Archivio

Posts Tagged ‘keller’

LA NOSTRA CASA di Bov Bjerg (recensione e intervista)

LA NOSTRA CASA di Bov Bjerg (Keller, 2017)

Un romanzo per tante gioventù

  * * *

Successo da best seller per “La nostra casa” secondo romanzo dello scrittore tedesco Bov Bjerg. Nella versione originale, Auerhaus, in lingua tedesca ha venduto ben duecentomila copie senza contare quelle della versione olandese, coreana, ucraina, russa e italiana, qui in argomento, pubblicata alla fine del 2017 da Keller con la traduzione di Franco Filice inclusa nella Classifica delle migliori traduzioni del 2017 dal Corriere della Sera per il supplemento “La Lettura”

 * * *

di Lucia Russo

Il giovane Frieder non conosce né sa esprimere il perché di quel suo tentato suicidio con cui apre il romanzo, e l’interrogativo corre per tutto il volume legandosi strettamente al tema esistenziale nella visione virginea e dolente di chi sta per divenire adulto.
Giovane liceale prossimo alla maturità, figlio di contadini in un paesino poco lontano da Berlino, Frieder avrebbe buone risorse per assaporare la gioia di vivere anziché il malessere: intelligente, simpatico e dalle tante abilità, mente brillante, spiccato senso dell’ironia, capace di lavorare sodo e svelto in campagna a fianco del padre e, non da ultimo, di esercitare la leadership sui suoi pari.  Della vita Frieder teme più la routine che le sanzioni sociali alle trasgressioni che attua.  Per lui e compagni non c’è la passione struggente o il sentimentalismo ferito. Non come per quel Giovane Werther ricordato ai compagni dal suo professore di letteratura tedesca, Hoffmann, alla notizia che il padre ha strappato il ragazzo alla morte per un soffio, privo di sensi per una dose eccessiva di barbiturici sottratti alla madre.
Nessuno dei compagni sa perché Frieder abbia compiuto un gesto così estremo, ma alcuni ne saranno toccati, e uno per volta a cominciare da Höppner Allevapolli (che è anche la voce narrante) faranno cerchio attorno a lui per proteggerlo da un ulteriore tentativo, dopo le dimissioni dal reparto di psichiatria. Oltre ad Höppner (l’unico chiamato per cognome) saranno Cäcilia, Vera, Harry e Pauline, coprotagonisti del romanzo, a solidarizzare con Frieder per quell’impossibilità di identificarsi con la società loro contemporanea, la Germania degli anni ’80 messa dall’autore vagamente sullo sfondo della trama. È un’ambientazione molto sfumata, sia dal punto di vista geografico che temporale, perché nessun riferimento appare tra le pagine circa luoghi rappresentativi  e/o fatti storici e di cronaca. Leggi tutto…

IL MANDARINO MERAVIGLIOSO di Aslı Erdoğan (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del romanzo IL MANDARINO MERAVIGLIOSO di Aslı Erdoğan (Keller editore) – Traduzione dal turco di Giulia Ansaldo

In occasione della Giornata mondiale dello scrittore in prigione celebrata ogni 15 novembre dalla ong PEN (al fine di sensibilizzare la pubblica opinione in favore di quegli scrittori che per le loro idee sono costretti ad affrontare una ingiusta detenzione).

Arrestata tre mesi fa in Turchia, Aslı Erdoğan, scrittrice, giornalista e attivista per i diritti umani, è accusata di legami con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), considerato da Ankara “organizzazione terroristica”

La Casa del Libro Rosario Mascali di Siracusa, organizza un LIBRO VIVENTE il 14 dicembre 2016 alle h. 18. Il libro vivente sarà per l’appunto “Il mandarino meraviglioso” narrato dallo scrittore turco Gunduz Vassaf.

* * *

Titolo: “Il mandarino meraviglioso” di Aslı Erdoğan (Keller editore)
Traduzione dal turco di Giulia Ansaldo

Estratto (pp. 13-14) Leggi tutto…

MIMOSE A DICEMBRE, di Maria Rosaria Valentini

Mimose a dicembreMIMOSE A DICEMBRE, di Maria Rosaria Valentini
Keller 2013, pp. 175, 14,50 euro

recensione di Marco Ostoni

La scrittura di Maria Rosaria Valentini si attacca alla dita, come il cozonac, il dolce tipico dell’Est europeo che Adriana – la protagonista del suo romanzo – porta con sé nel viaggio verso l’Italia per addolcire a piccoli morsi il sapore amaro di un addio e tollerare la paura di affrontare, a 20 anni, un Paese sconosciuto ove cercare quel futuro che la Romania non è in grado di offrirle. Nel leggere queste pagine viene voglia di indugiare, soffermarsi, tornare indietro su singole frasi o espressioni per riassaporarne il gusto, come si fa appunto con lo zucchero che si incolla alle mani mangiando avidamente una pasta o una fetta di torta. Ogni parola è scelta con cura, dosata e manipolata dalle abili mani della 50enne scrittrice e poetessa italo-elvetica fino a formare l’impasto di un periodare rigoglioso quanto elegante. Una prosa che miscela suoni, emozioni, financo odori e colori, per ricreare sinesteticamente sulla carta la realtà dura di una giovane donna in fuga da povertà e disperazione e per la quale un oscuro e umile lavoro da badante è la sola speranza di lasciarsi alle spalle la fredda stamberga in cui la madre malata rantola i suoi ultimi anni buttata su un letto di stracci con il becchettare di quattro smagrite galline a farle da sola, alienante compagnia.
Scrive maledettamente bene Maria Rosaria Valentini (tanto da indurre un editore “esterofilo” come Keller a investire su di lei come autrice di punta del periodo natalizio), ma non è solo la scrittura a fare di Mimose a dicembre un romanzo fra i migliori usciti – a nostro avviso – nel corso del 2013. C’è la storia, ci sono i personaggi, c’è il ritmo, ci sono le emozioni, ci sono i sentimenti. C’è lo spessore della letteratura e c’è anche l’attualità di un fenomeno – quello delle badanti straniere che popolano le nostre case – sinora non adeguatamente affrontato se non da studi sociologici o per qualche fattaccio di cronaca ma che Valentini sa indagare dall’interno, attraverso le relazioni che si instaurano fra la giovanissima e sprovveduta romena e gli anziani che è chiamata ad accudire: Ippolita prima e Cornelio poi, entrambi ex insegnanti “scaricati” come pesi dalle rispettive famiglie una volta persa l’autonomia. Leggi tutto…