Archivio

Posts Tagged ‘editoria’

IL PRESIDENTE MATTARELLA ALLA CERIMONIA DEL 150° ANNIVERSARIO DELL’AIE

imageL’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla giornata di celebrazione per i 150 anni dell’Associazione Italiana Editori (AIE) che si è svolta all’Auditorium Parco della Musica (video e testo).

Estratti degli interventi di Ricardo Franco Levi, Gian Arturo Ferrari, Elena Cattaneo e Alessandro Baricco sono disponibili qui

 * * *

Roma, 11/09/2019

di Sergio Mattarella (Presidente della Repubblica)

 * * *

Rivolgo a tutti un saluto molto cordiale, al Ministro e agli Ambasciatori presenti e a tutti i protagonisti di questo appuntamento così significativo e importante.
Centocinquant’anni sono una lunga storia che gli editori, gli stampatori, hanno avuto la capacità di costruire insieme ai tanti autori – poeti, narratori, scienziati – a cui hanno dato la possibilità di esprimersi, di far conoscere il frutto della loro creatività e i risultati della loro scienza e dei loro studi.
La vicenda, che poc’anzi il professor Ferrari ha così brillantemente illustrato, è uno dei pilastri della storia del nostro Paese. Non è un caso che l’Associazione Librai italiani – progenitrice dell’Associazione italiana editori – sia sorta negli anni in cui si andava componendo l’unità del nostro Paese. Leggi tutto…

150 dell’AIE: Associazione Italiana Editori

In occasione della celebrazione dei 150 dell’AIE (Associazione Italiana Editori) pubblichiamo un estratto degli interventi di Ricardo Franco Levi, Gian Arturo Ferrari, Elena Cattaneo e Alessandro Baricco effettuati oggi, mercoledì 11 settembre 2019, all’Auditorium Parco della Musica, Roma.

image

L’intervento integrale (testo e video) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è disponibile qui

* * *

150 anni AIE, Levi: “Non abbiamo futuro se non mettiamo al centro l’istruzione, la conoscenza e la scuola”

https://150anni.aie.it/wp-content/uploads/2019/09/03_Ricardo-Franco-Levi.jpg“Non abbiamo futuro se non mettiamo l’istruzione, la conoscenza, il sapere al centro dell’agenda politica nazionale. Dunque: scuola, scuola, scuola. Dalle scuole materne all’università, dagli istituti di ricerca all’educazione ricorrente degli adulti”. Con queste parole il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi ha sottolineato l’assoluta priorità dell’associazione, aprendo a Roma i festeggiamenti per i 150 anni, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Un’urgenza confermata dai dati italiani nel libro bianco Sfida al futuro e dalla ricerca commissionata a un pool di ricercatori dell’Università di Bologna e del Piemonte orientale, “che – ha spiegato – conferma una volta di più il valore, anche economico, della lettura”. Leggi tutto…

PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI 2018: dati sull’editoria

L’editoria italiana prosegue la sua crescita all’estero: +36,5% negli ultimi 4 anni. Presentata l’Indagine sull’Import Export dei diritti 2018 realizzata dall’Ufficio Studi AIE

Aumenta la vendita dei diritti di libri italiani all’estero anche per i piccoli e medi editori (+7,2% nel 2018)

L’editoria italiana continua a guadagnare spazio all’estero: tra il 2014 e il 2018, infatti, i titoli venduti all’estero sono aumentati del +36,5%, mentre quelli acquistati sono calati del -10,7%. Questo trend vale anche per i piccoli e medi editori, che registrano una crescita nella vendita dei diritti (+7,2% solo nell’anno anno), ma anche nell’acquisto (+2,7%). È quanto emerge dall’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori (AIE) 2018 sull’import – export dei diritti, presentato a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della Piccola e media Editoria dell’AIE, in programma fino al 9 dicembre alla Nuvola Roma Convention Center.

L’indagine evidenzia come le case editrici italiane si muovano ormai con disinvoltura in ambito internazionale: solo nel 2018 sono stati venduti all’estero 7.883 titoli (+9% rispetto al 2017) e ne sono stati acquistati 9.358 (+0,7% rispetto al 2017).

Quali sono i generi più venduti? Bambini e ragazzi (39%) e la Narrativa di autori italiani (25,4%) sono i principali generi venduti, anche se i primi registrano un calo del 5,1% rispetto al 2017. Ad aumentare maggiormente è la Manualistica e altro che copre il 4,4% (+43,1% sul 2017).

Quali sono i risultati dei piccoli editori? Le piccole case editrici acquistano più diritti all’estero di quanti ne vendano. Si tratta sempre di valori in crescita: il 22,2% delle vendite dei diritti è coperto dalle piccole case editrici (+7,2% appunto, rispetto al 2017) mentre l’acquisto dei diritti rappresenta il 48% nel 2018 (+2,7% sul 2017).

Le coedizioni sono un altro tassello importante nel processo di internazionalizzazione dell’editoria italiana. Nel 2018 sono state 2.095 le coedizioni realizzate dagli editori italiani con gli stranieri (+86,5% rispetto al 2017). Il genere Bambini e Ragazzi domina le coedizioni con il 62,7% (era il 57,7% nel 2016), seguito dagli Illustrati che rappresentano il 19% (era il 18,5% nel 2016) e dalla Saggistica con il 15,7% (era l’11,5% nel 2016).

Dove si vende? Leggi tutto…

ETICA FESTIVAL: LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EDITORIA. Elisabetta Sgarbi in dialogo con Stefano Malosso

Nell’ambito degli eventi di ETICA FESTIVAL 2018 si svolgerà un incontro dedicato al tema LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EDITORIAElisabetta Sgarbi in dialogo con Stefano Malosso

Libertà e responsabilità nell'editoria - Etica Festival 2018

Mercoledì 14 novembre ELISABETTA SGARBI al CASTELLO DI PADERNELLO [ via Cavour, 1 – Borgo San Giacomo (Brescia)]

 * * *

Direttrice editoriale, prima per Bompiani e ora per La nave di Teseo (di cui è fondatrice e anche direttrice generale), regista di cortometraggi e lungometraggi presentati in prestigiosi Festival Cinematografici, curatrice di pubblicazioni d’arte e di mostre, Elisabetta Sgarbi è anche, da diciannove anni, ideatrice e direttore artistico, di La Milanesiana – Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro e Diritto, una delle più importanti manifestazioni culturali in Italia. La Milanesiana ha anticipato, quasi vent’anni fa, il modello dei festival multipli e diffusi. All’epoca un’avanguardia, oggi un format consolidato, fedele alla sua anima prismatica e mutante, curato con la responsabilità di una grande “organizzatrice culturale” che lascia però massima libertà agli ospiti cui chiede di proporre le proprie riflessioni intorno a temi spesso scomodi della nostra vita sociale.

Leggi tutto…

LA BUCHMESSE DI FRANCOFORTE 2018 E L’EDITORIA ITALIANA

Il libro italiano si presenta alla Fiera internazionale del Libro di Francoforte confermando la propria sostenuta proiezione internazionale. Crescita piatta sul mercato interno.

Il libro italiano cresce all’estero. Sul mercato interno, dove, pur nel quadro di una crescita sostanzialmente piatta, l’editoria si conferma come la principale industria culturale del paese, rileva la vivacità del libro per ragazzi.  Aumenta infatti – come evidenziato nel Rapporto dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sullo stato dell’editoria 2018 presentato alla Buchmesse – lo slancio dell’editoria italiana sul piano internazionale, con il peso dell’export in aumento (+6% nel 2017), con una crescente conferma della capacità di proporre e vendere diritti degli autori italiani sui mercati stranieri (+10,1% nel 2017) e di realizzare coedizioni internazionali, soprattutto nel settore bambini e dell’editoria illustrata. Risultati confermati come trend anche per il 2018. Tanto più che da anni assistiamo a un progressivo maggior peso, nel mercato domestico, dei titoli di autori italiani rispetto a quelli tradotti: è oggi da notare infatti la lenta ma costante crescita degli autori italiani sul totale delle pubblicazioni, con un 16-17% di titoli tradotti quando nel 2002/2003 erano il 23-24%.

È questa l’Italia che si presenta da oggi alla Buchmesse, il più importante appuntamento internazionale per lo scambio dei diritti, in programma fino al 14 ottobre a Francoforte. E che, proprio in apertura della cerimonia di inaugurazione, ha scelto di dedicare questa forte presenza al ricordo di Inge Feltrinelli, recentemente scomparsa.
Lo Spazio Italia – stand collettivo di oltre 500 metri quadri organizzato da AIE, Ministero dello Sviluppo economico e ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane – riunisce infatti 133 editori, più della metà dei 249 editori italiani complessivamente in Fiera. Presenti anche quattro Regioni: il Lazio con 38 espositori, il Piemonte con 33 espositori, la Sardegna (in collaborazione con l’Associazione Editori Sardi) con 7 espositori e la Regione Veneto con 20 espositori.

Leggi tutto…

RAPPORTO SULLO STATO DELL’EDITORIA IN ITALIA 2017

Pubblichiamo il Rapporto sullo stato dell’editoria in Italia 2017 presentato alla Buchmesse (a cura dell’Ufficio studi AIE)
Un consolidato 2016 e uno sguardo sul primo semestre 2017

Risultati immagini per Ricardo Franco LeviSi leva un sospiro di sollievo per il mercato ma la strada è ancora lunga – ha commentato il presidente dell’AIE, Ricardo Franco Levi -. Bisogna lavorare molto per recuperare i livelli pre-crisi. E questo vale in primis rispetto al preoccupante dato di calo della lettura (-10% lettori dalla crisi). Per questo gli editori si stanno concentrando sul tema dell’istruzione in un grande lavoro di squadra con le Istituzioni: è da lì, fin dall’infanzia e poi, progressivamente, in ogni ordine e grado, che il libro e la lettura devono diventare compagni quotidiani. Esistono, ci dicono i dati, profonde differenze in relazione alle abitudini di lettura dei genitori: leggono il 65% dei ragazzi con genitori lettori, ma solo il 27% di quelli con genitori non lettori. I genitori ovviamente sono decisivi: sarebbe importante aiutare le famiglie con la detrazione fiscale dei libri, riconoscendo così nei fatti la centralità del libro. Gli editori stanno facendo attivamente la loro parte: con il progetto #ioleggoperché, dal 21 al 29 ottobre invitiamo tutta l’Italia a lavorare in squadra per potenziare le biblioteche scolastiche. Partiamo da lì: riportare i libri nella quotidianità dei ragazzi, chiedendo alla scuola di farli diventare progetti didattici e quindi educazione al piacere dei libri e della lettura”.

 * * *

La sintesi Leggi tutto…

L’APPELLO DEI PICCOLI EDITORI

Segnaliamo L’APPELLO DEI PICCOLI EDITORI lanciato in occasione di Più libri, più liberi  2015

Un «patto civile» per i lettori: L’appello del Gruppo dei Piccoli Editori di AIE

Dopo cinque anni di mercato editoriale con il segno meno, l’emorragia si sta fermando. Ma
tutti sappiamo che nulla sarà come prima.
Ci troviamo ad operare in un mercato ristretto. Rispetto al 2010 di almeno un 25%.
Come possiamo salvaguardare la buona salute del sistema e garantire il pluralismo delle voci
e delle esigenze?
In Italia, rispetto ad altri paesi occidentali, abbiamo l’aggravante della diminuzione anche dei
lettori (coloro che hanno letto almeno 1 libro nell’ultimo anno): – 6% negli ultimi due anni.
Di fronte a questo scenario la via “difensiva” o “rivendicativa” non è più sufficiente. La fase
resistenziale è finita. Ora dobbiamo riattivare un forte attivismo civile, una maggiore
consapevolezza della situazione e nuove formule da parte dei singoli attori della filiera
editoriale, ma anche da parte dei lettori e di tutto il sistema politico e istituzionale.
Per questo, come editori piccoli e medi, in occasione della Fiera Più libri più liberi di Roma,
vogliamo lanciare questo appello. A favore di tutti i lettori.
Non presentiamo proposte, ma suggestioni e linee d’azione che facciano percepire la
direzione che suggeriamo e con cui confrontarci.

1. Ridiscutere insieme le regole, a vantaggio dei lettori: Leggi tutto…