Archivio

Posts Tagged ‘La vita Felice’

PREMIO BRANCATI 2017: I VINCITORI

I vincitori della 48^ edizione del Premio letterario “Brancati”. La premiazione si svolgerà sabato sera, 30 settembre 2017, nei saloni dell’Experia Palace Hotel di Zafferana Etnea.

Nella sezione narrativa sarà insignito Mauro Covacich autore de “La città interiore (ed. La Nave di Teseo); nella saggistica il riconoscimento andrà a Pietro Bartolo e Lidia Tilotta autori di “Lacrime di sale (ed. Mondadori), un libro in cui il medico di Lampedusa – già protagonista di Fuocoammare – racconta la sua esperienza nel fronteggiare l’emergenza sbarchi. Per la sezione poesia sarà premiata Maria Attanasio con  “Blu della Cancellazione (ed. La Vita Felice). Infine, la vincitrice della sezione giovani – con grande consenso – è Giulia Caminito autrice di “La grande A (ed. Giunti).
Di seguito, dettagli sui libri. Leggi tutto…

ELENA VARVELLO racconta LA VITA FELICE

ELENA VARVELLO racconta il suo romanzo LA VITA FELICE (Einaudi)

Un estratto del romanzo è disponibile qui

elena-varvello

di Elena Varvello

Avevo nove o dieci anni ed ero una bambina solitaria, con i capelli corti, troppo alta e sempre un po’ accigliata, silenziosa. Volevo diventare una scrittrice – ricordo che credevo fermamente che avrei scritto un romanzo – e non ho fatto altro che volerlo, per buona parte della vita. Volevo diventarlo, ma non avevo idea di che significasse. Non l’ho saputo per trent’anni. È stato quando ho cominciato a scrivere La vita felice, è stato allora che ho capito. Avevo pubblicato poesie, una raccolta di racconti e due romanzi, ma è stato con Elia e con suo padre, la loro storia nell’estate del 1978, che ho smesso di volerlo diventare.

La vita feliceNon è una cosa facile spiegarvi ciò che intendo e so che può sembrare un paradosso. Potrei provare a dirvelo così: tutti vogliamo innamorarci, tutti speriamo, magari senza ammetterlo, d’imbatterci nella persona giusta. È un nostro desiderio. E quando questo accade (passato quel trambusto che segna i primi tempi), all’improvviso siamo lì, come se finalmente avessimo trovato casa, e c’è una bella differenza. Non sto dicendo che sia meglio né tantomeno che sia peggio: dico soltanto che è diverso. Ci sono un sacco di questioni che non avevi immaginato, certo, e si presentano problemi che non avevi messo in conto, ma adesso sai che è la tua vita, che sei dentro la vita, e c’è una certa quiete, c’è una bellezza nuova.

In questo senso, con Elia, ho smesso di volerlo diventare ed è arrivata quella quiete, quella bellezza nuova. Non sto parlando di successo o del sentirsi realizzati – non m’interessa, il punto non è questo. Non sto parlando neppure di talento: non ho alcuna teoria riguardo alla scrittura, come non ho teorie riguardo a quello che chiamiamo amore. Elia non ha teorie riguardo al proprio padre: non può che raccontare la sua storia. Dal mio punto di vista, ormai – è questo quello che intendevo – esistono le storie, punto e basta. Esistono soltanto le persone e quello che succede alle persone, esistono i ricordi, le paure, i sogni e le speranze. Esistono i segreti. Le cose che si dicono e quelle che si tacciono. E c’è mistero in ogni attimo, in ogni giorno che viviamo. Leggi tutto…

OGNI VOLTA CHE PRONUNCIO TE, di Salvatore Sblando

Ogni volta che pronuncio teOGNI VOLTA CHE PRONUNCIO TE, di Salvatore Sblando

La Giustizia poetica è più rapida di quella ordinaria

“Ogni volta che pronuncio te” il nuovo libro di Salvatore Sblando venerdì 28 novembre alla libreria Belgravia
 
di Gabriella Serravalle

La Giustizia poetica è più rapida di quella ordinaria. Il 28 novembre alle 18,30 si terrà nei locali della libreria Belgravia di via Vicoforte 14/d a Torino,  il processo d’appello contro Salvatore Sblando e il suo essere “poeta non perfomante”. In aula si ritroveranno Salvatore Sblando, autore imputato accusato di essere poeta non performante, Ivan Fassio, poeta, organizzatore di eventi nel ruolo del PM, Milena Prisco, avvocato, poeta e performer nei panni dell’avvocato difensore, Antonio Ciminiera poeta, nei panni del giudice. Testimoni: Fabio Cermenati, sindacalista nel ruolo di testimone dell’accusa e Paola Berzano, politico nel ruolo di testimone della difesa. Ogni volta che pronuncio te” è il suo nuovo lavoro letterario.
Uscito a fino settembre, edito dalla casa editrice “La vita Felice” di Milano, il libro conta la prefazione di Davide Rondoni.
Sblando, 43 anni, torinese non è certo agli esordi.
Con testi poetici inediti è risultato finalista in concorsi nazionali e internazionali. Sue liriche sono pubblicate in antalogie, riviste poetiche e blog letterari. Membro del comitato di lettura della casa editrice La Vita Felice organizza e partecipa a reading e manifestazioni poetiche.
Attivo nel panorama letterario torinese, è fondatore e collaboratore di alcune associazioni culturali, cura un proprio blog all’indirizzo www.larosainpiù.wordpress.com dove è solito ospitare le migliori voci del panorama poetico contemporaneo.
Il primo libro uscito nel 2009 “Due gemelli nella clessidra” edizioni Lietocolle trattava i concetti di spazio e tempo.
Ogni volta che pronuncio te” contiene 43 poesie, tante quanti sono i suoi anni.
Poesie dedicate in senso ampio all’”Altro”, al rapporto d’amore con la moglie Barbara, agli amici, alla sua generazione “che regge l’alcol ma non l’amore”.

-Sblando cosa ti ha spinto a dedicare queste tue bellissime poesie all’universo “Altri”? Leggi tutto…