Archivio

Archive for the ‘Incontri con gli autori’ Category

TUTTE LE SUE GRANDEZZE di Marco Vespa

TUTTE LE SUE GRANDEZZE di Marco Vespa (Il Palindromo): incontro con l’autore

Marco Vespa vive a Catania e ha pubblicato i seguenti libri: “La maniera dell’eroe” (minimum fax, 2000) e “Nata in riva al mare” (Marsilio, 2007). Ha pubblicato anche racconti e corrispondenze di viaggio. Da pochi giorni è uscito il suo nuovo romanzo. Lo pubblica il Palindromo e si intitola “Tutte le sue grandezze“.

Abbiamo incontrato Marco Vespa per chiedergli di parlarci di questo suo nuovo libro…

* * *

«Il mio progetto per la scrittura di Tutte le sue grandezze», ha raccontato Marco Vespa a Letteratitudine «si è mosso dall’osservazione di due figure centrali del nostro mondo sempre colmo di desideri in tutte le forme: Carmen e Don Giovanni. Creature di drammatiche e gioiose opere che attraversano il tempo per riapparire aggiornate negli abiti e con una spinta emotiva che si ripete, una forza vitale e distruttiva vicina. Così Marica Paradiso, la meravigliata eroina del romanzo, avrebbe riproposto una donna sensitivamente spericolata che aspira all’amore e a una pacificata esistenza attraversata dalla seduzione, e diventa demoniaca quando vede sfuggirle questi aspetti del suo immaginario. Riccardo Portoleva avrebbe incarnato un compiaciuto gaudente, un burlador di belle maniere un po’ stanco di sé e che compulsivo ripete il ruolo che la nascita gli ha inculcato. Altre presenze, che moltiplicano i dettagli di Marica e Riccardo, vengono dalla etologia degli umani; dettagli tratti dall’osservazione del ripetersi di comportamenti in una molteplicità di soggetti che danno vita a individui romanzeschi compositi, più espressivi forse dei viventi, ma che nascono dall’invenzione. Leggi tutto…

Annunci

ARTISTI IN GALERA di Roberto Manfredi

ARTISTI IN GALERA di Roberto Manfredi (Skira): incontro con l’autore

Da Chet Baker a Roman Polansky, da Vasco Rossi a Mia Martini: i più noti casi giudiziari vissuti da 25 grandi artisti del mondo della musica, dello spettacolo e del cinema. Con illustrazioni di Tom Porta.

 * * *

Roberto Manfredi ex produttore discografico, produttore e autore televisivo, documentarista, scrittore. Produttore esecutivo degli home video Mistero buffo di Dario Fo e Storie del signor G di Giorgio Gaber. Ha lavorato con Paolo Conte, Roberto Benigni, Enzo Jannacci, Gianfranco Manfredi, Nanni Ricordi, Fabrizio De Andrè, Maurizio Crozza, Piero Chiambretti, Serena Dandini, Vittorio Sgarbi e tanti altri. Per la televisione ha scritto più di trecento interviste ad artisti musicali, attori e registi cinematografici e personaggi dello spettacolo e della cultura, italiani, e internazionali.

Di recente, per Skira, Roberto Manfredi ha pubblicato un libro molto interessante e dal titolo suggestivo: “Artisti in galera“. Si tratta di un percorso attraverso le vicende giudiziarie che hanno coinvolto tantissimi artisti della musica e del cinema, icone cadute in abissi esistenziali, crimini e scandali che le hanno condotte in carcere. Per molti di loro l’esperienza carceraria è stata persino formativa, per altri devastante. Epoche e esperienze diverse, artisti diversi – da Billie Holiday a Chet Baker, Chuck Berry, Roman Polanski, James Brown, Johnny Cash, Frank Zappa, Sean Penn, Marilyn Manson, Robert Downey Jr., Vasco Rossi, Mia Martini e molti altri – in qualche modo collegati tra loro: vite percorse su un filo di lana, molte volte in opposizione allo stesso sistema che li ha eletti a icone per intere generazioni. I fatti, i dati e le testimonianze raccolte sono il risultato di lunghe ricerche iconografiche dell’autore. Il libro è corredato da 25 illustrazioni di Tom Porta (di seguito, ne pubblicheremo qualcuna).

Abbiamo chiesto a Roberto Manfredi di raccontarci qualcosa su “Artisti in galera“… Leggi tutto…

IL GIORNO IN CUI LORENZO MORÌ di Paolo Marati

IL GIORNO IN CUI LORENZO MORÌ di Paolo Marati (Ponte Sisto): incontro con l’autore

Paolo Marati, romano, è giornalista pubblicista e docente d’Italiano e di Latino presso il liceo classico Torquato Tasso di Roma. Ha pubblicato la raccolta di racconti L’assassino sedeva a tavola con noi (Aletti, 2007) e i romanzi L’intrusione delle onde anomale (Barbera, 2014, finalista al Premio letterario Chianti) e Gli indecenti (Melville, 2017). Per le edizioni Ponte Sisto ha pubblicato il suo nuovo romanzo intitolato Il giorno in cui Lorenzo morì.

Abbiamo chiesto a Paolo Marati di parlarcene…

 * * *

“Spoilerare: Brutto anglismo che negli ultimi anni ha invaso il campo della ricezione letteraria”, ha detto Paolo Marati a Letteratitudine . “Non si deve mai anticipare nulla. Come se tutti i romanzi fossero dei gialli, come se il piacere della lettura fosse da rintracciare nella rivelazione improvvisa di un fatto imprevisto. A me piace andare controcorrente – forse in maniera troppo caparbia, lo riconosco – e per questo ho deciso di adoperare un titolo-spoiler con un senso narrativo compiuto. Ma nel contempo ho tentato di creare un rapporto dialogico con il lettore perché, in ogni caso, in tutte le narrazioni, sia scritte che orali, è insito il punto di vista di chi legge o di chi ascolta. Sarebbe stato un atto solipsistico, e anche noioso, non suscitare costantemente l’interesse generale. Ed ecco che ho inserito, all’interno del macro-spoiler, una serie svariata non di veri e propri colpi di scena, ma d’imprevisti, di rivelazioni inattese, di personaggi che si dimostrano l’opposto di quello che sembrano. Credo che il lettore talvolta rimarrà di stucco. Lo vedo già puntare l’indice verso di me, agitarlo e rimproverarmi divertito: «Paolino, Paolino, ma finora mi hai preso in giro? ».

Ma andiamo oltre. Passiamo alle tre domande ricorrenti – e fatali – che sbucano a ogni uscita di un romanzo. Preveniamole tramite un’autointervista. Rispondiamo sinteticamente una volta per tutte (chiedo scusa per il plurale di modestia). Leggi tutto…

“PEZZI. Dal regno della litweb” di Ippolita Luzzo

PEZZI. Dal regno della litweb” di Ippolita Luzzo (Città del Sole Edizioni): incontro con l’autrice

 * * *

Ippolita Luzzo, laureata in filosofia con tesi su Max Stirner, L’Unico e la sua proprietà. Da giugno 2012 scrive sul blog “Ippolita La regina della Litweb” quasi un giornale di cui lei è editorialista, direttrice e cronista.
Col suo blog indaga e legge ogni momento letterario ed artistico per lei autentico interpretando in modo originale il senso del testo.
Per via della sua attività letteraria ha ricevuto diversi riconoscimenti. Di recente, per i tipi di Città del Sole, è uscito in libreria un suo volume intitolato: “Pezzi. Dal regno della litweb“.

Abbiamo incontrato Ippolita Luzzo per chiederle di parlarci della sua attività e di questo suo libro…

* * *

«”Pezzi dal regno della Litweb” nasce da un’idea di Antonella Cuzzocrea (insieme all’autrice nella foto accanto – ndr), editrice della Città del sole di Reggio Calabria», ha raccontato Ippolita Luzzo a Letteratitudine. «Ci conosciamo da tempo e lei, stimando la mia attività, questa estate mi ha proposto una raccolta. Io ho mandato a lei il 2012 per intero, lei con l’editor Letizia Cuzzola hanno deciso diversamente e Letizia ha raccolto pezzi che vanno dal 2012, giugno 2012, nascita del blog, fino al 2018 inoltrato, fino alla fatidica frase di Raffaele La Capria che è la sintesi perfetta della Litweb, una finestra sul mondo.
“Un’identità forte è una finestra sul mondo, capace di includere in sé anche le altre. Se è debole, invece, si limita a glorificare se stessa, rinchiudendosi nei confini del localismo” Una scelta che mi auguro abbia i suoi lettori.
Naturalmente è normale che nessuno o quasi conosca il mondo o il regno, per essere precisi, della Litweb, essendo un Regno nato nel 2012, per puro caso, ed essendo un regno, o mondo, nato sul web. Leggi tutto…

SONNO BIANCO di Stefano Corbetta

SONNO BIANCO di Stefano Corbetta (Hacca edizioni): incontro con l’autore

 * * *

Stefano Corbetta, nato nel 1970, vive nei dintorni di Milano e collabora con alcuni dei maggiori blog letterari e scrive sul quotidiano “Il Cittadino” di Lodi. Musicista jazz, ha suonato in numerosi Festival in Italia e in Europa. Attualmente svolge la professione di Interior designer.

Ha pubblicato: “Le coccinelle non hanno paura” (Morellini).

Il suo nuovo romanzo si intitola “Sonno bianco” e lo ha pubblicato per Hacca edizioni.

Abbiamo incontrato l’autore e gli abbiamo chiesto di parlarci di questo suo nuovo libro…

 * * *

«Mi sono ritrovato a scrivere “Sonno bianco” senza sapere che stava nascendo un romanzo», ha raccontato Stefano Corbetta a Letteratitudine. «È mia abitudine scrivere ogni giorno, anche solo due cartelle; tendo a essere metodico, se si tratta di scrittura, e a volte è successo di ritrovarmi di fronte a qualcosa di interessante, o più propriamente, come in questo caso, di perturbante.
Leggi tutto…

LA COLPA di Raffaele Mangano

LA COLPA di Raffaele Mangano (Lupetti editore): incontro con l’autore

Ci sono persone che fanno di tutto per essere ricordate, altre invece desiderano soltanto l’oblio” dice l’autore.

Il “vero” protagonista del nuovo romanzo di Raffaele Mangano, “La colpa” (Lupetti), anche se non compare mai, appartiene al secondo gruppo. Matteo Di Girolamo, affermato architetto milanese, sparisce all’improvviso senza lasciare tracce. Di lui non si hanno più notizie sino a quando, trent’anni dopo, il figlio maggiore Fabio riceve una telefonata dai Frati  Minori di Acireale che gli comunicano di avere informazioni riguardanti il padre. Seppur scettico, si reca all’incontro, durante il quale apprende fatti che lo turbano profondamente e lo obbligano a fare i conti con un passato che riteneva ormai disperso e scolorito dagli anni. Un poco alla volta Fabio è costretto a comporre un’immagine del padre del tutto diversa da quella che aveva  da bambino.

Messo di fronte a una situazione imprevista, Matteo incontra una serie di personaggi che avevano avuto a che fare col genitore. Una  di questi,  psicoterapeuta, gli  fornisce  la chiave per uscire dai suoi tormenti, spiegandogli la differenza tra passato e memoria.

Abbiamo chiesto a Raffaele Mangano di raccontarci qualcosa in più su questo suo nuovo romanzo (soprattutto con riferimento alla sua genesi)…
Leggi tutto…

NAVIGANTI DELLE TENEBRE di Carlo Mazza: incontro con l’autore

NAVIGANTI DELLE TENEBRE di Carlo Mazza (Edizioni E/Ocollezione Sabot/Age): incontriamo l’autore per discuterne

Carlo Mazza è nato a Bari nel 1956, dove ha sempre vissuto. Ha lavorato in banca per trentotto anni e tra i suoi interessi ha coltivato anche la scrittura teatrale. Con il personaggio di Antonio Bosdaves ha pubblicato per la collezione Sabot/Age i polizieschi: Lupi di fronte al mare (Edizioni E/O 2011), incentrato sulle relazioni tra politica, finanza e sanità, finalista al Festival Mediterraneo del Giallo e del Noir 2012 e tradotto in lingua spagnola dalle Ediciones Seronda; Il cromosoma dell’orchidea (Edizioni E/O 2014), imperniato sui crimini ambientali; il racconto Valetudo, inserito nell’antologia Giochi di ruolo al Maracanà (Edizioni E/O 2016).

Nel mese di maggio 2018, sempre per la collezione Sabot/Age delle Edizioni E/O, è giunto in libreria il nuovo romanzo di Carlo Mazza, che si intitola “Naviganti delle tenebre”. Una storia ambientata a Bari, che si rivela una città compiaciuta del suo torpore, con il suo cielo sfavillante che richiama quello africano e tuttavia con i suoi anfratti e i suoi nascondigli, in definitiva con la sua duplicità, che la rende il territorio ideale per ospitare la contraddizione tra lo slancio di accoglienza verso lo straniero e la volontà di respingerlo. Ne parliamo con l’autore…

 * * *

«La trama di “Naviganti delle tenebre” inizia con il rapimento di un’etiope di quarant’anni, Samira» racconta Carlo Mazza a Letteratitudine. Leggi tutto…