Archivio

Posts Tagged ‘La figlia femmina’

LA FIGLIA FEMMINA di Anna Giurickovic Dato (un estratto)

Pubblichiamo un estratto del romanzo LA FIGLIA FEMMINA di Anna Giurickovic Dato (Fazi editore, pp. 192, euro 10)

* * *

Mercoledì 15 Febbraio – alle ore 18:00 – presso la Feltrinelli Libri e Musica di Catania (via Etnea 285) a Catania, Anna Giurickovic Dato presenta “La figlia femmina” (Fazi editore). Intervengono Marina Cosentino, Rosa Maria Di Natale e Mavie Parisi

* * *

Ogni volta parlare con Giorgio era come non parlare. Possedeva una vera e propria dote nel confondere l’interlocutore con parole prive di un significato concreto, alle quali non si poteva rispondere se non con il silenzio e che, in qualche modo, facevano apparire lui nel giusto e chi gli parlava nell’errore. Questa incomunicabilità non faceva altro che alimentare il mio amore. Se è vero che in una coppia quello che bisogna condividere non è la verità ma il mistero, allora Giorgio non aveva mai rotto questo precetto. Sentivo sempre di essere io a dover recuperare.
Pensai di tornare a casa di corsa e svegliare mio marito con l’umile dolcezza di una donna che non pretende nulla in cambio, ma è solo pronta a dare. Avremmo portato Maria sulla costa, tra le bancarelle dove si prendono i pesci arrostiti, le enormi chele di granchio da spolpare, le sardine, molto più grandi di quelle dei nostri mari, fatte alla brace. Avremmo pranzato lì, sui tavolini apparecchiati con le tovagliette di carta. Le donne che riempivano d’acqua le brocche, il sole forte che trapassava i tendoni. Anche Maria, speravo, ne sarebbe stata felice. Aveva nove anni, ma mentre gli altri bambini giocavano tra le risa e le urla nel cortile della scuola, lei faceva del silenzio la sua invincibile arma. Era smagrita, imbruttita, grigia, con lo sguardo bianco e cerchiato da profonde occhiaie viola. Prendeva sonno a fatica, «non dormi?», «vado a fare pipì», «vado a bere dell’acqua», rispondeva quando la incontravo nella notte, con le palpebre semichiuse e la fronte incerta che sbatteva sui muri. La sorprendevo a lavarsi le mani col sapone più volte, strofinando forte, con eccessiva cura e minuzia. Leggi tutto…