Archivio

Archive for the ‘Articoli e varie’ Category

A MALI ESTREMI di Valeria Corciolani

A mali estremi (La colf e l'ispettore Vol. 3) di [Corciolani, Valeria]A MALI ESTREMI di Valeria Corciolani (Amazon Publishing): incontro con l’autrice

Valeria Corciolani, scrittrice nata a Chiavari, dove vive, ha pubblicato diversi volumi a partire dal suo primo romanzo uscito nel 2010 per Mondadori e intitolato “Lacrime di coccodrillo”.

Nel suo nuovo romanzo, “A mali estremi”, tornano la colf e l’ispettore che hanno conquistato i lettori in “Acqua passata” e in “Non è tutto oro” (Amazon Publishing).

Abbiamo incontrato Valeria Corciolani per chiederle di raccontarci qualcosa su “A mali estremi“…

* * *

«Alma Boero e Jules Rosset, conosciuti dai lettori come “la colf e l’ispettore”, sono una coppia alquanto improbabile, lo so, eppure pare che funzioni!», ha detto Valeria Corciolani a Letteratitudine. «Credo che l’idea sia sbocciata proprio mentre pulivo casa (due figli adolescenti, un marito sempre di corsa e un felino, avete presente?) insomma, mi son trovata a pensare: in fondo, chi meglio di una colf riesce a infilarsi nelle pieghe più nascoste delle vite altrui? E così ha preso vita Alma Boero che, volente o nolente, con il suo lavoro entra in questi micro universi e scopre inevitabilmente “cose”. E poi chi c’è di più invisibile di una donna delle pulizie? Leggi tutto…

SICILIA D’AUTORE (AA. VV.)

SICILIA D’AUTORE a cura di Gabriella Kuruvilla (Morellini)

 * * *

di Alessandro Russo

Orbene, si scorge in Sicilia d’autore, (AA.VV, 2019, Morellini Editore, pp. 208,  € 15,90)  una prospettiva di scrittura davvero interessante. Un po’ come quando, con la reflex a tracollo, piuttosto che scattare fotografie frontali, il paesaggio lo si riprende dall’alto, dal basso, oppure di sbieco ma si sceglie un angolo che risalti i colori ma non riduca del tutto le ombre. D’altronde, come si legge in ogni manuale di fotografia che si rispetti, sono le angolazioni insolite a rendere le immagini più interessanti.
Le storie di Sicilia d’autore sono un ammaliante spaccato del presente dove i niuri vivono, condividono amori e non solo coi loro dirimpettai e dove prorompe la religiosità delle nonne siciliane. Allo stesso modo v’è un disvelamento del ruolo d’una giovane docente che piuttosto che insegnar al liceo preferisce farlo in una scuola media d’una borgata palermitana. Solo in questa maniera avrà ella modo di guardare uno per uno i suoi alunni, quasi si trattasse di vegliarli o guidarli, come più piacerà al lettore. Leggi tutto…

STREGA OFF 2019 a Claudia Durastanti

Lo STREGA OFF 2019 incorona Claudia Durastanti e il suo libro “La straniera” (La nave di Teseo)

Ieri, 3 luglio, alle h. 18:30, presso il Giardino di MONK, via G. Mirri 35, Roma, si è svolta l’edizione 2019 dello Strega Off. Il libro più votato è stato “La straniera” di Claudia Durastanti (La nave di Teseo)

Stasera, 4 luglio, sapremo chi vincerà il Premio Strega 2019 (diretta su Rai 3 a partire dalle h. 23). Lo speciale di Letteratitudine con la voce dei cinque finalisti è disponibile qui
Leggi tutto…

PICCIRIDDA di Catena Fiorello: dal romanzo al film di Paolo Licata

Sarà presentato in anteprima al Taormina Film Festival il film “Piciridda” tratto dall’omonimo romanzo di Catena Fiorello (pubblicato originariamente da Baldini Castoldi e riedito da Giunti)
La presentazione dell’opera si svolgerà a Taormina il 5 luglio nell’ambito della  65° edizione del Taormina Film Festival. Il film sarà proiettato, alle ore 18.00, al Palazzo dei Congressi di Taormina Sarà presente Catena Fiorello, il regista Paolo Licata (regista palermitano: Picciridda è la sua opera prima) e l’intero cast.
Le riprese del film si sono svolte tra novembre e dicembre 2018 sull’Isola di Favignana. Nel cast: Lucia Sardo, (bravissima interprete, tra l’altro, nel film “I Cento Passi” di Marco Tullio Giordana), Ileana Rigano, Katia Greco, Tania Bambaci, Loredana Marino e per la prima volta sullo schermo la bambina Marta Castiglia.
“A me scoppia il cuore dalla gioia”, ha dichiarato Catena Fiorello sulla sua pagina Facebook, “perché dopo tanti sacrifici e attese è arrivato il grande giorno, quello in cui potremo vedere Picciridda sullo schermo di un cinema. La vera magia. Io vi chiedo di venire in tanti e  di condividere con noi questo momento. (…) Picciridda lo merita. Racconta di noi e del nostro viaggio alla ricerca della dignità di un lavoro, e dell’amore che tanti bambini si videro negato in quegli anni da una società che li considerava poco. E parleranno anche le voci dei tanti emigranti che non riuscirono a farlo per mancanza di coraggio e fragilità emotiva”.
Riproponiamo, di seguito, la recensione del romanzo.

Leggi tutto…

IL VIOLINO DI DIO di Salvo Zappulla

IL VIOLINO DI DIO di Salvo Zappulla (Scritturapura)

Salvo Zappulla è nato il primo marzo 1961 a Sortino (SR) dove vive.
È critico letterario per la pagina culturale del quotidiano “La Sicilia”. Prima di Il Violino di Dio a pubblicato Lo sciopero dei pesci, vincitore del premio Prata, Il pollaio dice No!, Kafka e il mistero del processo e I ladri di sogni, finalista del premio Massimo Troisi.

Attualmente è tra i redattori di “Notabilis”. Il suo nuovo romanzo si intitola “Il violino di Dio” e lo pubblica Scritturapura edizioni. Un romanzo in cui si affrontano tante tematiche della nostra contemporaneità in una storia distopica caratterizzata dall’ironia amara e grottesca che ha contraddistinto la penna di Salvo Zappulla in altre sue precedenti opere.

Abbiamo chiesto a Salvo Zappulla di raccontarci qualcosa su questo suo nuovo libro… Leggi tutto…

STREGA OFF 2019

STREGA OFF 2019 – 3 Luglio | h. 18:30 – Giardino di MONK, via G. Mirri 35, Roma

 

Strega OFF torna per la sua terza edizione: l’appuntamento è il 3 luglio al Giardino di Monk.

Due grandi novità per questa nuova edizione: l’evento non sarà più in contemporanea con la premiazione dello Strega, bensì la sera prima. Questo in modo da poter ospitare gli autori della cinquina del Premio Strega che parteciperanno a una chiacchierata e un brindisi al sapore di Strega, per parlare di libri e letteratura nell’atmosfera rilassata e informale che contraddistingue Lo Strega Off.

Antonio Scurati, Benedetta Cibrario, Marco Missiroli, Claudia Durastanti e Nadia Terranova, i cinque finalisti del premio Strega 2019, saranno dunque all’interno del giardino del Monk, per parlare di libri e letteratura, in vista della serata finale del Premio Strega, che si terrà il 4 luglio al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (con diretta su Rai 3), e decreterà il vincitore del Premio Strega 2019.

Come da tradizione, Strega OFF si aprirà con un dibattito e il tema scelto per quest’anno è “I confini delle parole”. Helena Janeczek, Elly Schlein, Eva Giovannini, Francesca Mannocchi, Giulio Cavalli e Ingy Mubiayi, moderati da John Vignola, esploreranno le narrazioni dell’accoglienza e dell’alterità, le storie di migrazione e di approdi, ponendo al centro della discussione del dibattito una domanda quanto mai urgente: la letteratura riesce ancora a essere un porto aperto? Leggi tutto…

FIORI SENZA DESTINO di Francesca Maccani

FIORI SENZA DESTINO di Francesca Maccani (SEM)

Romanzo finalista al Premio Berto 2019

di Gabriella Grasso

Nelle periferie del mondo e in ogni angolo dimenticato della Terra possono sbocciare fiori, esistenze difficili, di stenti e solitudine, che non hanno voce e di cui sembra essersi dimenticato anche il Fato. L’arte però sa vederli, annusarne il profumo, raccontarli. E fa anche di più: osa sperare di cambiarne la condizione, denunciando.
È quello che succede al romanzo di Francesca Maccani, “Fiori senza destino” (Sem), che racconta l’esperienza di una giovane professoressa trentina, Sara, alle prese con il difficile ambiente e il sofferto vissuto degli alunni di una scuola del CEP di Palermo, un quartiere periferico del capoluogo siciliano. “Il CEP veniva vissuto dai ragazzi, dieci anni fa, quando mi trovai ad insegnare là, come un corpo estraneo al resto della città” mi racconta l’autrice.  “Loro dicevano: scendiamo a Palermo, come se quello non lo fosse, non ne facesse parte. Era una percezione di isolamento soggettiva, che però aveva anche un suo fondamento oggettivo, nelle limitate e disastrate vie di collegamento con il centro, nella realtà di un enorme quartiere ghetto dimenticato dalle istituzioni, regno della malavita e delle scelte azzardate e disperate, dalla prostituzione allo spaccio alle corse dei cavalli”. Leggi tutto…