Archivio

Posts Tagged ‘Brunella Schisa’

LA NEMICA di Brunella Schisa (recensione)

LA NEMICA di Brunella Schisa (Neri Pozza)

di Massimo Maugeri

Dopo “La scelta di Giulia” (Mondadori – qui è disponibile l’ottimo Autoracconto d’autore) Brunella Schisa torna in libreria con un romanzo storico ambientato nella Parigi del 1786: un periodo molto particolare, poiché precede di pochi anni la Rivoluzione dell’89 e la fine dell’Ancien Régime. Il romanzo si intitola “La nemica“, lo pubblica Neri Pozza e vede come protagonista una donna molto affascinante che nei suoi memoir si firmava – per l’appunto – con l’appellativo «la nemica mortale» (di Maria Antonietta). Stiamo parlando di Jeanne Valois, la contessa de la Motte.

Il romanzo apre con un prologo intitolato “Il marchio del disonore”. La data di riferimento è il 21 giugno 1786.
Il primo grido sembrò l’urlo sgraziato di un gabbiano. Marcel alzò lo sguardo e vide volteggiare uno stormo di uccelli dietro un’imbarcazione che procedeva lentamente verso il Pont Neuf. Sul molo, un esercito di scaricatori scendeva dalle barche ormeggiate con pesanti casse sulle spalle e le caricava sui carri in attesa. Accelerò il passo, lo zio lo aveva pregato di essere puntuale e non voleva indispettirlo. Il silenzio del mattino fu trafitto da una voce disumana, uno strillo roco, disperato, da ghiacciare le vene. Sarà qualche condannato sulla forca, pensò il giovane e, invece di attraversare il ponte, tornò indietro e si diresse verso il Palazzo di Giustizia, dove un flusso di gente convergeva, nonostante l’ora mattutina.”
Il Marcel in cui si imbatte il lettore, e che si ritrova a farsi largo tra la folla diretta al Palazzo di Giustizia, è un giovane giornalista alle prime armi, Marcel de la Tache. Giunto sul posto, però, rimane molto sorpreso: “Migliaia di persone circondavano un patibolo alto due metri, sopra si dibatteva una donna con le vesti stracciate. Tre sbirri e un tizio con un abito grigio con bottoni di ferro si affannavano a tenerla ferma“.
La donna in questione – la già citata Jeanne de la Motte, avventuriera con il sangue dei re Valois nelle vene  – tiene testa a quattro uomini, mentre il boia di Parigi, accanto a un braciere fumante, si appresta a infliggerle il marchio del disonore.
“La donna mordeva, tirava calci e con una forza sovrumana stracciava con i denti la giacca di una guardia che nella colluttazione aveva perduto la parrucca. Per tenerla ferma le fu assestato un colpo nei garretti e cadde in ginocchio”. (…) “Seguì una salva di oscenità. La maggior parte degli spettatori, indifferente agli sforzi dei carnefici, era ipnotizzata dalla tenacia di quella femmina al limite delle forze. Adesso era in ginocchio, quattro uomini la tenevano ferma, e quando il boia si avvicinò con il ferro incandescente, gli occhi le schizzarono fuori dalle orbite. La carne delicata sfrigolò e un vapore bluastro si levò nell’aria. Come un animale terrorizzato, sussultò, si contorse, riuscì a liberarsi dalla presa e lo strumento, diretto alla seconda spalla, calò sul seno destro. Nonostante il bavaglio, il suo ultimo ruggito forò i timpani. Qualcuno si portò il fazzoletto al naso per difendersi dall’odore di carne bruciata. La disgraziata adesso giaceva vinta, immobile”. Leggi tutto…

