Archivio

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

PREMIO CAMPIELLO 2019: VINCE ANDREA TARABBIA

Andrea Tarabbia ha vinto l’edizione 2019 del Premio Campiello con il volume “Madrigale senza suono” (Bollati Boringhieri). Lo speciale di Letteratitudine è disponibile qui

Leggi tutto…

ROSELLA POSTORINO vince il Premio Jean-Monnet 2019

Ulteriore riconoscimento letterario per Rosella Postorino e il suo romanzo “Le assaggiatrici”

image

Ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine dedicata a “Le assaggiatrici” (Feltrinelli), con Rosella Postorino in conversazione con Massimo Maugeri, cliccando qui

* * *

Il romanzo di Rosella Postorino, “Le assaggiatrici” (Feltrinelli), vincitore del Premio Campiello 2018 e di tanti altri premi letterari segna un successo importante anche in Francia aggiudicandosi il prestigioso Premio Jean-Monnet nell’anno della sua 25a edizione.

In Francia, il romanzo della Postorino si intitola “La goûteuse d’Hitler” ed è pubblicato da Albin Michel (traduzione di Dominique Vittoz). Leggi tutto…

LETTERATITUDINE News

libri, fatti ed eventi segnalati speciali dal blog LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri

LetteratitudineNews: in English language, en français, en español, in Deutsch, em Português, на русском在中国(简体), 在中國(傳統)日本語でفي العربية (con il supporto di google translate)

 

Categorie:Uncategorized

PREMIO ELMO 2019

L’edizione 2019 del PREMIO ELMO si svolgerà a Rizziconi (Rg) il 6 agosto

image

È alle porte l’edizione 2019 del “Premio Elmo. Storie di ordinaria cultura”. L’associazione Piazza Dalì, prepara gli allestimenti che vedranno accendersi i riflettori sulla cittadina di Rizziconi, curando dettagli e novità che riguarderanno questa ottava edizione, che si svolgerà alle ore 21 del 6 agosto 2019.
Da sette anni, ad essere premiati con il prestigioso Elmo sono giornalisti, uomini e donne del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo e, quest’anno, emerge una prima novità: alle tre categorie tradizionali – arte, giornalismo, spettacolo – si aggiunge la sezione moda, che entrerà così nel novero di ogni nuova edizione da quest’anno in poi. Leggi tutto…

IL 23 AGOSTO, UN PIATTELLO DI SEGRETI di Gianluca Garrapa

IL 23 AGOSTO, UN PIATTELLO DI SEGRETI (Eretica) di Gianluca Garrapa: incontro con l’autore

 * * *

Gianluca Garrapa – scrittore, poeta e conduttore radiofonico – collabora con diverse riviste culturali. Ha al suo attivo varie pubblicazioni e nel suo più recente romanzo pubblicato da Eretica, il secondo di una trilogia, intitolato “Il 23 agosto. Un piattello di segreti” (da notare che “Un piattello di segreti” è la traduzione in italiano di “A Saucerful of Secrets” dei Pink Floyd), gioca in maniera particolare con sé stesso giacché nella scheda del libro leggiamo quanto segue: Gianluca Garrapa (Castello, 1975 – Barcellona, 2015) alla cui memoria è dedicato questo secondo romanzo della Trilogia degli Oggetti, e il cui nome l’autore ha deciso di adottare, è stato poeta, scrittore, performer e conduttore radiofonico.

Abbiamo incontrato Gianluca Garrapa e gli abbiamo chiesto di raccontarci qualcosa di questo suo romanzo così suggestivo e particolare… Leggi tutto…

LETTERATURE 2019: Festival Internazionale di Roma

È in corso LETTERATURE, il Festival Internazionale di Roma: dal 4 al 28 giugno 2019, storica manifestazione della Capitale a cura dell’Istituzione Biblioteche di Roma, promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale di Roma e organizzata da Zètema Progetto Cultura.

Il tema scelto per l’edizione 2019, che farà da filo rosso a tutti gli incontri, è “Il domani dei classici – Quand’è che un testo contemporaneo si dà come classico?

 * * *

L’edizione 2019 di LETTERATURE. Festival Internazionale di Roma alla Basilica di Massenziopromosso dall’ Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale e a cura delle Biblioteche di Roma continua a indagare sui paesaggi e sulle forme della letteratura, cogliendone la contemporaneità attraverso i testi dei loro autori più significativi.

La domanda alla quale quest’anno chiediamo agli autori ospiti di rispondere attraverso il testo inedito che, come tradizione, scriveranno appositamente e leggeranno nel corso delle serate del Festival, è: quand’è che un testo e quindi il suo autore viene riconosciuto come classico? Le risposte possibili sono ovviamente diverse e le ascolteremo da autori che avranno inevitabilmente differenti prospettive di analisi e differenti rapporti con la tradizione. E se, come ha scritto Italo Calvino, un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire i classici sono quei libri che ci arrivano portando su di sé la traccia delle letture che hanno preceduto la nostra e dietro di sé la traccia che hanno lasciato nella cultura o nelle culture che hanno attraversato (o più semplicemente nel linguaggio o nel costume), ecco che queste indagini contemporanee potranno offrirci una ricchezza tale da farci riflettere sull’attualità con grande libertà critica. Leggi tutto…

MAILÉN, UNA VERITÀ NASCOSTA di Lorenzo Marotta (recensione)

MAILÉN, UNA VERITÀ NASCOSTA di Lorenzo Marotta (Vertigo)

di Maria Attanasio

La citazione premessa a una scrittura – poetica, saggistica, narrativa –  non è mai casuale, insieme chiave di lettura e cifra interpretativa del pensiero dell’autore.
Ben cinque – di scrittori molto distanti tra loro – sono quelle che Lorenzo Marotta pone a epigrafe di Mailén, una verità nascosta (ed. Vertigo, 2016), per ribadire la motivazione, insieme etica ed estetica -dimensioni per lui espressivamente non scindibili- che struttura e pervade ogni pagina del romanzo; a unirle, il richiamo -forte, appassionato- a non dimenticare gli orrori della storia passata, la cui memoria deve diventare consapevolezza delle nuove generazioni, la medesima essendo, in ogni latitudine e in ogni tempo, la violenza delle dittature. E la medesima anche la sofferenza, spesso oscurata, delle vittime, sottolinea lo scrittore, individuando una  specie di filo rosso, ignorato, dimenticato, tra quelle dei forni crematori nazisti e i desaparecidos della dittatura militare in Argentina, scenario storico del suo romanzo.
Insieme snodo e raccordo di luoghi e di memorie, è  infatti Buenos Aires, restituita  nella sua esatta topografia di strade, piazze, caffè, e dei luoghi, teatro delle atrocità della dittatura militare; l’Esma in primo luogo – la Scuola di Meccanica della Marina Militare – dove tra il 1976 e il 1983 decine di migliaia di oppositori vennero sequestrati, torturati, sventrati, e infine dall’alto di un aereo gettati nel Rio de La Plata. Leggi tutto…