Archivio

Posts Tagged ‘Exòrma Edizioni’

IL DANNATO CASO DEL SIGNOR EMME di Massimo Roscia: incontro con l’autore

“Il dannato caso del Signor Emme” di Massimo Roscia (Exòrma Edizioni): incontro con l’autore e un brano estratto dal libro

* * *

Massimo Roscia è nato a Roma nel 1970. Scrittore, reporter di viaggio, critico enogastronomico, insegna comunicazione, tecniche di scrittura, editing e marketing territoriale. Autore di romanzi, saggi, ricerche, guide e sceneggiature, ha esordito in narrativa nel 2006 con Uno strano morso, ma il grande successo di pubblico è̀ arrivato con il romanzo La strage dei congiuntivi (Exòrma, 2014). Ha poi pubblicato con Sperling & Kupfer Di grammatica non si muore (2016) e Peste e corna (2018). Nel 2019 ha debuttato a teatro con il suo spettacolo “Grazzie”.

Dopo il grande successo di La strage dei congiuntivi, Massimo Roscia torna in libreria con un nuovo libro pubblicato da Exòrma. Si tratta di un romanzo, colto e divertente; una storia di grande fantasia imperniata sul tema della damnatio memoriae. Si intitola: “Il dannato caso del signor Emme”

Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene…

* * *

«Come è nato “Il dannato caso del Signor Emme”? Per partenogenesi», ha detto Massimo Roscia a Letteratitudine; «la cellula-uovo letterario si è sviluppata autonomamente, senza essere stata fecondata. L’idea di scrivere un romanzo sulla damnatio memoriae mi è venuta un paio di anni fa (settecentoventiquattro giorni fa, per la precisione). A quel tempo ero – e sono tuttora – ossessionato dalla condanna della memoria, supplizio che ritengo più turpe, severo e spietato persino delle pene corporali (e ve lo dice uno che ha una soglia del dolore molto bassa, che sviene alla sola vista del sangue e che, come la quasi totalità degli uomini adulti, con una temperatura corporea prossima ai 37,2°C, piagnucola, si infila sotto le coperte e si lamenta per il febbrone da cavallo, i malanni insopportabili e la fine del mondo che verrà, amen). Leggi tutto…

CLAUDIO MORANDINI racconta NEVE, CANE, PIEDE

CLAUDIO MORANDINI racconta il suo romanzo NEVE, CANE, PIEDE (Exòrma Edizioni)

di Claudio Morandini

220È sicuramente bello costruire romanzi complessi, coltivare selve fitte di avventure, edificare cattedrali narrative gremite di particolari da dominare con il piglio dell’architetto, o almeno del geometra. Ma a volte è giusto, salutare, scrivere storie piccole, romanzi che sembrano quasi racconti, abitati da due o tre figure, non di più; aiuta a focalizzare meglio i propri obiettivi concentrarsi sull’essenziale, prosciugare, levare il superfluo, abbassare la voce. Come quando, dopo pranzi elaborati e generosi sentiamo il bisogno di un pasto semplice, pochissimi ingredienti purché buoni, cotti il meno possibile; o quando, dopo un paio di ore di sinfonie, ci viene voglia di un quartetto, anzi di un trio, in un’esecuzione senza ritornelli, così finisce prima e ci lascia con il desiderio di riascoltarla ancora. È quello che ho sentito di fare con questo libro, in cui certi temi che evidentemente mi sono cari ritornano, ma sommessamente, e l’ambizione non è quella di dire meno ma di dire ancora più cose con meno parole.

https://i0.wp.com/www.exormaedizioni.com/exorma/wp-content/uploads/2015/09/Cop_NEVE_CANE1.jpgNeve, cane, piede è nato già nel 2011, subito dopo l’uscita di Il sangue del tiranno, e in attesa delle bozze di A gran giornate; ed è cresciuto velocemente, con relativa facilità e un certo piacere, per me, come se i limiti e i vincoli imposti dall’ambientazione e dal numero ridotto di personaggi e situazioni rappresentassero un incentivo a muoversi ancora più liberamente.
C’era, all’origine di tutto, l’immagine di un piede umano che spuntava da una massa di neve: immagine misteriosa, venutami chissà come, che costringeva a porsi domande (di chi è? perché è lì? da quando è lì?); e, accanto a quel piede, un cane e un vecchio. Sarebbe potuto diventare l’avvio di un giallo o un thriller; e l’uomo avrebbe potuto anche essere un vecchio marinaio in mezzo all’oceano, o un beduino altrettanto vecchio nel deserto, invece è rimasto un montanaro scontroso e solitario, e di thriller alla fine non c’è nulla. Anzi, per sgombrare il campo da possibili equivoci, non mi serviva nient’altro attorno se non spazi deserti, sufficientemente ostili da tener lontano i curiosi, gli sfaccendati, le fonti di distrazione, le soluzioni troppo facili. Leggi tutto…