Annunci

BRUNELLA SCHISA ci racconta LA SCELTA DI GIULIA

Brunella SchisaBRUNELLA SCHISA ci racconta LA SCELTA DI GIULIA (Mondadori). Ieri abbiamo pubblicato le prime pagine del romanzo

di Brunella Schisa

Ho avuto molti ripensamenti durante la scrittura de La scelta di Giulia. L’argomento mi toccava direttamente. Avevo deciso di scrivere la storia, anzi le storie della mia famiglia di cui sapevo poco, soltanto pochi racconti disordinati di mia madre a cui non avevo prestato attenzione. Sapevo che la mia famiglia materna aveva fondato la sua fortuna nelle colonie ma a parte Zighinì, il cane di mio nonno dal nome orientaleggiante, il tutto mi lasciava indifferente.
Fino a quando, durante la convalescenza dopo un piccolo intervento, sono venute a farmi visita la sorella di mia madre e sua cugina. Mamma se ne è andata presto, troppo presto e loro facevano le veci della grande assente. In quel periodo scrivevo il secondo romanzo sull’omicidio della Contessa Lara, Dopo ogni abbandono. Non ricordo come si arrivò a parlare della nostra famiglia, le due visitatrici cominciarono a raccontare storie che sentivo per la prima volta. Almeno così mi sembrava. Ero allibita! Tradimenti, figli illegittimi, testamenti strappati. Un crogiolo di menzogne, passioni e amore. Dovevo assolutamente scriverne.
Avrei giocato in casa. Non più Parigi o Roma, ma Napoli, la mia città, dove ho vissuto fino alla laurea. Proprio da quel momento volevo partire. Dal giorno in cui una vecchia prozia, la sorella di mio nonno, aveva telefonato per dirmi che voleva farmi un regalo per la laurea, un anello meraviglioso, appartenuto alla mia bisnonna Giulia, dal quale da allora non mi sono più separata.
La storia sarebbe partita proprio da quell’anello che mi legava a una donna che avevo conosciuto e che ricordavo bene. Aveva vissuto 94 anni. La grande nonna di mia madre.
Ma cosa sapevo io di Giulia? Leggi tutto…

LA SCELTA DI GIULIA, di Brunella Schisa (il primo capitolo)

Pubblichiamo il primo capitolo del romanzo LA SCELTA DI GIULIA, di Brunella Schisa (Mondadori). Domani, l’autrice ci racconterà qualcosa sul suo romanzo e sulla sua genesi.

Il libro
E’ un’abbagliante mattina di luglio quando Emma, neolaureata in Lettere, riceve una telefonata inattesa: l’anziana prozia Carolina, che lei a malapena conosce, la invita a casa sua perché, dice, ha un regalo per lei. La curiosità di Emma si tramuta in stupore quando – tra le mura solenni del palazzo di via dei Mille, a Napoli, teatro di tutte le vicende della sua famiglia – la zia le affida un astuccio che contiene un anello: una meravigliosa corniola ovale con una figura incisa sostenuta da una catena liberty d’oro rosso. Un oggetto prezioso, appartenuto in origine a Giulia, la mitica bisnonna capostipite della famiglia. L’anello, la cui pietra somiglia a un cuore pulsante, sembra lanciare un richiamo al quale la nuova proprietaria non riesce a sottrarsi: abbandonato ogni progetto di vacanza estiva, Emma si dedica alla ricostruzione di una storia famigliare che si rivela coinvolgente oltre ogni sua previsione. Dalle carte rese fragili dal tempo emergono parole piene di passione, le foto ingiallite mostrano volti fieri e misteriosi, la voce di zia Carolina narra di amori e tradimenti, di guerre, speranze e sconfitte – ma a tratti si indurisce in una reticenza impenetrabile. Le vite degli uomini bellissimi e infedeli e delle donne volitive della famiglia Cortesi offrono a Emma chiavi preziose per capire se stessa; ed è sempre più chiaro che all’anello è legato un segreto bruciante…

