Archivio

Posts Tagged ‘Gianfranco Calligarich’

Premio Viareggio-Rèpaci 2017 a Calligarich, Carrai e Montesano

I vincitori dell’edizione 2017 del Premio Viareggio-Rèpaci sono:

Per la sezione narrativa: Gianfranco Calligarich con “La malinconia dei Crusich” (Bompiani)

Per la sezione saggistica: Giuseppe Montesano con “Lettori selvaggi” (Giunti)

Per la sezione poesia: Stefano Carrai con “La traversata del Gobi” (Aragno)

 * * *

Gli altri finalisti del Premio “Viareggio-Répaci” sono…

Per la Narrativa: Mauro Covacich, “La città interiore” (La nave di Teseo) e Donatella Di Pietrantonio, “L’Arminuta” (Einaudi).

Per la Saggistica: Francesco Paolo de Ceglia, “Il segreto di san Gennaro” (Einaudi) e Sandro Pazzi, “La donazione dimenticata. L’incredibile vicenda della Collezione Contini Bonacossi” (Mondadori Electa).

Per la Poesia: Franco Arminio, “Cedi la strada agli alberi” (Chiarelettere) e Paolo Lanaro, “Rubrica degli inverni” (Marcos y Marcos).

Il Premio Viareggio-Rèpaci, presieduto da Simona Costa, che ha compiuto 88 anni, ha dedicato uno spazio speciale ad Antonio Gramsci, con la commemorazione dei 70 anni dall’assegnazione del riconoscimento alle sue “Lettere dal carcere”.
A don Luigi Ciotti è stato conferito il Premio internazionale Viareggio-Versilia.

Di seguito, le schede dei tre libri vincitori del premio e le motivazioni della giuria.

Leggi tutto…

LA MALINCONIA DEI CRUSICH di Gianfranco Calligarich (presentazione ed estratto)

Pubblichiamo una presentazione e un estratto del romanzo LA MALINCONIA DEI CRUSICH di Gianfranco Calligarich (Bompiani)

La storia di un uomo che cerca di avere un altro sguardo sul mondo attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica, percorrendo il Sud d’Italia e poi un altro Sud, quello dell’America.

Una storia vera. Una storia di padri e figli che è insieme un’epica saga familiare e un romanzo storico del nostro tempo, narrata con una lingua lucida e travolgente.

Quella dei Crusich è la storia vera di una numerosa famiglia vissuta lungo l’intero arco del secolo scorso con due guerre mondiali, rivoluzioni, guerre civili e altri sconvolgenti avvenimenti sotto i cicli della luna a fare puntuale compagnia alla terra ruotante solitaria nell’universo. Tutti i Crusich vivono nell’ombra di una tenace malinconia, una sorta di ineluttabile preventiva nostalgia della vita che rende le loro esistenze particolarmente avventurose e intense. Ombra che spinge il capostipite a navigare per i mari nella vana ricerca di un introvabile altrove per approdare all’inizio del Novecento a Corfù, dove metterà al mondo sei figli. Li seguiremo, soli o con le famiglie, in Italia durante l’acclamata nascita del fascismo, in Africa durante la fondazione di un breve e fragile Impero, in storiche battaglie su aspre montagne abissine, in campi di concentramento per lunghe prigionie sotto il sole dei deserti egiziani.
E poi di nuovo in Italia, a Milano, durante la faticosa ricostruzione della città uscita dalle macerie del secondo Grande Massacro Mondiale, a Roma nei movimentati, futili anni della Dolce Vita, in Sudamerica in cerca di vagheggiate fortune.
Fino all’ultimo dei Crusich che si imbarcherà a sua volta per una navigazione solitaria lungo le coste della terraferma, i soli luoghi dove forse poter trovare, protetti dal mare e dalla luna, la perduta bellezza del mondo.

* * *

La luna sull’acqua, la notte, e uno sguardo di malinconia che spazia sul mondo, la nostalgia per qualcosa che forse è stato perduto o forse non si raggiungerà mai. È il bagaglio che porta con sé Luigi Crusich, partito da Trieste per approdare a Corfù dove mette al mondo sei figli. Il primogenito, Agostino, sarà destinato alla luce dell’Africa e poi alla Milano fervente della ricostruzione; toccherà al figlio Gino Crusich (scritto tutto attaccato) cercare un altro sguardo sul mondo attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica, percorrere il Sud d’Italia e poi toccare un altro Sud, quello dell’America. Infine l’eredità della malinconia toccherà a Uberto Crusich, veterinario sul Lago Maggiore.

[Leggi l’approfondimento di Angelo Guglielmi su “La Stampa”].

 

Pubblichiamo, di seguito, le prime pagine del libro. Leggi tutto…