Archivio

Posts Tagged ‘antonio celano articoli’

A PELLE SCOPERTA di Francesca Piovesan (recensione)

A PELLE SCOPERTA di Francesca Piovesan (Arkadia)

* * *

L’amore bianco

di Antonio Celano

Benché Francesca Piovesan sia veneta, c’è qualcosa di eracliteo nella sua raccolta di racconti A pelle scoperta (Arkadia, collana Sidekar, 2019, 128 pp.), qualcosa in continua trasmutazione: che è quello, ma che è anche non quello; un dinamismo della realtà che è stallo.
«Alle cose piccole» è, infatti, il calice programmatico che l’autrice alza in esergo al libro, ma che è già – e il lettore se ne accorge fin dalle prime pagine – la minuscola molecola che si struttura con milioni di sue simili per disegnare una realtà più grande. Ed è stato scritto che questa è una raccolta di “quadri della quotidianità”, tuttavia non distaccati, con un filo intertestuale forte, ma direi anche ossessivo, che li cuce tutti. Un filo rinterzato dai colori: il bianco su tutti – un colore/non-colore molto complesso – ma poi il rosso, l’arancio (che è oro, luce solare), il giallo, il grigio, il presagio cattivo del nero. Leggi tutto…

A BORDEAUX C’È UNA GRANDE PIAZZA APERTA di Hanne Ørstavik (recensione)

A BORDEAUX C’È UNA GRANDE PIAZZA APERTA di Hanne Ørstavik (Ponte alle Grazie, 2018, 228 pp. Trad. it. di S. Culeddu)

 * * *

di Antonio Celano

Perché parlare di Hanne Ørstavik e del suo romanzo psicologico A Bordeaux c’è una grande piazza aperta (Ponte alle Grazie, 2018, 228 pp.)? In fondo – pur conosciutissima all’estero, tanto da esser stata tradotta in ventisei lingue e aver recentemente partecipato alla finale dei National Book Awards nella Shortlist della sezione «Translated Literature» – è una scrittrice norvegese tradotta per la prima volta in Italia, per giunta senza nemmeno essere una giallista.
Perché, allora? Recita la quarta di copertina, che il libro «è un romanzo d’amore, un romanzo sul desiderio di vicinanza e di sessualità e sullo smarrimento che avviene quando l’altro non si lascia incontrare». Forse un erotico? No, soprattutto qualora si voglia inserire il termine nel filone delle Cinquanta sfumature. Semmai un erotico in senso lato, pure questo aperto, dove la sessualità, anche una volta scesa nei suoi bassifondi, è sempre narrata con luminosa naturalezza. Niente morbosità, insomma; niente nevrotiche o sordide catabasi, niente cercate perdizioni maledette e dannunziane. Solo esperienza, viaggio nel cercare un uomo in un altrove muto, dove si pensa si possa coglierlo. Capirsi. Leggi tutto…