Home > Autoracconti d'Autore (gli autori raccontano i loro libri) > MARCELLO SIMONI racconta IL MISTERO DELLE DIECI TORRI (Newton Compton)

MARCELLO SIMONI racconta IL MISTERO DELLE DIECI TORRI (Newton Compton)

novembre 19, 2021

undefinedCome nasce un libro? Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: MARCELLO SIMONI racconta la sua raccolta di racconti “Il mistero delle dieci torri” (Newton Compton)

* * *

di Marcello Simoni

Immaginate un castello con dieci torri, e all’interno di ogni torre un personaggio con una storia da raccontare. Potrebbe essere che alcuni di questi personaggi vi siano familiari, essendo già comparsi in qualche mio romanzo. Altri, invece, non li avete mai conosciuti. Non si conoscono bene nemmeno loro, a ben pensarci, dal momento che hanno avuto appena il tempo di vivere tra le righe di un racconto per poi dissolversi come una nuvola dopo un a capo.
Mi riferisco ai racconti che ho scritto per diversi giornali e antologie, carta ormai irreperibile, affastellata in qualche cantina o forse finita per essere usata, come si faceva una volta con le pagine dei romanzi d’appendice di Dumas e Stevenson, per avvolgere il pesce e gli ortaggi al mercato.
In un certo senso questa similitudine mi lusinga.
Ma il pensiero di quei dieci racconti gettati al vento come foglie secche, senza che nessuno potesse più leggerli, mi rattristava anche un po’.
E poi, dentro quei racconti c’è pure la mia storia!
La storia di come il mio stile di scrittura e il mio modo di concepire il passato, il mare e l’immaginario si sono evoluti nel corso degli anni. Ed è stato perciò non senza imbarazzo e con un certo spirito autocritico che li ho ripescati da un cassetto, selezionati, ordinati secondo un criterio cronologico e in parte rimaneggiati, riflettendo su cosa lasciare inalterato e cosa, invece, modificare con qualche pennellata. Perché per certi versi, in quei racconti, non mi riconoscevo più. Se in alcuni di essi ho ritrovato senza indugio la vena narrativa che sto seguendo tuttora, in altri mi sono imbattuto in un narratore più giovane, irruento e dal linguaggio magmatico, desideroso di sperimentare il genere e di sviluppare le sue possibilità come chi si scopre per la prima volta libero di navigare.

image

Rileggendomi a distanza di tempo, tuttavia, ho anche imparato molte cose. Come se avessi ritrovato fra le pagine di un diario il messaggio di un vecchio amico del quale mi ero scordato. Ed è risaputo, i vecchi amici hanno sempre qualcosa di importante da insegnarci, anche a distanza di tempo.
Qualcosa che, in un certo senso, ci può rendere persone migliori.
In quest’ottica, sembrerebbe che il perché questo libro riguardi quasi più me che voi, anche se diventa difficile stabilire una separazione netta tra scrittore e lettore, dal momento che il tacito patto che s’instaura tra l’uno e l’altro poggia su una sorta di fratellanza, una complicità segreta in virtù della quale si comunica reciprocamente attraverso una sostanza più impalpabile dell’etere: la fantasia.
Spero perciò di aver fatto un regalo ad alcuni di voi, inserendo in questa raccolta due racconti riguardanti Ignazio da Toledo e l’astrologus Michele Scoto, entrambi ambientati nella Palermo del XIII secolo, uno dei quali dedicato a una versione ante litteram della leggenda del golem. Vi sono poi, sfogliando velocemente le pagine, storie di mare a cavallo tra il Quattro e il Cinquecento, costruite su ambientazioni che devono molto ai romanzi avventurosi di Salgari, con protagonisti collegati in modo più o meno diretto alle mie saghe di Tigrinus e Sinan.
Infine, in fondo a questo calderone trovano spazio anche il mystery e il racconto gotico con qualche sfumatura di surreale, generi ai quali mi sono dedicato durante i primi anni da scrittore professionista, mentre mi esercitavo a far interagire queste forme narrative con le mie trame storiche, in special modo medievali.
Ma non voglio anticipare troppo!
Non mi resta che abbassare il ponte levatoio, sollevare le saracinesche e aprire il portale del castello, così da darvi accesso a ognuna delle dieci torri.
Nella speranza che possiate divertirvi e, perché no, perdervi per qualche tempo dentro di esse.

(Riproduzione riservata)

© Marcello Simoni

 * * *

La scheda del libro: “Il mistero delle dieci torri” di Marcello Simoni (Newton Compton)

Il mistero delle dieci torri - Marcello Simoni - copertinaQuali misteri ha dovuto svelare Ignazio da Toledo, conosciuto come il mercante di libri maledetti, prima di partire dalla Palermo di Federico II e fingersi morto? Quali complotti ha ordito, in sua assenza, l’astrologus imperiale Michele Scoto? Ecco alcuni dei personaggi che popolano questa raccolta di racconti. Figure di un grande arazzo in cui fanno la loro comparsa anche il fratello gemello di Cosimo de’ Medici, il corsaro Khayr al-Dīn Barbarossa, il cavaliere ospitaliero Leone Strozzi e persino Licio Ganello, un mago fiorentino che, una volta morto, diventerà oggetto degli studi anatomici di Leonardo da Vinci. Un vero e proprio viaggio per terra e per mare, attraverso i secoli, che conduce il lettore in luoghi lontani nello spazio e nel tempo, facendogli incontrare sia volti già noti e amati, sia protagonisti del tutto nuovi. Dalla nascita della città etrusca di Spina alle battaglie navali avvenute nel Mar di Levante sullo scorcio del XVI secolo, passando per la Sicilia dello Stupor mundi, le corti rinascimentali e le lagune del basso ferrarese del secondo dopoguerra: con Il mistero delle dieci torri Simoni tocca temi e luoghi cari al suo immaginario, risucchiando il lettore in un vortice d’avventura, da maestro del genere qual è.

 * * *

Marcello Simoni è nato a Comacchio nel 1975. Ex archeologo e bibliotecario, laureato in Lettere, ha pubblicato diversi saggi storici; con Il mercante di libri maledetti, suo romanzo d’esordio, è stato per oltre un anno in testa alle classifiche e ha vinto il 60° Premio Bancarella. I diritti di traduzione sono stati acquistati in diciotto Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato numerosi bestseller tra cui la trilogia Codice Millenarius Saga e la Secretum Saga. La saga che narra le avventure di Ignazio da Toledo, l’astuto mercante di libri, ha consacrato Marcello Simoni come autore culto di thriller storici, vendendo oltre un milione e mezzo di copie.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: