Archivio

Posts Tagged ‘L’inganno di Pilato’

L’INGANNO DI PILATO di Domenico Seminerio: incontro con l’autore

“L’inganno di Pilato” di Domenico Seminerio (Algra): incontro con l’autore e un brano del libro

* * *

Domenico Seminerio ha insegnato Italiano nel liceo della sua città, Caltagirone (Ct), dove vive. Ha pubblicato alcuni saggi di argomento storico e archeologico, le raccolte poetiche Parole come chewing-gum (1982), Ghirigori e parabole (1985), Complementi d’argomento (2013) e i romanzi Senza re né regno (2004), Il cammello e la corda (2006), Il manoscritto di Shakespeare (2008), Il volo di Fifina (2011), Cinque gialli sul nero (2015) e L’autista di Al Capone (2018). Ha vinto numerosi premi letterari ed è stato finalista a “Un libro per l’estate” 2006 e al “Giuseppe Dessì”.

Il suo nuovo romanzo, pubblicato da Algra, si intitola:L’inganno di Pilato“.

“Una teoria che, se comprovata, provocherebbe un effetto domino nella civiltà occidentale”, scrive Maria Rita Pennisi, curatrice della collana Fiori Blu di Algra insieme a Orazio Caruso. “Pilato, convocato a Capri dall’imperatore Tiberio, deve lasciare l’amata moglie, Claudia Procula, per riferire sulla condanna a morte di Jeshua il nazzareno. Sull’isola, dove ogni desiderio carnale è sempre esaudito, è facile rilassarsi e farsi imbrigliare dal piacere. La bellezza delle schiave e degli schiavi, del paesaggio e del mare provocano in Pilato l’oblio. Quell’Eden, però, come ogni abbagliante bellezza, nasconde un lato oscuro e perturbante”.

Abbiamo chiesto a Domenico Seminerio di raccontarci qualcosa su questo suo nuovo libro…

 * * *

«“Come Pilato nel Credo”: è la similitudine che viene usata per chi si trova coinvolto in una situazione in cui non ha alcun ruolo o un ruolo del tutto marginale», ha detto Domenico Seminerio a Letteratitudine. «E ancora: “lavarsene le mani come Pilato”, ovvero non prendersi alcuna responsabilità in qualche faccenda, non occuparsi di ciò che, invece, potrebbe avere un altro e più positivo esito. Leggi tutto…