Archivio

Posts Tagged ‘Guido Conti’

PREMIO LUSSU 2017 A GUIDO CONTI

PREMIO LUSSU 2017: premio alla carriera allo scrittore GUIDO CONTI

Immagine correlata

La cerimonia di conferimento del Premio si svolgerà domenica 8 Ottobre 2017, alle ore 19,30, presso il Parco di Monte Claro (Cagliari)

Motivazione: La Giuria della terza edizione del Premio letterario Emilio Lussu 2017 ha deciso di assegnare il premio alla carriera allo scrittore Guido Conti (Parma,1965), che non solo ha pubblicato un libro innovativo come Il grande fiume Po (Mondadori, 2012), favole per bambini e saggi importanti, ma ha anche saputo affrontare con maestria  le problematiche dell’handicap, con Il taglio della lingua (Guanda, 2000), e la realtà della vecchiaia, sospesa fra ricordi e immaginazione con Il tramonto sulla pianura (Guanda, 2005. Ma ricordiamo anche le tematiche del disagio adolescenziale in un contesto di separazione famigliare, con La palla contro il muro (Guanda, 2007) e, soprattutto, la delicatezza con cui l’Autore ha parlato dell’amore in tutti i suoi orientamenti in Le mille bocche della nostra sete (Mondadori, 2010), dove è riuscito a raccontare in maniera molto poetica l’amore fra due donne, presentandolo al lettore senza morbosità e vestendolo di una purezza infinita.

(Il Presidente della Giuria Gianni Mascia)

 * * *

Di seguito ripubblichiamo l’intervento di Guido Conti dedicato alla presentazione del volume Il grande fiume Po dal cartaceo alla versione per l’Ipad Leggi tutto…

Annunci

LIBRI DI CARTA, LIBRI DIGITALI – “Il grande fiume Po” di Guido Conti

Il grande fiume Po

VENERDI 25 gennaio ore 15,00-18,00 Presso l’Università di Parma, Polo didattico di via D’Azeglio, Aula K3, si terrà l’Incontro seminario
Scenari editoriali: il libro è morto, w il libro. Integrazioni fra ebook e carta stampata. Presentazione del volume di Guido Conti, Il grande fiume Po dal cartaceo alla versione per l’Ipad. Dettagli, a fine post.

LIBRI DI CARTA, LIBRI DIGITALI

di Guido Conti

La forma elettronica del libro apre scenari inesplorati per uno scrittore con la voglia e il desiderio di iniziare grandi avventure. Riflettere su come il mio ultimo romanzo Il grande fiume Po, edito da Mondadori e già alla terza edizione cartacea, si sia trasformato nella sua versione per l’Ipad, credo possa essere utile per capire come muoversi in questo paesaggio tutto da inventare e da creare ex novo.
Il grande fiume Po è un romanzo molto all’avanguardia. Un critico ha detto che è la vera novità del 2012 dal punto di vista della forma e dei contenuti. Un viaggio dalle fonti al delta del fiume, ricostruito come un diario che è anche raccolta di racconti, antologia di testi di scrittori che hanno scritto sul Po da Esiodo a Zavattini, da Gregorio Magno a Bassani. Ma è anche un’antologia di poesia e di poeti, da Virgilio a Dante e Petrarca, passando per il Tasso fino a Umberto Bellintani: è una raccolta di aneddoti, fiabe, racconti storici veri, tra animali immaginari e scrittori che hanno raccontato il Po come luogo infernale (vedi il mito di Fetonte) e luogo paradisiaco (Virgilio). Il Po visto come fiume europeo, cerniera tra il sud e il nord Europa dall’epoca dell’antica Grecia, per arrivare all’Unità d’Italia del 1861, ma anche viaggio nella cultura in una delle tradizioni che hanno fondato il pensiero e la cultura dell’occidente.
La forma e i contenuti di questo romanzo potevano dunque diventare qualcos’altro.
Con Sandra Furlan, Responsabile Digital Development Libri Trade della Mondadori e il suo gruppo di giovani grafici, abbiamo elaborato una nuova forma del libro per l’Ipad, con le possibilità offerte dalle nuove tecnologie, evitando le vecchie formule dei cdrom, finiti presto a fare da gadget dei giornali e poi spariti dal mercato. Una ricerca non semplice, risolta con le possibilità tecniche che offre le applicazioni della Apple.
Il grande fiume Po si può leggere nella sua versione elettronica già scaricabile per i diversi EbookReader, come Kindle o Kobo, ma quello che abbiamo elaborato per l’Ipad è una cosa completamente nuova, perché non cambia solo il supporto ma viene messa in discussione la stessa forma del libro e della sua fruizione, i contenuti.
Nella sua versione per l’Ipad Il grande fiume Po si è arricchita di oltre 100 immagini di Marzia Lodi che mi ha seguito in questo viaggio. Ci siamo trovati subito a riflettere su come utilizzare quelle immagini. Leggi tutto…