Archivio

Posts Tagged ‘cavallotto’

CETTI CURFINO va a Catania

CETTI CURFINO va a Catania il 25 maggio 2018

Venerdì 25 maggio: ore 17:30, Libreria Cavallotto di Corso Sicilia, 91.

Simona Lo Iacono accompagnerà “Cetti Curfino” e la presenterà al pubblico dei lettori con l’ausilio di effetti scenici. Sarà presente Massimo Maugeri

* * *

CETTI CURFINO di Massimo Maugeri (La nave di Teseo)

Un giornalista, una donna detenuta in carcere, una confessione che non può più aspettare.

Cetti Curfino è un romanzo potente sull’origine delle azioni umane e sul mistero di ogni delitto, costruito come un valzer tra due personaggi che cercano nella scrittura la propria verità.

* * *

Dalla rassegna stampa del romanzo

L’Espresso (Sabina Minardi)
Da un apprezzato testo teatrale di Maugeri, prende ora corpo nella forma piena del romanzo la figura appassionante della quarantenne Cetti, vittima e carnefice, emblema di soprusi e di resistenza, di abusi e di forza. Intorno, temi altrettanto forti: la vita in carcere, le morti bianche, la disoccupazione, la dipendenza dalle slot machine, la politica senza scrupoli, la difficile esistenza nelle periferie abbandonate di molte città. Con un linguaggio che sa affrontare con credibilità registri diversi, incluso quello imperfetto e sincero della detenuta siciliana.

La Repubblica – Palermo (Gianni Bonina)
Cetti Curfino non si fa vendetta, non avanza attenuanti, non si sottrae alla pena, ma chiede solo di essere ascoltata: perciò prima scrive un diario al commissario e poi un libro perché il mondo senta il suo grido di angoscia e di rabbia. È il suo urlo così contemporaneo che, chiudendo alla fine il libro di Maugeri, sentiamo riecheggiare. Un urlo di donna che sostituisce il viandante di Munch e si infrange contro le nostre coscienze sorde.

Vivere – La Sicilia (Domenico Trischitta)
Cetti Curfino (La nave di Teseo) di Massimo Maugeri è un romanzo travolgente, avvincente, e la sua protagonista è uno di quei personaggi che difficilmente dimenticheremo. Innanzitutto per la sua bellezza ferina, la sua fierezza e allo stesso tempo la sua fragilità; poi ci sono i quartieri popolari catanesi, la voracità e la decadenza di una città avvitata su se stessa, con tutte le sue contraddizioni e attrazioni.

Libreriamo Leggi tutto…

ANTONIO SCURATI A CATANIA – giovedì 27 marzo ore 17,30

Le Librerie Cavallotto e Naxoslegge presentano

ANTONIO SCURATI A CATANIA – giovedì 27 marzo – ore 17,30

 naxos legge

antonio-scurati-il-padre-infedele

Giovedì 27 marzo ore 17,30 – Libreria Cavallotto 

Corso Sicilia 91 – Catania

Presentazione del libro
“Il padre infedele” di Antonio Scurati (Bompiani) – Introduce Massimo Maugeri

Il libro
“Forse non mi piacciono gli uomini.” Il giorno in cui tua moglie, all’improvviso, scoppia a piangere in cucina, è una piccola apocalisse. Uno di quei giorni in cui la tua vita va in frantumi ma giunge, anche, per un attimo, a dire se stessa. E allora Glauco Revelli, chef di un ristorante blasonato, maschio di quaranta anni, padre di una figlia di tre, va alla ricerca della propria verità di uomo. Dall’ingresso nell’età adulta, l’innamoramento, la costruzione di una famiglia, la nascita e l’accudimento di una figlia, fino al disamore della moglie (che gli si nega dal momento del parto) e al ritorno feroce degli insaziabili demoni del sesso, tutto è passato in rassegna dal suo sguardo implacabile e commosso. Con Il padre infedele Antonio Scurati scrive il suo libro più personale, infiammato dal tono accorato della confessione e, al tempo stesso, il romanzo dell’educazione sentimentale di una generazione.

La puntata radiofonica con ANTONIO SCURATI, ospite di “Letteratitudine in Fm” di venerdì 29 novembre 2013

* * *

Antonio Scurati (Napoli 1969) è ricercatore alla IULM di Milano e coordina il Centro studi sui linguaggi della guerra e della violenza. Editorialista della “Stampa”, ha scritto i saggi Guerra. Narrazioni e culture nella tradizione occidentale (2003, finalista al Premio Viareggio) e Televisioni di guerra (2003). Bompiani ha pubblicato, in versione aggiornata, il suo romanzo d’esordio Il rumore sordo della battaglia (2006), i saggi La letteratura dell’inesperienza (2006), Gli anni che non stiamo vivendo (2010) e i romanzi Il sopravvissuto, con cui l’autore ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello, Una storia romantica (2007, Premio SuperMondello), Il Bambino che sognava la fine del mondo, finalista al Premio Strega 2009. Del 2011 il romanzo, uscito sempre per Bompiani, La seconda mezzanotte.

Leggi tutto…

MASSIMO CARLOTTO a Catania – 25 settembre 2013

INCONTRO CON MASSIMO CARLOTTO

Incontro con Massimo Carlotto

Mercoledì 25 settembre ore 18
Liberia Cavallotto – Viale Ionio 32, Catania

In collaborazione con il festival letterario logo naxos

autore del ciclo di romanzi

Le Vendicatrici
di Massimo Carlotto e Marco Videtta
Einaudi

Interviene Massimo Maugeri

vendicatrici-520

 
Leggi tutto…

UN PARADISO SICILIANO RITROVATO, di Roberto De Pietro

un paradiso siciliano ritrovatoUN PARADISO SICILIANO RITROVATO, di Roberto De Pietro
Cavallotto edizioni, 2013 – euro 15

dalla prefazione del libro firmata da Dacia Maraini

“Perseguire la difesa di questi luoghi dovrebbe essere un obbligo morale, giacché essi rappresentano ciò che di più importante resta del vasto sistema di zone umide di acqua dolce e salmastra che, sino allo scorso secolo, si estendeva nella Piana di Catania.
Pervenire a rigorose forme di tutela dei pantani di Lentini e di Gelsari consentirà di accrescere il loro potenziale ambientale, ma anche di recuperare, diversamente dall’oblio a cui sembrava essere stato destinato, un eccezionale paesaggio palustre, significativo testimone di una Sicilia in gran parte perduta.”
(Dacia Maraini)

* * *

da “Il Corriere della Sera” del 28 maggio 2013
Quei pantani siciliani salvati dagli ecologisti: A Lentini e Gelsari case abusive dove volavano gli uccelli migratori

di Dacia Maraini

È curioso che ancora, dopo tutti gli errori fatti e le conseguenze nefaste di questi errori, i nostri amministratori non abbiano capito che la ricchezza del Paese (quello che qualcuno chiama il petrolio italiano) sta nelle sue bellezze. E non solo bellezza estetica, ma integrità, armonia di un ecosistema funzionante, ambiente non inquinato, nonché conservazione e rivalutazione delle città antiche: chiese, palazzi, affreschi, statue, giardini, i parchi. Tutto quello per cui gli stranieri percorrono migliaia di chilometri, spendono soldi, si assoggettano a lunghe file in ore mattutine, nella speranza di vedere e gustare… Una di queste bellezze-ricchezze sono le paludi di Lentini e di Gelsari, in prossimità della foce del fiume San Leonardo, fra Carlentini e Augusta, in Sicilia; una delle rare zone ancora conservate in un territorio vandalizzato dalla speculazione a largo raggio. «I pantani di Lentini e di Gelsari», spiega Roberto De Pietro che ha scritto un bel libro sul tema, «costituiscono la zona umida con basso tirante d’acqua più vasta della Sicilia, rivestendo un’enorme importanza, a livello sovra-nazionale, ai fini della conservazione dell’avifauna migratoria». Stupende fotografie mostrano come su questi acquitrini approdino uccelli migratori rarissimi che vi trovano rifugio dopo centinaia di chilometri di volo, stanchi e affamati, per riposare e riprodursi. Con la scusa di difendersi dalle zanzare, la zona era stata a suo tempo prosciugata. Ma naturalmente, appena le idrovore hanno cominciato a funzionare, sono arrivati i costruttori di case e hanno disseminato la zona di villette e palazzine. Poi sono arrivati i coltivatori. Insomma addio palude, addio uccelli, addio piante rare, addio umidità che manteneva un clima mite nella zona. Un giorno però succede qualcosa di strano. Le idrovore si fermano. Nessuno capisce perché. Nel frattempo, miracolosamente, le acque riprendono a dilagare dolcemente, le piante rare tornano a fiorire, gli uccelli migratori riappaiono. Cosa era successo? Leggi tutto…

LEGGERE E’ NECESSARIO? Il caso della Scuola Librai Italiani – Catania, 1 marzo 2013, ore 17,30

Presentazione ULTIME NOTIZIE: FINE DEL MONDO – Catania, libreria Cavallotto – 26.2.2012

Per approfondimenti cliccare qui e qui.

ULTIME NOTIZIE - FINE DEL MONDO
Leggi tutto…