Home > Cielo la mia musica > PIATTO PER BATTERIA DEDICATO A ELVIS PRESLEY

PIATTO PER BATTERIA DEDICATO A ELVIS PRESLEY

agosto 24, 2022

A proposito di musica e di strumenti musicali: un set di piatti per batteria ispirati al sound di Elvis Presley e del suo “fido” DJ Fontana

Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)

Intervista a Massimiliano Arrigoni, proprietario della Vulcan Cymbals, un’azienda catanese che produce piatti per batteria

La nuova puntata di“Cielo, la mia musica!”(rubrica tra dischi, libri, film, strumenti musicali, personaggi, capolavori dimenticati, vintage e novità), a cura di Leonardo Lodato, è dedicata alla Vulcan Cymbals e alla sua proposta al mondo dei percussionisti di un set di piatti per batteria ispirati al sound di Elvis Presley e del suo “fido” DJ Fontana

* * *

di Leonardo Lodato

Vi avevamo anticipato che in questo spazio, grazie alla generosità di Letteratitudine e della sua “anima”, l’amico e scrittore Massimo Maugeri, avremmo affrontato ogni aspetto musicale. Persino quello legato agli strumenti e non solo a libri o dischi. E così, con orgoglio, anticipiamo che è proprio un’azienda catanese, la Vulcan Cymbals, a proporre al mondo dei percussionisti un set di piatti per batteria ispirati al sound di Elvis Presley e del suo “fido” DJ Fontana, nomi tornati ultimamente in auge grazie alla pellicola cinematografica formata da Baz Luhrmann, “Elvis”, nella quale un magistrale Tom Hanks interpreta la parte del colonnello Tom Parker, storico manager del Re del Rock’n’Roll.

– Come nasce il rapporto tra la catanese Vulcan Cymbals e la famiglia di DJ Fontana?
Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)“Qualche anno fa, in occasione di un evento realizzato in California – racconta in esclusiva per i lettori di Letteratitudine, Massimiliano Arrigoni – pensai di contattare David Fontana. Purtroppo, DJ morì qualche mese prima ma con David entrammo subito in sintonia. Io sono un fan di Elvis sin da bambino, credo di aver divorato tutti i suoi Lp che conservo gelosamente e riconosco ad Elvis il merito di essere stato il più grande innovatore e precursore nelle tre decadi di riferimento per la storia della musica, gli anni 50, gli anni 60 e gli anni 70. DJ Fontana, di chiare origini italiane, fu colui che scandì il tempo per tutta la prima decade di Elvis, forse il più importante, un periodo investito letteralmente da ritmi “neri” stravolti da un giovane “bianco”.
Tornato in Italia continuai il mio dialogo con David. Egli desiderava un ride moderno, non un buon “usato” per intenderci, ma nello stesso tempo dal suono tipico degli anni ’50. Pensava così di realizzare un tributo al papà DJ suonandolo in lungo e largo per gli Stati Uniti, visto che anche David è un talentuoso batterista”.

– Come si sviluppa, tecnicamente, l’idea di un piatto in grado di riprodurre il suono degli anni Cinquanta? E quali sono le differenze con lo stile attuale?
“Nell’ampio catalogo di Vulcan, vista la mia passione, avevo già introdotto un piatto dalle sonorità degli anni ’50, si chiama Vintage ’50. Per cui mi è bastato davvero poco, ho fatto solo alcune modifiche che David mi ha chiesto, ho lavorato sui pesi della lega e sulla campana, per raggiungere un suono forse meno versatile ma più tipico per il rhythm’n’blues e il rock’n roll. Il nostro è un piatto totalmente e “realmente” artigianale, così come l’antica Zildjian faceva quando ancora era l’unica azienda manufatturiera del settore e si trovava a Istanbul, parliamo del 1623. Questo ci porta a lavorare di esperienze, di suoni, di sensazioni, di istinto, di ricerche…in una parola sola di creatività, proprio come un sarto di alta moda, questo è ciò che mi piace di Vulcan e che oramai trovo sempre più raramente nel nostro settore”.

