Archivio

Posts Tagged ‘La fortuna scenica di Luigi Capuana’

LA FORTUNA SCENICA DI LUIGI CAPUANA di Maria Valeria Sanfilippo

Maria Valeria Sanfilippo,LA FORTUNA SCENICA DI LUIGI CAPUANA, Salvatore Sciascia

pp. 208, euro 20.00, prefazione di Sarah Zappulla Muscarà.

Il libro sarà presentato a Catania il 4 marzo, ore 16.30, presso il Coro di notte del Monastero dei Benedettini.
Intervengono: Rosaria Sardo e Sergio Sciacca – Coordina: Sarah Zappulla Muscarà – Legge: Agostino Zumbo

La “duplice bestia nera”. Così Luigi Capuana soleva definire il pubblico e la stampa, destinatari ultimi delle sue opere drammaturgiche. Pubblico e stampa diedero del filo da torcere al teatro del mineolo, tanto osannato quanto bistrattato. La ricezione della sua fortuna è ora contenuta nel neonato volume “La fortuna scenica di Luigi Capuana” di Maria Valeria Sanfilippo, edito per i tipi di Salvatore Sciascia, con una succosa prefazione a firma Sarah Zappulla Muscarà e in copertina un dipinto di Mario Attilio Cristaldi. Fogli di un diario collettivo, scritto a due mani, quella del critico e quella del pubblico, con tutto quello che comporta tale convivenza, a volte pacifica a volte conflittuale.

Il lavoro di ricerca della giovane italianista Maria Valeria Sanfilippo (foto in basso) traccia un puntuale, ricco, documentato itinerario della fortuna scenica del teatro in lingua e in dialetto di Capuana, costellato di successi (è il caso di commedie in dialetto quali Malìa e Lu paraninfu, molte delle quali divenute cavalli di battaglia di intere generazioni di Compagnie) ma pure di rovinosi fischi (è la sorte toccata a commedie in italiano quali Il piccolo archivio, Serena, Gastigo, Ribelli). Dal debutto di Giacinta nel 1888 al Teatro Sannazaro di Napoli a Quacquarà, andata in scena postuma alla morte dell’autore nel 1916 al Teatro Alfieri di Torino è possibile immergersi nella febbrile attività drammaturgica del Capuana. A nudo ingranaggi e dinamiche del mondo dello spettacolo coevo, gli orientamenti di una società composita espressi da ‘penne’ di primo piano (Edoardo Boutet, Annibale Gabrielli, Stanislao Manca, Gaetano Miranda, Domenico Oliva, Giulio Piccini, Eugenio Torelli e molti altri nomi illustri celati da pseudonimi). Il meticoloso e sistematico spoglio di quotidiani e riviste a cavallo fra Otto e Novecento, condotto presso le emeroteche di Archivi e Biblioteche di svariate città italiane (fra le altre Bologna, Catania, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino), unitamente al corpus di carteggi, i tanti documenti di prima mano reperiti, ci restituiscono il giudizio della critica, le reazioni del pubblico, il clima culturale dell’epoca. Si chiariscono e si completano finalmente le esigue e spesso contraddittorie indicazioni bibliografiche, le supposizioni e gli equivoci sulla fortuna scenica capuaniana reiterati sino ad oggi. Leggi tutto…