* * *

Il primo capitolo di LA SCELTA DI GIULIA, di Brunella Schisa

1
L’anello

Era una torrida mattina di luglio quando la mia vita scartò su un binario
imprevisto. Ma non potevo saperlo mentre rispondevo al telefono.
Né il tono di zia Carolina mi aveva messa in allarme. Ripensandoci
ora, posso dire che ero stata sorpresa dalla sua cordialità.
«Cercavo proprio te, Emma. Congratulazioni!»
A tutta prima non avevo riconosciuto la voce: tentavo disperatamente
di associarla a un viso e intanto lei, per fortuna, proseguiva.
«So che ti sei fatta onore e me ne compiaccio!»
Il tono assertivo era inconfondibile.
«Grazie, zia Carolina, mi fa piacere sentirti» risposi mentendo.
Ero allibita. In ventitré anni quella donna non mi aveva mai degnata
di attenzione.
«Ho un regalo per te» continuò, rinunciando ai convenevoli. «Vieni
a prenderlo presto perché sto perdendo la testa e la memoria, potrei
dimenticarlo e cadere dalle nuvole quando verrai a reclamarlo.»
La frase non mi sembrò un vezzo: forse zia Carolina stava davvero
svampendo. Già quell’affettuosità era inconsueta. Inappropriata,
vista l’indifferenza a cui erano sempre stati improntati i nostri rapporti.
Era la zia di mia madre, la sorella di mio nonno Luigi, ma
per tutti era zia Carolina. Non c’era mai stata confidenza tra noi.
Giusto qualche visita di cortesia insieme con mamma, quando ero
bambina, andandocene da casa dei nonni, che abitavano al piano
sopra al suo nel palazzo di via dei Mille. Un rumoroso schiocco di
baci, come usa in famiglia, un fuoco di battute brusche ma affettuose,
e subito fuori.
Che volesse farmi un regalo pareva dunque bizzarro. Non ero la
prima nipote a laurearsi cum laude. Mia cugina Alessandra e mia
sorella Eleonora, pur essendolo già da un pezzo, erano state ignorate
bellamente dalla prozia.
Sempre che zia Carolina non fosse al corrente della mia poco gloriosa
carriera scolastica e volesse premiarmi per il brillante exploit
universitario. Che fossi una capra a scuola era ben noto a tutti, avendo
io manifestato il mio disinteresse allo studio fin dalle elementari.
Il contrasto con mia sorella Eleonora era evidente. L’odiosa
secchiona quando prendeva dieci meno si gettava in lacrime tra le
gonne di nostra madre chiedendole perdono. Figuriamoci. Io, da
secondogenita, avevo chiarito fin da subito che con me se lo poteva
scordare. E quando prendevo un otto, dico otto, che alle elementari
te lo gettano in faccia, mio padre ci portava a cena fuori per festeggiare.
In prima media ero stata rimandata in italiano, e questa
macchia me la sono portata dietro per anni. Non c’era volta che, a
pranzo dalla nonna Letizia, sedute alla sua bella tavola, lei non mi
chiedesse: «E quest’anno quali materie porterai a settembre?». Io
mi offendevo a morte e la nonna si divertiva a provocarmi. Era diventato
uno sketch fisso e avevamo finito col riderci insieme.
Non escludo però che sia stato per togliermi tutti quegli schiaffi
dalla faccia che ho poi deciso di farmi valere all’università. Volendo
misurarmi nello stesso campo di mia sorella, mi ero iscritta
a Lettere, con grande scorno di mio padre che già mi vedeva dottore
commercialista nel suo solido studio, a sgobbare dietro numeri
e imposte varie.
Se la prozia era davvero svampita come diceva, dovevo battere
il ferro finché era caldo. Non avevo la minima idea di cosa volesse
regalarmi, magari un prezioso libro antico illustrato, che avrei
dimenticato su uno scaffale della libreria o rivenduto a un anti-
quario. Nel dubbio, il giorno dopo inforcai la Vespa e guidai fino
a via dei Mille 91. Mi infilai nel palazzo umbertino dove mia madre
era nata, dove ancora abitavano i miei nonni e tutti i Cortesi
rimasti a Napoli.
Leggi tutto…