– Il suono di DJ Fontana è quello che ha ispirato batteristi del calibro di Charlie Watts e Ringo Starr, come mai un’operazione del genere viene realizzata proprio da un’azienda italiana e, in questo caso, siciliana?
Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)“Non mi sono mai posto limiti o barriere geografiche e non ho mai avuto timore nel confrontarmi con musicisti di alto calibro. Da sempre ho preferito i mercati oltre oceano per tante ragioni e nello specifico quello americano, patria di certi generi musicali, anche se ultimamente Vulcan sta incrementando la presenza nel mercato giapponese. Negli Stati Uniti, i musicisti, noti e meno noti, sono sempre propensi ad ascoltare le novità anche se proposte da un piccolo produttore. Infatti, non si limitano a suonare secondo il logo stampato sul piatto, quanto invece a scegliere di suonare su base qualitativa e/o di necessità di suoni del momento. Tra loro vi è una voglia di relazionarsi con il produttore in modo molto diverso da quella del tipico musicista italiano, ed è per questo che quasi in modo naturale, negli anni, mi sono interfacciato con musicisti anche di fama internazionale ma sempre posto da loro perfettamente a mio agio, da loro ho imparato tanto.
Perché noi e non un’altra azienda magari americana o di valore blasonato? Vulcan si è sempre proposta sul mercato come una piccola azienda artigianale, una boutique. Noi creiamo ogni singolo piatto come un sarto che confeziona un abito esclusivo o un gioielliere che realizza un anello dal design unico. Il fatto di non essere “industria”, a molti batteristi piace, il fatto che ogni nostro piatto sia diverso dall’altro garantisce al batterista quel senso di esclusività che li differenzia in ogni traccia, probabilmente questo è ciò che è piaciuto anche a David Fontana. Il fine non era commerciale, non avevamo bisogno di produrre piatti a tiratura industriale ed al miglior prezzo possibile, il fine era “vestire” David con dei piatti unici e che potevano soddisfare il suo sogno: re-incontrare il papà nel sound”.

– Qual è stata la reazione di David Fontana quando ha avuto modo di ascoltare la resa dei piatti dedicati a suo padre?
“Wow… questa la sua reazione quando ascoltò in cuffia i video pubblicati su YouTube nel canale VulcanCymbals. Purtroppo, per via dei ritardi causati dal Covid, non siamo riusciti a recapitargli in tempo i piatti definitivi perché un brutto male l’ha portato via prematuramente e questo è ciò che mi rammarica di più. I piatti hanno ricevuto feedback strabilianti da diversi operatori del settore ed oggi li abbiamo spediti alla moglie di DJ Fontana, Karen, ed alla figlia di David, Aliya che ringraziamo per le belle parole che ci hanno riservato”.

Image from LETTERATITUDINE (di Massimo Maugeri)

– Ma la passione di Massimiliano Arrigoni per Elvis Presley ci porta a fare anche una piacevole scoperta…
“Anni fa – racconta – ho realizzato un prototipo di microfono per la EPE (Elvis Presley Enterprises), due sole unità siglate, di cui una è in mano alla EPE da qualche parte a Graceland, ed una in mio possesso. I microfoni portano la firma di Elvis ed hanno delle caratteristiche estetiche distintive.
Era un progetto che proposi e piacque alla EPE e doveva portare alla produzione di una serie di 3 microfoni professionali dal design dei tre iconici decenni di riferimento di Elvis, il primo della serie fu marchiato Armas e correva l’anno 2009. EPE non prosegui sul progetto perché la proprietaria di maggioranza CKX vendette le quote ad una Private Equity che lucrò rivendendola quasi nell’immediato e purtroppo tutti questi passaggi di mano non hanno consentito di portare a termine il progetto del microfono che era piaciuto al titolare della CKX. Per sola curiosità: la CKX rilevò nel 2005 l’85% delle quote dalla figlia di Elvis per oltre 100 milioni di dollari, la Private Equity la rivendette per 145 milioni alla ABG, ed oggi il patrimonio vale oltre 1 miliardo di dollari.
Diciamo che non si può dire che non ho passione per Elvis. Mi spiace solo non essere nato in quel periodo, sono certo che sarei riuscito a intrufolarmi nel business di Elvis …”.

© Leonardo Lodato

 

* * *

CIELO, LA MIA MUSICA! Una nuova rubrica musicale curata da Leonardo Lodato, tra dischi, libri, film, strumenti musicali, personaggi, capolavori dimenticati, vintage e novità.

Tutti gli articoli della rubrica, sono disponibili qui

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: