Archivio

Archive for the ‘Articoli e varie’ Category

VIAGGIO IN SICILIA di Marinella Fiume e Piero Romano

“VIAGGIO IN SICILIA. Parole suoni visioni da un viaggio multisensoriale. Con DVD video” di Marinella Fiume e Piero Romano (Arianna editore) – Sulla copertina del libro: L’Orante (megaliti dell’Argimusco)

 * * *

Un viaggio multisensoriale in Sicilia sulla scorta di quello compiuto da Goethe. Un viaggio realizzato da Marinella Fiume e Piero Romano – tra parole, suoni e visioni – che ha dato origine a un libro e a un DVD molto particolari . Ne parliamo con uno dei due autori…

L’idea è nata lo scorso anno in occasione dell’anniversario – i 200 anni – della pubblicazione del “Viaggio in Italia” di Johann Wolfgang Goethe“, racconta Marinella Fiume a Letteratitudine, “il cui secondo volume uscì nel 1817, resoconto del Grand Tour compiuto tra il settembre del 1786 e il giugno del 1788 e culminato con la visita della Sicilia. Sulla scorta delle sollecitazioni di Goethe che visse questo viaggio come una vera e propria iniziazione, abbiamo voluto ripercorrere l’Isola come un luogo dell’anima da cui avviare una metamorfosi, perché da un viaggio non si ritorna mai come si era prima della partenza.

Risultati immagini per marinella fiume letteratitudineUn viaggio multisensoriale in Sicilia sotto il suo cielo stellato e la sua luna, all’ombra del suo Vulcano, tra i suoi miti, ma senza tacere i suoi anti-miti, frugando nel suo repertorio popolare, cercando le sue donne, il suo cuore, l’amore, in tutte le stagioni dell’anima, fino a trovare il sale della vita, la felicità che è il destino ultimo dell’essere umano. Abbiamo pensato di accompagnare le parole con la musica e le immagini: un libro e un DVD per sintonizzare nella lettura, nell’ascolto, nella visione il battito del cuore col battito dell’universo. Da qui la collaborazione. Il libro infatti accompagna come un commento creativo i brani musicali e dà la rotta, mentre le immagini evocano paesaggi inconsueti (albe, nuvole, rupi, lave, spiagge…) che permettono di scoprire una Sicilia fuori dai tradizionali clichè turistici”. Leggi tutto…

Annunci

I FORESTALI OGGI NON CAPISCONO di Amerigo Hofmann

I FORESTALI OGGI NON CAPISCONO di Amerigo Alessandro Hofmann (Lombardi editori)

Un libro che racconta l’interesse e l’amore per la montagna e la foresta, ma soprattutto il desiderio di rendere nota alle nuove generazioni la vita spartana e avventurosa dei forestali del secolo scorso

 * * *

Amerigo Hofmann, nato ad Addis Abeba, in Etiopia, nel 1939, ha compiuto gli studi classici al Liceo Umberto I di Napoli e nel 1964 si è laureato in Scienze Forestali presso l’Università di Firenze, unica allora in Italia ad avere tale corso di laurea. Nella sua vita professionale – e ancor prima quando la famiglia seguiva il padre nelle diverse sedi cui era destinato come Ufficiale dell’Amministrazione forestale dello Stato – ha avuto la possibilità di conoscere gran parte dei boschi italiani. Ha arricchito inoltre tali conoscenze in viaggi e missioni di studio nelle regioni forestali di numerosi altri Paesi (ha al proprio attivo diverse pubblicazioni tecniche e scientifiche e attualmente vive a Firenze).
Questa premessa biografica per sottolineare il fatto che Amerigo Hofmann è un vero e proprio esperto su ciò che riguarda la montagna e la foresta e, soprattutto, su come vivevano i forestali del secolo scorso.
Di recente, per l’editore Lombardi, ha pubblicato il volume di racconti intitolato “I forestali oggi non capiscono“.
I “racconti forestali” di Amerigo Hofmann nascono da una libera rielaborazione di sue esperienze personali e dai ricordi di narrazioni sentite in casa fin da bambino sulla vita di suo padre e di suo nonno. Il mondo forestale ha accumunato tutte e tre le generazioni: il nonno entrò infatti nell’amministrazione forestale dell’Impero austro-ungarico alla fine dell’ottocento, il padre in quello della Milizia forestale agli inizi degli anni trenta del secolo scorso, Amerigo nel Corpo forestale dello Stato a metà degli anni sessanta, totalizzando così più di un secolo di vita professionale dedicata agli interessi pubblici che il bosco esprime.
Ne abbiamo discusso con l’autore. Leggi tutto…

PREMIO NONINO 2018: vincono ISMAIL KADARE e GIORGIO AGAMBEN

Sono Ismail Kadare e Giorgio Agamben i vincitori del Premio Nonino 2018

Lo scrittore albanese Ismail Kadare vince il Premio Internazionale Nonino 2018 – Giorgio Agamben vince il Premio Nonino a ‘Un Maestro del nostro Tempo’ 2018

Il Premio Nonino è un riconoscimento in ambito culturale, letterario ed enogastronomico, che ha come scopo dichiarato “la valorizzazione della civiltà contadina”. Dalla sua istituzione, nel 1975, è organizzato e gestito dalla famiglia Nonino, a Percoto, in provincia di Udine.

Di seguito, le motivazioni relative ai Premi tributati per l’anno 2018

 * * *

Premio Internazionale Nonino 2018 a Ismail Kadare

Le opere di Kadare ritradotte dall’albanese saranno pubblicate da La nave di Teseo, mentre “La bambola” è già in libreria

MOTIVAZIONE

Poeta, romanziere, autore di saggi e sceneggiatore nato in Albania. Aedo innamorato e critico del suo popolo, tra realtà storiche e leggende, che rievocano grandezze e tragedie del passato balcanico e ottomano, ha creato grandi narrazioni. Esule a Parigi dal tempo della dittatura “per non offrire i suoi servigi alla tirannide”, ha rifiutato il silenzio, che è la metà del male, immergendo spesso il suo raccontare in mondi immaginari, divenendo testimone degli orrori perpetrati dal totalitarismo e dai suoi inquisitori. Ha fatto della tolleranza religiosa uno dei cardini della sua opera.

Consegna il premio Claudio Magris Leggi tutto…

INTERLINEA vince il Premio Nazionale per la Traduzione

A Interlinea il Premio Nazionale per la Traduzione – Il riconoscimento del MIBACT per «spinta culturale e civile»

MIBACT - Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

La casa editrice di Novara, di cui esce il catalogo storico dei primi 25 anni, si aggiudica il “Premio Maggiore” del Ministero come editore italiano di opere straniere soprattutto nella collana di poesia “Lyra”. Fra gli autori più tradotti Adonis, Evtushenko, Ferlinghetti e di recente Valéry, Dumas e il siriano dissidente Bayrakdar

È dei giorni scorsi la firma del ministro Franceschini al decreto del Ministero per i beni e le attività culturali che assegna il Premio Nazionale per la Traduzione alla casa editrice italiana Interlinea, che in 25 anni di attività, testimoniata dal catalogo storico che esce in questo mese da Franco Angeli, ha tradotto e pubblicato opere straniere soprattutto nelle collane “Lyra”, di poesia, e “Nativitas”, unica collana europea dedicata alla cultura al Natale. Fra gli autori più tradotti Adonis, Evtushenko, Ferlinghetti e di recente Valéry, Dumas e il siriano dissidente Bayrakdar, premio internazionale 2017 del festival di poesia civile. Fra le motivazioni dell’assegnazione del premio alla casa editrice di Novara fondata da Roberto Cicala e Carlo Robiglio spiccano la «forte spinta culturale e civile» della casa editrice, «l’accuratezza delle traduzioni e degli apparati critici» e «la correttezza nel trattamento dei traduttori». Leggi tutto…

OMAGGIO A AHARON APPELFELD

La scorsa notte all’età di 85 anni è morto lo scrittore israeliano Aharon Appelfeld, a cui dedichiamo questo omaggio.

Di seguito, un video del 2012 (tratto da Pordenonelegge) e una biografia. Approfondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Messaggero

* * *

Aharon Appelfeld (Žadova, 16 febbraio 1932 – Israele, 3 gennaio 2018) è stato uno scrittore israeliano. Nato in Bucovina del Nord, allora in Romania, sopravvissuto all’Olocausto in cui perse la madre e i nonni, riuscì a fuggire da un campo di sterminio nazista in Transnistria (territorio allora sotto il controllo della Romania) e si unì all’Armata Rossa dove prestò servizio come cuoco. Nel 1946 emigrò in Palestina, a quel tempo sotto mandato britannico. Laureatosi all’Università di Gerusalemme in letteratura, ha poi insegnato all’Università Ben Gurion del Negev.
Nonostante abbia appreso l’ebraico tardi nella sua vita, Appelfeld è diventato uno dei più importanti scrittori israeliani. Nei suoi numerosi romanzi affronta esclusivamente, in modo diretto o indiretto, il tema della Shoah e dell’Europa prima e durante la seconda guerra mondiale.
Per le sue opere ha ricevuto numerosi premi tra cui il Premio Israele, il Premio Mèdicis in Francia e il Premio Napoli in Italia. La maggior parte dei suoi libri sono pubblicati in Italia da Guanda.

L’opera più recente è: “Il partigiano Edmond (Guanda, 2017 – traduzione di Elena Loewenthal).

Nel corso della Seconda guerra mondiale, il giovanissimo Edmond riesce a fuggire da un campo di sterminio e a raggiungere alcuni partigiani ebrei che tentano di resistere all’esercito tedesco nascondendosi nella foresta ucraina. Sotto il comando del loro leader, Kamil, questo gruppo di uomini, donne e bambini lotta contro il freddo e l’estrema miseria, organizzando agguati ai danni dell’esercito tedesco e deragliamenti di treni. Perché il loro scopo non è solo quello di sopravvivere, ma è anche, e soprattutto, quello di salvare il proprio popolo e raggiungere “la vetta”, il luogo tanto geografico quanto spirituale della loro realizzazione. Leggi tutto…

SODOMA di Pasquale Vitagliano

SODOMA di Pasquale Vitagliano (Castelvecchi) – incontro con l’autore e pubblicazione di un estratto del romanzo

 * * *

Pasquale Vitagliano è nato a Lecce nel 1965 e vive a Terlizzi (BA). Lavora nella Giustizia. Giornalista e critico letterario per riviste locali e nazionali, ha scritto per «Italialibri», «Lapoesiaelospirito», «Reb Stein», «Nazione Indiana», «Neobar», «Nuovi Argomenti», «Diva e donna». Ha pubblicato: A Sud del Sud dei Santi. Sinopsie, Immagini e forme della Puglia poetica (a cura di Michelangelo Zizzi), le raccolte poetiche Amnesie amniotiche, Il cibo senza nome, Come i corpi le cose, Habeas Corpus, 11 apostoli, poesie sul calcio. Nel 2016 è tra i segnalati del premio giornalistico «Michele Campione», promosso dall’Ordine dei Giornalisti della Puglia.

Il suo nuovo romanzo si intitola «Sodoma» ed è pubblicato da Castelvecchi.

In Sodoma si raccontano le vicende di un ospedale pugliese, dalla fine degli anni Sessanta a oggi, la sua evoluzione e il suo declino, attraverso scelte amministrative, scientifico-tecnologiche e soprattutto politiche, che lo portano ad essere negli anni Settanta-Ottanta una delle strutture più avanzate ed efficienti del Sud Italia e non solo, e a segnarne poi anche il forte ridimensionamento e la degenerazione nel malaffare, con gravi ripercussioni nel tessuto economico e sociale del territorio. La storia dell’ospedale si intreccia quella della famiglia Adessi, formata da Felicita, ostetrica del reparto più all’avanguardia dell’ospedale, suo marito Pasquale, maresciallo della Marina, che muore in un incidente stradale proprio mentre la moglie dà alla luce il loro secondo figlio. E poi c’è Eleonora, una donna fredda, anaffettiva, con grossi disturbi alimentari, una figlia adottiva che non conosce fino in fondo il suo passato: possiede una finta laurea in Ginecologia che le permette di lavorare abusivamente per sette anni, finché non sarà smascherata e denunciata.

Abbiamo incontrato l’autore per discuterne.

– Pasquale, come è nato il romanzo? Leggi tutto…

I NUOVI DATI ISTAT SULLA LETTURA

Logo istat.itL’Istat ha pubblicato i nuovi dati sulla lettura in Italia

Risultati immagini per readers

Ancora in calo i lettori, passati dal 42,0% della popolazione di 6 anni e più del 2015 al 40,5% nel 2016. Nel 2016 si rileva un lieve segnale di ripresa della produzione editoriale.

L’intero report pubblicato dall’Istat è disponibile qui

* * *

Nel 2016 oltre l’86% dei circa 1.500 editori attivi pubblica non più di 50 titoli all’anno; oltre la metà (54,8%) sono “piccoli editori”, che producono al più 10 opere in un anno, e il 31,6% sono “medi” editori, che producono in un anno da 11 a 50 opere.

I “grandi editori”, con una produzione libraria superiore alle 50 opere annue, rappresentano il 13,6% degli operatori attivi nel settore e pubblicano più di tre quarti (76,1%) dei titoli sul mercato, producendo quasi l’86% delle copie stampate.

Oltre il 50% degli editori attivi nel 2016 ha sede nel Nord del Paese; la città di Milano da sola ospita più di un quarto dei grandi marchi. Leggi tutto…