescenza intorno a un grande vuoto, un’assenza difficile da accettare. Ancora adesso, molti anni dopo, cercano di colmarla con corse, lunghe camminate, cascate di parole e messaggi WhatsApp che, da Parigi a New York, le riportano sempre a Roma, in una casa con terrazzo affacciata su Villa Pamphili, dove la loro strana vita, simbiotica e selvatica, ha preso forma. È proprio a Roma che Maddi, da sempre chiusa nel suo carapace, decide di tornare, fuggendo dai ruoli che la sorella, prima, e la famiglia poi, le hanno imposto. Finalmente sola con sé stessa e con i suoi ricordi, lascia cadere le difese e, rivivendo i luoghi del passato, inverte le parti e si apre alle sorprese che riserva la vita. Padri e madri, amicizie e passioni, alberi e fiumi fanno da cornice a una storia d’amore e di abbandono che, come ogni storia viva, offre

* * *

Un caso maledetto. Un'avventura del commissario Bordelli - Marco Vichi - copertinaUn caso maledetto. Un’avventura del commissario Bordelli” di Marco Vichi (Guanda)

Gennaio 1970. Il commissario Bordelli in aprile andrà in pensione, dopo quasi un quarto di secolo in Pubblica Sicurezza, e ancora non sa cosa aspettarsi, non riesce a immaginare come accoglierà questo totale cambiamento. Ma per adesso è in servizio, e il tempo per riflettere e farsi troppe domande non c’è: in una via del centro di Firenze avviene un omicidio brutale. Sarà proprio quel crimine odioso il suo ultimo caso? Ma soprattutto, riuscirà a risolverlo? Lui e il giovane Piras, che nel frattempo è diventato vice commissario, lavorano a stretto contatto, spinti come ogni volta dal senso di giustizia, ma in questa occasione anche dalla intollerabile inutilità di quell’omicidio. Passano i mesi, arriva la primavera, la data del pensionamento si avvicina. La relazione del commissario con la bella Eleonora sembra essere sempre più solida. Non mancherà la cena a casa di Franco Bordelli, dove come d’abitudine ognuno racconterà una storia. Ma una mattina il commissario riceve una telefonata dalla questura… un altro omicidio?

 

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: