Archivio

Posts Tagged ‘alfio patti’

CCA SUGNU, di Alfio Patti

CCA SUGNU, di Alfio Patti
Prova d’Autore, 2012 – pag. 80 – euro 10

È in libreria “Cca sugnu” (Eccomi), edito da “Prova d’Autore”: il nuovo libro di versi di Alfio Patti (nella foto), artista poliedrico, soprannominato l’aedo dell’Etna.
Un estratto della prefazione del libro, firmata da Salvatore Di Marco, è stata pubblicata su “La poesia e lo spirito

Il volume sarà presentato a Catania, sabato 21 aprile, presso il Centro Fieristico “Le Ciminiere” (h. 18)

Di seguito, un’intervista all’autore…

Massimo Maugeri

– Alfio, parlaci di questa tua nuova silloge “Cca sugnu”. Come nasce? Qual è il “filo conduttore”?

Cca sugnu (Eccomi) chiude un’ ideale trilogia che comprende Nudi e crudi e Jennuvinennu. La prima raccolta fu pubblicata nel 2006, la seconda nel 2009 e ora questa del 2012. Intervalli di tre anni, un caso? La sua presentazione avverrà il 21 aprile, un giorno senza luna, volutamente.

Il filo conduttore è la denuncia dei mali del nostro tempo, un grido di dolore e al tempo stesso di battaglia: una sveglia alle coscienze assopite, monito e incitamento, forte e spavalda come solo la parola del poeta può essere. Niente che assomigli al disfattismo, però, perché il tutto è pervaso da una sottile speranza, quella in una nuova alleanza (Sunteleya), culminante nell’avvento di un uomo-guerriero, capace di rinnovare e di salvare, nato da una vergine.

Cito un verso del libro, scritto prima in sanscrito e poi in siciliano: “Voltes qoi iudai dedaied apoteron” – Chiddu ca torna a casa d’â guerra si po’ curcari ccu na vergini – (Colui che torna a casa dalla guerra può giacere con una vergine). In questo caso il richiamo alla vergine e quindi alla purezza, all’inviolato, può rappresentare un nuovo inizio; iniziare dall’incontaminato e insieme ad un guerriero; un uomo fatto di carne e sangue; perché dalla loro unione possa nascere un uomo nuovo che miri ad una nuova Sunteleya e alla pace.

Il “Cca sugnu” si richiama al desiderio che l’umanità oggi ha di un nuovo messia, di un nuovo profeta, di un nuovo “umanesimo”, perché l’uomo ritorni al centro del mondo e della vita.

“Cca sugnu” è anche la risposta “malandrina” di chi vuole resistere a una minaccia o a una prepotenza, ma anche la risposta bonaria a chi chiede “come si va”, e ancora l’affermazione decisa di chi non s’arrende alle traversie della vita. Leggi tutto…